La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Esecuzioni immobiliari … dopo la vendita PIANO DI RIPARTO Tribunale Civile e Penale di Torino 15 febbraio 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Esecuzioni immobiliari … dopo la vendita PIANO DI RIPARTO Tribunale Civile e Penale di Torino 15 febbraio 2008."— Transcript della presentazione:

1 1 Esecuzioni immobiliari … dopo la vendita PIANO DI RIPARTO Tribunale Civile e Penale di Torino 15 febbraio 2008

2 2 1° STEP Individuazione delle singole masse: Se vi sono più immobili allinterno di una singola procedura occorre preliminarmente individuare le singole masse in funzione delle quali si svilupperà il progetto di distribuzione in base al concorso diversificato dei gruppi di creditori per ciascuna massa. In linea generale si consideri: 1 immobile = 1 massa Si accorpano in ununica massa quei beni sui quali concorra lo stesso gruppo di creditori. Per individuare quali creditori concorrano sui diversi beni occorre fare riferimento al pignoramento e/o agli atti dintervento.

3 3 Esempio n. 1 I creditori A, B e C concorrono con un privilegio speciale sullimmobile 1 e contemporaneamente concorrono, in via chirografaria, sullimmobile 2; I creditori A e B inoltre vantano anche un credito chirografario sullimmobile 3, mentre il creditore C non vanta alcun credito su detto immobile; Il piano di riparto che si dovrà andare a predisporre dovrà tener conto delle seguenti masse: –massa X = costituita dagli immobili 1 e 2; –massa Y = costituita dallimmobile 3.

4 4 ATTENZIONE: Il pignoramento (ex art. 555 c.p.c.): indica sempre un determinato bene. Latto dintervento (ex art. 563 c.p.c.): se non contiene alcuna indicazione specifica in merito ai beni, facendo invece generico riferimento o allatto di pignoramento o al procedimento, si considererà come relativo ai ricavi di tutti i beni presenti nelle procedura al momento dellintervento, fatta eccezione per lordine dato dalle cause di prelazione.

5 5 Casi particolari Caso 1: riunione di procedure successiva ai pignoramenti e agli interventi. I pignoramenti e gli atti di intervento presenti al momento della riunione delle procedure non si estendono ai beni delle rispettive altre procedure riunite, sempre che non fossero già stati comuni alle esecuzioni ante riunione. Ciò significa che i creditori pignoranti o intervenuti in una delle procedure, ante riunione, per poter concorrere anche sui beni non compresi nelloriginaria procedura, dovranno, qualora lo ritengano, fare formale atto di intervento chiedendo di soddisfarsi sul ricavato degli altri beni (il loro intervento sarà tempestivo ovvero tardivo a seconda della fase in cui andranno a depositare latto). Lintervento rappresenta infatti la domanda satisfattoria avanzata dal creditore con riferimento al bene patrimoniale pignorato nel procedimento affetto dallintervento stesso.

6 6 Casi particolari Caso 2: interventi successivi alla riunione. Tali interventi, salva diversa indicazione, sono validi per partecipare alla distribuzione del ricavato di ogni bene presente nelle procedure riunite, questo perché la domanda satisfattoria, ove non contenga restrizioni, è da riferire implicitamente a tutti i beni costituenti il compendio pignorato complessivo.

7 7 2° STEP DETERMINAZIONE DELLE SOMME NETTE RICAVATE –Si sommino al prezzo di aggiudicazione gli eventuali frutti civili riscossi: interessi maturati sulla somma depositata dallaggiudicatario, eventuali rendite percepite e depositate dal custode giudiziale che derivano dallamministrazione dellimmobile pignorato, art.2912 c.c.). Il custode deve avere già reso il conto finale della sua gestione. In caso contrario il Delegato deve sollecitarne il deposito presso di sé ed allegarlo al progetto di distribuzione. Nel conteggio si dovrà anche tener conto delle somme già corrisposte dallaggiudicatario, ai sensi dellart.41 T.U. Legge Bancaria, agli Istituti di Credito Fondiario. –Nel caso in cui vi sia una pluralità di debitori, comproprietari dellimmobile oggetto del pignoramento, si dovrà suddividere il ricavato, formando una singola massa per ogni debitore (esempio n. 2).

