La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università La Sapienza – Roma, 20 aprile 2013. Il quadro teorico-interpretativo della ricerca Osservatorio Geopolitico sulle élites contemporanee (GeopEC);

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università La Sapienza – Roma, 20 aprile 2013. Il quadro teorico-interpretativo della ricerca Osservatorio Geopolitico sulle élites contemporanee (GeopEC);"— Transcript della presentazione:

1 Università La Sapienza – Roma, 20 aprile 2013

2 Il quadro teorico-interpretativo della ricerca Osservatorio Geopolitico sulle élites contemporanee (GeopEC); Tre idealtipi di élite: il politico professionale; il politico businessman; il politico teocratico; Tre forme di politica/policy-making: la politica di potenza; la politica-progetto; la politica di interessi; Più in generale, il rapporto tra le élites politiche e le élites economiche.

3 Le élites della fase sovietica il sistema della nomenklatura crescente autonomia delle élites economiche dalle élites politico- amministrative già nella fase di Brezhnev ( ) patronage, economia extra-piano; accelerazione con Gorbachev e poi Eltsin.

4 Il metodo Ricostruzione storica Ricostruzione dei parlamenti ucraini e delle aree di voto riferite alle elezioni presidenziali Ricostruzione dei governi tramite metodo posizionale Ricerca biografica riguardo a ciascun membro di governo Costruzione delle tipologie di élite a partire da quelle esistenti o tramite la configurazione di nuove Una teoria delle élite

5 Le fonti Internet Libri Riviste specialistiche Contatti personali Interviste a uomini della politica ucraina

6 LUcraina post-sovietica

7 : il partito del potere Dal giorno dellindipendenza alla Rivoluzione Arancione lUcraina è stata dominata dal partito del potere, gruppo informale e costellazione di interessi eterogenei, composto dai dirigenti dellex partito comunista sovietico. I primi due presidenti rientravano in questo gruppo e la loro gestione del potere era sostanzialmente autoritaria. Il partito del potere si distingue in due tronconi prinicipali: la nomenklatura amministrativa e la più composita nomenklatura economica, suddivisa in vari clan regionali (Dnipropetrovsk, Donetsk, Kyiv, Kharkiv).

8 Kravchuk e Kuchma: due presidenti, due oligarchie, un unico stile Leonid Kravchuk è stato il padre dellindipendenza e leader della nomenklatura amministrativa. Leonid Kuchma è stato il presidente che ha governato dal 1994 al 2004 e leader indiscusso della nomenklatura economica (clan del Dnipropetrovsk). Tratti comuni: populismo, ricorso al referendum, decretismo, autoritarismo, clientelarismo, nepotismo.

9 Yushchenko, luomo nuovo Autoproclamatosi come riformatore della politica ucraina, la Rivoluzione Arancione da lui guidata mirava al cambiamento nellélite di governo. Tak, slogan e simbolo di rinnovamento dellélite di governo e del modo di gestire il potere (in senso più democratico).

10 Lo scandalo Tymoshenko Yulia Tymoshenko, Primo Ministro, alleata di Yushchenko nella Rivoluzione ed esponente del clan del Dnipropetrovsk, è costretta a lasciare il premierato a causa delle accuse di corruzione (8 settembre 2005).

11 Viktor Yanukovych, nuova guida del partito del potere, avversario storico di Yushchenko, filorusso e Primo Ministro da agosto 2006, cerca di rinforzare la maggioranza parlamentare per modificare la Costituzione in senso antipresidenziale verso un sistema parlamentare puro (allitaliana). Lart. 83 della Costituzione proibisce cambi di schieramento ai singoli deputati. Yanukovych rischia sottraendo deputati allopposizione, ma viene bloccato dal presidente Yushchenko, che con un colpo di mano scioglie il Parlamento e indice elezioni anticipate (nonostante non ricorressero le previsioni di cui allart. 90 della Costituzione). Il voto del 30 settembre 2007 dà ragione a Yulia Tymoshenko che torna ad essere Primo Ministro. La crisi istituzionale del 2007

