La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

2/9/04 T-cell Receptor I linfociti T Le cellule T sono responsabili della risposta immunitaria acquisita cellulo mediata. Hanno un recettore specifico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "2/9/04 T-cell Receptor I linfociti T Le cellule T sono responsabili della risposta immunitaria acquisita cellulo mediata. Hanno un recettore specifico."— Transcript della presentazione:

1

2 2/9/04 T-cell Receptor

3 I linfociti T Le cellule T sono responsabili della risposta immunitaria acquisita cellulo mediata. Hanno un recettore specifico per l’antigene il TCR che riconosce solo antigeni di natura proteica associate a determinate molecole (HLA). I linfociti T esprimono molecole differenti che permettono di suddividerli in due grandi popolazioni: Linfociti Th (helper) CD4+ Linfociti Tc (citotossici) CD8+

4 Maturazione e Selezione dei Linfociti T Il processo di maturazione dei linfociti T presenta alcune caratteristiche uniche, correlate alla specificità delle due diverse sottopopolazioni di linfociti T per le due classi di molecole MHC. In base alla comparsa sulla superficie dei linfociti T delle molecole CD4 o CD8, possiamo studiare le fasi di maturazione del linfocita T: Fase doppio negativa Fase doppio positiva Due fasi singolo positiva

5 I progenitori più immaturi "pre-T" o "linfociti T doppio-negativi", non esprimono né CD4 né CD8, non proliferano sotto l'influsso dell'IL-7 prodotta a livello timico. Parte, vanno incontro a riarrangiamento del gene della catena β del TCR, mediato dalla ricombinasi V-D-J. Se viene sintetizzata una catena , e espressa sulla superficie cellulare in associazione a una catena pre-T , formando il complesso pre-TCR; le cellule che non riescono a produrre tale complesso muoiono per apoptosi pre-T

6 I linfociti esprimenti contemporaneamente i corecettori CD4 e CD8, sono definiti timociti "doppio-positivi". I linfociti T il cui TCR riconosce complessi peptide-MHC classe 1 mantengono l'espressione di CD8 (il corecettore che lega le molecole MHC di classe I) perdendo l'espressione di CD4 (il corecettore specifico per le molecole MHC di classe II). Al contrario, se un linfocita T riconosce complessi peptide-MHC di classe II, mantiene l'espressione di CD4 e perde quella di CD8.

7 TCR Le cellule T mature esprimono uno dei due tipi di TCR:  eterodimero composto da catene  e  chains oppure da catene  e . le cellule T che esprimono recettori  sono il 90% delle cellule T. Il cui ruolo fisiologico delle cellule  T, non è ancora chiaro. Riconosce antigeni non peptidici (lipidi) presentati da molecole MHC diverse.

8 TCR/CD3 Complex I segnali biochimici che vengono attivati ​​ nelle cellule T dal riconoscimento antigenico non sono trasdotti dal recettore delle cellule T stesso ma da proteine ​ invarianti chiamate CD3 e  (zeta), che sono legate non covalentemente al recettore per l'antigene per formare il complesso TCR. - CD3  dimer -CD3  dimer -CD3  dimer ITAM motif on CD3 Signaling Transduction

9 IgTCR DOMINI DELLE PROTEINE Ig E TCR

10 GENERAZIONE DELLA TCR DIVERSITA’ Per generare la diversità dei TCR si utilizza la ricombinazione genica simile a quella dei geni delle immunogloguline La linea germinale del locus genico della catena  contiene V (variabile), 2 D (diversità), e 14 J (giunzione), 2 C segmenti di genici CATENA  L'assetto del gene a ricorda quello del gene k. Cromosoma 7 Cromosoma 14

11 RICOMBINAZIONE ED ESPRESSIONE DEI GENI DELLE CATENE E  DEL TCR

12 PROCESSI DI SELEZIONE NEL TIMO

13

14 CD3 I due eterodimeri distinti,  o , sono entrambi espressi con i polipeptidi non polimorfici CD3  and  I polipeptidi CD3, specialmente  e i suoi varianti, sono importanti per il segnalamento intracellulare.