8 8 Esempio n. 2 Ricavato dalla vendita: ,00 Immobile pignorato Debitore A comproprietario al 50% Debitore B comproprietario al 50% CreditoreTipologiaDebitore ALFAProcedenteA e B BETAIntervenutoSolo A GAMMAIntervenutoSolo B DELTAIntervenutoA e B

9 9 Esempio n. 2 continuazione Ricavato della vendita ,00 Massa Debitore A: ,00 Massa Debitore B: ,00 Tipologia creditore/ MasseMassa Debitore AMassa Debitore B ALFA procedentexx BETA intervenutox GAMMA intervenutox DELTA intervenutoxx

10 10 3° STEP Detrazione delle somme da distribuire in prededuzione Sono spese per atti conservativi o di esecuzione sostenute nella procedura esecutiva in corso, generalmente erogate direttamente dalla procedura, o anticipate dal creditore (anche se chirografario) o dallaggiudicatario e non ancora rimborsate: le spese di custodia e lonorario del custode; le spese per la stima e lonorario del perito stimatore; le spese per la pubblicità, anche se anticipate dal creditore; eventuali spese di manutenzione e conservazione del bene.

11 11 4° STEP Collocazione dei crediti privilegiati ex art.2770 c.c. Trattasi di spese per atti conservativi e di esecuzione sostenute in altre e diverse procedure esecutive rispetto a quella in corso (devono essere comunque procedimenti giudiziali). Devono avere avvantaggiato tutti i creditori Ex art.2777 comma I c.c. sono collocati con preferenza su ogni altro credito, anche ipotecario SI: - spese del 1° pignoramento fruttuoso (anche posteriore alliscrizione di ipoteca), compresa la notifica del precetto -spese del 1° creditore istante il fallimento -spese di giustizia conservative della garanzia patrimoniale (art.2740 c.c.) o di realizzo coattivo dei beni (art.2910 c.c.) -spese di giustizia per azioni surrogatorie (art.2900 c.c.) e revocatorie (art.2901 c.c.) -spese per sequestro conservativo se anteriore al pignoramento (art.671 cpc) -spese per giudizi di divisione necessari allesecuzione su beni indivisi -Spese per giudizi di opposizione allesecuzione, limitatamente alle eccezioni concernenti la proprietà o pignorabilità dei beni.

12 12 4) crediti privilegiati ex art.2770 c.c. NO: -spese di accertamento del credito -spese di giudizio di simulazione assoluta della vendita di un bene da parte del debitore -spese per iscrizione di ipoteca giudiziale -spese del giudizio di merito anteriore o posteriore alla concessione del sequestro conservativo -spese per sequestro convenzionale ex art.1798 cc -spese per pignoramenti negativi (trascrizione errata o notifiche non andate a buon fine; vanno al chirografo) -spese per pignoramenti che abbiano perduto efficacia prima dellinizio della procedura -spese per pignoramenti su beni già pignorati -spese per intervento ex art.2749 e 2855 c.c.

13 13 5° STEP Collocazione crediti privilegiati ex leggi speciali Ai sensi dellart.2777 III comma c.c., sono SEMPRE POSPOSTI al privilegio per SPESE di GIUSTIZIA ed ai PRIVILEGI ex art.2751BIS C.C. E necessario consultare la legge istitutiva del privilegio, per valutare disposizioni particolari attinenti i rapporti con i crediti ipotecari

