La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 1 ISTITUZIONI DELLUNIONE EUROPEA Anno Accademico 2006-7 Corso di politica economica europea- Prof.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 1 ISTITUZIONI DELLUNIONE EUROPEA Anno Accademico 2006-7 Corso di politica economica europea- Prof."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 1 ISTITUZIONI DELLUNIONE EUROPEA Anno Accademico Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani

2 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 2 Schema del funzionamento istituzionale dellUnione Europea Parlamento Commissione Consiglio Memorandum (grandi orientamenti) Proposta: Regolamenti e Direttive Coreper Regolamenti Direttive Propone: Regolamenti e direttive Gestione dei fondi Governi degli stati membri Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani Propone: Regolamenti Direttive Gestione fondi UE

3 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 3 Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani

4 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 4 Parlamento europeo Parlamento europeo esercita tre funzioni essenziali: condivide con il Consiglio il potere legislativo; Consultazione, cooperazione, codecisione (introdotta da Maastricth), parere conforme svolge un ruolo decisivo nell'adozione del bilancio. controllo democratico sulle istituzioni comunitarie ed in primo luogo sulla Commissione; (possibilità di approvare mozioni di censura sulla commissione ed i suoi membri) Il Parlamento è eletto ogni 5 anni e comprende 626 deputati riuniti nell'ambito di gruppi politici transnazionali. Le sessioni plenarie, che riuniscono la totalità dei deputati, si tengono a Strasburgo che costituisce la sede del Parlamento. Le commissioni parlamentari e le sessioni plenarie aggiuntive si riuniscono a Bruxelles mentre il segretariato generale è installato a Lussemburgo. Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani

5 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 5 Parlamento europeo Parlamento europeo Composizione Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani

6 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 6 Parlamento europeo Composizione seggi (Italia 78 seggi) Composizione seggi (Italia 78 seggi)

7 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 7 Commissione europea Commissione europea esercita quattro funzioni essenziali: propone i testi di legge al Parlamento e al Consiglio; gestisce e attua le politiche comunitarie; vigila sul rispetto del diritto comunitario (insieme alla Corte di Giustizia); costituisce un importante portavoce dell'Unione europea e negozia gli accordi internazionali, essenzialmente in materia di commercio e di cooperazione. La Commissione è composta da un collegio di 25 membri. Il presidente, i Vice-presidenti e gli altri membri della Commissione sono scelti per le loro competenze generali e presentano garanzie di indipendenza. Si tratta di personalità che hanno precedentemente esercitato funzioni politiche nei loro Pesi di origine spesso a livello ministeriale. La sede della Commissione è a Bruxelles. Il rinnovo della Commissione avviene ogni cinque anni, nei sei mesi che seguono le elezioni del Parlamento europeo. Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani

8 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 8 Consiglio dell'Unione europea Precedentemente noto come Consiglio dei Ministri funzioni fondamentali : È l'organo legislativo dell'Unione che rappresenta gli Stati membri Coordina le politiche economiche generali degli Stati membri. Conclude accordi internazionali. Condivide il potere di approvazione del bilancio con il Parlamento. Prende le decisioni necessarie alla definizione e all'attuazione della politica estera e di sicurezza comune Coordina le azioni degli Stati membri e adotta misure nel settore della cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale. Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani

9 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 9 Consiglio dell'Unione europea La composizioni varia a seconda degli argomenti trattati Il Consiglio "Affari generali", "Affari economici e finanziari" e "Agricoltura" si riuniscono una volta al mese, mentre altre si riuniscono da due a quattro volte l'anno in funzione dell'urgenza dei temi trattati. La procedura di votazione più frequentemente prevista è quella a maggioranza qualificata. La soglia della maggioranza qualificata è 62 voti su 87 (71% dei voti). Il voto degli Stati membri è ponderato sulla base della loro popolazione e corretto a favore dei Paesi meno popolati. NUOVO SISTEMA DI VOTAZIONE previsto nella Costituzione Maggioranza qualificata (doppia maggioranza) 55% dei membri del Consiglio 65% della popolazione dell Unione La minoranza di blocco deve comprendere almeno 4 membri del consiglio

