La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VALUTAZIONE ed ESAMI DI STATO Scuole secondarie I grado videoconferenza 31 maggio – 3 giugno 2010 A.M. Benini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VALUTAZIONE ed ESAMI DI STATO Scuole secondarie I grado videoconferenza 31 maggio – 3 giugno 2010 A.M. Benini."— Transcript della presentazione:

1 VALUTAZIONE ed ESAMI DI STATO Scuole secondarie I grado videoconferenza 31 maggio – 3 giugno 2010 A.M. Benini

2 D.P.R. n. 122 del 22/06/2009 Regolamento di coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni (ai sensi d.l.137/2008 artt.2,3 – L.169/2008) Valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli studenti Art 1- La valutazione è espressione dellautonomia professionale della funzione docente, nella sua dimensione sia individuale che collegiale, nonché dellautonomia didattica delle istituzioni scolastiche

3 La valutazione ha per oggetto il processo di apprendimento, il comportamento e il rendimento scolastico. Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità e trasparenza della valutazione; parte integrante del P.O.F.

4 Al termine della scuola primaria, della sec. di 1° grado e dellobbligo di istruzione la scuola certifica i livelli di apprendimento raggiunti da ciascun alunno per: sostenere i processi di apprendimento, favorire lorientamento, consentire passaggi fra diversi percorsi e sistemi formativi e inserimento nel mondo del lavoro

5 Le scuole assicurano alle famiglie una informazione tempestiva circa il processo di apprendimento e la valutazione degli alunni effettuata nei diversi momenti del percorso scolastico I minori con cittadinanza non italiana sono valutati nelle forme e nei modi previsti per i cittadini italiani Si confermano le norme per la valutazione degli alunni con disabilità, con difficoltà specifiche di apprendimento o in particolari circostanze (scuola in ospedale)

6 Art.2 - primo ciclo di istruzione La valutazione, periodica e finale, degli apprendimenti è effettuata nella scuola primaria collegialmente dai docenti contitolari della classe; nella sc. sec. di 1° grado dal consiglio di classe presieduto dal dirigente scolastico o suo delegato, con deliberazione assunta, ove necessario, a maggioranza (v. disposizioni decreto-legge)

7 (ex art.3 D.L.137/2008) dalla.s. 2008/09 nella scuola sec. di I grado la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti, la certificazione delle competenze acquisite e la valutazione dellesame finale sono effettuate mediante lattribuzione di voti numerici espressi in decimi nella scuola secondaria di I grado sono ammessi alla classe successiva ovvero allesame di Stato gli studenti che hanno ottenuto, con decisione assunta a maggioranza dal consiglio di classe, un voto non inferiore a 6/10 in ciascuna disciplina o gruppo di discipline e nel comportamento

8 Se lammissione alla classe successiva è comunque deliberata in presenza di carenze, la scuola provvede ad inserire una specifica nota nel documento individuale di valutazione che viene trasmesso alla famiglia Sc. Sec. 1° grado: lammissione è subordinata allaccertamento della prescritta frequenza (D. L.vo 59/2004) ai fini della validità della.s.

9 Decreto legislativo n 59 del 19/02/2004 Art 11: Ai fini della validità della.s. per la valutazione degli allievi è richiesta la frequenza di almeno ¾ dellorario annuale personalizzato Sulla base degli esiti della valutazione periodica le scuole predispongono interventi educativi e didattici necessari al recupero e allo sviluppo degli apprendimenti Il terzo anno si conclude con un esame di Stato

10 Decreto legislativo 297 del 16/04/1994 Testo unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione Consiglio di classe: competenze relative alla valutazione periodica e finale degli alunni

11 La valutazione del comportamento degli alunni è espressa: a) nella scuola primaria collegialmente dai docenti contitolari della classe attraverso un giudizio, formulato secondo le modalità deliberate dal collegio dei docenti, riportato nel documento di valutazione; b) nella sc. sec. di 1° grado dal consiglio di classe con voto numerico espresso collegialmente in decimi, illustrato con specifica nota (v. art.2 d.l 137): la valutazione del comportamento degli studenti, attribuita collegialmente dal consiglio di classe concorre alla valutazione complessiva dello studente e determina, se inferiore a 6/10 la non ammissione al successivo anno di corso e allesame conclusivo del ciclo…

12 CM 49 del 20 maggio 2010 Una buona scuola si assume la responsabilità dei risultati e dei livelli di apprendimento degli alunni e mira a garantire a tutti un partenza solida e sicura per litinerario successivo Gli studenti hanno diritto ad una valutazione, trasparente, ragionevole, puntuale e tempestiva per attivare un processo di autovalutazione e individuare i propri punti di forza e di debolezza per prevenire lacune e per il miglioramento (valutazione= strumento essenziale e indicatore della qualità del percorso formativo)

