La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Diencefalo e Nuclei della Base. Diencefalo, Nuclei della Base e Caplsule.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Diencefalo e Nuclei della Base. Diencefalo, Nuclei della Base e Caplsule."— Transcript della presentazione:

1 Diencefalo e Nuclei della Base

2 Diencefalo, Nuclei della Base e Caplsule

3 Superficie inferiore del Diencefalo Bulbo olfattivo Fessura longitudinaleChiasma ottico Nervo ottico Tratto ottico Nervo olfattivo Lobo frontale Stria olf. mediale Sostanza perforata anteriore Stria olf. laterale Nervo oculomotore Uncus Giro paraippocampale Nervo trocleare Nervo trigemino Ponte Infundibolo Tuber cinereo Corpi mammillari Peduncoli cerebrali Fossa interpeduncolare Sostanza perforata posteriore

4 Superficie mediale del Diencefalo Rostro Colonne anteriori del fornice Giro cingolato Setto pellucido Corpo calloso Corpo del fornice Forame interventricolare Connessione intertalamica Talamo Plesso corioideo Del III ventricolo Commissura abenulare Epifisi Commissura posteriore Collicoli superiori Collicoli inferiori Acquedotto di Silvio IV ventricolo Cervelletto Plesso corioideo Del IV ventricolo Ginocchio del corpo calloso Commessura anteriore Lamina terminale Chiasma ottico infundibolo Iipofisi Cavità del III ventricolo Solco ipotalamico Corpo mammillare Nervo ottico Fossa interpeduncolare Ponte

5 Nucleo caudato

6 Superficie superiore e posteriore del Diencefalo Testa del nucleo caudato Ginocchio del corpo calloso Setto pellucido Stria midollare Lobo temporale Commissura anteriore Lobo frontale Fornice Capsula interna Cavità del III ventricolo Pulvinar del talamo Corno posteriore del ventricolo laterale Corteccia lobo occipitale Corno inferiore del ventricolo laterale Putamen del nucleo lenticolare Plesso corioideo del ventricolo laterale Connessione intertalamica Connessione posteriore Talamo Regione del nucleo abenulare Fimbria del fornice Collicoli superiori Collicoli inferiori Corpo pineale Verme del cervelletto

7 Corteccia cerebrale III ventricolo Stria midollare talamica Abenula Epifisi Collicolo superiore Collicolo inferiore Nrvo trocleare Peduncolo Cerebellare superiore Collicolo del faciale Solco limitante Peduncolo Cerebellare medio Pavimento del III ventricolo Tubercolo gracile Tubercolo cuneato Nucleo lenticolare Capsula interna Nucleo caudato Stria terminale Talamo Pulvinar Ingresso all’acquedotto Eminenza mediana Solco mediano Strie midollari Area vestibolare Triangolo ipoglosso Triangolo vagale Entrata del canale centrale Solco mediano posteriore Canale centrale

8 Corpo calloso Strato zonale Nucleo anteriore del talamo Fornice Lamina midollare interna Nucleo dorsomediale Nucleo laterale dorsale Lamina midollare esterna Nucleo ventrale anteriore Nuclei della linea mediana Connessione intertalamica Corpi mammillari Plessi corioidei Nucleo caudato III ventricolo Putamen Globo pallido Capsula interna Talamo Nucleo dorsomediale Nuclei della linea mediana Connessione intertalamica pulvinar Corpo genicolato mediale Corpo genicolato laterale Nucleo posteromediale ventrale Nucleo laterale posteriore Lamina midollare interna e nuclei Nucleo anteriore Nucleo laterale dorsale Nucleo anteriore ventrale Nucleo laterale ventrale Nucleo posterolaterale ventrale

9 Nucleo reticolare: controlla la funzione talamica Nuclei della linea mediana: Sono parte del sistema limbico e svolgono un ruolo nella memoria e nel risveglio. Nuclei intralaminari: Danno monolaterale determina “neglect talamico”, indifferenza agli impulsi controlaterali. Danno bilaterale determina apatia e perdita di motivazione. Pulvinar: afferenze dai collicoli superiori, vie visive, lemnischi spinali; collegato con le aree associative corticali. Funzioni percettive, cognitive e di memoria. Nucleo laterale posteriore e lateralo dorsale: afferenze ed efferenze alla corteccia parietale, con giro paraippocampale e del cingolo. Funzione imprecisata Nuclei mediali: afferenze dalla corteccia olfattiva, dall’amigdala e dal globo pallido; efferenze alla corteccia olfattiva, lobo frontale, aree motorie e cingolo. La loro lesione porta a riduzione dell’ansia, tensione, aggressività, e ad amnesia transitoria. (come nella lobotomia frontale) Nuclei del gruppo anteriore: afferenze ed efferenze ai corpi mammillari, alla circonvoluzione del cingolo e paraippocampale. Sono inseriti nel sistema della memoria a breve termine e dello stato di attenzione

10 Nucleo ventrale posteriore laterale e mediale: riceve afferenze dai lemnischi e dai nuclei vestibolari; trasmette efferenze suddivise per tipo di sensazione alla corteccia sensitiva. Nucleo ventrale anteriore: probabili collegamenti con cervelletto, globo pallido e corteccia parietale. Forse coinvolto nella “risposta di reclutamento” corticale. Nucleo ventrale laterale: afferenze anche dal lemnisco spinale, nuclei vestibolari e sostanza nera; efferenze alla corteccia motoria. Il suo isolamento riduce la sintomatologia del Parkinson Corpo genicolato laterale: afferenze dalle retine e dalla corteccia occipitale visiva. Invia efferenze alla corteccia visiva mediante le radiazioni ottiche. E’ percoso da fasci cortico tettali. Corpo genicolato mediale: afferenze dal collicolo inferiore mediante il braccio comunicante inferiore. Invia efferenze all’area uditiva temporale.

