La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il percorso del malato infetto o sospetto tale nel pronto soccorso/dipartimento di emergenza - la diagnostica rapida.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il percorso del malato infetto o sospetto tale nel pronto soccorso/dipartimento di emergenza - la diagnostica rapida."— Transcript della presentazione:

1 Il percorso del malato infetto o sospetto tale nel pronto soccorso/dipartimento di emergenza - la diagnostica rapida

2 Sarebbe facile dire … è facile!!! Esiste la malattia infettiva e noi sappiamo come si manifesta E il responsabile è questo nuovo virus che per fortuna

3 Ha ammazzato solo polli e poche persone,ma come per la SARS la letalità è alta Abbiamo a disposizione rispetto alle pandemie passate farmaci e laboratori di ricerca,viviamo applicando norme igieniche,abbiamo meno rapporti,stretti, con gli animali e le campagne di informazione ci aiutano nellidentificare la nuova infezione

4 Sappiamo come difenderci e come impedire la diffusione della malattia Abbiamo a disposizione metodiche diagnostiche che ci permettono di riconoscere la causa dellinfezione

5 Abbiamo persino le camere a pressione negativa E ci sono le organizzazioni mondiali che ci avvertono e ci dicono come fare Ci sono i governi delle nazioni che entrano in preallarme e ci tutelano Facile …. Certo …. Facile È certamente facile il virus ancora non si è diffuso da uomo a uomo e quindi non cè la pandemia, al massimo posso sospettare linfezione in un soggetto a rischio esposizionale, lo chiedo a tutti …. e tutto è facile

6 Ma.. noi ci siamo? Noi dellemergenza siamo pronti? Siamo in grado di riconoscere un nuovo evento,una nuova malattia, qualcosa di diverso dal solito o anche le stesse cose che riferite ad un momento particolare possono non essere le stesse cose di sempre!

7 Il personale che lavora nel triage ha bene in testa la possibilità che una banale sintomatologia febbrile possa essere linizio di una grossa pandemia? Allora quando parleranno del caso indice indicheranno il paziente e,purtroppo,anche chi si è lasciato sfuggire la possibilità di identificarlo. banale sintomatologia febbrile

8 Sarebbe troppo facile ma non lo è. Allora noi dobbiamo sempre essere pronti, pronti a sospettare e applicare sempre le precauzioni standard e,per alcuni pazienti con sospette infezioni altamente trasmissibili, le precauzioni aggiuntive. Che riguardano la trasmissione attraverso la via aerea,tramite le goccioline e per contatto Ma per fare questo dobbiamo almeno sapere come si diffondono queste malattie

9 Precauzioni specifiche Precauzioni per via aerea pazienti affetti, o sospettati di esserlo, da malattie che si trasmettono attraverso piccole particelle,inferiori a 5 micron, anche a lunga distanza,attraverso laria Porre il paziente in camera singola con pressione negativa dellaria ;assicurare da 6 a 12 ricambi di aria per ora;tenere la porta chiusa;ove ciò non fosse possibile si può procedere alla sistemazione in coorte. Indossare protezioni respiratorie quando si entra nella stanza; limitare il trasporto dei pazienti e se obbligati far indossare loro la mascherina. Precauzioni specifiche da applicare per pazienti ricoverati o collocati in posti idonei in attesa della sistemazione definitiva

10 Precauzioni specifiche Precauzioni per malattie trasmesse da goccioline Per pazienti affetti( o sospettati di esserlo)da malattie trasmesse da grandi goccioline (oltre i 5 micron) Porre il paziente in camera singola;ove ciò non sia possibile si può ricorre alla sistemazione in coorte, assicurando la separazione spaziale di almeno 1 metro tra i pazienti ed eventualmente i visitatori. Indossare le maschere se ci si avvicina a meno di un metro dal paziente; limitare il trasporto del paziente ed eventualmente fargli usare la mascherina

11 Precauzioni specifiche Per pazienti affetti (o sospettati di esserlo) da malattie trasmesse mediante contatto diretto o contatto indiretto con oggetti dellambiente circostante Porre il paziente in camera singola;ove ciò non fosse possibile procedere alla sistemazione in coorte, indossare guanti se si entra nella stanza,rimuovere i guanti prima di lasciare la camera e lavare le mani con antisettico;usare camice pulito aggiuntivo se si è a rischio di contatto col paziente;limitare il trasporto del paziente;usare attrezzature riservate al singolo paziente. In pronto soccorso mi maschero e maschero metto i guanti e gli occhiali e il camice aggiuntivo