14 14 6° STEP Collocazione crediti privilegiati ex artt. da 2771 a 2775 bis c.c. Per lordine di prelazione, allinterno della categoria vedasi art.2780 c.c. ad esempio Tributi diretti:Irpef, Ires, (in passato anche Ilor) limitatamente alla quota dimposta imputabile ai redditi immobiliari (art.2771 c.c.). Limitato alle imposte iscritte nei ruoli posti in riscossione nellanno in cui si procede ad esecuzione ed in quello precedente (per dettagli ulteriori si rinvia al c.c.). Escluse soprattasse. Sono tributi maturati in occasione di precedenti vendite se impagati e se vi sia stato lintervento del Concessionario per la riscossione Tributi. Tributi indiretti (art.2772 c.c.): Imposta di registro, tassa di successione, imposte catastali e ipotecarie, Iva relativa alla cessione dellimmobile, in caso di responsabilità solidale del cessionario, nel caso in cui sia richiesta allacquirente per mancato pagamento da parte del venditore. Sono tributi maturati in occasione di precedenti vendite se impagati e se vi sia stato lintervento del Concessionario per la riscossione Tributi. Inclusi interessi. Incluse soprattasse per IVA. Crediti per concessione di acque (art.2774 c.c.) e per contributi per opere di bonifica e miglioramento (art.2775 c.c.). Crediti vantati dal promissario acquirente dellimmobile oggetto di esecuzione (art.2775bis c.c.) per la mancata esecuzione del contratto preliminare di compravendita (crediti per la restituzione delle somme versate in acconto, per il pagamento del doppio della caparra o per risarcimento per danni nonché quelli per le spese giudiziali conseguenti alla necessità di far valere linadempimento).

15 15 Art.2748 comma 2 c.c. Rapporti tra crediti privilegiati e ipotecari Se la legge non dispone diversamente, i creditori che hanno privilegio sui beni immobili sono preferiti ai creditori ipotecari

16 16 Art.2749 c.c. Estensione del privilegio (ex artt. da 2771 a 2775 bis c.c.) Il privilegio del credito principale si estende anche a: Spese ordinarie di intervento nella proc.esec. (compresi onorario avvocato) Interessi convenzionali per lanno in corso alla data del pignoramento e per quello anteriore Interessi legali maturati dopo lanno in corso alla data del pignoramento

17 17 7° STEP Collocazione crediti ipotecari ATTENZIONE: Ipoteca volontaria=legale=giudiziale (ai fini del grado) non danno luogo alla prelazione le ipoteche iscritte dopo il pignoramento ( art c.c. )., né quelle per le quali siano trascorsi 20 anni dalla loro iscrizione, salva tempestiva rinnovazione. ESTENSIONE della PRELAZIONE (art c.c.) per le spese dellatto di costituzione di ipoteca, quelle delliscrizione e rinnovazione e quelle ordinarie occorrenti per lintervento nel processo di esecuzione. Per il credito di maggiori spese giudiziali le parti possono estendere lipoteca con patto espresso, purché sia presa la corrispondente iscrizione. Per gli interessi convenzionali dovuti, purché ne sia enunciata la misura nelliscrizione. La collocazione degli interessi è limitata alle due annate anteriori a quella in corso al giorno del pignoramento, ancorché sia stata pattuita lestensione a un maggior numero di annualità; le iscrizioni particolari prese per altri arretrati hanno effetto dalla loro data. per gli interessi maturati dopo il compimento dellannata in corso alla data del pignoramento, però soltanto nella misura legale e fino alla data della vendita.

18 18 Sono quindi considerati crediti assistiti dal privilegio ipotecario : 1.il capitale iscritto nei limiti del credito effettivamente esistente, comprensivo di interessi maturati fino al momento delliscrizione; 2.le spese per latto di costituzione di ipoteca volontaria, non sono comprese entro questa categoria le spese sostenute per la stipula del contratto di mutuo anche se stipulato contestualmente alla costituzione di ipoteca, (in tale eventualità di dovrà determinare la parte riferita alla concessione di ipoteca); 3.le spese di iscrizione (imposta ipotecaria, spese per copie, etc…) e rinnovazione di ipoteca; 4.le spese ordinarie del processo esecutivo (spese legali sostenute nel corso del processo esecutivo eventualmente liquidate dal giudice); 5.gli interessi convenzionali maturati nellanno in corso alla data del pignoramento e nel biennio anteriore, ma solo se enunciati nelliscrizione e nei limiti di tale enunciazione; 6.gli interessi legali dal primo giorno successivo al termine dellanno in corso alla data del pignoramento e sino alla vendita (data del deposito del decreto di trasferimento).