11 Subtalamo: si trova inferiormente al talamo ed è in stretto contatto con la sostanza nera ed il nucleo rosso

12 Zona incerta: riceve afferenze sensitive e proietta a midollo e nuclei pretettali. Funzione ignota. Sostanza bianca: è attraversato dalla estremità craniale dei lemnischi diretti al talamo; dai fasci dentato talamico e rubro talamici; dai fasci che collegano i nuclei della base al nucleo subtalamico, alla zona incerta e al talamo (campi di Forel). Nucleo subtalamico: presenta connessioni con il corpo striato ed è coinvolto con il controllo inibitorio della attività motoria corticale. (emiballismo)

13 Epitalamo: consiste nei nuclei delle abenule, nella commessura posteriore (che comprende la commessura abenulare) e la ghiandola pineale

14 Nucleo abenulare: riceve afferenze dall’amigdala (estremità nucleo caudato) mediante la stria midollare del talamo, dall’ippocampo e dal fornice anche dal lato controlaterale mediante la commissura abenulare. Si ritiene integrare afferenze somatiche, viscerali e olfattive

15 Epifisi: è costituita da pinealociti e da glia; è raggiunta da fibre adrenergiche ortosimpatiche dal nucleo cervicale superiore che percorrono il decorso dei vasi; è raggiunta da fibre ottiche provenienti dal chiasma ottico.

16 Funzioni dell’epifisi: è sede di sintesi di melatonina. La sintesi è elevata di notte e ridotta di giorno. Nell’amster controlla il ritmo circadiano e inibisce la secrezione di gonadotropine

17 Ipotalamo: si estende dal chiasma ottico (al di sopra si trova l’area preottica) al bordo posteriore dei corpi mammillari (si continua con il tegmento del mesencefalo)

18 Corpo calloso Ventricolo laterale Nucleo caudato Talamo Connessione intertalamica Putamen Globo pallido Tratto ottico III ventricolo Nucleo paraventricolare Nucleo dorsomediale Fornice Nucleo laterale Nucleo ventromediale Nucleo tuberomammillare Nucleo infundibolare

19 Nucleo paraventricolare Fornice Tratto mammillo talamico Splenio del corpo calloso Nucleo dorso mediale Corpo mammillare Nucleo posteriore Nucleo ventromediale Nucleo infundibolaree Corpo mammillare Fornice Tratto mammillo talamico Nucleo tuberomammillare Nucleo tubulare mammillare Nucleo laterale Nucleo preottico Nucleo soprachiasmatico Nucleo sopraottico Nucleo soprachiasmatico Nucleo preottico Lobo frontale Nuclei mediali Nuclei laterali

20 Nuclei mediali:Il nucleo paraventricolare è sede di produzione dell’ormone ossitocina Il nucleo preottico interviene nel controllo della sudorazione ed ha una attività inotropa negativa Il nucleo ventromediale controlla il senso di sazietà; viene inibito dalla riduzione di glucosio Il nucleo posteriore controlla l’inotropismo positivo, il tremore e la produzione di ACTH Il nucleo dorsomediale stimola la peristalsi e le secrezioni interne Il nucleo laterale è un centro della fame, stimolato dai bassi livelli di glucosio Il nucleo soprachiasmatico riceve fibre dal tratto ottico Il nucleo sopraottico è sede di produzione dell’ADH e presenta osmocettori per il controllo dell’equilibrio idrico-salino Nuclei laterali

21 Afferenze ipotalamiche

22 Efferenze ipotalamiche

23 Nucleo sopraottico Nucleo paraventricolare Arteria ipofisaria superiore Tratto ipotalamo- ipofisario Eminenza mediana Rete capillare Vena portale ipofisaria Arteria ipofisaria inferiore Sinusoidi vascolari adenoipofisi Neuroipofisi adenoipofisi Vene ai seni venosi CIRCOLAZIONE PORTALE IPOFISARIA

24 La neuro ipofisi è raggiunta dalle terminazioni di neuroni paraventricolari e sopraottici che secernono nei capillari ossitocina e vasopressina La eminenza mediana è raggiunta da terminazioni di neuroni ipotalamici secernenti fattori di rilascio e inibitori nella rete portale ipofisaria (ACTH-, FSH-, LH-, TSH-, GH-RH; MSH-, PRL-IH)


Scaricare ppt "Diencefalo e Nuclei della Base. Diencefalo, Nuclei della Base e Caplsule."

Presentazioni simili


Annunci Google