12 Quindi è facile,basta che io applico tutte le precauzioni riportate nelle linee guida e già non mi prendo linfezione e impedisco che altri la prendano indipendentemente dal modo in cui si trasmette la malattia e il tipo di malattia Insomma devo stare attento sempre

13 Definizione di caso di influenza aviaria nelluomo Paziente con malattia respiratoria febbrile e positività di uno o più di questi test di laboratorio -Coltura positiva -PCR positiva -IFA positiva -Aumento del titolo anticorpale di almeno 4 volte Caso di aviaria definizione

14 Mi hanno detto e ho sentito che laviaria si trasmette per via aerea,per contatto e tramite gocce di saliva. Quindi io che lavoro nel pronto soccorso mi comporto in questo modo:sto lontano dal paziente fino ad un metro e metto i guanti, sempre,indosso la mascherina speciale e la metto anche al paziente (gli dico di mettersela),così impedisco la cosiddetta trasmissione per via aerea,se proprio mi avvicino indosso anche un camice aggiuntivo (monouso)che poi butto nei rifiuti speciali… e gli occhiali? A seconda delle manovre sul paziente

15 Semplice. Ma faccio questo per tutti i pazienti che vengono in pronto soccorso? Io che sto al triage devo sapere che ci sono periodi di epidemie come quella influenzale e che nel mio turno dovrei consumare tutte le scorte di mascherine e di camici se applicassi per tutte le persone con febbre tali linee guida. Certo devo stare attento e anche in piena epidemia influenzale dovrei avvisare i pazienti(con febbre) di tenersi lontano dalle altre persone,di non tossire senza qualcosa davanti alla bocca … dovrei, insomma,separare nella sala del triage le persone con febbre e tosse da quelle senza..

16 Certo così dovrei fare. Ma io sono solo e non posso certo fare tutto. Allora metto o chiedo di posizionare nella sala del triage una locandina nella quale deve essere spiegato al paziente malato che norme igieniche applicare nella sala e a casa nei confronti dei conviventi …. faccio informazione. Ma se mi dicono o sento dai TG che sono scoppiati casi di influenza aviaria nelluomo? Cosa faccio? Il cartellone va bene.. Ma devo fare ancora altre cose.. Ma io sono solo e non posso certo fare tutto

17 Devo sapere il modo di presentarsi della malattia e in quali persone è più frequente che si manifesti. Allora chiedo a tutti quelli che hanno febbre e tosse se hanno avuto contatti con pollame, con anatre,tacchini,se hanno mangiato carne bianca poco cotta o bevuto uova o mangiato le stesse senza o poca cottura. Chiedo se in famiglia cè stato un malato con febbre e tosse e polmonite. Chiedo se ritorna da un viaggio nei paesi asiatici anche se laviaria,negli animali, si è sviluppata molto vicino casa mia. Anamnesi esposizionale

18 Se risponde positivo a queste mie poche domande applico subito le linee guida di prevenzione,avviso il medico di guardia e indirizzo il paziente in posti specifici che noi abbiamo già stabilito ai tempi della SARS In questi posti,devo chiudere le finestre o impedire che persone vi passino sotto o a fianco. Devo far chiudere laria condizionata … eseguo in questa stanza, i prelievi per il laboratorio,misuro la temperatura,la SaO2 e Infondo soluzione fisiologica …

19 Ma.. mi accorgo che ho fatto tutto io,e gli altri dove sono? Appena avuta la notizia sono scomparsi,si sono nascosti … no,sono con me al lavoro e fanno le cose che io ho descritto … Se sono in una struttura ospedaliera con reparto di malattie infettive indirizzo il paziente sospetto verso tale reparto dopo aver comunicato dellarrivo, anche se non vi sono camere a pressione negativa.

20 Ma solo adesso mi ricordo del paziente delle che ho fatto entrare nella sala senza aver applicato le precauzioni, forse ero stanco dalla notte,forse non ci avevo pensato,ma certo ho sbagliato devo stare sempre allerta sempre concentrato,in fondo è il mio lavoro.