10 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 10 Consiglio Europeo E costituito dai capi di Stato e di governo più il presidente della commissione E il più importante organo politico dellUnione Si riunisce 4 volte allanno Vertici La presidenza è a turni semestrali Nella costituzione è previsto: Il presidente del viene eletto dal consiglio a maggioranza qualificata e dura in carica in carica 2anni e mezzo (può essere rinnovato una volta)

11 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 11 Consiglio dell'Unione europea. Consiglio dell'Unione europea. Voto degli Stati membri Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani Paesevoti Austria4 Belgio5 Danimarca3 Finlandia3 Francia10 Germania10 Grecia5 Irlanda3 Italia10 Lussemburgo2 Olanda5 Portogallo5 Regno Unito10 Spagna8 Svezia4 Totale87

12 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 12 Consiglio dell'Unione europea. Consiglio dell'Unione europea. Voto degli Stati membri dal maggio 2004 Voti totali 321 Francia, Germania, Italia, Regno Unito 29 Polonia, Spagna 27 Paesi Bassi 13

13 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 13 Corte di Giustizia La Corte di Giustizia è dotata di ampie competenze giurisdizionali che essa esercita nel quadro delle varie categorie di ricorsi cui deve rispondere. Si tratta in particolare dei seguenti tipi di ricorso: il rinvio pregiudiziale; il ricorso per inadempienza; il ricorso per annullamento; il ricorso per carenza. La sede della Corte di giustizia è a Lussemburgo. E composta da un giudice per ciascuno Stato membro affinché siano rappresentati i vari sistemi giuridici nazionali. ed è assistita da 8 avvocati generali, il cui ruolo è di presentare pubblicamente e in modo imparziale conclusioni motivate sulle questioni sottoposte alla Corte. I giudici e gli avvocati generali sono nominati di comune accordo dai governi degli Stati membri per un mandato di sei anni rinnovabile, con un rinnovo parziale ogni tre anni. Si tratta di alti magistrati o di giureconsulti di notoria competenza che presentano tutte le garanzie di indipendenza. La Corte e il tribunale eleggono ciascuno nel loro ambito un presidente per tre anni. Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani

14 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 14 Corte dei conti La Corte dei conti Controlla la corretta esecuzione del bilancio dell'Unione, vale a dire la legalità e la regolarità delle entrate e delle spese comunitarie. Garantisce la corretta gestione finanziaria, contribuendo in tal modo all'efficacia e alla trasparenza del sistema comunitario. Le sede della Corte dei conti è a Lussemburgo. E composta da 15 membri nominati per un mandato rinnovabile di 6 anni dal Consiglio, deliberante all'unanimità previa consultazione del Parlamento europeo. I membri della Corte dei conti sono scelti tra personalità che abbiano appartenuto nei loro Paesi rispettivi alle istituzioni di controllo esterno o in possesso di una qualifica particolare per tale funzione. Ciascun membro del collegio deve soddisfare i criteri di competenza e di indipendenza ed esercitare le sue funzioni a tempi pieno. I membri eleggono tra di loro un presidente per una durata di tre anni. Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani

15 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 15 Comitato economico e sociale Ha tre missioni essenziali: garantire una funzione consultiva nei confronti delle tre grandi istituzioni (Consiglio, Commissione e, dal Trattato di Amsterdam, il Parlamento europeo); consentire una maggiore partecipazione dei rappresentanti della società civile organizzata al progetto europeo, favorendo in tal modo lo sviluppo di una società maggiormente partecipativa, inclusiva e quindi democratica; rafforzare il ruolo della società civile organizzata dei Paesi terzi attraverso la promozione di un dialogo strutturato con i loro rappresentanti e, nel rispetto delle realtà economiche, sociali e culturali, il sostegno alla creazione di strutture consultive. La sede del CES è a Bruxelles, dove si svolge la maggior parte delle riunioni e delle assemblee plenarie. Vengono inoltre organizzate riunioni fuori sede. I membri del Comitato sono proposti dai governi degli Stati membri e nominati dal Consiglio dell'Unione europea per un mandato rinnovabile di 4 anni. I 222 membri sono totalmente indipendenti e sono ripartiti in funzione delle dimensioni delle popolazioni degli Stati membri (24 membri per Germania, Francia, Italia e Regno Unito; 21 per la Spagna; 12 per Austria, Belgio, Grecia, Paesi Bassi, Portogallo e Svezia; 9 per Danimarca, Finlandia e Irlanda; 6 per Lussemburgo). Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani

