La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Programma Operativo Nazionale - Competenze per lo Sviluppo 2007-2013 Due nuove esperienze di formazione: la didattica delle lingue straniere e la didattica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Programma Operativo Nazionale - Competenze per lo Sviluppo 2007-2013 Due nuove esperienze di formazione: la didattica delle lingue straniere e la didattica."— Transcript della presentazione:

1 Programma Operativo Nazionale - Competenze per lo Sviluppo Due nuove esperienze di formazione: la didattica delle lingue straniere e la didattica delle scienze a cura di Serena Goracci e Valentina Toci

2 I focus della formazione PON 1.rinnovamento dei fondamenti della didattica disciplinare 2.sperimentazione in classe ricerca-azione 3.riflessione sulla professione docente 4.Collaborazione fra pari comunità di pratiche Incidere sulle COMPETENZE degli STUDENTI

3 Modalità di lavoro I progetti PON implicano momenti di riflessione individuale e cooperative learning fra corsisti finalizzate ad un cambiamento nella didattica quotidiana; il processo formativo e sempre è supportato dal tutor. riflessione individuale cooperative learning Cambiamento nella didattica quotidiana Supporto tutor Fondamenti del progetto: -Didattica collaborativa - Learning by doing - Ricerca azione - Supporto tutor

4 La formazione dei docenti IV fase: RESTITUZIONE I fase: ANALISI E AUTOANALISI II fase: SCELTA E APPROFONDIMEN TO DEI PERCORSI III fase: SPERIMENTAZIONE IN CLASSE TUTOR CORSISTA

5 Analisi Fasi della formazione: la linea temporale Sperimentazione Approfondimento 70/80 ore on line + 20/30 in presenza da febbraio a giugno 2010 Restituzione

6 I tutor vengono formati su contenuti e metodologia in un seminario iniziale in presenza anche con il supporto degli esperti Una figura chiave: il tutor

7 La formazione prosegue in rete con sincroni e forum dedicati… Una figura chiave: il tutor

8 Lambiente di lavoro on line per lapprofondimento disciplinare Percorsi didattici e unità teoriche per lo studio e lapprofondimen to Supporto continuo degli esperti tramite video, chat audio-video, forum

9 Utilizzo della multimedialità per visualizzare le proposte didattiche Simulazioni interattiveVideoLezioni Immagini esplicativeSchemi e mappe concettuali

10 Lambiente di lavoro on line per la progettazione e la riflessione condivisa XXX Maria Rossi Strumenti per organizzare, comunicare, condividere, collaborare, archiviare

11 Una testimonianza diretta…..

12 Una nuova formazione nazionale:

13 Nella classifica dei 57 paesi su cui lindagine si è stesa, veniamo dopo lEstonia, la Slovacchia, Macao, Taipei, la Croazia, la Polonia. In scienze i nostri studenti si collocano al 36° posto. In quella sullitaliano terzultimi, in matematica penultimi. In realtà la ricerca Pisa non misura il «profitto», in senso stretto, ma la facoltà di «problem solving»: di tradurre cioè le conoscenze in soluzioni di fronte a dei problemi. Esiti indagine OCSE P isa 2006

14 Criteri e orientamenti 1.La costruzione dei significati – metodo basato sull investigazione (Inquiry Based Science Education) accompagnata da riflessioni critiche e metacognitive – efficace soprattutto con i livelli bassi 2.Contesti di senso che coinvolgano anche la sfera emotiva e attivino, ai fini dell'apprendimento, il forte legame tra i concetti scientifici e il linguaggio 3.Laboratorio come spazio fisico e mentale che colleghi l'apprendimento scolastico con gli episodi della vita quotidiana 4.La prospettiva storica della scienza fa sì che i concetti non siano presi come assoluti ma come una faticosa conquista dellessere umano 5.Leducazione allo sviluppo sostenibile perché la scienza sia vista nelle sue relazioni interne alla società degli uomini 6.La valutazione come momento imprescindibile di riflessione sul processo di insegnamento- apprendimento

15 Conoscenza della scienza: gli organizzatori concettuali Conoscenza sulla scienza: come procede e come cambia Motivazione e coinvolgimenti: 1.Didattica laboratoriale 2.Collegamento con il territorio Contesti di vita reali Il processo di apprendimento Competenze: 1. individuare questioni di carattere scientifico; 2. dare ai fenomeni una spiegazione scientifica 3. usare prove basate su dati scientifici

16 Mappa dei contenuti

17 23 PERCORSI Le unità teoriche sono organizzate intorno alle idee fondanti che stanno alla base dei percorsi. Hanno come obiettivo di sviluppare o aggiornare le conoscenze del docente in formazione 15 UNITA TEORICHE I percorsi di lavoro prevedono una progettazione didattica da parte dellinsegnante ed hanno come obiettivo finale non solo lo sviluppo di competenze professionali nei docenti ma anche di conoscenze e competenze negli studenti 20 test di valutazione Approfondire… Studiare… Aggiornarsi… Progettare… Provare… valutare… Incontri periodici a distanza con esperti e autori