12 Governo Tymoshenko II: il cambio al vertice In seguito al voto del settembre 2007, e dopo mesi di snervanti trattative, a febbraio del 2008 si è arrivati al secondo governo Tymoshenko Lidillio ha avuto vita breve: a settembre del 2008 la risorta Coalizione Arancione è andata ancora una volta in pezzi, aprendo una nuova crisi istituzionale (Governo vs. Presidente vs. Parlamento) Principali motivi della contesa: Le leggi in favore di una riduzione dei poteri del Presidente La questione georgiana e le relazioni con la Russia Il crollo del secondo governo Tymoshenko viene scongiurato a dicembre del 2008, quando il BYuT, il blocco presidenziale Nostra Ucraina-Difesa Popolare e il Blocco Lytvyn raggiungono un accordo per una nuova maggioranza parlamentare di centro-destra

13 Le elezioni presidenziali del 2010 (primo turno)

14 Le elezioni presidenziali del 2010 (secondo turno) Voto polarizzato lungo il clevage linguistico- territoriale

15 Lera Yanukovych e i governi Azarov (2010-oggi) A marzo del 2010, pochi giorni dopo linvestitura presidenziale di Yanukovych, il governo Tymoshenko perde la fiducia del Parlamento. Lesecutivo viene affidato dal Presidente ad uno dei leader del Partito delle Regioni e del clan del Donetsk, Mykola Azarov. Il nuovo governo è sostenuto dal Partito delle Regioni, dal Partito Comunista e dal Blocco Lytvyn (Coalizione Stabilità e Riforma). Apertura del procedimento giudiziario contro Yulia Tymoshenko con laccusa di abuso di ufficio, commesso quando era Primo Ministro nel corso della disputa del gas con la Russia (2009). In seguito, Yulia Tymoshenko è accusata di altri reati. Arrestata a ottobre del Da gennaio 2013 è anche accusata dellomicidio del businessman liberale Yevhen Shcherban, avvenuto nel Relazioni Ucraina-Russia. Nuovo accordo sul gas (aprile 2010). Azarov è riconfermato Primo Ministro il 24 dicembre 2012, dopo le elezioni parlamentari tenutesi ad ottobre. La coalizione a sostegno in Parlamento è di centro-sinistra: Partito delle Regioni e Partito Comunista. Nel governo cè spazio anche per Natalia Korolevska (Ministro Politiche Sociali), leader di Ucraina Avanti! (prima Partito Socialdemocratico ucraino), espulsa a marzo dal Blocco Tymoshenko insieme al suo partito. Laccusa: collaborazionismo con il Presidente Yanukovych.

16 I parlamenti ucraini dal 1994 ad oggi

17 Il Parlamento durante la seconda legislatura ( ) Sotto Kuchma, Parlamento debole. Governi sostenuti da maggioranze tendenzialmente di centro- destra (maggioranze fragili e fluide, appoggiate occasionalmente da Agrari e Indipendenti). In sintesi. Maggioranza potenziale: destra 99 seggi + centro 116 seggi = 215 deputati su 403 (53,35%). 47 ancora vacanti allinizio del Legenda: toni di rosso: sinistra; toni di blu: centro; toni di giallo: destra.

18 Allinizio della terza legislatura: una coalizione grande e fragile Dopo le elezioni parlamentari del 1998, la maggioranza in favore del premier Pustovoytenko si regge sul fragile asse di centro-sinistra. Occasionale appoggio degli indipendenti. Fuori dalla maggioranza, il partito di centro Hromada, guidato da Lazarenko e Tymoshenko. Tuttavia, si tratta di una maggioranza debole a causa della scarsa affinità tra comunisti e centristi. Nel 1999, infatti, dopo la sua rielezione presidenziale, Kuchma cambia governo. Maggioranza potenziale: Centristi 138 seggi + Sinistre 158 seggi = 296 seggi su 448 occupati (66,07%). 2 vacanti.

