La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL TRASPORTO: DOMANDA, PRODUZIONE, COSTI, MERCATI, SCELTE MODALI Fondazione ENI Enrico Mattei Master di logistica integrata, anno 2002-2003 Modulo 4: la.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL TRASPORTO: DOMANDA, PRODUZIONE, COSTI, MERCATI, SCELTE MODALI Fondazione ENI Enrico Mattei Master di logistica integrata, anno 2002-2003 Modulo 4: la."— Transcript della presentazione:

1 IL TRASPORTO: DOMANDA, PRODUZIONE, COSTI, MERCATI, SCELTE MODALI Fondazione ENI Enrico Mattei Master di logistica integrata, anno Modulo 4: la logistica del trasporto e dellintermodalità

2 ELEMENTI COSTITUTIVI DEL TRASPORTO SERVIZIO DI TRASPORTO INFRASTRUTTURA RETI RETI TERMINALI TERMINALIVEICOLOENERGIA FATTORIPRODUZIONE CAPITALECOLLETTIVO

3 IL MERCATO DEL TRASPORTO uno dei mercati più internazionaliuno dei mercati più internazionali ruolo cruciale nella globalizzazioneruolo cruciale nella globalizzazione elevatissima sensibilità agli eventi politici, economici e socialielevatissima sensibilità agli eventi politici, economici e sociali rilevanti conseguenze in termini di benefici e costi esternirilevanti conseguenze in termini di benefici e costi esterni

4 LECONOMIA GLOBALE E IL MERCATO DEI TRASPORTI Il progresso dei trasporti:Il progresso dei trasporti: –riduce i costi –espande le aree di mercato e di fornitura –aumenta le specializzazioni e la divisione del lavoro (economie di scala nella produzione) –aumenta il commercio internazionale (economie di scala nei trasporti) trasporto Crescita economia mondiale Allarg. Mercati Specializ zazione

5 LINTERAZIONE FRA ECONOMIA E TRASPORTI Il progresso dei trasporti fa crescere leconomia e il commercio internazionaleIl progresso dei trasporti fa crescere leconomia e il commercio internazionale Crescono i mercati del trasporto e si determinano:Crescono i mercati del trasporto e si determinano: –economie di scala nei trasporti –spinte per ulteriori innovazioni

6 VAPORE GIGANTISMO SPECIALIZZ. UNITIZZAZIONE INTERMODALITA CICLI COMPLESSI Il trasporto merci introduce continue innovazioni

7 ESEMPIO: LINNOVAZIONE NEL TRASPORTO MARITTIMO Innovazioni tecniche e organizzative: –Propulsione vela vapore ( ) (=> affidabilità, linee) oil ( ) –Dimensione (XX secolo) (economie di scala, aumento dimensione ottima) tanker media da 4,000 tons a 95,000 (picchi 500,000) (costs: -75%) dry bulk da 20,000 a 2-300,000 Cereali da 25,000 a 60,000 –Unitizzazione / containerizzazione –Specializzazione –Movimentazione carichi –intermodalità/transshipment

8 Growth of main carriers capacity (1995/2000) LA CRESCITA DIMENSIONALE

9 INNOVAZIONE E OFFERTA DI TRASPORTO Costi del trasporto restano abbastanza stabili negli anni e diminuiscono in termini reali e in raffronto con i prezzi degli altri beni e servizi Costi del trasporto restano abbastanza stabili negli anni e diminuiscono in termini reali e in raffronto con i prezzi degli altri beni e servizi Lincidenza del costo del trasporto nel valore del bene trasportato diminuisce (es.: nolo barile greggio da 25% del prezzo del barile nel 1960 al 5% nel 2000) Lincidenza del costo del trasporto nel valore del bene trasportato diminuisce (es.: nolo barile greggio da 25% del prezzo del barile nel 1960 al 5% nel 2000) Lelasticità di domanda cade Lelasticità di domanda cade Paradosso: il trasporto è meno costoso ma più importante Paradosso: il trasporto è meno costoso ma più importante

10 IL TRASPORTO NEL MONDO

11 SVILUPPO DEI TRASPORTI E POSSIBILI ECCESSI DELLA GLOBALIZZAZIONE Crescita commercio internazionale Squilibri crescenti Costi esterni crescenti Crescita trasporto Occupazione Globalizzazione