19 19 Le spese di cui ai punti 2, 3 e 4 si devono ritenere comprese nel totale iscritto non andando ad aggiungersi al totale delliscrizione. Quelle che eccedono il totale garantito dovranno essere considerate al chirografo. Per quanto concerne lestensione dellipoteca agli interessi è da segnalare che il limite dei tre anni determinato dalla norma è riferito solo agli interessi futuri, non ancora maturati alla data delliscrizione di ipoteca e non gli stessi già scaduti alla data di iscrizione purché indicati nel valore garantito. NB: Sono garantiti dal privilegio ipotecario i soli interessi iscritti ovvero gli interessi stabiliti tramite lindicazione del tasso o del criterio di calcolo che risultano dalla nota di iscrizione ipotecaria. Nel caso in cui tale criterio non emergesse dalla nota di trascrizione o fossero richiesti, sulla base del titolo, interessi maggiori rispetto a quelli risultanti dalla nota di trascrizione essi dovranno essere considerati come crediti chirografari.

20 20 Non sono considerati crediti assistiti da privilegio ipotecario: le spese concernenti la formazione dellatto costitutivo del credito, come ad es. il contratto di concessione di mutuo, fatta eccezione per il caso di patto espresso contrario ed autonoma iscrizione; le spese per lemissione e la registrazione del decreto ingiuntivo o della sentenza, fatta eccezione per loro specifica iscrizione; le spese per latto da cui deriva leventuale ipoteca legale, come latto di compravendita; gli interessi maturati anteriormente al biennio.

21 21 Nozione di anno in corso alla data del pignoramento e relativo biennio: Lanno in corso alla data del pignoramento non è lanno solare, ma esso deve essere determinato nel seguente modo: a) determinare la data di decorrenza degli interessi del debito: - per debiti da mutuo: la data contrattualmente prevista; - nel caso di debiti accertati giudizialmente: la data della mora indicata nella sentenza ovvero in sua mancanza la data di pubblicazione del provvedimento (D.I. o sentenza); b) aggiungere alla data di decorrenza del debito un anno per tante volte fino a che sia superata la data del pignoramento: la risultante sarà una data che corrisponderà al punto C; c) sottrarre un anno dalla data individuata al punto C andando a trovare la data che verrà chiamata punto B e da questo momento inizia lanno in corso; d) sottrarre due anni dalla data che corrisponde al punto B fino a trovare la data che convenzionalmente sarà chiamata punto A. Gli interessi maturati dalla data di cui al punto A e fino alla data di cui al punto C saranno da collocarsi al privilegio, al tasso convenzionale; gli interessi maturati anteriormente alla data di cui al punto A sono da considerare crediti chirografari.

22 22 Pignoramento: ; mutuo con rate semestrali, decorrenza contrattuale: Esempio n. 3

23 23 Esempio n. 4 Pignoramento in data ; decreto ingiuntivo in data ; iscrizione ipoteca in data

24 24 Particolarità concernenti lapplicazione dellart c.c. nei casi di contratti di mutuo con pagamento rateale: Nella maggior parte dei casi i contratti di mutuo prevedono la restituzione delle somme mediante rate periodiche, composte da quota capitale e quota interessi quindi le rate che scadono nel biennio e nellanno in corso possono essere collocate per intero tra i crediti privilegiati, per le rate che invece scadono anteriormente al biennio è necessario operare una scomposizione, andando a separare la quota interessi, che va al chirografo, dalla quota capitale, che va al privilegio. Se ci sono pertanto rate anteriori al biennio è necessario sempre richiedere il piano di ammortamento del mutuo. N.B.: Poiché le rate del mutuo sono normalmente posticipate, e quindi ogni rata contiene la quota interessi riferita al periodo precedente, allora la prima rata del biennio la cui quota interessi va al privilegio, non sarà quella che scade allinizio del biennio, ma quella immediatamente successiva.