19 Per il premier Yushchenko una maggioranza con i clan e le nomenklature I clan e le nomenklature, rappresentate dai partiti di centro, tendono a mettere da parte le reciproche ostilità e ad unirsi attorno alla figura del Presidente Kuchma. Dopo la rielezione, licenzia Pustovoytenko e affida il governo al Governatore della Banca Centrale Ucraina, Viktor Yushchenko (dicembre 1999). A sostegno, una coalizione di centro-destra. Lazarenko viene indagato per corruzione e fugge allestero. Hromada si sfalda e Tymoshenko si avvicina a destra con una nuova formazione. Il Rukh si spacca e il Partito Democratico Popolare perde pezzi in favore di due gruppi centristi emergenti (Partito di Rinascita Regionale e Ucraina Lavoratrice). Il Partito Agrario rompe con i socialisti e confluisce nel blocco centrista Solidarietà. Maggioranza potenziale. Destra 89 seggi + centro 181 seggi = 270 seggi (60%).

20 Elezioni Crollo a sinistra, il successo di Yushchenko e del centro. Il primo governo Yanukovych Dopo le elezioni del 2002, Kuchma affida il governo al leader del Partito delle Regioni ed esponente di spicco del clan del Donetsk: Viktor Yanukovych. Definitiva pacificazione tra nomenklature e clan. La maggioranza è risicatissima e si compone di soli centristi (frazionati in ben 10 gruppi). Occasionale lappoggio delle sinistre, e in particolare dei comunisti, ma solo in chiave anti-liberale e anti-nazionalista. Maggioranza: forze di centro 229 seggi (50,89%) su 450.

21 La Coalizione Arancione (2005) Con la Rivoluzione Arancione, il centro si spacca: i kuchmisti del Dnipropetrovsk, che mai avevano digerito completamente lalleanza con Yanukovych (leader del partito del clan del Donetsk), vanno a sostegno delle forze arancioni. Insieme a loro, nella Coalizione Arancione entrano anche i socialisti. La maggioranza su cui può contare il nuovo Presidente Yushchenko e il governo di Yulia Tymoshenko è minima, 226 seggi (50,25%). Lunica speranza sono i 57 non affiliati, pronti a vendersi al miglior offerente. Tuttavia, il primo governo Tymoshenko riceve la fiducia di ben 373 deputati su 450. Addirittura 46 del PdR e 18 socialdemocratici votano a favore.

22 Le elezioni del 2006, lUniversale e il secondo governo Yanukovych Nel 2005 emergono i conflitti tra Yushchenko e Tymoshenko. Accusata per fatti di corruzione risalenti al 2001, quando era vicepremier nel governo Yushchenko, viene licenziata a settembre del 2005 dal Presidente. Il nuovo governo di Yekhanurov si regge solo grazie al voto dei centristi e, a sorpresa, del Partito delle Regioni. Le parlamentari del 2006 vedono sconfitti i comunisti, in crescita i socialisti. Risultati eccellenti per Tymoshenko e Partito delle Regioni, delusione per Yushchenko. Lo spettro partitico si semplifica. Tentativo di Alleanza di Unità Nazionale (o Universale) tra tutte le forze. Ad agosto, governo affidato a Yanukovych (decisivo il sostegno dei socialisti) a danno di Tymoshenko. BYuT subito allopposizione. A settembre anche Nostra Ucraina va allopposizione. Coalizione di centro-sinistra. Maggioranza potenziale: PdR Sinistre 54 = 240 seggi (53,33%)

23 Elezioni anticipate La seconda Coalizione Arancione Il tentativo di riforma della Costituzione in chiave anti- presidenziale messo in atto dal governo di Yanukovych spinge Yushchenko a forzare la mano e a sciogliere il Parlamento. Nellautunno del 2007 si torna alle urne. Exploit per Tymoshenko, nuovo calo per Nostra Ucraina- Difesa Popolare, lieve flessione per il PdR e leggero recupero comunista. Spariscono i socialisti (puniti per labbandono della Coalizione Arancione), rimpiazzati dal Blocco Lytvyn, formazione centrista di ispirazione agraria. Le destre si alleano e risuscita la Coalizione Arancione. La maggioranza di 228 seggi (50,67% del totale)è troppo risicata. Nel 2008 si giunge ad un accordo con Lytvyn. Maggioranza potenziale: Coalizione Arancione Blocco Lytvyn 20 = 248 seggi (55,11%).

