La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 1 Gestione delle Imprese Informatiche Lezione 5 Padova, 5 febbraio 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 1 Gestione delle Imprese Informatiche Lezione 5 Padova, 5 febbraio 2009."— Transcript della presentazione:

1 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 1 Gestione delle Imprese Informatiche Lezione 5 Padova, 5 febbraio 2009

2 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 2 Concorrenza perfetta Monopolio Oligopolio Appendix – Esempi di project work

3 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 3 Assunzioni di base: - Elevato numero di imprese - Tutte le imprese producono lo stesso tipo di prodotto (non cè differenziazione) - Lentrata e luscita sul mercato sono libere e avvengono in modo istantaneo - Il prezzo è dato e non modificabile dalla singola impresa. - Dal momento che il prodotto è indifferenziato deve esistere uno ed un solo prezzo di vendita. Se così non fosse chi aumenta il prezzo di vendita non venderebbe nulla; lazienda che vende a un prezzo inferiore a quello di mercato sacrificherebbe inutilmente dei ricavi (non recuperabili attraverso un aumento delle quantità vendute perché tutte le altre aziende reagirebbero riducendo il proprio prezzo di vendita) - Lunica decisione che limpresa deve prendere è quanto produrre e vendere. Mercati in concorrenza perfetta

4 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 4 Condizione di equilibrio per la singola azienda Ricavo marginale = Prezzo P, MR, MC Punto di equilibrio al prezzo P0 Costo marginale (o Supply Curve) Punto di equilibrio al prezzo P1 P1 P0 Q In una situazione di concorrenza perfetta, ogni impresa produce rispettando la condizione MR = MC; dato che lazienda è price taker (non può aumentare i prezzi e non ha convenienza a vendere al di sotto del prezzo di mercato), la sua curva di domanda è piatta (RM = Prezzo). In queste condizioni, e in funzione del livello di prezzo prevalente sul mercato, limpresa produce una quantità che è definita dal suo costo marginale, che tende così a definire la curva di offerta (Supply Curve)

5 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 5 Dalla singola azienda alla curva di offerta dellindustry Costo marginale (supply curve) P, MR, MC P1 P0 Q Singola aziendaTutte le imprese Costo marginale (supply curve) Q Dal momento che in una situazione di concorrenza perfetta tutte le imprese sono nella medesima situazione, la curva di offerta a livello di industry è semplicemente la risultante della sommatoria delle curve di offerta delle singole imprese.

6 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 6 Condizione di equilibrio (instabile) nel mercato Costo marginale (supply curve) P, MR, MC P* Q Singola azienda Supply curve Demand curve Costo medio Profitto unitario q*Q* Mercato La condizione di equilibrio a livello di settore implica che esista un solo clearing price tale per cui domanda ed offerta sono in perfetto equilibrio. Nel caso di un eccesso di offerta, vi sarebbe una pressione sui prezzi, nel caso di eccesso di domanda vi sarebbe un aumento dei prezzi. Ma in una situazione in cui MR>MC (profitti unitari positivi), la situazione è di equilibrio instabile perché esiste un incentivo per altre aziende ad entrare sul mercato. Punto di equilibrio

7 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 7 Condizione di equilibrio nel mercato (shift dellofferta) Costo marginale (supply curve) P, MR, MC P* Q Singola azienda Supply curve (old) Demand curve Costo medio q**Q* Mercato A seguito dellentrata sul mercato di nuove imprese, gli extra-profitti (i profitti unitari positivi) vengono cancellati e il prezzo tende a scendere fino ad eguagliare i costi marginali e i costi medi (in q**). In questa situazione lofferta complessiva è aumentata (graficamente slittando verso destra) e portando ad un nuovo punto di equilibrio, questa volta stabile, Q** P** Supply curve (new) Q** Punto di equilibrio

8 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 8 Condizione di equilibrio nel mercato (shift della domanda) Costo marginale (supply curve) P, MR, MC P* Q Singola azienda Supply curve (old) Demand curve (old) Costo medio q**QFinal Mercato Nel caso in cui la domanda subisca un shock improvviso contraendosi (shift verso il basso), fino a che lofferta non si adegua (da supply curve new a supply curve final) attraverso luscita di alcune aziende, il prezzo di mercato prevalente (PNew) è inferiore al costo medio e al costo marginale: su ogni quantità prodotta si verifica una perdita. Luscita di alcune imprese riporta infine il prezzo (PFinal) in una condizione di equilibrio stabile dove PFinal = Marginal Cost = Average Cost. Non cè più incentivo né ad entrare né ad uscire e tutte le aziende guadagno un profitto economico nullo. PFinal Supply curve (new) Q** Supply curve (final) Demand curve (final) Punto di equilibrio finale Punto di equilibrio transitorio PNew