13 Valutazione del comportamento: Restituisce allalunno un riscontro puntuale sulle modalità di partecipazione al lavoro scolastico, sullassiduità dellimpegno, sulla regolarità della presenza, sulla condivisione degli obiettivi formativi

14 Condizioni per garantire validità e attendibilità dei voti e dei giudizi analitici: Condivisione collegiale dei criteri di valutazione, cooperazione tra scuole primarie e sec. di primo grado, riferimento puntuale alle Indicazioni, confronto delle valutazioni interne con gli esiti delle prove strutturate, periodica revisione delle correnti prassi di valutazione

15 Esame di Stato primo ciclo (DPR 122 /2009 e CM 49/2010 Lammissione degli alunni interni, previo accertamento della prescritta frequenza per la validità dellanno scolastico, è disposta con decisione assunta a maggioranza dal consiglio di classe per gli alunni che hanno una votazione non inferiore a 6/10 in ciascuna disciplina e nel comportamento (D.L. 147 /2007 convertito in L reintroduce lammissione allEsame di Stato anche per il 1° grado

16 Il consiglio di classe in sede di valutazione finale delibera se ammettere o non ammettere allesame, formulando una giudizio di idoneità o non idoneità Il giudizio di idoneità è espresso in decimi, considerando il percorso scolastico compiuto dallallievo nel triennio Lesito della valutazione è pubblicato allalbo con la sola indicazione Ammesso o Non ammesso In caso negativo si adottano idonee modalità di comunicazione preventiva alle famiglie

17 La sessione di esami è unica. Per i candidati assenti per gravi e comprovati motivi sono ammesse prove suppletive che devono concludersi prima dellinizio delle lezioni dellanno successivo. Lesame di Stato comprende anche una prova scritta a carattere nazionale volta a verificare i livelli generali e specifici di apprendimento relativi a italiano e matematica, sulla base di procedure standardizzate e contribuire al monitoraggio e valutazione dellandamento tendenziale del livello di conoscenze alla fine del I ciclo (i testi sono scelti dal Ministro fra quelli predisposti dallINVALSI conformemente alla direttiva periodicamente emanata dal Ministro)

18 Sezione di italiano – parte A comprensione della lettura (un testo narrativo ed uno espositivo seguiti da quesiti) – parte B riflessione sulla lingua (quesiti su conoscenze grammaticali) I quesiti sono sia a scelta multipla sia a risposta aperta. Sezione di matematica – quesiti a scelta multipla e a risposta aperta su numeri, geometria, relazioni e funzioni, misure, dati e previsioni E possibile una comparazione degli esiti a livello di classe, scuola, regione e Paese

19 Le scuole devono registrarsi, inserire i dati richiesti, compresi i privatisti Sono disponibili sul sito INVALSI: i quadri di riferimento sulla base dei quali sono state costruite le prove, il protocollo di somministrazione, schemi, esempi e schede di correzione, materiale relativo alla prova dello scorso anno

20 La prova scritta a carattere nazionale si svolgerà il 17 giugno 2010 alle ore 8.30 (sessioni suppletive: 28 giugno o 3 settembre) Il giorno 17 giugno è unicamente dedicato alla prova nazionale (i testi sono inviati dallINVALSI a poli di smistamento) Le prove orali sono espletate successivamente a tutte le prove scritte (sono esonerati dalla prova nazionale i CPA)

21 La prova nazionale concorre alla valutazione conclusiva dellallievo, le scuole devono quindi assicurarne il corretto svolgimento evitando comportamenti non idonei. Dal 4 giugno è possibile scaricare dal sito INVALSI il protocollo di somministrazione Sono individuate dallINVALSI scuole campione; elenco e procedure sono nel sito

22 Dal 1 giugno scaricare dal sito INVALSI e stampare le schede risposta studente. La prima sezione, relativa allanagrafica, deve essere compilata a cura della segreteria per ogni allievo interno e per i candidati esterni La parte relativa alle prove di italiano e matematica deve essere compilata dalla Commissione desame

23 La prova nazionale, in quanto rilevazione della qualità degli apprendimenti nellintero Paese, verrà analizzata secondo le griglie di correzione fornite direttamente dallINVALSI. Sarà proposta anche una griglia per la valutazione in decimi della prova

24 Prove scritte e colloquio pluridisciplinare Sono confermate le prove scritte nelle materie già previste nello scorso a.s.: italiano – matematica – lingua straniera (oltre alla prova scritta nazionale) Per le classi ad indirizzo musicale è prevista la dimostrazione della competenza musicale raggiunta (pratica esecutiva individuale e/o dinsieme, conoscenza teorica)