12 I TRASPORTI STRUMENTO DELLA GLOBALIZZAZIONE Vantaggi:Vantaggi: –aumento PIL mondiale –migliore distribuzione della ricchezza Problemi:Problemi: –costi esterni –accentuazione di alcuni squilibri

13 LA DOMANDA DI TRASPORTO Condizione: differenza di valore del bene fra i luoghi A e B deve essere maggiore del costo di trasportoCondizione: differenza di valore del bene fra i luoghi A e B deve essere maggiore del costo di trasporto Riduzioni costo di trasporto (ec. scala, specializzazione intermodalità) Crescita commercio internazionale Globalizzazione PAPAPAPA PBPBPBPB

14 LA DOMANDA DI TRASPORTO (… la differenza di valore deve essere maggiore del costo del trasporto)(… la differenza di valore deve essere maggiore del costo del trasporto) COSTO: la domanda è influenzata da:COSTO: la domanda è influenzata da: –prezzo –velocità (costo dellimmobilizzo veicoli e merci e motivazioni commerciali) –affidabilità (importanza della puntualità) –sicurezza (rischio assicurabile, ma cè una catena di conseguenze negative) In particolare, la domanda è influenzata dalle caratteristicheIn particolare, la domanda è influenzata dalle caratteristiche …dello stesso modo di trasporto … degli altri modi di trasporto Elasticità diretta Elasticità incrociata

15 DOMANDA E COSTO GENERALIZZATO La domanda è funzione inversa del prezzoLa domanda è funzione inversa del prezzo Prezzo comprende elementi monetari e non monetari:Prezzo comprende elementi monetari e non monetari: –Valore del tempo –Rischi e/o disagi (affidabilità, sicurezza) La domanda è funzione inversa del costo generalizzato: Cg = p + tv + rLa domanda è funzione inversa del costo generalizzato: Cg = p + tv + r

16 LA DOMANDA DI TRASPORTO DIFFERENZA DI VALORE: la domanda è influenzata da:DIFFERENZA DI VALORE: la domanda è influenzata da: –prezzi dei beni nei diversi mercati –andamento delleconomia mondiale (laumento del GDP fa aumentare la domanda e quindi limport) –andamento delleconomia mondiale (laumento del GDP fa aumentare la domanda e quindi limport) –variazioni cicliche (cicli economici, variazioni stagionali e congiunturali) –variazioni cicliche (cicli economici, variazioni stagionali e congiunturali) –elasticità della domanda di trasporto (marittimo) alla produzione industriale –elasticità della domanda di trasporto (marittimo) alla produzione industriale (… la differenza di valore deve essere maggiore del costo del trasporto)

17 LA DOMANDA DI TRASPORTO la domanda è influenzata anche da:la domanda è influenzata anche da: –lunghezza dei viaggi –eventi politici e bellici –orientamento al libero scambio –politica monetaria, cambi e sviluppo di aree valutarie inoltre la domanda aumenta cumulativamente per il circolo virtuoso: domanda - economie di scala - costo del trasportoinoltre la domanda aumenta cumulativamente per il circolo virtuoso: domanda - economie di scala - costo del trasporto

18 ELASTICITA DELLA DOMANDA Il modo in cui reagisce la domanda a una variazione del prezzo del trasporto è lelasticità prezzoIl modo in cui reagisce la domanda a una variazione del prezzo del trasporto è lelasticità prezzo rapporto fra variazione proporzionale della domanda e variazione proporzionale del prezzorapporto fra variazione proporzionale della domanda e variazione proporzionale del prezzo Poiché il trasporto è una domanda derivata, essa è tanto maggiore:Poiché il trasporto è una domanda derivata, essa è tanto maggiore: –Quanto maggiore è lelasticità del bene trasportato; –Quanto più incide il trasporto sul valore del bene; –Quanto più esistono e migliori sono i sostituti (elasticità incrociata)

19 IL TRASPORTO NEL MONDO

20 LA RIPARTIZIONE MODALE Il trasporto marittimo domina il trasporto di merci sulle medie e lunghe distanzeIl trasporto marittimo domina il trasporto di merci sulle medie e lunghe distanze Il trasporto terrestre prevale sulle distanze medio- brevi:Il trasporto terrestre prevale sulle distanze medio- brevi: –trasporto ferroviario per le medie –trasporto stradale per le brevi La ripartizione dipende dallincidenza dei costi/tempi di terminaleLa ripartizione dipende dallincidenza dei costi/tempi di terminale Il trasporto aereo ha una quota di traffico crescente ma piccola (merci ad alto valore)Il trasporto aereo ha una quota di traffico crescente ma piccola (merci ad alto valore)

