La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa 2. Il Codice Etico -------------------------------------------- Stefano Scarcella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa 2. Il Codice Etico -------------------------------------------- Stefano Scarcella."— Transcript della presentazione:

1 Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa 2. Il Codice Etico Stefano Scarcella Prandstraller

2 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa Il Codice Etico è un documento redatto volontariamente dallimpresa; viene esteso dal top management, da un gruppo di lavoro o da un comitato etico appositamente costituito; consegue legittimazione solo attraverso lapprovazione da parte del consiglio di amministrazione: in tal modo impegna lalta direzione e tutti i dipendenti; una volta approvato, deve essere diramato a tutte le direzioni dellazienda, al fine di: 1) favorirne la conoscenza e lattuazione da parte del personale nelle attività lavorative quotidiane; 2) costituire un solido punto di riferimento nelle riunioni periodiche di miglioramento continuo; 3) coinvolgere nella sua implementazione la leadership e gli operatori a tutti i livelli.

3 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa Il Codice Etico esprime il contratto sociale ideale dellimpresa; contiene principi e nome volti ad orientare il comportamento dellimpresa e dei suoi operatori; svolge limportantissima funzione di tradurre i principi e i valori etici posti a fondamento della cultura organizzativa in norme operative e criteri di condotta, in modo da bilanciare le aspettative e gli interessi dei diversi pubblici di riferimento (Sacconi, 2000). è uno strumento di governo delle relazioni, che estende le regole della corporate governance a tutti gli stakeholder e nel quale limpresa definisce linsieme dei doveri fiduciari che si impegna, anche sotto un profilo formale, a rispettare nei loro confronti (Invernizzi, 2006).

4 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa Il Codice Etico (Kenneth Arrow, 1973) Ha il fine di migliorare: a) laffidabilità b) la reputazione c) la fiducia svolge altresì una funzione di legittimazione morale, dato che: elenca i diritti, i doveri e le responsabilità che limpresa riconosce di avere nei confronti dei suoi stakeholder e si impegna pubblicamente a rispettare; offre in cambio a questi ultimi lopportunità di verificare se le proprie aspettative vengono equamente soddisfatte; si propone loro altresì come incentivo a prendere una parte attiva nello sviluppo e nel miglioramento dellimpresa.

5 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa Codice etico e bilancio sociale Il Codice Etico è laltra faccia del Bilancio Sociale; dalla missione aziendale hanno origine due diversi ordini di attività: a) uno più generale, rivolto al controllo delle politiche dimpresa e alla corporate governance (il Bilancio Sociale); c) laltro ai comportamenti individuali (il Codice Etico); può definirsi come la Carta Costituzionale dellimpresa, una carta dei diritti e doveri morali che definisce la responsabilità etico-sociale di ogni partecipante allorganizzazione. È il principale strumento di implementazione delletica allinterno dellazienda.

6 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa Le funzioni del codice etico E un mezzo efficace a disposizione del management per prevenire comportamenti irresponsabili o illeciti da parte di chi opera in nome e per conto dellazienda; introduce una definizione chiara ed esplicita delle responsabilità etiche e sociali dei propri dirigenti, quadri, dipendenti e spesso anche fornitori verso i diversi gruppi di stakeholder; garantisce la gestione equa ed efficace delle transazioni e delle relazioni umane; sostiene la reputazione dellimpresa, in modo da creare fiducia verso lesterno.

7 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa I Codici etici negli USA Negli USA la redazione dei Codici Etici ha avuto una diffusione straordinaria; circa l85% delle imprese del Paese con più di 500 dipendenti ha adottato tale strumento. Limpulso è stato dato a partire dal 1991 quando il Governo degli Stati Uniti ha emanato delle norme specifiche (Federal Sentencing Commission Guidelines for Organizations) in materia di azioni criminali da parte delle imprese. Laver realizzato un Codice Etico consente di provare la buona fede dellazienda, nei casi di contestazione, ottenendo una riduzione delle sanzioni.

8 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa I Codici etici in Italia In Italia i Codici Etici hanno ancora una diffusione limitata. Alcuni esempi ci vengono forniti: dal Codice di Comit, Coop Adriatica (grande distribuzione), ENI, FIAT, Glaxo Welcome (farmaceutica), RAI e il Gruppo Mediaset, che hanno Codici Etici approvati dai Consigli di Amministrazione I principi e le disposizioni dei Codici Etici delle aziende italiane: dettano obblighi generali di correttezza e lealtà; qualificano ladempimento delle prestazioni lavorative e il comportamento nellambiente di lavoro; vincolano gli amministratori, le persone legate da rapporto di lavoro subordinato, e tutti coloro che operano in nome e per conto delle aziende, anche in forza di rapporti temporanei.

9 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa La struttura del Codice etico La struttura del Codice Etico può variare da impresa ad impresa, ma generalmente viene sviluppato su quattro livelli: 1) I principi etici generali che raccolgono la missione aziendale ed il modo più corretto di realizzarla; 2) Le norme etiche per le relazioni dellimpresa con i vari stakeholder: consumatori, fornitori, dipendenti, comunità locale, ecc.