25 25 Esempio 5 Pignoramento: ; mutuo con rate semestrali, decorrenza contrattuale:

26 26 Problematiche relative al computo degli interessi Nel solo caso in cui il TITOLO a fondamento del credito azionato NON si sia GIUDIZIALMENTE FORMATO: ANATOCISMO (art.1283 c.c.): occorre escludere, nel piano di riparto, gli interessi anatocistici SUPERAMENTO DEL TASSO SOGLIA AI FINI USURA (L. 7 marzo 1996 n.108): occorre verificare leventuale superamento del tasso soglia e se del caso rettificare gli interessi richiesti

27 27 GRADUAZIONE IPOTECHE Vedasi Artt.2852 e segg. c.c. Art.2852: lipoteca prende grado dal momento della sua iscrizione, anche per crediti condizionali Art.2853: il numero dordine delle iscrizioni determina il loro grado (contestualità=stesso numero)

28 28 8° STEP Collocazione sussidiaria crediti privilegiati Art.2776: la preferenza, per tutti i privilegi con diritto di collocazione sussidiaria ex art c.c., è data rispetto ai soli crediti chirografari. In ogni caso questi crediti privilegiati restano collocati in grado successivo ai crediti ipotecari (e in genere agli altri privilegi speciali sugli immobili, a loro volta preferiti allipoteca): -Crediti per TFR o indennità preavviso ex art.2118 c.c. -Crediti ex art.2751 c.c. -Crediti ex art.2751bis c.c. secondo lordine ivi indicato -Crediti per contributi previdenziali ex art.2753 c.c. -Crediti dello Stato ex art.2752 III comma c.c.

29 29 9° STEP Collocazione crediti chirografari tempestivi Il momento rilevante è quello in cui i cred.chir. si sono insinuati nella procedura (artt.565, 566 e 524 cpc): N.B.: è questione dibattuta in dottrina se la prima udienza di autorizzazione alla vendita coincida con la prima in cui viene pronunciata lordinanza di vendita (o di delega) oppure con la prima udienza in assoluto, fissata dal G.E. con il decreto ex art. 569 c.p.c.. Lorientamento stabile del Tribunale di Torino è in questo ultimo senso, anche perché la prima udienza è quella resa pubblica (affissione allAlbo) ed è quindi quella entro la quale il creditore (non avente diritto ad avviso) si ritiene messo in condizione di intervenire. Pertanto al fine di verificare se un creditore sia da considerarsi tempestivo o tardivo occorre verificare se egli sia intervenuto prima o dopo la prima udienza fissata dal G. E. con decreto ex art. 569 c.p.c.. Se prima: TEMPESTIVO Se dopo: TARDIVO Se vi sono più beni (X,Y,Z) e sia stata pronunciata ordinanza di vendita solo per alcuni (X e Y), lintervento successivo sarà tardivo solo per loro e non anche per Z. Se vi sono più procedure riunite: deve procedersi come se la riunione fosse già avvenuta sin dal primo momento e quindi la tempestività va verificata con riferimento alla prima ordinanza di vendita relativa ai beni oggetto di esecuzione (per il caso in cui vi sino più procedure riunite e contro un unico debitore. Se la riunione delle procedure riguarda debitori diversi, pignorati in tempi diversi, vi saranno due udienze ex art. 569 c.p.c. (una per debitore).

30 30 10° STEP Collocazione crediti chirografari tardivi I creditori tardivi (sia per pignoramento che per intervento) devono essere soddisfatti solo DOPO i chirografari tempestivi.


Scaricare ppt "1 Esecuzioni immobiliari … dopo la vendita PIANO DI RIPARTO Tribunale Civile e Penale di Torino 15 febbraio 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google