21 Definizione di paziente sospetto di aver contratto linfluenza aviaria -Presenza di febbre superiore o uguale a 38°C ad insorgenza acuta associata a tosse e/o dolore alla gola più uno dei seguenti: - storia di contatto con polli morti o malati entro 7 giorni dallinizio della malattia - storia di contatto con pazienti con polmonite entro 10 giorni dallinizio dei sintomi - essere stati in un villaggio con polli morti o malati entro 14 giorni dallinizio della malattia E solo adesso mi ritorna alla mente la definizione di caso sospetto

22 E il medico o i medici dove sono e cosa hanno fatto e cosa fanno per cercare di diagnosticare la malattia e cercare di impedirne la diffusione. Lo avevamo lasciato che perso il suo bagaglio di sapienza era alla ricerca della mascherina,tutto sudato … e questo per colpa del triagista che era impreparato.. (rischio dinfarto)

23

24 Sistemata la situazione,trovata la mascherina, indossati i guanti e il camice monouso,è pronto alla visita … si perché il paziente bisogna anche visitarlo. Confermo lanamnesi ed eseguo la visita. Ricordiamoci che il paziente doveva già essere collocato nel posto più idoneo. Sento qualcosa al polmone e ho bisogno della radiografia,che faccio? Lo mando in radiologia?

25 Certamente no. Avviso che vengano ad eseguire la radiografia con il portatile,si intende che comunico il mio dubbio diagnostico. Se il paziente è in situazione di grave difficoltà respiratoria,per fortuna non è il caso del mio paziente, dovrei chiamare il rianimatore o avvisarlo che preparasse il posto idoneo per lui … diventa un problema,vero. Che faccio se mi dicono che non ci sono posti specifici? Il paziente deve essere trattato e lo facciamo nel posto dove stiamo,con tutte le dovute precauzioni. Attiviamo il 118 per la ricerca del posto idoneo oppure possiamo inviare il paziente,sempre tramite il 118,presso le malattie infettive di Latina.. Manovre come la ventilazione non invasiva, lintubazione endotracheale e laspirazione possono facilitare la formazione e diffusione dei droplets

26 Mi ricordo dallepoca non tanto lontano della SARS che Latina era un centro di riferimento,avevano tutto e raccontavano,i giornali,che avevano curato casi di SARS. Ecco il posto per il mio paziente, anche quello senza grossa difficoltà respiratoria. Se dovesse scoppiare linfluenza aviaria sicuramente verranno redatti protocolli e ci faranno sapere come comportarci

27 Per il trasporto sicuramente il 118 avrà le sue linee guida,il tipo di ambulanza da utilizzare,come deve essere il ricambio daria e il tipo di vestiario utilizzato. Sapranno come fare per non far venire a contatto il paziente con altre persone,quindi lo condurranno direttamente nel reparto di malattie infettive saltando laccettazione e questo anche per pazienti sospetti presi al proprio domicilio dal servizio di emergenza.. Questo per pochi casi sospetti,ma se viene la pandemia?

28 E necessario comportasi in modo opposto. Tutelare il paziente non sospetto e agire su quelli sospetti che possono anzi devono essere collocati non certo più in stanze singole,ce ne vorrebbero molte. Al contrario bisogna ricercare percorsi diversi,per accedere ai servizi, per i pazienti non sospetti.

29 Paziente con sintomatologia respiratoria e febbre Pronto soccorso Area triage infermiere Che chiede Informazioni sulla sintomatologia e notizie epidemiologiche se la situazione epidemiologica del momento Ci fa considerare la possibilità che tale paziente possa aver contratto laviaria Linfermiere metterà i guanti gli occhiali,la mascherina N 95 (FFP2), il sovracamice e la cuffia..se non già fatto Allo stesso tempo disporrà affinchè il paziente indossi la mascherina chirurgica..o la FFP2 Provvederà per lallontanamento del paziente dallarea Triage ? QUINDI Si ma dove

30 ? Dovrebbero esserci stanze depressurizzate Non ne abbiamo in pronto soccorso Quali stanze utilizzare? Formia In malattie infettive Gaeta Sala operatoria del ps Terracina Fondi Minturno Saletta del POCT