10 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa La struttura del Codice etico 3) Gli standard etici di comportamento : - Principio di legittimità morale - Equità ed eguaglianza - Tutela della persona - Diligenza - Trasparenza - Onestà - Riservatezza - Imparzialita' - Tutela ambientale - Protezione della salute 4) Le sanzioni interne per la violazione delle norme del Codice Etico e dei principi etici.

11 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa La metodologia di realizzazione Prevede in linea di massima le seguenti fasi: 1) analisi della struttura aziendale per lindividuazione della mission e dei gruppi di stakeholder di riferimento. 2) discussione interna per lindividuazione dei principi etici generali da perseguire, le norme etiche per la relazioni dellimpresa con i vari stakeholder, gli standard etici di comportamento. 3) consultazione degli stakeholder per la condivisione dei principi etici generali e particolari per ogni gruppo.

12 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa La metodologia di realizzazione 4) adeguamento dellorganizzazione aziendale, delle procedure, delle politiche imprenditoriali con riferimento ai principi etici del Codice. In particolare rivestono una notevole importanza: a) lattività di formazione etica finalizzata a mettere a conoscenza tutti i soggetti dellimpresa dellesistenza del Codice e di assimilarne i contenuti; B) linternal ethical auditing, vale a dire le procedure di controllo interno sulleffettiva implementazione del Codice. Il dialogo e la partecipazione sono indispensabili per far condividere a tutto il personale i valori presenti nel Codice Etico.

13 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa La formazione etica ha a che vedere con una concezione dellorganizzazione che pone al centro le risorse umane intese come persone, che con il loro impegno, la loro esperienza e la loro conoscenza rappresentano la vera ricchezza dellimpresa; la capacità di innovare, sviluppare nuovi servizi e raggiungere una qualità sempre maggiore dipende non più solo dagli investimenti materiali, finanziari e tecnologici, ma sempre più dalla qualità e dalla pertinenza degli investimenti immateriali, e cioè nelle persone, nel sistema di relazioni e nella cultura organizzativa. In una tale ottica, una primaria importanza è assunta dalla formazione, in quanto il concetto chiave dellinvestimento immateriale è lapprendimento (Crozier, 1990).

14 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa La formazione etica (Dizionario di Business Ethics, 1997) consiste nel fornire istruzioni sulle abilità cognitive e operative che sono necessarie per formulare un giudizio morale su pratiche e comportamenti del mondo degli affari. È diretta a sviluppare e adeguare nel tempo le capacità delle persone di riconoscere, analizzare e risolvere i dilemmi etici che si presentano sia a livello organizzativo, sia a livello gestionale. Si realizza con workshop, convegni, convention e seminari su visione etica dellimpresa e valori e principi del codice etico; Quella rivolta ai manager, li prepara ad applicare i principi etici nelle decisioni strategiche; Quella rivolta al personale è diretta a individuare e gestire le fonti dei dilemmi etici che possono scaturire da rapporti critici con gli stakeholder.

15 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa Internal ethical auditing si tratta di controlli interni basati su procedure di audit interno del comportamento etico; hanno lo scopo di verificare: lorientamento dellimpresa alla CSR ; assicurare la conformità del suo operato, delle sue politiche e delle sue strategie attraverso lispezione, il monitoraggio e il controllo; il responsabile di questo controllo è linternal ethical auditor, figura indipendente che svolge unattività di controllo finalizzata a migliorare lefficacia e lefficienza dellimpresa nel complesso delle sue attività di CSR.

16 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa Linternal ethical auditor La sua funzione comprende i seguenti ambiti: 1) analisi dei rischi etici in cui lorganizzazione potrebbe incorrere; 2) rilevazione delle performance etiche dellimpresa, che ha luogo tramite la verifica dellintegrità dei comportamenti etici dellorganizzazione; 3) controllo dei sistemi messi in atto per assicurare la corretta implementazione di politiche, piani, procedure e regolamenti posti in essere sulla base del codice etico; 4) stesura del rapporto annuale di ethical auditing; 5) attività preparatorie allintervento del certificatore esterno, qualora siano previste delle certificazioni etiche.

17 ____________________________ Stefano Scarcella Prandstraller Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa Altre modalità di attuazione dei controlli interni A)il sistema di segnalazioni, talora attraverso una linea telefonica dedicata, che offre la possibilità a qualunque dipendente di rivolgere quesiti, nonché di riferire ai responsabili della CSR qualunque comportamento potenzialmente non conforme al codice etico o ai valori etici dellorganizzazione; B) il sistema di incentivi e di sanzioni, che ha luogo attraverso linserimento nel sistema di valutazione delle performance dei dipendenti dellorganizzazione di voci relative alla conformità dei comportamenti individuali ai valori e ai principi del codice etico


Scaricare ppt "Relazioni istituzionali e Gestione della responsabilità sociale dimpresa 2. Il Codice Etico -------------------------------------------- Stefano Scarcella."

Presentazioni simili


Annunci Google