La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dott. Christian Ponti LA SUCCESSIONE DEGLI STATI NEI TRATTATI INTERNAZIONALI ISPI Milano, 13.12.2007 (VERSIONE BIS)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dott. Christian Ponti LA SUCCESSIONE DEGLI STATI NEI TRATTATI INTERNAZIONALI ISPI Milano, 13.12.2007 (VERSIONE BIS)"— Transcript della presentazione:

1 Dott. Christian Ponti LA SUCCESSIONE DEGLI STATI NEI TRATTATI INTERNAZIONALI ISPI Milano, (VERSIONE BIS)

2 1. La successione degli Stati nei trattati e le vicende della sovranità territoriale successione in fatto concerne: successione in fatto concerne: - i mutamenti di sovranità su una data comunità territoriale (successione in fatto totale o parziale) - circostanze di fatto: affermarsi, ritrarsi, ed espandersi della sovranità territoriale, ossia delleffettivo esercizio del potere di governo nellambito di un territorio successione giuridica concerne: successione giuridica concerne: - la questione se i diritti e gli obblighi internazionali pattizi dello Stato predecessore si trasmettono allo Stato subentrante

3 2. Fonti applicabili Convenzione di Vienna del 1978 sulla successione degli Stati nei trattati internazionali Convenzione di Vienna del 1978 sulla successione degli Stati nei trattati internazionali diritto consuetudinario diritto consuetudinario accordi bilaterali e multilaterali accordi bilaterali e multilaterali

4 3. Successione dei trattati localizzabili definizione: trattati che impongono obblighi e conferiscono diritti soggettivi rispetto ad un determinato territorio definizione: trattati che impongono obblighi e conferiscono diritti soggettivi rispetto ad un determinato territorio elenco trattati che rientrano nella categoria: t. che istituisco servitù attive o passive nei confronti di Stati vicini; accordi per la concessione in affitto di parti di territorio; t. che prevedono la libertà di navigazione fiumi, canali ecc.; t. che impongono la smilitarizzazione di determinate aree; t. che prevedono la costruzione di opere sui confini e t. che stabiliscono confini territoriali elenco trattati che rientrano nella categoria: t. che istituisco servitù attive o passive nei confronti di Stati vicini; accordi per la concessione in affitto di parti di territorio; t. che prevedono la libertà di navigazione fiumi, canali ecc.; t. che impongono la smilitarizzazione di determinate aree; t. che prevedono la costruzione di opere sui confini e t. che stabiliscono confini territoriali si applica il principio della continuità dei trattati (diritto consuetudinario, art. 12 Conv. Vienna e Caso Gabcikovo-Nagymaros, sentenza CIG 1997) si applica il principio della continuità dei trattati (diritto consuetudinario, art. 12 Conv. Vienna e Caso Gabcikovo-Nagymaros, sentenza CIG 1997) limite: Intrasmissibilità dei trattati di natura politica limite: Intrasmissibilità dei trattati di natura politica

5 4.1. Successione dei trattati non localizzabili. Aspetti generali nel diritto internazionale consuetudinario vige quale principio generale fondamentale la regola della tabula rasa nel diritto internazionale consuetudinario vige quale principio generale fondamentale la regola della tabula rasa Convenzione di Vienna Convenzione di Vienna agli Stati di nuova indipendenza si applica la regola della tabula rasa (artt ) agli Stati di nuova indipendenza si applica la regola della tabula rasa (artt ) agli altri Stati si applica il principio della continuità dei trattati (artt ) agli altri Stati si applica il principio della continuità dei trattati (artt )

6 4.2. Ipotesi di mutamento della sovranità e successione dei trattati non localizzabili distacco di parti di territorio distacco di parti di territorio cessione o conquista da parte di uno Stato preesistente cessione o conquista da parte di uno Stato preesistente regola della tabula rasa regola della tabula rasa principio della mobilità delle frontiere principio della mobilità delle frontiere casi: si vedano i trattati stipulati alla fine dei conflitti internazionali casi: si vedano i trattati stipulati alla fine dei conflitti internazionali secessione e nascita di uno o più nuovi Stati secessione e nascita di uno o più nuovi Stati tabula rasa tabula rasa integrale per i trattati bilaterali e per i trattati multilaterali chiusi integrale per i trattati bilaterali e per i trattati multilaterali chiusi temperamento nei trattati multilaterali aperti (c.d. notifica di successione) temperamento nei trattati multilaterali aperti (c.d. notifica di successione) casi: USA (da Inghilterra) 1774; Belgio (da Paesi Bassi) 1830; Cuba (da Spagna) 1898; Panama (da Colombia) 1903; Irlanda (da Inghilterra) 1922; Pakistan (da India) 1947 casi: USA (da Inghilterra) 1774; Belgio (da Paesi Bassi) 1830; Cuba (da Spagna) 1898; Panama (da Colombia) 1903; Irlanda (da Inghilterra) 1922; Pakistan (da India) 1947

