La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comunicare la scienza attraverso mostre didattico-scientifiche Mario Gargantini direttore di emmeciquadro quadrimestrale di Scienza, Educazione e Didattica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comunicare la scienza attraverso mostre didattico-scientifiche Mario Gargantini direttore di emmeciquadro quadrimestrale di Scienza, Educazione e Didattica."— Transcript della presentazione:

1 Comunicare la scienza attraverso mostre didattico-scientifiche Mario Gargantini direttore di emmeciquadro quadrimestrale di Scienza, Educazione e Didattica EURESIS Associazione per la promozione e lo sviluppo della cultura scientifica

2 Non riusciamo a spiegare e far sentire in che modo la comprensione dei fenomeni naturali può aiutarci a perfezionare il nostro essere persone … In un'epoca di impressionanti progressi scientifici, non siamo riusciti a comunicare alla collettività il significato e la bellezza della nostra scienza Murray Gell Mann, 1971 Comunicare …

3 Perché la comunicazione sia efficace ci vuole un terreno comune Problema di linguaggio … ma non solo Risonanza bisogna far scattare una risonanza aspirazioni domande curiosità immaginario linguaggio … Ci vuole una piattaforma almeno in parte condivisa

4 Che cosa attrae il grande pubblico? Quando cè risonanza?

5 Esperienza terreno comune è lesperienza del rapporto con la realtà le domande che tale rapporto suscita, la mobilitazione della persona che vuol trovare il nesso tra sé e quella realtà In qualche strano modo, qualsiasi fatto scoprii o qualsiasi percezione nuova ebbi non mi parve mai una mia «scoperta», bensì piuttosto qualcosa che esisteva da sempre e in cui ebbi solo la fortuna di imbattermi Subramanyan Chandrasekhar

6 Il grande pubblico è attratto da la genesi della conoscenza scientifica (quindi le sue motivazioni e i suoi metodi) le risposte ai problemi specifici e il loro riferimento alle grandi domande delluomo la possibilità di connettere più punti di vista i protagonisti e la storia delle scoperte (quindi lesperienza del fare scienza)

7 1997 Imago Mundi - La rappresentazione del cosmo nei secoli 1998 Pronti, partenza, vita! - Documenti e ipotesi sulla comparsa della vita sulla Terra e la corrente fu … - Duecento anni dalla pila di Volta 2000 Da Democrito ai quark - Le grandi intuizioni della fisica Galileo, mito e realtà 2001 Una Terra per luomo - I tratti eccezionali del nostro piccolo pianeta 2002 Lalba delluomo 2003 Alle colonne dErcole – Navigando ai confini dellimpresa scientifica Cercatori della verità – Momenti del dialogo tra la Chiesa e gli scienziati 2004 Einstein 1905, il genio allopera Alle fonti dellenergia – Dalla natura risorse per il cammino delluomo 2005 Sulle spalle dei giganti – Luoghi e maestri della scienza nel Medioevo europeo 12 Mostre

8 Gli estremi del mondo in tutte le direzioni piccolo freddo vuoto grande caldo denso Alle colonne dErcole Navigando ai confini dellimpresa scientifica

9 lefficacia della comunicazione prima che nella scelta di strumenti e modalità operative sta nella costituzione di un soggetto che ha chiaro cosa comunicare - costituzione team - lavoro comune di approfondimento - valorizzazione delle competenze Il soggetto-autore AstrofisicaGeofisica Scienza materialiBiochimica TermodinamicaFisica del plasma Fisica delle particelleStoria e filosofia scienza

10 non, riduttivamente, un set di conoscenze specialistiche ma uno sguardo sulla realtà specifico ma aperto Scelta dei contenuti: cosa comunicare? qualunque tema potrebbe andar bene si tratta di articolare un percorso definito ma con delle aperture, dei punti di fuga per coniugare risposte particolari con domande generali

11 Macro-micro quali i limiti dellosservabile? e perché? Vuoto come mai luomo è attratto da ciò che cè più che da ciò che non cè? Vita ci sono limiti alle dimensioni raggiungibili dagli organismi viventi? BIG BANG QUI E ORA Quark m10 20 m 1 m Galassie

12 Qui Marte Qui Terra Pressoché ogni cosa che vediamo sulla Terra è unautentica rarità cosmica

13 non somma o accostamento di discipline ma risposta alle comuni domande da più punti di vista esaltando i singoli contributi disciplinari nel costruire un quadro unitario Interdisciplinarità

14 La posizione della Terra nel sistema solare e nella Galassia Latmosfera terrestre Il ciclo dellacqua La struttura geologica e la tettonica a placche Il campo magnetico La chimica della complessità Il ruolo cruciale della Luna Vulcani Montagne Rocce I tratti eccezionali del nostro piccolo pianeta UNA TERRA PER LUOMO

15 Taglio narrativo = far partecipare il visitatore allavventura della scoperta Modalità espositiva Esperienza visuale una mostra non è un museo, fruizione è in gruppi … quindi laccento è sulla visualizzazione Nella mia esperienza, la scienza è unimpresa appassionata. Basti pensare a Leonardo da Vinci che, da osservatore scientifico meticoloso, contempla con appassionata meraviglia il feto nel grembo materno. Ciò che ha visto ed espresso nei suoi disegni anatomici non è soltanto una catalogazione di elementi ma ununità di forme, una sinfonia di sfere. … Ci vuole coraggio per essere un innovatore, sia nellarte che nella scienza. Entrambe le discipline – entrambi i mezzi di conoscenza – esigono che si esca dal letargo e si guardi il mondo come se fosse la prima volta John Polanyi, Nobel Chimica 1986

16 Interattività non fine a se stessa (illusione di aver capito perché si è toccato … hands-on) ma dove il contenuto lo richiede Es. un esperimento cruciale … Modalità espositiva Exhibit modelli, simulazioni non solo come mezzi comunicativi ma legati al contenuto conoscitivo, al messaggio complessivo

17 comunicazione mediata funzione visite guidate I goal della comunicazione: personalizzazione ri-allestimento non solo distribuzione di un pacchetto ma possibilità di suscitare altri soggettivi-autore che assumono il lavoro come proprio e lo ri-propongono creativamente Modalità di fruizione

18 non che tanti sanno più cose ma che qualcuno scopre qualcosa di interessante, trova gusto nellentrare in dialogo comunicativo con chi fa scienza I goal della comunicazione Es. studenti che diventano guide …. Es. valorizzazione risorse locali per arricchire lesposizione (laboratori, collezioni, software…)

19 I numeri Risultati Le ricadute - scolastiche Idee per unità didattiche Idee per programmazione attività di approfondimento con studenti - sulla ricerca incremento lavori interdisciplinari Visitatori 1 a settimana6.000 ÷ Esposizioni itineranti/anno5 ÷ 15 Cataloghi/mostra3.000 ÷ Visitatori in prevalenza giovani e adulti (in controtendenza …)

20 La comunicazione è fondamentale per entrambi i soggetti in gioco ricercatori pubblico Risultati non è appendice del lavoro scientifico non è puro passatempo per il pubblico


Scaricare ppt "Comunicare la scienza attraverso mostre didattico-scientifiche Mario Gargantini direttore di emmeciquadro quadrimestrale di Scienza, Educazione e Didattica."

Presentazioni simili


Annunci Google