21 Costi Distanza road rail sea air COSTI, DISTANZA E SCELTA MODALE roadrailsea

22 RIPARTIZIONI MODALI A CONFRONTO (tonn)

23 RIPARTIZIONI MODALI A CONFRONTO (1998, mldi tkm)

24 TRASPORTO MERCI PER MODO, E.U., (Eurostat)

25 IL TRAFFICO MERCI INTERNO IN ITALIA Autotrasporto: veicoli > 3,5 t. su percorrenze >50 km Navigazione interna: 201 Navigazione aerea (stima): 30 I dati relativi a cabotaggio e oleodotti sono stimati (milioni di tkm, 1997, C.N.T.)

26 RIPARTIZIONE MODALE MERCI, ITALIA, RIPARTIZIONE MODALE MERCI, ITALIA, (valori % tkm, fonte C.N.T.) Percorrenza > 50km Anche quota traffico con O/D internaz.

27 E.U.15 - Rail vs. Motorway development, Source: Eurostat

28 LA RIPARTIZIONE MODALE Scelta modale in funzione della distanzaScelta modale in funzione della distanza Scelta modale in funzione del volumeScelta modale in funzione del volume Scelta modale e costi esterni: lesistenza di una ripartizione modale ottima (esigenze individuali vs. esigenze collettive)Scelta modale e costi esterni: lesistenza di una ripartizione modale ottima (esigenze individuali vs. esigenze collettive)

29 LA CRESCITA DEL TRASPORTO: IL TRASPORTO MARITTIMO

30 LA CRESCITA DEL TRASPORTO MARITTIMO

31 PRINCIPALI ROTTE MARITTIME CARGO

32 LE MERCI Materie prime: petrolio, minerali di ferro, carboneMaterie prime: petrolio, minerali di ferro, carbone prodotti agricoli: grano, zucchero, refrigeratiprodotti agricoli: grano, zucchero, refrigerati materiali industriali: gomma, forestali, cemento, fibre tessili, prodotti chimicimateriali industriali: gomma, forestali, cemento, fibre tessili, prodotti chimici manufatti: impianti, macchinari, automobili, elettrodomestici, beni di consumomanufatti: impianti, macchinari, automobili, elettrodomestici, beni di consumo Rilevanza dei settori: Rilevanza dei settori:

33 TRAFFICO MARITTIMO MONDIALE,

34 QUANTITA E TIPO DI SERVIZIO Parcel size distribution (PSD): Parcel size distribution (PSD): Quantità e tipo di servizio:Quantità e tipo di servizio: Grandi quantitàTr. su domanda Navi intere (bulk) Piccole quantità Tr. di linea Parti di navi (general) Per molte merci si ha una ripartizione fra bulk e generalPer molte merci si ha una ripartizione fra bulk e general Metà anni 90: 2/3 bulk, 1/3 general (su 4,5 mldi t)Metà anni 90: 2/3 bulk, 1/3 general (su 4,5 mldi t)

35 SERVIZI DI LINEA E SU DOMANDA LINERS Piccole partite proprietà armatore tipi: –container –ro-ro –multipurpose management complesso costi fissi più elevati TRAMPS Grandi partite (più grandi delle navi) Varie forme di proprietà: –proprietà armatore –LT e ST chartering –spot tipi: –tankers –bulk carriers management meno complesso e meno c.f.

36 IL COSTO REALE DEL TRASPORTO Il progresso dei trasporti ha fatto sì che i suoi costi siano rimasti abbastanza stabili Il progresso dei trasporti ha fatto sì che i suoi costi siano rimasti abbastanza stabili Il costo è diminuito in termini realiIl costo è diminuito in termini reali lincidenza sul valore dei beni trasportati diminuiscelincidenza sul valore dei beni trasportati diminuisce minore elasticità di domandaminore elasticità di domanda minore importanza del trasporto?minore importanza del trasporto?