9 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 9 Nota sul profitto economico nullo Il fatto che le imprese guadagnino un profitto economico nullo non è di per sé una cattiva notizia. Un profitto economico nullo è infatti compatibile con un profitto contabile positivo. Ciò significa semplicemente che le imprese riescono a remunerare il proprio capitale in modo adeguato. Esempio, assumendo assenza di tasse: Ricavi100 Costi operativi80 Profitto contabile è il valore del capitale impiegato per produrre un profitto contabile di 20 (ritorno atteso sul capitale del 20%) Ricavi100 Costi operativi80 Profitto contabile20 Costo del capitale 20 Profitto economico 0

10 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 10 Concorrenza perfetta Monopolio Oligopolio Appendix – Esempi di project work

11 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 11 In una situazione di monopolio, lazienda che produce incontra una pressoché inesistente concorrenza sul proprio mercato di riferimento, ed è quindi libera di decidere a quale prezzo vendere compatibilmente con lobiettivo di massimizzare i propri profitti. Ciò nonostante, il monopolista incontra in ogni caso una domanda che è decrescente al crescere dei prezzi. Esiste quindi un limite al prezzo che il monopolista può praticare: più è elevato e minore sarà il numero di compratori. Il monopolista infine può essere tale nel proprio mercato di riferimento, ma si trova spesso ad affrontare una concorrenza di prodotti sostitutivi (ad esempio la TV digitale rispetto alla pay-TV) che permettono agli utenti di poter comunque optare per qualche cosa che se non proprio in linea con i loro desideri, permette comunque di soddisfare una parte del loro bisogno ad un prezzo ritenuto conveniente Il monopolio può essere causato da situazioni di fatto (es. controllo di un ponte e impossibilità di costruire vie di passaggio alternative), regolamentazione e aspetti normativi (es. licenza esclusiva per lo sfruttamento di una tratta autostradale o protezione brevettuale su nuovi prodotti farmaceutici per un determinato periodo di tempo) Modello monopolistico

12 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 12 Da un punto di vista grafico: Modello monopolistico P, Ricavi, Costi Q Demand curve Ricavo marginale Costo marginale (crescente) Punto di massimizzazione dei profitti P, Ricavi, Costi Q Demand curve Ricavo marginale Costo marginale (costante) Punto di massimizzazione dei profitti Con costi marginali crescentiCon costi marginali costanti Anche per il monopolista vale la regola di massimizzazione dei profitti: Ricavo marginale = Costo marginale

13 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 13 Modello monopolistico Punto che massimizza i profitti Punto di flessione dei ricavi Esempio: P=100-Q Ricavi Totali=P*Q=100Q-Q 2 Costo marginale=10 Profitti totali=Ricavi totali – Costi totali Regola massimizzazione dei profitti: Ricavo marginale = Costo marginale

14 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 14 Concorrenza perfetta Monopolio Oligopolio Appendix – Esempi di project work

15 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 15 La concorrenza oligopolistica si riferisce alla situazione in cui due o comunque un numero limitato di player si trovano a competere allinterno di uno stesso mercato. Leconomia classica ha individuato due modelli teorici di riferimento con caratteristiche assai diverse fra di loro: il modello di Cournot e il modello di Bertrand. Una caratteristica fondamentale dei mercati oligopolistici è che il comportamento di unimpresa influenza in modo diretto il comportamento e la performance dei suoi competitors. Nel modello di Cournot, si ipotizza lesistenza di due aziende che producono un identico bene/servizio. In quanto indifferenziato, il bene/servizio deve essere necessariamente venduto ad un unico prezzo sul mercato. Questo prezzo è il prezzo ottimale che porta il mercato in equilibrio (domanda = offerta). Essendo la domanda una funzione inversa del prezzo, che a sua volta è impattato dalle scelte produttive di entrambe le imprese, il prezzo prevalente e i profitti nel settore sono una conseguenza diretta delle quantità che ciascuna impresa decide di produrre. In altre parole, i profitti di unimpresa sono determinati dalla quantità che essa decide di produrre, e sulla base delle previsioni di produzioni del concorrente. Oligopolio