7 4.2. Ipotesi di mutamento della sovranità e successione dei trattati non localizzabili smembramento smembramento (estinzione dello Stato che la subisce e nascita di uno o più nuovi Stati) (estinzione dello Stato che la subisce e nascita di uno o più nuovi Stati) tabula rasa tabula rasa temperamento nei trattati multilaterali aperti (notifica di successione) temperamento nei trattati multilaterali aperti (notifica di successione)

8 4.2. Ipotesi di mutamento della sovranità e successione dei trattati non localizzabili casi di smembramento: casi di smembramento: Impero austro-ungarico (fine prima guerra mondiale) Impero austro-ungarico (fine prima guerra mondiale) Federazione del Mali (1960) Federazione del Mali (1960) Germania (fine seconda guerra mondiale) Germania (fine seconda guerra mondiale) Unione Sovietica (1991) Unione Sovietica (1991) Jugoslavia ( ) Jugoslavia ( ) Cecoslovacchia (1992) Cecoslovacchia (1992)

9 4.2. Ipotesi di mutamento della sovranità e successione dei trattati non localizzabili incorporazione incorporazione principio della mobilità delle frontiere principio della mobilità delle frontiere casi: casi: Regno dItalia (1861) (Regno di Sardegna+Stati preunitari)] Regno dItalia (1861) (Regno di Sardegna+Stati preunitari)] Tanzania (1964) Tanganica+Zanzibar Tanzania (1964) Tanganica+Zanzibar Germania (1990) (RFA+RDA) Germania (1990) (RFA+RDA) fusione fusione principio della tabula rasa principio della tabula rasa casi: casi: Repubblica araba unita (1958) (Egitto+Siria) Repubblica araba unita (1958) (Egitto+Siria) Repubblica Yemen (1990) (Repubblica araba Yemen +Repubblica democratica popolare Yemen) Repubblica Yemen (1990) (Repubblica araba Yemen +Repubblica democratica popolare Yemen)

10 4.2. Ipotesi di mutamento della sovranità e successione dei trattati non localizzabili incorporazione e fusione di territori che rimangono autonomi incorporazione e fusione di territori che rimangono autonomi Principio di continuità dei trattati Principio di continuità dei trattati casi: casi: Grande Repubblica dellAmerica Centrale , e 1895 (accodi precedenti conclusi da Salvador, Nicaragua e Honduras, Guatelamala e Costarica ) Grande Repubblica dellAmerica Centrale , e 1895 (accodi precedenti conclusi da Salvador, Nicaragua e Honduras, Guatelamala e Costarica ) Confederazione elvetica, 1848 (accordi precedenti conclusi da Cantoni svizzeri) Confederazione elvetica, 1848 (accordi precedenti conclusi da Cantoni svizzeri)

11 4.2. Ipotesi di mutamento della sovranità e successione dei trattati non localizzabili mutamento radicale di governo mutamento radicale di governo (no modifiche territoriali) principio rebus sic stantibus principio rebus sic stantibuscasi: Rivoluzione sovietica (1917) Cecoslovacchia (1948) Cina (1949) Cuba (1959) Cile (1974) Panama (1989)

12 5. La successione nei debiti contratti mediante accordo internazionale Convenzione di Vienna del 1983 sulla successione tra Stati nei beni, archivi e debiti pubblici Convenzione di Vienna del 1983 sulla successione tra Stati nei beni, archivi e debiti pubblici beni e archivi pubblici (art. 8) beni e archivi pubblici (art. 8) successione dello Stato successione dello Stato debiti contratti mediante accordo internazionale debiti contratti mediante accordo internazionale debiti non localizzabili (tabula rasa) debiti non localizzabili (tabula rasa) debiti localizzabili (successione) debiti localizzabili (successione) prassi recente prassi recente principio della equa ripartizione (anche per debiti non localizzabili) principio della equa ripartizione (anche per debiti non localizzabili)

13 6. La successione nellappartenenza ad Organizzazioni Internazionali e nei trattati in materia di diritti umani successione nellappartenenza ad Organizzazioni Internazionali successione nellappartenenza ad Organizzazioni Internazionali no successione automatica nella qualità di membro dellOrganizzazione no successione automatica nella qualità di membro dellOrganizzazione successione nei trattati in materia di diritti umani successione nei trattati in materia di diritti umani tesi sulla formazione di una norma consuetudinaria che impone la successione tesi sulla formazione di una norma consuetudinaria che impone la successione