37 I COSTI DEL TRASPORTO IN PERIODO BREVEIN PERIODO BREVE –Energia (CV continui) –Terminale –(Pedaggi) –Lavoro –Veicolo –Spese generali –Promozione –R&D –(Infrastruttura) –(Spazio) Fissi Variabili

38 I COSTI DEL TRASPORTO IN PERIODO LUNGOIN PERIODO LUNGO –Tutti i fattori sono variabili DIMENSIONE OTTIMA DEL VEICOLODIMENSIONE OTTIMA DEL VEICOLO DIMENSIONE OTTIMA DEI TERMINALIDIMENSIONE OTTIMA DEI TERMINALI –Costo del terminale = c.movimentazione + c.opportunità

39 I COSTI DEL TRASPORTO H K 3 SPUs 2 SPUs 1 SPU Total Costs Number of Ships M N Dimensione ottima del terminale Dimensione ottima del terminale

40 IL PREZZO IN CONCORRENZA FORMAZIONE PREZZO IN CONCORRENZA E IN MONOPOLIOFORMAZIONE PREZZO IN CONCORRENZA E IN MONOPOLIOPD S Q PEPEPEPE QEQEQEQE P D S Q PEPEPEPE QEQEQEQE

41 CONCORRENZA, MONOPOLIO, CONTENDIBILITA ELEMENTI CONCORRENZIALI E MONOPOLISTICIELEMENTI CONCORRENZIALI E MONOPOLISTICI MERCATI CONTENDIBILIMERCATI CONTENDIBILI –SENZA BARRIERE ALLENTRATA –SENZA BARRIERE ALLUSCITA –INCUMBENT INERTE CONCORRENZAMONOPOLIO DOMANDA LINEA (-) COSTI FISSI (+) (-) SPECIALIZZAZ. (+) (+) INFORMAZIONE (-) (-) INT. PUBBLICO (+)

42 I PREZZI NEL MERCATO DEL TRASPORTO PrezziTariffe Noli l.p. Noli ContrattazioneNo(fisse) Nel lungo termine Spot Breve termine Tipo di trasporto LinersTrampsTramps ConcorrenzaBassaAltaAlta RegolazioneAltaBassaBassa Variabilità nel tempo BassaBassaAlta

43 VARIABILITA DEI PREZZI NEL TEMPO PeriodoOffertaDomanda Livello di prezzo BreveStabile Variazioni per: StagioniStagioni EventiEventi (brusche) oscillazioni Medio Segue la domanda con ritardo Variazioni per: : CicliCicliFluttuazioni LungoCresceCresce Segue livello generale dei prezziSegue livello generale dei prezzi Cade causa innovazioniCade causa innovazioni

44 INTERVENTO PUBBLICO E MERCATO Beneficio collettivo Beneficio collettivo Concorrenza perfetta Concorrenza perfetta Contestabilità perfetta Contestabilità perfetta Market Failures Market Failures Libero Mercato Libero Mercato Intervento pubblico Government Failures Government Failures Liberalizzazioni LiberalizzazioniPrivatizzazioni Privatizzazioni Controllo ControlloRegolazione Regolazione

45 CONCORRENZA PERFETTA ED EFFICIENZA Concorrenza perfetta Concorrenza perfetta allocazione ottima allocazione ottima delle risorse allocazione ottima allocazione ottima delle risorse Produzione Produzione ai costi medi minimi Produzione Produzione ai costi medi minimi prezzo uguale prezzo uguale ai costi merdi minimi prezzo uguale prezzo uguale ai costi merdi minimi Massimo surplus del consumatore Massimo surplus del consumatore numero infinito di operatori numero infinito di operatori assenza barriere allentrata assenza barriere alluscita perfetta informazione omogeneità del prodotto assenza di economie di scala assenza costi di transazione mercato puntiforme (ass. c. trasp.) assenza di esternalità numero infinito di operatori numero infinito di operatori assenza barriere allentrata assenza barriere alluscita perfetta informazione omogeneità del prodotto assenza di economie di scala assenza costi di transazione mercato puntiforme (ass. c. trasp.) assenza di esternalità

46 FALLIMENTI DEL MERCATO Market failures (il libero mercato non genera perfetta concorrenza) Market failures (il libero mercato non genera perfetta concorrenza) Esternalità Esternalità positive o negative Esternalità Esternalità positive o negative Beni pubblici Beni pubblici Asimmetrie informative Asimmetrie informative Monopoli naturali Economie di scala Economie di scala Monopoli naturali Economie di scala Economie di scala Barriere alluscita Barriere alluscita Reddività differita Reddività differita investimenti infrastrutture Reddività differita Reddività differita investimenti infrastrutture ++ Ingerenza politica Ingerenza politicanelleconomia nelleconomia Pianificazione Pianificazione Politiche keynesiane Politiche keynesiane Desiderabilità/Utilità Desiderabilità/Utilitàsociale sociale ==

