La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Panoramica sulla legislazione UE per la gestione dei rifiuti - stato attuale e tendenze future Karolina Fras DG Ambiente, Commissione Europea.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Panoramica sulla legislazione UE per la gestione dei rifiuti - stato attuale e tendenze future Karolina Fras DG Ambiente, Commissione Europea."— Transcript della presentazione:

1 Panoramica sulla legislazione UE per la gestione dei rifiuti - stato attuale e tendenze future Karolina Fras DG Ambiente, Commissione Europea

2 IL PROBLEMA DA AFFRONTARE

3 Stile di vita non sostenibile – richiede il 50% di CO 2 in meno Popolazione e tenore di vita – 6 volte il consumo attuale entro il 2050 Impronta ecologica: UE: 2-3 pianeti terra USA: più di 4 pianeti terra Cina: maggior emissore CO2

4 Qual è il problema? FonteBacino Estrazione: 16 tonnellate Smaltimento: 6 tonnellate 6 tonnellate Produzione e Consumo Allo stock fisico: 10 tonnellate Minacce ai servizi di ecosistema Ambiente

5 LA RISPOSTA POLITICA

6 Quale risposta politica? Non solo rifiuti – approccio del ciclo di vita Sviluppo a lungo termine in maniera sostenibile Cambiamenti radicali nel modo di produrre e consumare Un approccio globale la dimensione internazionale dei mercati delle risorse la dimensione internazionale degli impatti ambientali

7 La Proposta: integrare Risorse, Prodotti e Politica dei Rifiuti 6° Programma comunitario di Azione per lAmbiente Strategia Tematica di Prevenzione e Riciclaggio dei Rifiuti Politica Integrata sui Prodotti / Consumo e Produzione Sostenibili Strategia Tematica per lUso Sostenibile delle Risorse Naturali Politiche simili: Economia Circolare, 3R, Gestione Sostenibile dei Materiali (OCSE)

8 Svincolare luso delle risorse dalla crescita economica: più valore al kg Migliore eco-efficienza: Più valore per impatto Svincolare limpatto ambientale dalluso delle risorse meno impatti al kg Attività economica (PIL) Uso delle risorse (kg, km 2, kW…) Impatto ambientale (indicatori) A che punto siamo? La strategia tematica per luso sostenibile delle risorse naturali

9 A che punto siamo? La strategia tematica di prevenzione e riciclaggio dei rifiuti Rivedere il modo di considerare i rifiuti – prendere in considerazione lintero ciclo di vita, ad es. Life Cycle Thinking Prevenzione dei rifiuti: incoraggiare politiche concrete; fissare obiettivi non ha avuto successo Creare un mercato del riciclaggio: promuovere gli standard UE e il mercato UE invece degli standard e mercati nazionali Promuovere il riciclaggio: fiducia nei materiali riciclati; stabilire criteri di cessazione della qualifica di rifiuto; riciclaggio dei materiali piuttosto che dei prodotti

10 IL PROBLEMA DA AFFRONTARE – I RIFIUTI

11 Statistiche, obiettivi e principi Impatto ambientale Inquinamento delle acque superficiali e sotterranee, causato da percolato Inquinamento atmosferico compresi i gas a effetto serra Inquinamento del suolo con effetti a lungo termine Disturbi (uditivi, olfattivi, visivi,…) Perdita di risorse e impatti relativi dovuti alla produzione di materiali vergini

12 A che punto siamo? Malgrado letà (30 anni di Direttiva quadro sui rifiuti) la legislazione Comunitaria sui rifiuti non è implementata adeguatamente da tutti gli Stati Membri ed operatori economici: Migliaia di discariche abusive Più di 1 spedizione di rifiuti su 4 si è rivelata illegale Frequenti casi di violazione delle leggi Ancora un alto rischio di danni alla salute e alla sicurezza => La corretta applicazione della legislazione esistente è importante quanto la creazione di una nuova legislazione!

13 Riciclaggio, incenerimento e scarico di RSU Fonte: EEA, (Hanno depositato in discarica) (Hanno riciclato, compreso il compostaggio) (Hanno usato inceneritori con recupero energetico)

14 LA RISPOSTA LEGISLATIVA

15 Struttura della legislazione sui rifiuti Legge Quadro Legislazione Orizzontale Legislazione Specifica sul Flusso di Rifiuti

