La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IPERSENSIBILITA' DI III TIPO. Tipi di malattie mediati da anticorpi Reaz. immunopat. di tipo II Anticorpi si legano specificamente ad antigeni tissutali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IPERSENSIBILITA' DI III TIPO. Tipi di malattie mediati da anticorpi Reaz. immunopat. di tipo II Anticorpi si legano specificamente ad antigeni tissutali."— Transcript della presentazione:

1 IPERSENSIBILITA' DI III TIPO

2 Tipi di malattie mediati da anticorpi Reaz. immunopat. di tipo II Anticorpi si legano specificamente ad antigeni tissutali (A)(reazione di tipo II), oppure si depositano in forma di immunocomplessi formatisi in circolo (B)(reazione di tipo III). In ambedue i casi, gli anticorpi depositati inducono infiammazione e conseguente danno al tessuto

3 Tipi di malattie mediati da anticorpi Reaz. immunopat. di tipo III

4 Ipersensibilità di tipo III o da immuno- complessi La reazione tra antigeni solubili e relativi anticorpi determina la formazione di complessi immuni I complessi immuni si depositano in sede anomala (parete arterie, glomerulo renale, cute) Si formano in corso di malattie autoimmuni Es.: LES o artrite reumatoide.

5 Mediante la attivazione del complemento si ha il rilascio di sottoprodotti (C3a, C5a) che attivano i neutrofili

6 © 2005 Elsevier La formazione degli IC (ImmunoComplessi) avviene nel sangue. Quelli che non vengono eliminati dai fagociti monociti tendono a depositarsi sulle pareti dei vasi e le membrane basali. La deposizione degli IC sulla parete del vaso induce aggregazione piastrinica e attivazione del complemento. Le piastrine aggregate formano microtrombi sul collagene esposto dalla membrana basale dell'endotelio. I neutrofili sono attratti al sito da prodotti del complemento, ma non possono fagocitare gli IC. Pertanto rilasciano all'esterno gli enzimi lisosomiali che vanno a procurare ulteriore danno alla parete vascolare.

7 Gli IC residui, intrappolati dalle cellule della parete vasale, diventano responsabili di una reazione infiammatoria mediante: a. attivazione per via classica del complemento, con formazione di C3a e C5a b. attivazione dei macrofagi, causata dalla interazione tra i frammenti Fc degli anticorpi presenti negli IC e i relativi recettori con conseguente liberazione di citochine proflogistiche. Queste richiamano sul posto i neutrofili che liberano enzimi lisosomiali che amplificano la reazione fino a determinare necrosi tessutale

8 Forme cliniche da reazioni immunopatogene di III tipo Artrite reumatoide

9 Lupus Eritematoso Sistemico Mal autoimmune sistemica, caratterizzata dalla produzione di numerosi autoanticorpi, in particolare verso costituenti del nucleo (anticorpi anti-nucleo)

10 Lupus Eritematoso Sistemico Età anni (90 % donne) In infanzia e > 65 anni F:M 2:1 Incidenza 2-8 x Prevalenza x

11 LES: eritema a farfalla

12 Deposito glomerulare di Ig (colorate in immunofluorescenza)

13 Ruolo degli autoanticorpi nella patologia lupica Si legano ad antigeni di superficie: –globuli rossi: anemia emolitica –piastrine: trombocitopenia autoimmune –neutrofili e linfociti: leucopenia Formano immunocomplessi: –DNA-antiDNA nefrite lupica –vasculite –artrite

14 Ruolo degli autoanticorpi nella patologia lupica Autoanticorpi con meccanismo patogenetico non chiarito: –anticorpi anti-fosfolipidi (LAC, ACA): trombosi –anti-SSA: fotosensibilità, rash, LES neonatale

15 La glomerulonefrite da IC IC formati in seguito alla interazione tra antigeni streptococcici e relativi anticorpi, vengono bloccati in corrispondenza dei capillari glomerulari, dove generano un processo infiammatorio che può culminare in insufficienza renale. La malattia interviene in soggetti che hanno subito in precedenza una infezione a carico delle vie respiratorie superiori sostenuta da ceppi nefritogeni dello streptococco beta-emolitico di gruppo A.

16 La malattia da siero (serum sickness) Si manifesta dopo 7-10 giorni dalla inoculazione in dose massiva di siero eterologo. Questa inoculazione è stata per molto tempo in uso ed eseguita con siero iperimmune di cavallo nella profilassi e nella terapia di diverse malattie infettive, causate da germi produttori di esotossine. Si formano numerosi IC in eccesso di Ag. Questi si depositano nei piccoli vasi dei reni, cuore, polmone, cute, articolazioni determinando la produzione di vasculiti e, più in generale, di processi infiammatori.