16 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 16 Supponiamo valgano le seguenti condizioni: - Costi totali di entrambe le imprese variano in modo lineare rispetto alle quantità prodotte, ovvero TC1=10*Q1 e TC2=10*Q2 - Le quantità prodotte totali sono date da Q1+Q2 - Curva delle domanda P*=100-Q*1-Q*2, - ovvero più aumenta la produzione di ciascuna impresa, più il prezzo tende a diminuire - il prezzo prevalente è una funzione sia di Q1 che Q2, quindi viene impattato (in modo inversamente proporzionale) dalle scelte produttive di ciascun competitor - Q*1 è la quantità che limpresa 1 decide di produrre data la sua stima delle quantità Q*2 prodotte dallimpresa 2 - Q*2 è la quantità che limpresa 1 decide di produrre data la sua stima delle quantità Q*1 prodotte dallimpresa 1 Il modello di Cournot

17 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 17 Dato questo set di assunzioni, i profitti per limpresa 1 sono dati da: Profitti = Ricavi-Costi totali = P1*Q1-TC1=(100-Q1-QE2)*Q1-10*Q1 dove QE2 è la quantità stimata che limpresa 1 pensa verrà prodotta dallimpresa 2. Esplicitando la relazione di cui sopra in funzione di Q1 si evidenzia che la quantità prodotta dallimpresa 1 è una funzione inversa della quantità di produzione (attesa) dallimpresa 2: tanto maggiore è QE2, tanto maggiore è lincentivo per limpresa 1 a ridurre Q1. Q1 viene definita come la strategia di miglior risposta dellimpresa 2 ai comportamenti dellimpresa 1 Allo stesso modo, per limpresa 2 vale che la quantità prodotta dallimpresa 2 è la miglior risposta date le attese di produzione dellimpresa 1 Il modello di Cournot

18 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 18 Graficamente: Il modello di Cournot Q1 Q2 Q*1=30 Q*2=30 45 R1: Best response dellimpresa 1 R2: Best response dellimpresa 2 R1: Best response dellimpresa 1. E la curva che massimizza i profitti per limpresa 2 date le attese di produzione dellimpresa 1 R2: Best response dellimpresa 2. E la curva che massimizza i profitti per limpresa 1 date le attese di produzione dellimpresa 2 Il punto di equilibrio è unico e viene indivuato risolvendo simultaneamente il modello rappresentato dalle tre condizioni: - P*=100-Q*1-Q*2 - Q*1 è la quantità che limpresa 1 decide di produrre data la sua stima delle quantità Q*2 prodotte dallimpresa 2 - Q*2 è la quantità che limpresa 1 decide di produrre data la sua stima delle quantità Q*1 prodotte dallimpresa 1 Il punto di equilibrio è in corrispondenza del punto di intersezione di R1 e R2.

19 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 19 Graficamente: Il modello di Cournot Q1 Q2 Q*1=30 Q*2=30 45 R1: Best response dellimpresa 1 R2: Best response dellimpresa 2 Una volta individuate le quantità prodotte (ovvero Q*1+Q*2=30+30=60, viene simultaneamente individuato il prezzo prevalente in quel mercato P*=100-60=40 ed il livello dei profitti complessivi, pari a =1800. Va notato che: i) nel modello di Cournot le imprese non massimizzano i profitti complessivi, cosa che avviene a un livello di produzione Q*1=Q*2=50 (monopolio), ii) lequilibrio può essere raggiunto per affinamenti successivi assumendo aggiustamenti continui effettuati dalle singole imprese sulla base di puri calcoli di convenienza economica

20 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 20 Dato che nel modello di Cournot lobiettivo della singola impresa è quello di massimizzare i propri profitti e non i profitti a livello di settore, ciascuna impresa non si interessa delleffetto di distruzione dei ricavi dovuto alla riduzione del prezzo di vendita causato da un aumento delle quantità prodotte (dato che tutti i produttori seguono lo stesso comportamento, si assiste ad un progressivo allontanamento dal modello di equilibrio monopolistico) Minore è la quantità prodotta dalla singola azienda, maggiore è la divergenza fra il guadagno diretto dovuto allaumento delle quantità vendute e leffetto di distruzione dei ricavi: i profitti crescono in modo immediato al crescere delle quantità prodotte, ma soffrono solo minimamente per la riduzione dei ricavi. Questultimo effetto è invece sentito in modo più pesante dai concorrenti più grandi. Il modello di Cournot