25 Il colloquio, condotto collegialmente dallintera sottocommissione, verte sulle discipline dellultimo anno. E finalizzato a valutare conoscenze e competenze acquisite ed anche il livello di padronanza di competenze trasversali (capacità di esposizione e argomentazione, di risoluzione di problemi, di pensiero riflesso e critico, di valutazione personale,…) Al colloquio è attribuito un voto espresso in decimi

26 Situazioni di particolare attenzione Alunni con disabilità (prove differenziate, attestato di credito formativo,….) Alunni con difficoltà specifica di apprendimento (strumenti metodologico-didattici compensativi, dispensativi,..) Alunni in ospedale

27 Esito dellesame Lesito dellesame è espresso con valutazione complessiva in decimi e illustrato con una certificazione analitica dei traguardi di competenza e del livello globale di maturazione raggiunti. Conseguono il diploma gli studenti che ottengono una valutazione non inferiore a 6/10 Con un punteggio di 10/10 può essere assegnata la lode, allunanimità

28 Il voto finale è costituito dalla media dei voti in decimi ottenuti nelle singole prove, scritte e orale, e nel giudizio di idoneità (evitare appiattimenti, evidenziare potenziali eccellenze e punti forza nella preparazione dei candidati anche in funzione orientativa rispetto al proseguimento degli studi)

29 Pubblicazione risultati Lesito positivo dellesame, con lindicazione della votazione complessiva conseguita, è pubblicato allalbo In caso negativo lesito pubblicato porta la sola indicazione NON LICENZIATO (vanno adottate idonee modalità di comunicazione preventiva alle famiglie) Allalbo non deve essere fatta menzione di eventuali prove differenziate sostenute dai candidati con PEI

30 Certificazione delle competenze Lo scopo è fornire informazioni puntuali sui livelli di preparazione in relazione a criteri di carattere generale Le scuole potranno sperimentare propri modelli di certificazione sulla base delle esperienze condotte

31 Riferimenti funzionali per le scuole Profilo educativo dello studente (D.Lvo 59/2004 all.D) Traguardi per lo sviluppo di competenze (DM 31/07/2007) Quadri di riferimento elaborati da INVALSI Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue Certificazione dei saperi e delle competenze acquisiti al termine dellobbligo di istruzione (DM 9 del 27/01/2010)

32 DM n.9 del 27 gennaio 2010 Certificazione dei saperi e delle competenze acquisiti al termine dell'obbligo di istruzione (art.4 DM 139/2007) Il modello di certificazione costituisce strumento utile e di diritto per gli studenti Si riferisce alle competenze chiave del cittadino europeo e alle indicazioni sulla trasparenza della certificazione dell'UE Si colloca nel quadro di riferimento del DPR 122/2009 (Regolamento Valutazione alunni)

33 Competenze di base e relativi livelli raggiunti Asse del linguaggiLivelli Lingua italiana: padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire linterazione comunicativa verbale in vari contesti leggere comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi

34 Asse del linguaggi Livelli Lingua straniera: utilizzare la lingua ………. per i principali scopi comunicativi ed operativi Altri linguaggi: utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario utilizzare e produrre testi multimediali

35 Asse matematicoLivelli utilizzare tecniche e procedure del calcolo aritmetico e algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica confrontare ed analizzare figure geometriche individuando invarianti e relazioni individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi analizzare dati e interpretarli, sviluppando deduzioni e ragionamenti anche con lausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le applicazioni di tipo informatico

36 Asse scientifico - tecnologicoLivelli osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle varie forme i concetti di sistema e di complessità analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dallesperienza essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate

37 Asse storico - socialeLivelli comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culturali collocare lesperienza personale in un sistema di regole fondate sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione a tutela della persona, della collettività e dellambiente riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del territorio

38 Livelli relativi allacquisizione delle competenze di ciascun asse Livello base Livello base: lo studente svolge compiti semplici in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze ed abilità essenziali e di saper applicare regole e procedure fondamentali Livello base non raggiunto, con indicazione della motivazione, nel caso in cui non sia stato raggiunto il livello base

39 Livello intermedio: Livello intermedio: lo studente svolge compiti e risolve problemi complessi in situazioni note, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite Livello avanzato: Livello avanzato: lo studente svolge compiti e risolve problemi complessi in situazioni anche non note, mostrando padronanza nelluso di conoscenze e abilità. Sa proporre e sostenere le proprie opinioni e assumere autonomamente decisioni consapevoli


Scaricare ppt "VALUTAZIONE ed ESAMI DI STATO Scuole secondarie I grado videoconferenza 31 maggio – 3 giugno 2010 A.M. Benini."

Presentazioni simili


Annunci Google