16 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 16 Comitato delle regioni Il Comitato delle regioni vigila sul rispetto dell'identità e delle prerogative regionali e locali. Previsto dal Trattato sull'Unione europea, è stato creato nel La Commissione e il Consiglio consultano obbligatoriamente il Comitato delle regioni nei settori la coesione economica e sociale (politica regionale e fondi strutturali); le reti transeuropee nei settori del trasporto, delle telecomunicazioni e dell'energia; la sanità pubblica; l'istruzione, la gioventù e la cultura; la politica dell'occupazione, la formazione professionale e la politica sociale; l'ambiente; i trasporti. È composto di rappresentanti degli enti regionali e locali. I 222 membri del Comitato La sede del Comitato delle regioni è a Bruxelles. Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani

17 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 17 Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani Banca europea per gli investimenti La Banca europea per gli investimenti (BEI) è l'istituzione finanziaria dell'Unione europea. Contribuisce alla realizzazione degli obiettivi dell'Unione attraverso il finanziamento di progetti volti a promuovere l'integrazione europea, lo sviluppo equilibrato, la coesione economica e sociale, nonché lo sviluppo di un'economia fondata sulle conoscenze e sull'innovazione. Creata nel 1958 dal Trattato di Roma, la BEI si finanzia attraverso l'acquisizione di prestiti sui mercati dei capitali. Oggi in posizione di assoluta preminenza nella classifica mondiale degli emittenti non sovrani, la BEI beneficia sui mercati dei capitali del migliore rating di credito, la "tripla A". La sede della Banca europea per gli investimenti è a Lussemburgo, ove impiega un personale qualificato e multiculturale proveniente da tutti gli Stati membri dell'Unione europea. La BEI comprende un Consiglio dei governatori, un Comitato di direzione e un Comitato di verifica. Gli interventi della Banca si basano in particolare sui seguenti criteri: servono da catalizzatore per attrarre altre fonti di finanziamento; s'inscrivono in settori quali il rafforzamento della competitività delle industrie europee e del settore delle piccole e medie imprese (PMI), la realizzazione delle reti transeuropee (trasporto, telecomunicazioni e trasferimento di energia), la tutela dell'ambiente naturale e urbano, nonché l'investimento nei settori della sanità, dell'istruzione, e delle tecnologie dell'informazione; riguardano in particolare le regioni meno favorite.. Da notare infine che la Banca è l'azionista di maggioranza del Fondo europeo degli investimenti (FEI), del quale presiede il Consiglio di vigilanza. Creato nel 1994, il FEI ha la sua sede a Lussemburgo e si propone prevalentemente di sostenere l'investimento in fondi propri delle PMI.