21 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 21 Determinazione curva di reazione (1) Per massimizzare il proprio profitto, l'impresa 1 deve eguagliare il ricavo marginale al costo marginale. Il ricavo totale, RT1, è pari a: RT1 = PxQ1 Domanda di mercato P=100-2Q Quindi RT1 = (100-2Q)xQ1 Dal momento che Q=Q1+Q2 RT1 = (100-2(Q1+Q2))xQ1 RT1= 100Q1-2Q1 2 -2Q2Q1 Allora

22 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 22 Determinazione curva di reazione (2) Il ricavo marginale dellimpresa 1 è la derivata di : RT1= 100Q1-2Q1 2 -2Q2Q1 dRT1=100-4Q1-2Q2 Sappiamo che il Costo marginale dellimpresa 1 è =10 e che la condizione di massimo uguaglia CMa a RMa, quindi: 100-4Q1-2Q2=10 Q1=22,5-0,5Q2 La curva di reazione dellimpresa 2 è speculare Q2=22,5-0,5Q1 Le quantità di equilibrio sono quei valori di Q1 e Q2 che si trovano in corrispondenza dell'intersezione delle due curve di reazione e che derivano quindi dalla risoluzione delle due ultime equazioni analizzate. Sostituendo, quindi Q2 nella funzione di reazione dell'impresa 1 si ha che: Q1=22,5-0,5x(22,5-0,5Q1) Q1 = 15 Q1+Q2=30

23 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 23 A differenza del modello di Cournot, nel modello oligopolistico di Bertrand, limpresa seleziona un prezzo di vendita e decide di vendere tutte le quantità che può produrre per quel dato prezzo di vendita. Nel modello di Bertrand, dato che il prodotto è omogeneo (o indifferenziato e indifferenziabile), limpresa che pratica il prezzo più basso conquista tutto il mercato. Per esempio: - se limpresa 1 decide di vendere a P1=40, mentre limpresa 2 decide di vendere a P2=39, allora limpresa 2 conquista tutto il mercato, mentre limpresa 1 produce Q1=0 - a questo punto limpresa 1 decide di produrre a P1=38 e limpresa 2 decide di non seguirla sulla strada della riduzione di prezzo, sicché P2=39, ma ora Q2=0 - Questa spirale di inseguimenti dei prezzi al ribasso continua fino a che il prezzo di mercato uguagli i costi marginali di produzione (che avevamo ipotizzato essere per entrambe le aziende pari a 10). A questo livello nessuna impresa ha incentivo a ridurre ulteriormente i prezzi perché produrrebbe in perdita. Il modello di Bertrand nel suo punto di arrivo porta a conclusioni identiche alla situazione di mercati in concorrenza perfetta Il modello di Bertrand

24 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 24 Lequilibrio di Bertrand può essere instabile in quei mercati in cui le imprese fanno investimenti iniziali significativi e in cui tagli di prezzo per difendere le quote di mercato causano problemi a coprire i costi marginali di lungo periodo. Al tentativo di uscita dal mercato di unimpresa e al conseguente tentativo dellazienda rimanente di aumentare i prezzi si può immediatamente verificare una pressione sui prezzi causata dal desiderio di nuovi entranti di competere nel settore. Il modello di Bertrand

