La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 VII° Tema: i gruppi di interesse. 2 I gruppi: definizioni dalla letteratura Bentley (1908): un gruppo coincide con ogni sezione della società con interessi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 VII° Tema: i gruppi di interesse. 2 I gruppi: definizioni dalla letteratura Bentley (1908): un gruppo coincide con ogni sezione della società con interessi."— Transcript della presentazione:

1 1 VII° Tema: i gruppi di interesse

2 2 I gruppi: definizioni dalla letteratura Bentley (1908): un gruppo coincide con ogni sezione della società con interessi propri che agisca o tenti di agire Almond e Powell (1978): Individui legati da comuni preoccupazioni e interessi, che sono consapevoli di questo legame Enfasi sullinteresse Enfasi sullappartenenza

3 3 Definizione empirica di gruppo di interesse Un gruppo di interesse può essere definito come un insieme di persone, organizzate su basi volontarie, che mobilita risorse per influenzare le decisioni e le conseguenti politiche pubbliche. Caratteri: Lorganizzazione del gruppo (di solito) formalizzata da apposite norme L'aggregazione è volontaria La partecipazione è libera

4 4 Funzione dei gruppi di interesse La funzione principale dei gruppi è larticolazione degli interessi ossia la formulazione della domanda politica in forme o modalità molto diverse Il concetto di lobbying

5 5 Criteri di classificazione dei gruppi di interesse Struttura organizzativa Modalità di azione Obiettivi Risorse

6 6 La tipologia dei gruppi di interesse di Almond e Powell (1978) Gruppi di interesse anomici (folle disorganizzate, protesta spontanea e contingente) Gruppi di interesse non associativi (basati su interessi derivati da razza, religione, lingua, etnia; semplice percezione di interesse comune) Gruppi di interesse istituzionali (attivi nelle organizzazioni: chiese, FFAA, burocrazie) Gruppi di interesse associativi (organiz- zazioni di interessi; sindacati, associazioni imprenditoriali)

7 7 Modalità di azione Forme di azione deboli e/o convenzionali (comunicazione, contatti, informazione) Forme di azione forti e/o non convenzionali (campagne presso lopinione pubblica, ricorsi in giudizio, corruzione, finanziamento campagne elettorali, scioperi, marce, sit-in etc.)

8 8 Obiettivi Gruppi di difesa di interessi oggettivi (categorie occupazionali, appartenenze etniche) versus gruppi fondati sullespressione di preferenze morali (gruppi filantropici, umanitari etc.) Gruppi di interesse pubblico versus gruppi di interesse speciale

9 9 Le risorse dei gruppi Economico-finanziarie Numeriche (membership) Influenza (capitale sociale e relazionale, collocazione nel processo produttivo, rappresentatività sociale) Tecnico-conoscitive Organizzative Simbolico-identitarie

10 10 Il rapporto gruppi - partiti Accesso autonomo dei gruppi alle decisioni Gatekeeping partitico Quattro modalità di intervento dei gruppi sul/i partito/i 1.Livello elettorale 2.Livello interno 3.Livello dichiarazioni programmatiche 4.Livello decisionale Gruppi e partiti si scambiano influenze e risorse

11 11 Il rapporto gruppi - partiti: una tipologia di struttura di scambio Capacità di influenza gruppo su partito -+ Capacità di influenza partito su gruppo - NeutralitàEgemonizzazione + OccupazioneSimbiosi

12 12 La teoria pluralista dei gruppi La presenza dei gruppi come fonte di : 1)Equilibrio. La pluralità dei gruppi garantisce equilibrio fra forze contrastanti. La sfida dei gruppi attivi porta alla mobilitazione dei gruppi latenti 2)Socializzazione. La vita nelle associazioni educa allinterazione con gli altri. Limportanza delle appartenenze multiple (overlapping membership) e differenziate (cross-cutting membership) 3)Autonomia della società dallo Stato. I gruppi esprimono la capacità della società di organizzarsi dal basso. La funzione essenziale dello Stato è la mediazione fra i diversi interessi

13 13 Le critiche alla teoria pluralista (I) Critiche positive: –Olson (1963): la razionalità del partecipare e il problema del free-rider –I possibili incentivi allinterno dei gruppi: materiali, di solidarietà e orientati allo scopo Critiche normative: –Lowi (1969) e la non equivalenza dei gruppi

14 14 Le critiche alla teoria pluralista (II) I riscontri empirici: –i gruppi sono capaci di porre alcuni temi sullagenda politica, ma non determinano le decisioni –differenze a seconda delle caratteristiche del tema in questione (visibilità, tecnicismo, costi e benefici, ecc.)

15 15 Pluralismo (Schmitter, 1974) Un sistema di rappresentanza degli interessi dove le unità costitutive sono organizzate in numero indefinito, in competizione tra loro, volontarie, non strutturate gerarchicamente, non necessariamente riconosciute o organizzate dal governo, e non esercitano il monopolio della rappresentanza Attori politici Decisioni politiche

16 16 Forme di pluralismo Il lobbysmo negli Stati Uniti Il clientelismo (paesi mediterranei)

17 17 Neo-corporativismo (Schmitter 1974) Un sistema di rappresentanza di interessi dove le unità costitutive sono organizzate in numero limitato di categorie non competitive, strutturate gerarchicamente, differenziate funzionalmente, riconosciute, se non organizzate dal governo, che esercitano complessivamente il monopolio della rappresentanza Gruppo AGruppo B governo

18 18 Logica dei membri nel pluralismo e nel neocorporativismo a)Pluralismo: Struttura organizzativa frammentata, che deve fare affidamento sulle proprie risorse (dei suoi membri), poco capace di sviluppare programmi di lungo periodo b)Neocorporativismo: associazioni forti e integrate, ricche di risorse, relativamente indipendenti dai membri e capaci di sviluppare prospettive di lungo termine

19 19 Logica dellinfluenza nel pluralismo e nel neocorporativismo a)Pluralismo: i gruppi esercitano influenza attraverso varie forme di pressione, ma non vi sono rapporti strutturati (Lobbying) b)Neocorporativismo: un sistema istituzionalizzato di interazioni attribuisce alle associazioni ruoli particolari nellelaborazioni e soprattutto nella realizzazione delle politiche pubbliche (Concertazione)

20 20 Il neocorporativismo: un approfondimento Le cause: –Integrazione nei mercati internazionali –Forti partiti socialisti –Associazioni degli interessi ben strutturate –Ragioni contingenti: crisi economica Gli ostacoli: –Frammentazione delle organizzazioni di rappresentanza degli interessi (differenze ideologiche, linguistiche, di categoria occupazionale)

21 21 Le conseguenze del neocorporativismo Vantaggi: –dal lato dellinput (prospettiva di breve versus prospettiva di lungo periodo) –dal lato delloutput (riduzione del tasso di conflitti sul lavoro) Svantaggi: –elementi potenzialmente antidemocratici (circuito funzionale versus circuito elettorale della rappresentanza) –violazione delluguaglianza (gruppi non organizzati) –riduzione di competizione e di partecipazione –perplessità sullefficacia decisionale

22 22 Testi di riferimento per la lezione Maurizio Cotta - Donatella Della Porta - Leonardo Morlino, Fondamenti di scienza politica, Il Mulino, Bologna, 2001, cap.6


Scaricare ppt "1 VII° Tema: i gruppi di interesse. 2 I gruppi: definizioni dalla letteratura Bentley (1908): un gruppo coincide con ogni sezione della società con interessi."

Presentazioni simili


Annunci Google