17

18 Artrite reumatoide Malattia cronica multisistemica caratterizzata da sinovite persistente, di solito delle articolazioni periferiche, colpite in modo simmetrico.

19 Associazione AR e alleli MHC La malattia colpisce preferenzialmente soggetti con aplotipo DRB1*0401 e DRB1*0404 Capacità di presentare meglio l’antigene eziologicamente importante (es batteri, virus) Selezione timica di cloni auto-reattivi o cross- reattivi con antigeni microbici

20 Biopsia sinoviale in AR: proliferazione di cellule sinoviali, accumulo di mononucleati in sede subsinoviale, alterazione cellule endoteliali

21 Tumefazione delle metacarpofalangee e atrofia lieve degli interossei.

22 Piedi in AR

23 Mani reumatoidi

24 Caratteristiche cliniche di AR Sintomi: –tumefazione articolare –dolore, rigidità mattutina –astenia, malessere, febbricola –perdita di peso –depressione –deformità articolare Es. Ob. articolare: –dolenzia alla palpazione –ispessimento sinoviale –versamento (inizio) –  motilità –anchilosi (tardiva)

25 Coinvolgimento extra-articolare in AR Cute: noduli Occhi: cheratocongiuntivite secca Respiratorio: fibrosi, noduli, versamento pleurico Cuore: pericardite SN: tunnel carpale, mielopatia cervicale Sangue: anemia, piastrinosi, leucocitosi Adenopatia, splenomegalia Vasculite

26 Fattori prognostici negativi nell’AR RF HLA DR4 Sviluppo precoce di erosioni ossee N° di articolazioni colpite Invalidità precoce Età avanzata Basso livello economico e di istruzione Coinvolgimento extra- articolare

27 Condizioni nelle quali il FR può essere presente Malattie infiammatorie (AR, Sjögren, LES, crioglobulinemia, SSc, miositi) Malattie infettive (endocardite batterica, tbc, lebbra, sifilide, epatite, EBV) Malattie linfoproliferative 2 % della popolazione > 65 a

28 Ipersensibiltà di tipo IV o ritardata o cellulo-mediata

29 E’ definita ritardata perche si manifesta dopo dall’esposizione all’antigene. E’ mediata da macrofagi, monociti, linfociti TH e CTL.

30 Le reazioni di IV tipo constano di 3 fasi:

31 La fase afferente o di sensibilizzazione: è determinata

32

33 Fase di scatenamento

34 Fase di scatenamento (contn.)

35 La fase di risoluzione

36 Sono antigeni sensibilizzanti: Un esempio di utilizzazione diagnostica delle reazioni di ipersensibilità ritardata è dato dalla reazione alla tubercolina

37

38 Figure 26.2 (1) The eczematous area at the wrist is due to sensitivity to nickel in the watch-strap buckle. (2) The suspected allergy may be confirmed by applying potential allergens, in the relevant concentrations and vehicles, to the patient's upper back (patch testing). A positive reaction causes a localized area of eczema at the site of the offending allergen 2-4 days after application.

39 Ipersensibiltà di tipo V o stimolatoria In questo caso gli anticorpi non hanno azione citotossica ma attivano la cellula bersaglio. Si ritrovano nella tireotossicosi o malattia di Basedov-Greaves.

40

41 Caratteristiche immunologiche del m. di Basedow Presenza di autoanticorpi (antirecettore ad azione stimolante) Infiltrato di CD4+ della tiroide Aumentata espressione tiroidea di molecole MHC class II, specie HLA-DR Stimolazione locale dei CD4+ e riconoscimento di antigeni tiroidei

42 Downloaded from: StudentConsult (on 11 May :29 PM) © 2005 Elsevier

43

44 Reazioni inibitorie di VII tipo (contn.)

45

46 Caratteristiche immunologiche della tiroidite di Hashimoto (ipotiroidismo) Anticorpi anti perossidasi (TPO) e anti tireoglobulina (TGB)  helper e citotossici Espressione di antigeni MHC class II Riconoscimento di antigeni tiroidei da parte dei T linfociti

47 Apoptosi dei tireociti nella tiroidite di Hashimoto ( con la colorazione ApopTag i frammenti di DNA si colorano in marrone )


Scaricare ppt "IPERSENSIBILITA' DI III TIPO. Tipi di malattie mediati da anticorpi Reaz. immunopat. di tipo II Anticorpi si legano specificamente ad antigeni tissutali."

Presentazioni simili


Annunci Google