18 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 18 Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani Banca centrale europea (BCE) La creazione dell'Unione monetaria in Europa ha dato origine ad una nuova moneta, l'euro, e ad una nuova banca centrale. La BCE e le banche centrali dei Paesi che hanno adottato l'euro costituiscono una nuova entità definita "Eurosistema". Creata il 1° giugno 1998, la Banca centrale (BCE) è subentrata all'Istituto monetario europeo (IME),che aveva precedentemente svolto un ruolo centrale nella preparazione del lancio dell'euro, verificatosi il 1° gennaio La sede della Banca centrale europea è a Francoforte sul Meno (Germania) dove impiega personale proveniente da tutti gli Stati membri dell'Unione europea. Essa gode di una totale indipendenza nello svolgimento delle sue missioni. In effetti, né la BCE, né le banche centrali nazionali dell'Eurosistema, né un qualunque membro dei loro organi di decisione possono sollecitare o accettare istruzioni provenienti da qualunque altro organo. Le istituzioni europee e i governi degli Stati membri sono tenuti a rispettare questo principio e a non cercare di influenzare la BCE o le banche centrali nazionali. L'obiettivo fondamentale che è di garantire la stabilità dei prezzi, Le missioni principali della BCE consistono nel: definire e attuare la politica monetaria della zona euro; effettuare le operazioni di cambio, detenere e gestire le riserve ufficiali emettere le banconote nella zona euro; promuovere il corretto funzionamento dei sistemi di pagamento. Inoltre, è incaricata di: raccogliere le informazioni statistiche; seguire l'evoluzione dei settori bancario e finanziario e favorire gli scambi d'informazione tra il SEBC e le autorità di controllo bancario. L'obiettivo principale dell'Eurosistema è di mantenere la stabilità dei prezzi nella zona euro, preservando in tal modo il potere d'acquisto dell'euro. La strategia si basa su due pilastri: un ruolo di primo piano è attribuito alla moneta. Tale ruolo è sottolineato dall'annuncio di un valore di riferimento per la crescita della massa monetaria in senso lato, poiché si ritiene che l'inflazione sia la conseguenza del fatto che la quantità di moneta disponibile sia eccessiva rispetto all'offerta di beni e di servizi; una valutazione, basata su un'ampia gamma di indicatori, delle prospettive di evoluzione dei prezzi e dei rischi per la stabilità dei prezzi nella zona euro (salari, tassi di cambio, tassi di interesse a lungo termine, varie misure dell'attività economica, ecc...). La stabilità dei prezzi è stata definita come una progressione su un anno dei prezzi al consumo inferiore al 2%.

19 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 19 Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani Banca centrale europea (BCE) L'obiettivo fondamentale che è di garantire la stabilità dei prezzi, Le missioni principali della BCE consistono nel: definire e attuare la politica monetaria della zona euro; effettuare le operazioni di cambio, detenere e gestire le riserve ufficiali emettere le banconote nella zona euro; promuovere il corretto funzionamento dei sistemi di pagamento. Inoltre, è incaricata di: raccogliere le informazioni statistiche; seguire l'evoluzione dei settori bancario e finanziario e favorire gli scambi d'informazione tra il SEBC e le autorità di controllo bancario. L'obiettivo principale dell'Eurosistema è di mantenere la stabilità dei prezzi nella zona euro, preservando in tal modo il potere d'acquisto dell'euro. La strategia si basa su due pilastri: una valutazione, basata su un'ampia gamma di indicatori, delle prospettive di evoluzione dei prezzi e dei rischi per la stabilità dei prezzi nella zona euro (salari, tassi di cambio, tassi di interesse, varie misure dell'attività economica, ecc...). un ruolo di primo piano è attribuito alla moneta. Tale ruolo è sottolineato dall'annuncio di un valore di riferimento per la crescita della massa monetaria in senso lato. La stabilità dei prezzi è stata definita come una progressione su un anno dei prezzi al consumo inferiore al 2%.

20 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 20 Gli allargamenti dellUnione Europea Corso di politica economica europea- Prof. Roberto Fanfani

21 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 21 UE-25: I nuovi PAESI e paesi candidati P E I F UK D IRL BENELUX DK S FIN CZ SLK SL T A C M H PL EST GR BG RO LT LV

22 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 22 NOVITA PREVISTE NELLA COSTITUZIONE EUROPEA NUOVI SISTEMA DI VOTAZIONE previsti nella Costituzione Maggioranza qualificata (doppia maggioranza) –55% dei membri del Consiglio –65% della popolazione dell Unione –La minoranza di blocco deve comprendere almeno 4 membri del consiglio LA COMMISSIONE La composizione passa a 25 membri (1 per paese) LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO Il presidente del Consiglio Europeo viene eletto dal consiglio a maggioranza qualificata e dura in carica in carica 2 anni e mezzo (può essere rinnovato una volta)

23 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 23 Parlamento europeo Parlamento europeo Composizione

24 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 24 Consiglio dell'Unione europea. Consiglio dell'Unione europea. Voto degli Stati membri dal 1°novembre 2004

25 Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 25 European Voice


Scaricare ppt "Corso di Politica Economica – Prof. Roberto Fanfani 1 ISTITUZIONI DELLUNIONE EUROPEA Anno Accademico 2006-7 Corso di politica economica europea- Prof."

Presentazioni simili


Annunci Google