15 SEGNALI TRANSDUZIONALI TRAMITE TCR Attivazione Tirosin-chinasi Fyn e Lck (Membrana cellulare) Cascata Chinasi MAP e calcineurina (citoplasma) Attivazione fattori di trascrizione (nucleo)

16 SEGNALI TRANSDUZIONALI TRAMITE TCR In cellule T cells non stimolate, Fyn, un membro della famiglia di Src, si associa con il dominio citoplasmatico delle catene CD3, γ, δ e ε (per fosforilarne I domini ITAM). La tirosin-chinasi ZAP-70 si lega alle ITAM della catena ξ, Lck poi la fosforila e attiva ZAP-70 Lck, che lega i domini citoplasmatici di CD4 e CD8 e quindi possono essere portati in prossimità del TCR attraverso le interazioni di questi corecettori con il MHC. Sono necessari circa 100 peptidi identici tenuti da MHC per attivare una cellula T che esprimono il co-recettore appropriato. In assenza del co- recettore, complessi identici (circa il 10% di tutte le molecole MHC) sono necessari per la ottimale attivazione delle cellule T. Questa densità è raramente, o mai, raggiunto in vivo.

17 Signal 2 Costimulation In assenza della corretta costimolazione, la cellula T entra in uno stato refrattario alla stimolazione da parte dell'antigene. Questo stato, che è noto come anergia, può essere di lunga durata, persiste per settimane o mesi in vitro

18 COSTIMOLAZIONE DA CD28 Il meglio caratterizzato (e probabilmente il più importante) è il costimolatore CD28, una glicoproteina di 44 kd espresso come omodimero sulla superficie di quasi tutte le cellule T CD4 e circa il 50% delle cellule T CD8. CD28 lega due molecole B7.1 e B7.2, espresse sulla membrana delle cellule dendritiche, macrofagi, e cellule B attivate. La combinazione della stimolazione del TCR e l’interazione di CD28 con il suo ligando B7 attiva completamente i linfociti T e vi è una produzione di linfochine sostanzialmente maggiore che se fosse indotta da soli segnali del TCR

19 Transcrizione del gene IL-2

20 2/9/04 Integrine Le principali funzioni delle integrine sono di mediare l'adesione delle cellule T alle APC, alle cellule endoteliali, e a proteine della matrice extracellulare. L’affinità delle integrine per i loro ligandi è aumentata grazie a chemochine dopo stimolazione delle cellule T attraverso il TCR.

21 Th1 secernono citochine pro-infiammatorie IFN- , TNF, e IL-2. Inoltre, ci sono sempre più prove per altre classi Th. T-cell Subtypes

22 Th2 producono citochine che generalmente stimolano le risposte Ig (IL-4, -5, -6, -9, and -10). T-cell Subtypes IL-10 reprime l'attività delle cellule Th1 e IFN-  inibisce le cellule Th2.

23 2/9/04 CTL (but not naïve CD8+ T cells) express lytic granules: perforin, granzymes.

24 Sulle cellule di tutti i tessuti è presente un sistema di molecole che è coinvolto nella discriminazione fra self e non self e nel riconoscimento dell’antigene da parte delle cellule T. Esse sono codificate da un gruppo di geni strettamente uniti e altamente polimorfi detti complesso maggiore di istocompatibilità. Nell’uomo il complesso maggiore di istocompatibilità è localizzato nel braccio corto del cromosoma 6. È suddiviso in tre regioni che prendono il nome di classe I, Classe II e Classe III. La regione I contiene loci A, B e C che codifica per antigeni o molecole di classe I, mentre la regione II contiene i loci DP, DQ e DR che codificano per quelli di classe II. Fra queste due classi, c’è interposta la classe III che conteine i geni che codificano per il C2 e il C4 del complemento e il TNF

25 Il sistema HLA ha tre caratteristiche fondamentali: 1.È poligenico: vi sono numerosi geni che codificano per le proteine della classe I e II con una diversa specificità per i peptidi. 2.È polimorfico: ossia esistono numerosi allelei per ogni gene. 3.È codominante cioè in ogni individuo sono espressi i prodotti di entrambi gli alleli (un cromosoma dal padre e uno dalla madre.

26 PRESENTAZIONE DELL’ANTIGENE DA PARTE DELL’MHC DI CLASSE I

27 PRESENTAZIONE DELL’ANTIGENE DA PARTE DELL’MHC DI CLASSE II

28 TCR CD3 CD28 CD4 T H Cell MHC II CD40 MM IL-2 R IL-2 Cell Division Thomas F. Lint, Ph.D. Rush Medical College CD40L B7 IFN  IL-1 IL-6 TNF 