25 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 25 Principali differenze rispetto al modello teorizzato da Cournot: - Il modello di Cournot rappresenta bene situazioni in cui per stare in un mercato le imprese devono effettuare investimenti in capitale fisso a priori. Una volta costruito limpianto/struttura, a quel punto devono necessariamente vendere (ammortizzare gli investimenti fatti che a quel punto sono un sunk cost) e decidere a quale prezzo (in ogni caso a un livello più alto rispetto a costi medi e marginali) - Il modello di Bertand, nel caso in cui la capacità installata sia facilmente espandibile per rispondere allaumentata domanda del mercato, assume che, in caso di prodotti perfettamente sostituibili (omogenei e comparabili), un aumento delle quantità vendute può venire solo rubando il business ai competitor e leffetto di revenue distruction è nullo. Il gioco al massacro porta a prezzi di equilibrio allineati a costo medi e marginali - I modelli di Cournot e Bertrand sono solo dei modelli teorici di riferimento e anche uno stesso settore industriale può avvicinarsi alluno o allaltro dei modelli a seconda della situazione economica attraversata. Ad esempio i vettori aerei, nel caso di recessione economica, hanno un eccesso di capacità. I clienti percepiscono il servizio come indifferenziato e con costi di ricerca bassi (internet) hanno lincentivo a cercare il prezzo più basso -> modello di Bertrand. La situazione cambia in fasi di espansione economica con capacità pressoché satura. In questo caso ci si avvicina al modello di Cournot con degli extra-profitti (prezzo medio di vendita superiore al costo medio e marginale) Differenze fra i modelli di Cournot e Bertrand

26 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 26 Concorrenza perfetta Monopolio Oligopolio Appendix – Esempi di project work

27 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 27 XY SpA XY nasce nel giugno del 2003; realizza e commercializza prodotti e servizi di informazione e formazione su temi fiscali, tributari, societari, finanziari e lavoristici destinati a professionisti (commercialisti, notai, avvocati, consulenti del lavoro) e a chi si occupa di questi temi allinterno di aziende, associazioni, enti. Utilizza a tal fine supporti informatici evoluti, per garantire un efficace aggiornamento e diffusione dei contenuti on-line. Ha come soci professionisti, imprenditori e manager che da lungo tempo operano in ambito di servizi per le professioni e soluzioni tecnologiche innovative. ILLUSTRATIVO

28 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 28 Le Partnership Partnership tecnologica con ZZ (società leader in ambito di content authoring e management) per lutilizzo della piattaforma tecnologica. Partnership con Università 1 per le tematiche di metodologie e tecnologie per trasferire informazione e conoscenza. Partnership con AA (società leader in ambito di contenuti professionali) sui temi redazionali fiscali e societari. Partnership con Università 2 (contenuti redazionali in ambito lavoristico). ILLUSTRATIVO

29 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 29 I bisogni a cui dare risposta/ le opportunità di mercato 1. Necessità per il professionista di costante aggiornamento e accesso a informazioni e conoscenze necessarie per operare. 2. Forte impatto dei temi legati alle varie riforme (Diritto societario, riforma fiscale, Basilea 2, mercato del lavoro….). 3. Conoscenza il più delle volte dispersa, su fonti diverse, frammentata, non raccolta e presentata in maniera completa, ordinata e aggiornata. 4. Necessità di accesso rapido, continuo, facile, unitario (una porta di accesso unica). 5. Necessità di commenti, indicazioni, suggerimenti autorevoli e affidabili. 6. Credito formativo acquisibile fruendo la formazione dal proprio studio, a casa, ecc. ILLUSTRATIVO

30 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 30 I bisogni a cui dare risposta/ le opportunità di mercato (2/2) 7. Forte impatto di alcuni temi anche sulle aziende (Riforma del diritto societario, riforma fiscale Basilea 2, riforma del mercato del lavoro, etc.…) che stimola la necessità di informazione, formazione, supporto. 8. Domanda di expertise e di contenuti che proviene da molti soggetti (associazioni, istituti di credito, enti di formazione, società di consulenza). 9. Politica di molte banche orientata a creare servizi innovativi per fidelizzare la clientela corporate (fra i quali servizi di info-formazione). 10. Presenza sul mercato di prodotti di impostazione tradizionale (cartacei, CD rom, banche dati off-line) a basso livello di innovazione. ILLUSTRATIVO

31 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 31 Mercato di riferimento Mercato dei professionisti : Circa dottori commercialisti Circa ragionieri commercialisti Circa consulenti del lavoro Circa avvocati Target : dai 3500 ai 6000 nellarco di 3 anni Mercato delle associazioni, istituti di credito, enti di formazione, società di consulenza : Potenzialmente con un target di 8-12 ILLUSTRATIVO