31 Paziente nella stanza Fare chiudere laria condizionata Aprire le finestre ogni tanto Valutare i segni vitali Prelievo ematico Non entrare nella stanza senza i DPI Emocromo completo con piastrine, Transaminasi E tutti gli esami ritenuti necessari temperatura, FC FR PA SaO2 Esame clinico Radiografia torace Dove e come? Presenza nella stanza di tutti i presidi necessari allassistenza del paziente

32 Radiografia Altre indagini diagnostiche a seconda del caso nel posto e nel modo più idoneo Preferibilmente nella stanza E se non possibile Creare un percorso,libero, per raggiungere la sede dellindagine

33 Il nostro medico nel dubbio può eseguire degli accertamenti rapidi che possono,in persone non vaccinate per linfluenza indirizzarci,in caso di positività,verso la diagnosi. Test immunologici rapidi su tampone naso-faringeo Ci dicono che il paziente ha linfluenza umana ma non ci escludono che abbia laviaria Il nostro medico vuoi che sia nella medicheria assieme al paziente per colpa del triagista o che sia nelle stanze, diciamo, idonee..

34 Lemocromo già ci indirizza verso una malattia virale e levidenza di leucopenia con linfopenia e piastrinopenia può indicarci la prognosi del paziente Presenza di febbre superiore o uguale a 38°C ad insorgenza acuta associata a tosse e/o dolore alla gola più uno dei seguenti: - storia di contatto con polli morti o malati entro 7 giorni dallinizio della malattia - storia di contatto con pazienti con polmonite entro 10 giorni dallinizio dei sintomi - essere stati in un villaggio con polli morti o malati entro 14 giorni dallinizio della malattia Importante è

35 I test specifici per la ricerca del virus dellaviaria sono indicati se entrambe le condizioni sono presenti: 1 ) polmonite identificata radiologicamente, presenza di ARDS o altra severa malattia respiratoria senza causa identificata 2) Storia di viaggi entro 10 giorni dallinizio dei sintomi in zone con documentata infezione aviaria nei polli e negli uomini

36 Devo farlo anche per storia esposizionale associata a sintomatologia febbrile come precedentemente detto

37 I pazienti positivi al test devono essere sotto controllo fino a 7 giorni dalla scomparsa della febbre, per le persone sopra i 12 anni, e fino a 21 giorni dallinizio della malattia per quelli con meno di 12 anni.

38 Il compito del triagista è quindi quello di saper individuare il paziente sospetto in base alla storia anamnestica prima descritta(tutta la sorte dellospedale dipende dal nostro triagista) e agire di conseguenza.

39 Il resto del personale deve essere preparato nellassistenza del malato,deve saper tutelare se stesso e gli altri.

40 Il medico deve saper sospettare e applicare le indagini diagnostiche e la terapia più opportuna,cercando di limitare il contatto del malato con altri pazienti

41 Deve sapere se iniziare successivamente una profilassi con Tamiflu (compito essenzialmente del presidio territoriale di igiene e profilassi) e deve saper indirizzare il paziente nel posto più idoneo (compito del medico del pronto soccorso). Il compito finisce con la denuncia obbligatoria

42 LANOTIFICALANOTIFICA IL MEDICO CHE EFFETTUA LA DIAGNOSI DEVE SEGNALARE IL CASO ALLASL COMPETENTE PER TERRITORIO CON MEZZI RAPIDI (TELEFONO,FAX,POSTA ELETTRONICA ) Con apposito modello Tutti i pazienti che in sala di attesa possono essere stati a contatto con il paziente con sospetta/probabile aviaria devono essere considerati come contatti ed assegnati al servizio igiene

43 Obbligo di denuncia delle Malattie infettive Il medico che nellesercizio della sua professione venga a conoscenza di un caso di malattia infettiva accertata o sospetta,pericolosa per la salute pubblica,deve comunque denunciarla allautorità Sanitaria competente.

44 Sullaviaria non si hanno grosse notizie in fondo i casi sono pochi. Noi dovremmo essere sempre aggiornati sulla presenza di nuove malattie per essere pronti alla frontiera e applicando poche ed essenziali norme igieniche associate ad unaccurata indagine anamnestica possiamo fare molto per noi e per gli altri.

45 E Nellattesa Di Un Nuovo Virus


Scaricare ppt "Il percorso del malato infetto o sospetto tale nel pronto soccorso/dipartimento di emergenza - la diagnostica rapida."

Presentazioni simili


Annunci Google