14 Per approfondimenti: Opere generali sul tema della successione: Opere generali sul tema della successione: A. Del Vecchio (a cura di), La successione degli Stati nel diritto internazionale, Milano, 1999 A. Del Vecchio (a cura di), La successione degli Stati nel diritto internazionale, Milano, 1999 N. Ronzitti, La successione internazionale tra Stati, Milano, 1970 N. Ronzitti, La successione internazionale tra Stati, Milano, 1970

15 Per approfondimenti: Sulla prassi internazionale e i principi generali in materia di notificazione di successione e adesione nel periodo coloniale e nei casi recenti dellEuropa centro-orientale e dellAsia ex Sovietica: Sulla prassi internazionale e i principi generali in materia di notificazione di successione e adesione nel periodo coloniale e nei casi recenti dellEuropa centro-orientale e dellAsia ex Sovietica: L. Sbolci, La partecipazione degli Stati ai trattati multilaterali mediante notificazione di successione, in Rivista di diritto internazionale, 1996, n. 3, p. 620 ss.; L. Sbolci, La partecipazione degli Stati ai trattati multilaterali mediante notificazione di successione, in Rivista di diritto internazionale, 1996, n. 3, p. 620 ss.;

16 Per approfondimenti: Sulla prassi più recente in materia di smembramento e per una tesi favorevole allesistenza di un principio generale di successione automatica dei trattati: Sulla prassi più recente in materia di smembramento e per una tesi favorevole allesistenza di un principio generale di successione automatica dei trattati: E. Sciso, Dissoluzione tra Stati e problemi di successione nei trattati, in La Comunità internazionale, 1994, p. 63 ss. E. Sciso, Dissoluzione tra Stati e problemi di successione nei trattati, in La Comunità internazionale, 1994, p. 63 ss.

17 Per approfondimenti: Sul tema della successione degli Stati nel debito pubblico: Sul tema della successione degli Stati nel debito pubblico: P. Pustorino, La successione degli stati nel debito pubblico, Torino, 2002 P. Pustorino, La successione degli stati nel debito pubblico, Torino, 2002

18 Per approfondimenti: Sul tema della successione degli Stati nei trattati in materia di diritti umani: Sul tema della successione degli Stati nei trattati in materia di diritti umani: Flauss, Convention européenne des droits de lhomme et succession aux traités: une curiosité, la décision du comité de ministres du Conseil de lEurope en date du 30 juin 1993 concernant la République tchéque et la Slovaquie, in Revue Universelle des droits de lhomme, 1994, p. 1 ss. Flauss, Convention européenne des droits de lhomme et succession aux traités: une curiosité, la décision du comité de ministres du Conseil de lEurope en date du 30 juin 1993 concernant la République tchéque et la Slovaquie, in Revue Universelle des droits de lhomme, 1994, p. 1 ss. M.T. Kamminga, State succession in respect of Human Rights Treaties, in European Journal of international law, 1996, p. 469 ss. M.T. Kamminga, State succession in respect of Human Rights Treaties, in European Journal of international law, 1996, p. 469 ss. (contiene esame approfondito prassi Comitato diritti delluomo) (contiene esame approfondito prassi Comitato diritti delluomo) F. Lattanzi (in Del Vecchio op. cit. supra, p. 59 ss.) F. Lattanzi (in Del Vecchio op. cit. supra, p. 59 ss.)

19 Per approfondimenti: In particolare, sulla posizione assunta dal Comitato per i diritti delluomo cfr. In particolare, sulla posizione assunta dal Comitato per i diritti delluomo cfr. Comunicazione n. 566/1993 (Caso Somers v. Hungary, in International Law Reports, 115, pp ) Comunicazione n. 566/1993 (Caso Somers v. Hungary, in International Law Reports, 115, pp ) Osservazione generale 29 ottobre 1997 Osservazione generale 29 ottobre 1997 (passaggio letto durante la lezione) (passaggio letto durante la lezione)

20 Per ulteriori approfondimenti e/o eventuali richieste di chiarimento in merito ai temi trattati durante la lezione mi potete scrivere al seguente indirizzo: Per ulteriori approfondimenti e/o eventuali richieste di chiarimento in merito ai temi trattati durante la lezione mi potete scrivere al seguente Grazie a tutti per lattenzione e un augurio di vacanze serene.


Scaricare ppt "Dott. Christian Ponti LA SUCCESSIONE DEGLI STATI NEI TRATTATI INTERNAZIONALI ISPI Milano, 13.12.2007 (VERSIONE BIS)"

Presentazioni simili


Annunci Google