32 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 32 Prodotti e servizi di informazione e formazione Lattuale pacchetto di offerta e il BB Pack, che comprende : Servizi di info/formazione : Il Notiziario fornisce quotidianamente ai professionisti una sintesi, con breve commento, delle principali notizie di interesse relative alle materie economiche, finanziarie, commerciali, fiscali, contabili. Le notizie sono tratte da Il Sole - 24 Ore, da Italia Oggi, da Fisco Oggi e da altri siti internet di interesse. Settimana in breve offre settimanalmente una rassegna sintetica dei principali argomenti di attualità e dei temi di largo interesse per i commercialisti e, in genere, per le professioni giuridico-economiche. Le varie notizie sono integrate con la segnalazione e la recensione di quanto pubblicato dalla stampa periodica. Scadenziario propone tutte le scadenze del mese, indicando: il soggetto obbligato, l'adempimento, il riferimento normativo e le note esplicative. Circolari CC Le circolari CC sono rivolte al professionista ed al cliente dello studio professionale. In particolare, quelle per il professionista contengono un'analisi delle principali novità normative in ambito fiscale e contributivo, considerando gli eventuali chiarimenti ufficiali emanati. Le circolari si dividono in due categorie: "mensili", che riepilogano le novità pubblicate ogni mese sulla Gazzetta Ufficiale e "monotematiche", che analizzano uno specifico argomento o provvedimento di largo interesse. ILLUSTRATIVO

33 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 33 I Percorsi della Conoscenza : Ogni Percorso si indirizza ad uno specifico tema/problema professionale (es. La Riforma del Diritto Societario: la nuova SpA) raccoglie, ordina, sistematizza e tiene automaticamente aggiornata tutta la conoscenza necessaria per capire e affrontare allo stato dellarte il tema/problema in oggetto: documentazione, rinvio a fonti originali, interventi formativi e commenti audio e video di esperti, testi, schemi, modelli, software applicativi, ecc. organizzata e presentata in un percorso logico ed esaustivo. Non quindi una semplice banca dati - spesso difficile da consultare e che in ogni caso non riesce mai o solo con grandi difficoltà a restituire e mettere in ordine tutto quello che occorre conoscere su un dato argomento - ma la raccolta organica, strutturata e costantemente aggiornata, predisposta e commentata da prestigiosi esperti, della conoscenza necessaria per comprendere e operare efficacemente e rapidamente. Il piano redazionale prevede lo sviluppo di circa 100 percorsi. E-learning : evoluzione dei Percorsi della Conoscenza a fini formativi con accredito. Prodotti e servizi di informazione e formazione ILLUSTRATIVO

34 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 34 Strategia di vendita dei contenuti Ad abbonamento : labbonamento dà diritto ad usufruire di un certo numero di prodotti allinterno del catalogo per un anno. Viene venduto da una Rete di Vendita Diretta Monomandataria supportata da un Contact Center dedicato e un data base di circa 3000 contatti. Vengono utilizzati i canali di soggetti quali banche, associazioni, società di consulenza, enti di formazione, ecc. Per questi soggetti possono anche essere sviluppati progetti a commessa. ILLUSTRATIVO

35 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 35 Evoluzione dellofferta : verso strumenti operativi Evoluzione del portale con lintegrazione di strumenti operativi a supporto della pratica di lavoro : Modulistica on-line con possibilità di interazione con esperti (es. legge privacy) Strumenti di calcolo/simulazione Software gestionali Contabilità on-line ……………….. Creazione di un ambiente di lavoro integrato fra informazione-formazione-strumenti operativi: un unico punto di accesso per tutte le problematiche del professionista ILLUSTRATIVO

36 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 36 Presidente e Amministratore delegato Direzione Marketing&Commerciale Direzione Redazione Tecnica/ Metodologica Comitato di redazione Technological Advisory Board Strategie e Business Developement Amministrazione Il modello organizzativo ILLUSTRATIVO

37 Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 37 I principali assets Appartenenza ad un consolidato network di professionisti : Facilitazione nella apertura di contatti qualificati per la realizzazione di contenuti Rapida e affidabile analisi dei bisogni Rapido e affidabile test dei prodotti Partnerships di alto profilo sul piano dei contenuti : Il CC, Fondazione XYZ, Università 1, Università 2, singoli esperti molto riconosciuti Rete di vendita esperta dedicata Data base clienti Presidio forte delle variabili tecnologiche (partnerships di alto livello quali AAA) ILLUSTRATIVO


Scaricare ppt "Gestione delle Imprese Informatiche - Lezione 5 1 Gestione delle Imprese Informatiche Lezione 5 Padova, 5 febbraio 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google