24 La Coalizione Stabilità e Riforma Yanukovych vince le elezioni presidenziali del Il Blocco Lytvyn stacca la spina al secondo governo Tymoshenko e va a sostegno del nome proposto da Yanukovych: Mykola Azarov, altro leader del PdR. La nuova coalizione di centro-sinistra non ha i numeri, ma tornare alle elezioni anticipate in piena crisi economica sarebbe troppo rischioso. A sostegno di Azarov vanno, allora, alcuni membri della destra arancione. La fiducia è votata grazie ai membri del gruppo misto, a 11 di Nostra Ucraina – Difesa Popolare e 8 del BYuT, questultimi subito espulsi. Nasce la Coalizione Stabilità e Riforma. Altri parlano di Coalizione dei Tushki, ossia dei transfughi. Maggioranza rilevata in occasione del voto di fiducia : 172 PdR + 20 Lytvyn + 27 PCU + 4 non affiliati + 19 transfughi = 242 seggi (53,78%) su 450.

25 Elezioni ottobre Crollo Tymoshenko, PdR record. Nuovo governo Azarov Alle contestatissime eleziooni parlamentari del 2012 sparisce Nostra Ucraina e crolla il gruppo pro-Tymoshenko. Leredità di Yushchenko è raccolta dal gruppo di destra Libertà e dal partito di centro- destra Alleanza Democratica, guidata dal campione del mondo dei pesi massimi di boxe (in carica dal 2008), Vitaly Klitschko. Il PdR è ai massimi storici, nuovo passo avanti del PCU. Il 24 dicembre Azarov forma un secondo governo, sostenuto ancora da una maggioranza di centro-sinistra. Maggioranza potenziale: PdR 210 seggi + PCU 32 seggi = 242 (54,51%) su vacanti.

26 Parlamenti ucraini a confronto La divisione tra sinistra, centro e destra non tiene conto delle coalizioni e delle alleanze che si sono create tra le diverse aree o delle fratture interne a ciascuna area.

27 Lanalisi dei governi ucraini

28 La semplicità del metodo posizionale Si indica la carica e chi la ricopre Si indica il partito di appartenenza Si indica lélite a cui afferisce Si indica anche la professione Nella prossima slide, un esempio: il primo governo guidato da YuliaTymoshenko (24 gennaio 2005 – 8 settembre 2005)

29 Carichenomepartitoéliteprofessione Primo MinistroYulia TymoshenkoBYuTDnipropetrovskmanager industriale Primo Vice PMAnatoliy KinakhPart. Ind.Economicaimprenditore Vice PM Politiche SocialiMykola TomenkoNU-accademico Vice PM Politiche Regionali Roman BezsmertnyNU-docente Vice PMOleh RybachukPSUEconomicamanager finanza Ministeri InternoYuriy LutsenkoPSUEconomicamanager finanza- industriale EsteriBorys TarasyukNUAmministrativadiplomatico DifesaAnatoliy HrytsenkoNUMilitareufficiale dellesercito GiustiziaRoman ZvarychNU-accademico Politiche agricoleOleksandr BaranivskyiPSU?? EconomiaSerhiy TeryokhinNU-economista FinanzeViktor PynzenykNUAmministrativaaccademico/economista Protezione ambientalePavlo IhnatenkoNUEconomicamanager finanza Industria minerariaViktor TopolovNUEconomicamanager finanza Energia e petrolioIvan PlachkovUnitàDnipropetrovsking.-manager industriale Politica industrialeVolodymyr ShandraNUEconomicamanager finanza Cultura, turismo e arteOksana BilozirNU-cantante lirica Trasporti e comunicazioneYevhen ChervonenkoNUDnipropetrovskimprenditore EmergenzeDavyd ZhvaniyaNUEconomicamanager finanza- industriale Educazione e scienzeStanislav NikolayenkoPSU-accademico SaluteMykola PolischukNU-medico Lavoro e politiche socialiVyacheslav KyrylenkoNU-politico professionista Famiglia, giovani e sportYuriy PavlenkoNU-public relations Segretario del CdMPetro KrupkoBYuT-avvocato Il primo governo Tymoshenko

30 Gli elementi di valutazione dei governi Numero dei ministeri Numero di membri rilevati Numero di membri considerati Numero modifiche alla squadra di governo Durata Partiti di appartenenza dei ministri Élite di appartenenza Governo sostenuto da Parlamento o Presidente? Maggioranza a sostegno Solidità numerica (bassa, media, alta) (maggioranza da 226 a 245 è stata considerata poco solida numericamente, da 246 a 275 è mediamente solida, da 276 in poi molto solida) Coesione politica maggioranza parlamentare Coesione ideologica maggioranza parlamentare Compattezza governo Governo dismesso dal Parlamento o dal Presidente?