29 Aberrant Signaling: Oncogenesis  Attivazione inappropriata di cellule T o B può contribuire alla oncogenesi (richiede ulteriori eventi) -HTLV Tax induce NF-kB, che induce IL-2 e IL-2R -Mutationi di NF-kB in cellule T e B provoca linfomi -Lck è un oncogene delle cellule T, quando è attivato provoca alcune leucemie e linfomi uiani -EBV mima l’attivazione di CD40, induce attivazione sostenuta di cell B cell e la loro trasformazione -NF-kB attivazione/mutazione di NF-kB in alcuni tumori - Zap-70 è attivato in leucemia linfatica cronica delle cell B  Attivazione inappropriata di cellule T o B può contribuire alla oncogenesi (richiede ulteriori eventi) -HTLV Tax induce NF-kB, che induce IL-2 e IL-2R -Mutationi di NF-kB in cellule T e B provoca linfomi -Lck è un oncogene delle cellule T, quando è attivato provoca alcune leucemie e linfomi uiani -EBV mima l’attivazione di CD40, induce attivazione sostenuta di cell B cell e la loro trasformazione -NF-kB attivazione/mutazione di NF-kB in alcuni tumori - Zap-70 è attivato in leucemia linfatica cronica delle cell B

30  Mutazioni nei componenti del segnalamento possono portare a immunodeficenze ereditarie – B cells: Agammaglobulinemia legata al sesso conosciuta anche con il nome di SINDROME DI BRUTON. Colpisce i maschi in età infantile, nei bambini di circa 5 mesi. Rara, con incidenza 1 su individui di sesso maschile nati vivi. – Perdita di maturazione dei B  T cell difetti di attivazione: – La sindrome di Wiskott-Aldrich: rara malattia ereditaria recessiva legata al cromosoma X dovuta a mutazioni del gene che codifica per una proteina del citoscheletro, detta WASP e quindi difetti nella cooperazione T-B; essendo legata al cromosoma X colpisce solo pazienti di sesso maschile, tipicamente in età infantile. La sua incidenza è 1 su maschi nati vivi. – Mutazioni in CD3  e CD3  – Mutazioni in Zap-70 – Failure to synthesize IL-2 – X-linked SCID: IL-2R  difetti  Mutazioni nei componenti del segnalamento possono portare a immunodeficenze ereditarie – B cells: Agammaglobulinemia legata al sesso conosciuta anche con il nome di SINDROME DI BRUTON. Colpisce i maschi in età infantile, nei bambini di circa 5 mesi. Rara, con incidenza 1 su individui di sesso maschile nati vivi. – Perdita di maturazione dei B  T cell difetti di attivazione: – La sindrome di Wiskott-Aldrich: rara malattia ereditaria recessiva legata al cromosoma X dovuta a mutazioni del gene che codifica per una proteina del citoscheletro, detta WASP e quindi difetti nella cooperazione T-B; essendo legata al cromosoma X colpisce solo pazienti di sesso maschile, tipicamente in età infantile. La sua incidenza è 1 su maschi nati vivi. – Mutazioni in CD3  e CD3  – Mutazioni in Zap-70 – Failure to synthesize IL-2 – X-linked SCID: IL-2R  difetti

31 Inhibiting T cell Activation: Immunosuppresive Therapy  Surface directed – Antibodies against key components – Anti-CD3-T cell depletion: for organ transplant – Anti-CD4: T cell depletion: autoimmune disease (psoriasis) and organ transplants – CTLA-4 Ig: blocks CD28 engagement; early human trials – Altered peptide ligands for tolerization (autoimmunity): MS, allergies  Surface directed – Antibodies against key components – Anti-CD3-T cell depletion: for organ transplant – Anti-CD4: T cell depletion: autoimmune disease (psoriasis) and organ transplants – CTLA-4 Ig: blocks CD28 engagement; early human trials – Altered peptide ligands for tolerization (autoimmunity): MS, allergies

32 Inhibiting T cell Activation: Immunosuppresive Therapy  Signaling – Calcineurin and NFAT – Cyclosporin and tacrolimus (FK506): organ transplants, dermatitis, autoimmune disease – Complex with cyclophilin that inhibit calcineurin – Rapamycin – Organ transplants – blocks mTOR, kinase involved in regulating cell growth and proliferation, downstream of IL-2 receptor – NF-  B inhibition – Glucocorticoids (also block AP-1) – Experimental drugs as IKK or proteosome inhibitors  Signaling – Calcineurin and NFAT – Cyclosporin and tacrolimus (FK506): organ transplants, dermatitis, autoimmune disease – Complex with cyclophilin that inhibit calcineurin – Rapamycin – Organ transplants – blocks mTOR, kinase involved in regulating cell growth and proliferation, downstream of IL-2 receptor – NF-  B inhibition – Glucocorticoids (also block AP-1) – Experimental drugs as IKK or proteosome inhibitors


Scaricare ppt "2/9/04 T-cell Receptor I linfociti T Le cellule T sono responsabili della risposta immunitaria acquisita cellulo mediata. Hanno un recettore specifico."

Presentazioni simili


Annunci Google