47 LINTERVENTO PUBBLICO Finanziamento pubblico investimenti instrastrutture Finanziamento pubblico investimenti instrastrutture proprietà pubblica imprese proprietà pubblica imprese produttrici dei servizi proprietà pubblica imprese proprietà pubblica imprese produttrici dei servizi riserve di mercato riserve di mercato a favore imprese pubbliche riserve di mercato riserve di mercato a favore imprese pubbliche limiti, vincoli e autorizzazioni alle imprese private: prezziprezzi ambiti geografici e tecniciambiti geografici e tecnici limiti costi esterni...limiti costi esterni... limiti, vincoli e autorizzazioni alle imprese private: prezziprezzi ambiti geografici e tecniciambiti geografici e tecnici limiti costi esterni...limiti costi esterni... Nazionalizzazioni:infrastruttureservizifattoriNazionalizzazioni:infrastruttureservizifattori ConcentrazioneLimitazione numero offerenti ConcentrazioneLimitazione Imporre (presunte) finalità operatore publico: obiettivi monopolistaobiettivi monopolista controllo esternalitàcontrollo esternalità Imporre (presunte) finalità operatore publico: obiettivi monopolistaobiettivi monopolista controllo esternalitàcontrollo esternalità

48 I FALLIMENTI DEL GOVERNO Finalità sociali deviate da reali finalità dellazienda pubblica: obiettivi politici ed elettorali obiettivi managament (e asimmetrie informative) Finalità sociali deviate da reali finalità dellazienda pubblica: obiettivi politici ed elettorali obiettivi managament (e asimmetrie informative) Assenza o insufficienza dei prezzi come sistema di informazione Inefficienze nellorganizzazione aziendale dimensione non guidata da efficienza bassa qualità / alti costi legati al monopolio manca obiettivo profitto vincolo politico svincola risultati economici da valutazione controllo politico e interferenze sulla gestione (amm., dirigenti, personale) maggiore sindacalizzazione Inefficienze nellorganizzazione aziendale dimensione non guidata da efficienza bassa qualità / alti costi legati al monopolio manca obiettivo profitto vincolo politico svincola risultati economici da valutazione controllo politico e interferenze sulla gestione (amm., dirigenti, personale) maggiore sindacalizzazione Mancanza incentivi assenza quotazione borsistica mancano rischi di fallimento o di scalata Mancanza incentivi assenza quotazione borsistica mancano rischi di fallimento o di scalata

49 LIBERALIZZAZIONI E PRIVATIZZAZIONI Fallimenti del governo Integrazione europea Disgregamento blocco sovietico Ristrettezze finanze pubbliche Fallimenti del governo Integrazione europea Disgregamento blocco sovietico Ristrettezze finanze pubbliche Obiettivi: aumentare efficienzaaumentare efficienza attrerre capitale privatoattrerre capitale privato ridurre deficit pubbliciridurre deficit pubbliciObiettivi: aumentare efficienzaaumentare efficienza attrerre capitale privatoattrerre capitale privato ridurre deficit pubbliciridurre deficit pubblici Assetto proprietario da (prevalentemente) pubblico a (prevalentemente) privato Da monopolio a oligopolio competitivo o concorrenza (nel o per il mercato) Assetto proprietario da (prevalentemente) pubblico a (prevalentemente) privato Da monopolio a oligopolio competitivo o concorrenza (nel o per il mercato) LiberalizzazioneLiberalizzazione PrivatizzazionePrivatizzazione

50 REGOLAZIONI Insieme di assetti istituzionali, norme e procedure, introdotti in un mercato in cui operano imprese private Obiettivi: promuovere la contendibilità dei mercatipromuovere la contendibilità dei mercati garantire la produzione di beni/servizi pubblicigarantire la produzione di beni/servizi pubblici o con esternalità positiveo con esternalità positive limitare le esternalità negativelimitare le esternalità negativeObiettivi: promuovere la contendibilità dei mercatipromuovere la contendibilità dei mercati garantire la produzione di beni/servizi pubblicigarantire la produzione di beni/servizi pubblici o con esternalità positiveo con esternalità positive limitare le esternalità negativelimitare le esternalità negative Privatizzazione deve avvenire se già esistono più offerenti in competizione o deve accompagnarsi a liberalizzazione