31 Una scheda di governo Caratteristiche del governo numero di ministeri24 (PM, 1 PVPM, 3 VPM e 19 ministeri) numero di membri rilevati24 numero di membri considerati24 modifiche squadra di governo0 durata8 mesi partiti di appartenenza dei ministri16 Nostra Ucraina, 4 Partito Socialista, 2 Blocco Yulia Tymoshenko, 1 Partito Industriali e Imprenditori, 1 Unità élite di appartenenza7 Economica, 3 Dnipropetrovsk, 2 Amministrativa, 1 Militare governo sostenuto dalPresidente maggioranza a sostegnonazionaldemocratici + ex centristi + Partito Socialista (Coalizione Arancione) solidità numerica maggioranzabassa coesione politica maggioranzamedia coesione ideologica maggioranzabassa compattezza governoalta governo dismesso dalPresidente

32 Questioni di interazione PresidenteGovernoParlamento Governo Yanukovych IKuchmaYanukovychcentro-sinistra ÉliteDnipropetrovskpartito del potere Poterefortemedio Governo Tymoshenko IYushchenkoTymoshenkocentro-destra ÉliteeconomicaDnipropetrovsk/economica Poterefortemedio Governo YekhanurovYushchenkoYekhanurovdestra Éliteeconomica Dnipropetrovsk/economica Poteremedio Governo Yanukovych IIYushchenkoYanukovychcentro-sinistra ÉliteeconomicaDonetsk/amministrativa Poterefortemedio Governo Tymoshenko IIYushchenkoTymoshenkocentro-destra éliteeconomicaDnipropetrovsk/economica poteremedio

33 Élites dellUcraina post-sovietica

34 Le élites in Ucraina: la genealogia del partito del potere Partito del potere Nomenklatura amministrativa (Kravchuk) Nomenklatura economica Clan del Dnipropetrovsk (Kuchma) Gruppo Kuchma Gruppo Lazarenko- Tymoshenko Clan del Donetsk (Yanukovych) Holding di Kyiv (Medvedchuk) Clan del Kharkiv

35 La nuova élite economica neutrale Élite manageriale finanziaria (Yushchenko) Élite imprenditoriale (Kinakh) Élite manageriale industriale (Yekhanurov)

36 Le élite in teoria

37 Una nuova teoria delle élites Élite dominante Élite(s) di governo Élite amministrativa e militare Élites politiche, economiche e intellettuali Società civile

38 Classificazione delle élites La società civile sceglie i decisori, mentre le decisioni vengono prese dai decisori che agiscono comunque per conto della società civile e ad essa sono vincolati. Le élites politiche (partiti, associazioni, movimenti, gruppi di pressione, sindacati…), le élites economiche (imprenditoriali, manageriali e finanziarie) e quelleintellettuali (scientifica, religiosa, dellinformazione, artistica-culturale) traducono le spinte provenienti dalla società civile in proposte politiche. Le élites amministrativa e militare si curano di applicare i provvedimenti legislativi e di governo e di garantire la sicurezza dei cittadini. Nellélite di governo vanno rappresentanti delle élites politiche, economiche, intellettuali, amministrativa e militare. A governare possono essere più élites o una sola (approccio flessibile), ma a dominare è una sola, la quale al limite chiede sostegno ad altre élites di governo, cercando di isolare e scalzare quelle sgradite dalle posizioni di comando.

39 Conclusioni La Rivoluzione arancione in continuità con il trend di predominio delle élites economiche su quelle politiche; Confronto con la Russia; linversione di tendenza operata da Putin.


Scaricare ppt "Università La Sapienza – Roma, 20 aprile 2013. Il quadro teorico-interpretativo della ricerca Osservatorio Geopolitico sulle élites contemporanee (GeopEC);"

Presentazioni simili


Annunci Google