La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La maestra Francesca ha detto a due bambini di portare una pianta e a ad unaltra bam- bina un sacchetto di plastica grande ed un elastico. Il giorno dopo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La maestra Francesca ha detto a due bambini di portare una pianta e a ad unaltra bam- bina un sacchetto di plastica grande ed un elastico. Il giorno dopo."— Transcript della presentazione:

1 La maestra Francesca ha detto a due bambini di portare una pianta e a ad unaltra bam- bina un sacchetto di plastica grande ed un elastico. Il giorno dopo la maestra ha messo sopra una pianta il sacchetto e lha fissato con lelastico e ha messo acqua nel sottovaso. Il giorno dopo la maestra ha preso la pianta e il sacchetto si era bagnato. Poi abbiamo fatto una discussione sul sac- chetto bagnato.Questo espe- rimento mi é piaciuto perché ho scoperto cose che non sa- pevo,cioé che la pianta manda fuori vapore acqueo. Questo fenomeno é detto traspirazione. Federica Un giorno tre bambini hanno portato una pianta di ciclamini,un sacchetto di plastica e un elastico.. La maestra ha preso la pianta, le ha messo il sacchetto chiuso dallelastico e poi lha messa sul davanzale.Il giorno dopo pioveva,la maestra lha tirata dentro e abbiamo visto che il sacchetto era bagnato,però non era bagnato fuori ma dentro e poi abbiamo scoperto che era vapore acqueo. Forse quel vapore proveniva dallacqua che avevamo messo nel sottovaso il giorno prima> Enrico Abbiamo preso un sacchetto abbastanza grande e una pianta di ciclamini,poi abbia- mo preso la pianta e abbiamo messo dentro le foglie e i fiori coprendoli con il sacchetto chiuso da un elastico e labbiamo messo sul davanzale,con dellacqua. Il giorno dopo abbiamo preso la pianta e abbiamo tolto il sacchetto.Lacqua che ave- vamo messo e traspirata venendo fuori attraverso gli stomi trasformandosi in VAPORE ACQUEO. Alla fine il sacchetto era tutto bagnato. Adesso la piantina é rimasta in classe e a turno le diamo lacqua. Helga

2 Un bambino della 3^ B ha portato a scuola una pianta di ciclamini su richiesta della maestra.Abbiamo preso la piantina,abbiamo versato dellacqua nel piattino-sottovaso e labbiamo racchiusa dentro ad un sacchetto di plastica. Il giorno dopo la pianta aveva assorbito una parte dellacqua che cera nel piattino e,attraverso le foglie la trasformava in vapore acqueo,infatti il sacchetto era pieno di goccioline. A questo punto abbiamo tolto il sacchetto con le sue goccioline di acqua e labbiamo appeso al muro. Dopo alcuni giorni siamo andati a controllarlo e ci siamo accorti che senza la piantina non cera il riciclo dellacqua, infatti il sacchetto era aciutto. Alberto La maestra ha voluto fare un esperi- mento:abbiamo preso una piantina,le ab- biamo messo sotto un piatto pieno dac- qua e un sacchetto di plastica. Dopo un giorno abbiamo osservato che la piantina aveva assorbito acqua dal piat- tino e laveva trasformata in vapore ac- queo,. Il vapore però era stato trattenuto dal sacchetto impermeabile messo sopra la piantina. Il vapore,non potendo uscire dal sacchetto, si é depositato nel sac- chetto e si é trasformato in acqua. Ecco perché abbiamo trovato il sacchetto pieno di goccioline. Davide Un giorno la maestra ha portato una pianta di cicla- mini in classe.Per procedere allesperimento,ha messo la piantina in un sacchetto di plastica trasparente, chiudendolo alla base con un elastico.Poi ha messo il tutto sul davanzale della finestra,sotto la luce del sole.Dopo un giorno la maestra ha tirato dentro la piantina e ho visto che sul sacchetto di plastica si era formata della CONDENSA di VAPORE ACQUEO. La maestra ci ha spiegato che la piantina con la luce ha prodotto dalle foglie VAPORE ACQUEO che si é CONDENSATO sulla superficie del sacchetto. Questo fenomeno si chiama EVAPO-TRASPIRAZIONE o TRASPIRAZIONE. Poi la maestra ha battuto il sac- chetto di plastica facendo concentrare tutte le goc- cioline di vapore acqueo in ununica grande goccia sul fondo della busta. Matteo

