La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Economia dellinformazione – un ripasso Francesco Daveri Università di Parma - Facoltà di Economia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Economia dellinformazione – un ripasso Francesco Daveri Università di Parma - Facoltà di Economia."— Transcript della presentazione:

1 1 Economia dellinformazione – un ripasso Francesco Daveri Università di Parma - Facoltà di Economia

2 2 Finora: consumatori e produttori perfettamente informati sulla qualità dei beni Invece: spesso informazioni su qualità beni NON sono liberamente disponibili Accesso alle informazioni è costoso INTRODUZIONE

3 3 Informazione asimmetrica quando un lato del mercato è imperfettamente informato sulla qualità del bene scambiato Venditore conosce la qualità del bene scambiato, non il compratore Lavoratore conosce la sua abilità, il datore di lavoro no PAROLA CHIAVE

4 4 Nellesempio seguente (mercato dei bidoni) mostriamo che le asimmetrie informative sono causa di inefficienze rispetto al caso di informazione perfetta ESEMPIO

5 5 IL MERCATO DEI BIDONI Un esempio da Nobel (Akerlof, Nobel Economia 2001) Mercato delle auto usate: 100 venditori e 100 compratori Metà delle auto in vendita è di buona qualità, laltra metà di qualità scadente (i bidoni, appunto) Ipotesi cruciale: i venditori conoscono la qualità dellauto offerta, mentre i compratori la scoprono solo DOPO lacquisto (troppo tardi!) Insomma: caso di ASIMMETRIA INFORMATIVA Compratori sanno che metà delle auto sul mercato sono scadenti Ma NON conoscono la qualità delle singole auto

6 6 I DUE LATI DEL MERCATO DEI BIDONI Venditori -- disponibilità a vendere Vogliono almeno 2000 per auto buone Vogliono almeno 1000 per auto scadenti Compratori -- disponibilità a pagare Fino a 1200 per auto scadente Fino a 2400 per auto buona

7 7 CONSEGUENZE DELLASIMMETRIA INFORMATIVA Con perfetta informazione: tutte le auto sarebbero vendute Quelle scadenti a un prezzo tra 1000 e 1200 Quelle di buona qualità a un prezzo tra 2000 e 2400 Con info asimmetrica, NO Compratori, incerti sulla qualità dellauto, disposti a pagare corrispettivo del valore di unauto MEDIA cioè: ½*1200+ ½*2400 = 1800

8 8 Problema: 1800 < 2000 (= prezzo dofferta delle auto buone) e quindi: I possessori di auto di buona qualità escono dal mercato! Inoltre (reazione a catena): se compratori capiscono che sul mercato sono rimasti solo bidoni, saranno ancora disposti a pagare 1800 per unauto media? Certo che no se certi di comprare unauto scadente, disposti a pagare solo 1200 SOLO I BIDONI RIMANGONO SUL MERCATO

9 9 A causa delle asimmetrie informative, il mercato delle auto usate diventa il mercato dei bidoni Perchè? Carenza di informazioni da un lato del mercato scaccia dal mercato i beni di buona qualità Perdita di efficienza rispetto al caso di perfetta informazione Perché? Non si genera più la rendita associata agli scambi di beni di alta qualità CONCLUSIONE SUL MERCATO DEI BIDONI

10 10 Quello illustrato sopra è un esempio di adverse selection (selezione negativa) Si ha adverse selection quando, a causa dellasimmetria informativa, la presenza dei produttori di qualità scadente induce i produttori di buona qualità a uscire dal mercato ADVERSE SELECTION

11 11 Capita la stessa cosa quando lincertezza riguarda le caratteristiche del compratore Esempio: le compagnie di assicurazione e la polizza contro il furto dauto Il rischio di furto di unauto dipende da alcune caratteristiche del possessore dellauto spesso sconosciute alla compagnia di assicurazione: quartiere di residenza, possesso o meno di un garage, … ALTRO ESEMPIO DI ADVERSE SELECTION

12 12 ADVERSE SELECTION NEL MERCATO DELLE ASSICURAZIONI Problema: Se il premio chiesto dalla compagnia assicurativa fosse commisurato al rischio MEDIO di furto, in breve tempo la compagnia fallirebbe. Perché? I soggetti ad alto rischio di furto hanno più incentivo a stipulare la polizza QUINDI: il rischio effettivo degli assicurati è ben maggiore del rischio medio IMPLICAZIONE: x sopravvivere la compagnia deve commisurare il premio al rischio MAX di furto, non al rischio medio.

13 13 In questo modo, però, i soggetti a basso o medio rischio non comperano la polizza contro il furto Rimangono sul mercato assicurativo SOLO i soggetti a rischio massimo di furto Implicazione: ladverse selection riduce il volume degli scambi rispetto al caso di perfetta informazione Altro esempio: polizza dassicurazione contro le malattie (si assicurano solo gli individui ad alto rischio di malattie) EFFETTO BIDONI NEL MERCATO ASSICURATIVO

14 14 Moral hazard (comportamento sleale): esempio di informazione asimmetrica In questo caso, una parte del mercato non può osservare il comportamento dellaltra parte del mercato rischio di comportamento sleale Differenza tra adverse selection e moral hazard Adverse selection: problema di informazione nascosta Moral hazard: problema di azione nascosta MORAL HAZARD: IL PROBLEMA

15 15 Esempio: ancora lassicurazione contro il furto dauto Copertura completa contro il rischio: gli assicurati non hanno incentivo a prendere precauzioni contro il furto Perché? Il rischio ricade TUTTO sullassicurazione MORAL HAZARD: UN ESEMPIO

16 16 Cè un problema. Rimedi? Vincolare copertura completa al lealecomportamento dellassicurato Requisito: possibilità di osservare la condotta dellassicurato Altrimenti? Copertura PARZIALE in caso di furto (la franchigia) Compagnia parzialmente tutelata contro il rischio Cliente sopporta parte del rischio di furto ha una ragione x comportarsi bene (prendere precauzioni contro il furto) MORAL HAZARD: I RIMEDI


Scaricare ppt "1 Economia dellinformazione – un ripasso Francesco Daveri Università di Parma - Facoltà di Economia."

Presentazioni simili


Annunci Google