16 Strategia sulla Prevenzione e il Riciclaggio COM(2005)… Direttiva Quadro sui Rifiuti (Dir.75/442/EEC Rivista nella Strategia Tematica Flussi di Rifiuti Operazioni di Trattamento di Rifiuti Discarica 99/31/EC Fanghi di depurazi one Dir. 86/278/EEC Batterie e Accumulatori Dir. 91/157/EEC & 93/86/EEC COM(2003)723 Imballaggi e Rifiuti da Imballaggio Dir. 94/62/EC PCB Dir.96/59/EC Veicoli a Fine Vita Dir 2000/53 EC Direttiva relativa ai Rifiuti Pericolosi Dir.91/689/EEC Regolamento Spedizione dei Rifiuti (Reg. (EEC) 259/93) Appena Rivisto Legge Quadro Incenerimento 89/369 & 429 (MW) 94/67 (HW) Sostituito da 2000/76/EC Rifiuti Minerari Com (2003)319 Riciclaggio Standard UE, …, parte della Strategia di Riciclaggio Rifiuti Oleosi Dir 75/439/EEC Diossido di Titanio Dir 78/176/EEC Rifiuti di apparec- chiature elettriche ed elettroni- che Dir.2002/95EC Limitazio- ne delle Sostanze Pericolose Dir.2002/95EC Revoca nella Strategia Tematica Possibile revoca parziale nel 2006 Aggiorna- mento nel 2006 Nuova proposta in codecisione Appena rivista

17 Alcuni obiettivi della legislazione sui rifiuti recupero min riciclaggio min tasso di raccolta Imballaggi % 55% (+ per materiali specifici) Automobili %85%100% Apparecchi elettrici %50%min 4 kg per abitante allanno Batterie % % a 75% (efficienza) Pneumatici discarica di pneumatici Rifiuti Biologici 2006riduzione al 75% del livello del riduzione al 50% del livello del riduzione al 35% del livello del 1995

18 limiti delle emissioni degli inceneritori discariche pericolose obiettivi per il Valore Limite di Emissione (1) obiettivi per i RAEE deviazione dei rifiuti biologici dalla discarica (fase I) divieto di conferire pneumatici in discarica permessi IPPC obiettivi di imballaggio deviazione dei rifiuti biologici dalla discarica (fase II) discariche non pericolose obiettivi per le batterie PCB distrutti obiettivi per il Valore Limite di Emissione (2) deviazione dei rifiuti biologici dalla discarica (fase III) La legislazione sui rifiuti si inasprisce riguardo a:

19 DIRETTIVA QUADRO SUI RIFIUTI revisione

20 Direttiva Quadro sui Rifiuti Disposizioni principali Definizioni; Priorità per la gestione dei rifiuti; Tutela dellambiente e della salute; Piani di gestione dei rifiuti; Obblighi di ottenere permessi; Principio del chi inquina paga;

21 Direttiva Quadro sui Rifiuti Obiettivi principali della revisione Modernizzare e semplificare la politica dei rifiuti; Introdurre un approccio basato sullimpatto; Introdurre criteri di cessazione della qualifica di rifiuto; Stabilire standard minimi di trattamento; Prevenzione dei rifiuti; Revocare le direttive sui rifiuti oleosi e pericolosi;

22 Direttiva Quadro sui Rifiuti Punti principali da discutere tra istituzioni Verso un minore smaltimento e una maggiore efficienza delle risorse: Obiettivi vincolanti di Prevenzione dei Rifiuti? Ampi Obiettivi UE di Riciclaggio? Recupero energetico efficiente? Si sale nella gerarchia dei rifiuti!

23 Direttiva 75/442/EC sui rifiuti codificata come 2006/12/EC – ancora vincolante; Direttive 75/439/EEC sui rifiuti oleosi e 91/689/EC sui rifiuti pericolosi ancora vincolanti; 1^ lettura al Parlamento Europeo - febbraio; Accordo politico in sede di Consiglio - giugno; Posizione Comune del Consiglio adottata il 20 dicembre 2007; Fine dei giochi – entro la fine del Direttiva Quadro sui Rifiuti Situazione attuale e prospettive future

24 PROSPETTIVE FUTURE

25 Adozione della Direttiva Quadro sulle Acque (fine 2008) Revisione di RAEE/ RoHS (inizio 2008) Nuovo regolamento UE sulle spedizioni dei rifiuti (12 luglio 2007) – attenzione puntata sullattuazione Piano dAzione su consumo e produzione sostenibili (SCP) per il 2008 Gruppo Internazionale sullUso Sostenibile delle Risorse Naturali (lanciato il 9-10 novembre a Budapest) Sviluppi chiave in politiche specifiche nel breve periodo

26 Le politiche dei rifiuti sono orientate verso una politica coerente delle risorse Ulteriore consolidamento e razionalizzazione della struttura legislativa Un regime globale più solido – verso regole e standard mondiali per la gestione delle risorse e dei rifiuti Prospettive più a lungo termine

27 Grazie per lattenzione European Commission – DG ENV.G.4 Sustainable Consumption and Production Avenue de Beaulieu 5 B-1160 Brussels


Scaricare ppt "Panoramica sulla legislazione UE per la gestione dei rifiuti - stato attuale e tendenze future Karolina Fras DG Ambiente, Commissione Europea."

Presentazioni simili


Annunci Google