3 Con la mia classe e la mia maestra di scienze abbiamo fatto un esperimento con una pianta. Abbiamo preso un sacchetto impermeabile e abbiamo incappucciato la pianta; abbiamo legato il sacchetto con un elastico intorno alla pianta perché non passasse aria, Labbiamo annaffiata ed abbiamo aspettato una giornata. Quando siamo andati a vedere che cosa era successo si é Visto che nel sacchetto cera dellacqua. La maestra ha lasciato aperto il sacchetto e dopo qualche giorno lacqua non cera piú : era evaporata. Beatrice Un bambino che frequenta la 3^ B, di nome Stefano ha portato una piantina di ciclamino,così la maestra ha deciso di fare un esperimento. Con un sacchetto di plastica trasparente, impermeabile, abbiamo catturato dellaria. Dopo aver messo sulla piantina il sacchetto, labbiamo chiusa con un elastico ed abbiamo messo dellacqua in un piattino usato come sottovaso. La maestra ha messo poi la piantina fuori dalla finestra e abbiamo aspettato un giorno. Il giorno dopo abbiamo visto che è rimasta un po di acqua e che la piantina ha buttato fuori del vapore acqueo,infatti tante piccole goccioline erano rimaste attaccate al sacchetto impermeabile. Poi abbiamo attaccato il sacchetto al muro della classe per vedere se lacqua sarebbe evaporata. Dopo qualche giorno essa è sparita ridiventando ancora vapore acqueo! Riccardo

4 In classe una bambina ha portato una pianta di ciclamini e un altro ha portato un sacchetto di plastica trasparente impermeabile. La maestra ha dato da bere alla pianta, poi ha preso il sacchetto, lo ha messo sopra la piantina e lo ha fermato con un elastico. La piantina è stata poi appoggiata sul davanzale, fuori dalla finestra. Il giorno dopo abbiamo visto dentro il sacchetto si era formato vapore acqueo, cioè tante piccolissime gocce dacqua. Questo fenomeno si chiama Traspirazione Evapo- traspirazione Stefano A scuola la maestra ha preso una pianta di ciclamino e ne ha riempito il sottovaso di acqua. Poi ha preso un sacchetto trasparen-te, ha coperto con esso la pianta e ha fissato il sacchetto con un elastico. Dopo un giorno la maestra ha tirato via il sacchetto dalla pianta,lo ha appeso su una parete dellaula e ne sono uscite tante goccioline dacqua. Abbiamo quindi concluso che la pianta ha assorbito lacqua con le radici e, attraverso la fotosintesi clorofilliana, lha trasformata in vapore acqueo. Il vapore acqueo, a contatto con il sacchetto e il freddo dellaria si è trasformato in acqua. Tim

5 Giovedì scorso la maestra ha portato in classe una pianta di ciclamini. Poi siamo andati a prendere acqua e labbiamo messa nel sottovaso. Qualche oretta dopo, la maestra ha messo un sacchetto di plastica impermeabile sulla pianta. Abbiamo messo la piantina fuori e abbiamo aspettato un giorno. Abbiamo visto che lacqua era calata e soprattutto sul sacchetto si era formato vapore acqueo! Valentina Pochi giorni fa a scuola abbiamo fatto un esperimento con una pianta di ciclamini. La maestra aveva portato una pianta di ciclamini, un sacchetto di plastica trasparente e un elastico. Poi ha messo il sacchetto attorno alla pianta, legato con un elastico, ha messo un sottovaso con acqua e lha messo fuori sotto la luce del sole per un giorno. Trascorso il periodo la maestra ha preso la pianta e abbiamo notato che sul sacchetto la condensa, cioè del vapore acqueo. Poi ha tolto il sacchetto dalla pianta e lo ha scosso e così le goccioline di vapore acqueo si sono concentrate in ununica grossa goccia sul fondo del sacchetto. Dallesperimento abbiamo capito che la pianta respira attraverso le foglie e produce vapore acqueo con il fenomeno della evapo-traspirazione o traspirazione. Fabio M.


Scaricare ppt "La maestra Francesca ha detto a due bambini di portare una pianta e a ad unaltra bam- bina un sacchetto di plastica grande ed un elastico. Il giorno dopo."

Presentazioni simili


Annunci Google