18 Architettura e connessioni STORIA Un percorso di storia della scienza: quanto è grande la terra? Paolo Del Santo Non sempre due lenti fanno un paio di occhiali Paolo del santo Un nuovo approccio: l'uso della storia della scienza nella didattica – Franco Giudice Tra cielo e terra Angela De Vitto ALZIAMO GLI OCCHI AL CIELO P. Catalani, P. Mesturini, A. Salomone Luniverso in una stanzaLuniverso in una stanza - Fabio Falchi Eppur si muove Eppur si muove - Fabio Falchi "Il pugno di terra sulla Terra: geostrutture e modelli di paesaggio" Vincenzo Boccardi e Emanuele Piccioni PERCORSI "In un pugno di terra: i piccoli materiali della Terra" Vincenzo Boccardi e Emanuele Piccioni ESS Sostenibilità e... - Antonella Bachiorri UT Educazione alla sostenibilità - Antonella Bachiorri UNITA TEORICHE Valutazione Valutazione degli apprendimenti - Michela Mayer Costruzione di prove per la valutazione sommativaCostruzione di prove per la valutazione sommativa - Elisabetta Caroti e Laura Cassata Un laboratorio per tutti: il cielo Fabio Falchi Cosè la terra: composizione dello strato superficiale del terreno… Emanuele Piccioni PRESENTAZIONE VIDEO A cura dellesperto

19

20 La proposta di didattica laboratoriale Link alla risorsa

21 I processi innescati

22 Una nuova formazione nazionale: Area Lingue straniere

23 Piano dAzione : Piano dAzione : Promuovere l'apprendimento delle lingue e la diversità linguistica 1995, il Libro Bianco su Istruzione e Formazione: insegnare e apprendere. Verso la società conoscitiva (pag. 47) invitava ogni cittadino europeo ad apprendere precocemente 2 lingue comunitarieLibro Bianco su Istruzione e Formazione: insegnare e apprendere. Verso la società conoscitiva Apprendimento delle Lingue Multilinguismo: migliorare la comprensione reciproca e la comunicazione e rappresenta una ricchezza sociale ed economica. 2002: Consiglio europeo di Barcellona del marzo 2002, promuove l'insegnamento di almeno due lingue straniere sin dallinfanzia.Consiglio europeo di Barcellona del marzo /11/ 2005, Commissione europea emana il primo documento ufficiale Un nuovo quadro strategico per il multilinguismo:Un nuovo quadro strategico per il multilinguismo: - sottolineare l'importante ruolo svolto dalle lingue e dal multilinguismo nell'economia europea, e trovare il modo di sviluppare ulteriormente questo ruolo; - incoraggiare tutti i cittadini a imparare e parlare più lingue, per migliorare la comprensione reciproca e la comunicazione Comunicazione commissione europea Comunicazione commissione europea - comunicazione (COM : 18 settembre 2008) del Commissario per il Multilinguismo, Leonard Orban 2004/6

24 Migliori opportunità di comunicazione, inclusione, occupazione e attività economica Conclusioni del Consiglio del 12 maggio 2009 su un quadro strategico per la cooperazione europea nel settore dell'istruzione e della formazione (ET 2020): per promuovere lapprendimento delle lingue nel settore dellistruzione e formazione professionale e degli adulti.

25 - 6 italiani su 10 NON sono in grado di sostenere una conversazione in una lingua straniera - Italia al 3°ultimo posto per capacità linguistiche - dal 2001 al 2006 diminuiti gli italiani in grado di sostenere una conversazione in una lingua straniera dal 46% al 41% rispetto a una media UE del 50% Fonte Eurobarometro Lingue straniere in Italia

26 PIANO: LINGUA LETTERATURA E CULTURA IN UNA DIMENSIONE EUROPEA Quadro comune europeo di riferimento (QCER) European Portfolio for student Teachers of languages (EPOSTL) Portfolio europeo delle lingue European Profile for Language Teacher Education (Kelly) Life long learning Raccomandazione del parlamento e consiglio europeo (2006)

27 European Profile for Language Teacher Education (Kelly) Raccomandazione del parlamento e consiglio europeo (2006) Piano dAzione : Promuovere l'apprendimento delle lingue e la diversità linguistica II: competenza: comunicazione in LS VI: competenze sociali e civiche pratica/metodologia, progettazione, osservazione,sviluppo pratica riflessiva e autovalutativa Nuovi contesti e modalità di insegnamento e apprendimento: ICT, Internet,glottotecnologie Riferimenti:

28 Quadro comune europeo di riferimento (QCER) Riferimenti: Promuove competenza plurilingue e pluriculturale cioè lo sviluppo di competenze linguistiche e culturali trasversali comuni, tra la lingua materna e le lingue straniere che si studiano. Come incentivare le competenze degli allievi. Scegliere: - i diversi tipi di testo in base agli obiettivi di apprendimento -materiale adatto alle abilità di ascolto/parlato -aiutare la classe nella produzione, ricezione, interazione dei testi scritti. La didattica del Task

29 European Portfolio for student Teachers of languages (EPOSTL- 2007) Portfolio europeo delle lingue Riflessione, valutazione ed autovalutazione per il docente e lallievo: instaurare processi che promuovano Life long learning Riferimenti:

30 European Profile for. Language Teacher. Education. Michael Kelly Life long learning

31 totale 21 percorsi totale 27 percorsi Enti culturali AUTORI….

32 Enti culturali Rete e Life long learning

33 Ambiente

34 Percorso: articolazione

35 Percorso: sperimentazione e innovazione

36 Percorso: sperimentazione e supporto tutor

37 Percorso: riflessione e autovalutazione

38 Conclusioni finali…dai nostri utenti:


Scaricare ppt "Programma Operativo Nazionale - Competenze per lo Sviluppo 2007-2013 Due nuove esperienze di formazione: la didattica delle lingue straniere e la didattica."

Presentazioni simili


Annunci Google