51 REGOLAZIONI (SEGUE) Se mercati non concorrenziali e non contendibili: Regolazioni basate sulla concorrenza per il mercato aste (Demsetz): efficienza competitiva è ottenuta se: i partecipanti possono acquistare gli input in condizioni competitivei partecipanti possono acquistare gli input in condizioni competitive collusione è impossibile o non convenientecollusione è impossibile o non conveniente la posizione di incumbent non crea vantaggi (informativi, tecnologici, etc.)la posizione di incumbent non crea vantaggi (informativi, tecnologici, etc.) dopo lassegnazione lautorità può far rispettare il contratto o sanzionaredopo lassegnazione lautorità può far rispettare il contratto o sanzionare Regolazioni basate sui prezzi di vendita: price cap regulationprice cap regulation rate-of-return regulationrate-of-return regulation Se mercati non concorrenziali e non contendibili: Regolazioni basate sulla concorrenza per il mercato aste (Demsetz): efficienza competitiva è ottenuta se: i partecipanti possono acquistare gli input in condizioni competitivei partecipanti possono acquistare gli input in condizioni competitive collusione è impossibile o non convenientecollusione è impossibile o non conveniente la posizione di incumbent non crea vantaggi (informativi, tecnologici, etc.)la posizione di incumbent non crea vantaggi (informativi, tecnologici, etc.) dopo lassegnazione lautorità può far rispettare il contratto o sanzionaredopo lassegnazione lautorità può far rispettare il contratto o sanzionare Regolazioni basate sui prezzi di vendita: price cap regulationprice cap regulation rate-of-return regulationrate-of-return regulation Contenimento esternalità negative

52 parziale: privatizz. servizi, concessione assets, accoppiate a investimento privatoparziale: privatizz. servizi, concessione assets, accoppiate a investimento privato Riguarda soprattutto attività redditizieRiguarda soprattutto attività redditizie Accompagnato da misure per aumento efficienza (es. deregolazione lavoro)Accompagnato da misure per aumento efficienza (es. deregolazione lavoro) Più offerenti Maggiore efficienza Sovrapposizione Aree mercato Sovrapposizione Hub-and-spokeHub-and-spoke DEREGULATION E COMPETITIVITÀ Liberalizzazione Accesso al mercato, competizione per il mercato (gare) corporatisation, commerc. Privatizzazione Vendita di azioni, capitale privato, vendita di assets, management buyout, project financing (BOT) (problema: finanziamenti occulti)

53 QUALE REGOLAZIONE? Fallimenti del mercato monopoli naturalimonopoli naturali esternalitàesternalità beni pubblicibeni pubblici Pianificazione territoriale e uso dello spazio Fallimenti del mercato monopoli naturalimonopoli naturali esternalitàesternalità beni pubblicibeni pubblici Pianificazione territoriale e uso dello spazio Ambiente competitivo Fallimenti del governo Ambiente competitivo Fallimenti del governo Tutela risorse collettive ambientali - fiscali Tutela risorse collettive ambientali - fiscali Efficienza allocativa efficienza dinamica Efficienza allocativa efficienza dinamica TerritorioAmbienteSpazi ImpiantiServizipubblici Servizicommerciali ServiziaccessoriOperepubbliche

54 QUALE REGOLAZIONE? LESEMPIO DEI PORTI TerritorioAmbienteTerritorioAmbienteSpaziPortualiSpaziPortuali ImpiantiportualiImpiantiportualiServizipubbliciServizipubblici HandlingHandling ServiziaccessoriServiziaccessori Tutela risorse collettive ambientali - fiscali Tutela risorse collettive ambientali - fiscali Efficienza allocativa efficienza dinamica Efficienza allocativa efficienza dinamica PianificazionepubblicaAutoproduzioneConcorrenza per il mercato relazione canoni, strutturazione, durata durataconcorrenza nel mercato controllo antitrust PianificazionepubblicaAutoproduzioneConcorrenza per il mercato relazione canoni, strutturazione, durata durataconcorrenza nel mercato controllo antitrust Op. mar. Manut. Manut. TAXTAX StoccaggioStoccaggio VASVAS

55


Scaricare ppt "IL TRASPORTO: DOMANDA, PRODUZIONE, COSTI, MERCATI, SCELTE MODALI Fondazione ENI Enrico Mattei Master di logistica integrata, anno 2002-2003 Modulo 4: la."

Presentazioni simili


Annunci Google