La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGETTO COMENIUS ÉCOLE – ECOLOGIQUE Presentato da: DOTT. ING. SIMONE MASCIA Coordinatori Prof. Mulas Ignazio scuola Porcu Satta Prof.ssa Sarritzu Maria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGETTO COMENIUS ÉCOLE – ECOLOGIQUE Presentato da: DOTT. ING. SIMONE MASCIA Coordinatori Prof. Mulas Ignazio scuola Porcu Satta Prof.ssa Sarritzu Maria."— Transcript della presentazione:

1 PROGETTO COMENIUS ÉCOLE – ECOLOGIQUE Presentato da: DOTT. ING. SIMONE MASCIA Coordinatori Prof. Mulas Ignazio scuola Porcu Satta Prof.ssa Sarritzu Maria Carla scuola A. Rosas Scuola secondaria di primo grado Porcu Satta Scuola secondaria di primo grado A. Rosas

2 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Sommario Premessa e Obiettivo La scuola come isola ecologica Riduzione dei consumi energetici Riduzione delle sostanze inquinanti Riciclo Raccolta differenziata Laboratorio ecologico

3 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Premessa La scuola come grande opportunità di apprendimento dei comportamenti ecologici Acquisizione fin da giovani di una mentalità ecologista Integrazione dei principi di scuola ecologica con programmi di tipo internazionali Capire come realizzare la scuola ecologica del domani Cogliere le opportunità di lavoro che la scuola del domani suggerisce

4 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola come un isola ecologica Il concetto di scuola ecologica non può non tener conto in quale territorio realizzare la scuola del domani. ISOLA ECOLOGICA area immersa nel verde in cui siano applicabili tutti i principi di tutela e salvaguardia ambientale poter rendere sanamente vivibile la scuola per le future generazioni.

5 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola come un isola ecologica L'area eco-school dovrà essere possibilmente lontana da: fonti di traffico automobilistico, smog e inquinamento acustico; sorgenti di sostanze inquinanti come le discariche; imprese che trattano materiali nocivi per la salute.

6 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola come un isola ecologica Specifiche della scuola immersa in un isola ecologica orientamento a sud per catturare il calore del sole; le pareti a nord della struttura dovranno essere realizzate con mura molto spesse; Le finestre dovranno essere realizzate col vetro basso emissivo (vetrate dotate di uno speciale strato invisibile che riduce al minimo le fughe di calore) - riflette il calore generato dall'impianto di riscaldamento, riducendo notevolmente la dispersione verso l'esterno; - migliora il confort; - neutralizza l'effetto vetro freddo e riduce l'effetto condensa. IL VETRO BASSO EMISSIVO

7 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Le azioni da intraprendere Le 10 regole da seguire per ridurre i consumi 1.Arieggiare per pochi minuti le aule aprendo porte e finestre 2.Spegnere sempre le luci quando non sono necessarie 3.Usare la luce naturale. Alzare gli avvolgibili invece di accendere la luce 4.Spegnere il termosifone se la temperatura supera i 22°C 5.Spegnere tutti i termosifoni se non sono necessari 6.Posizionare le valvole termostatiche (è un semplice dispositivo capace di regolare il flusso d'acqua calda grazie alla sua sensibilità alla variazione di temperatura) dei termosifoni a 20°C 7.Spegnere i computer quando non vengono utilizzati per almeno un ora 8.Spegnere le luci superflue nelle zone sovrailluminate 9.Stampare e fotocopiare il meno possibile. Preferire le tecnologie informatiche. 10.Nel caso di funzionamento aria condizionata, non superare i 5°C di sbalzo termico con l'ambiente esterno.

8 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Possibili azioni per il risparmio energetico della scuola ecologica 1.Spegnimento delle luci durante la ricreazione 2.Spegnimento delle luci quando gli studenti sono impegnati in altre classi, laboratori, palestra 3.Spegnimento delle luci nelle ore in cui in classe cè luce sufficiente per fare lezione 4.Spegnimento delle luci delle classi a fine lezione a cura degli studenti e non più a cura del personale PER STIMARE I RISPARMI VA CONSIDERATA LA TIPOLOGIA DI LAMPADA USATA

9 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione dei consumi energetici Brevi cenni sui sistemi di illuminazione tradizionali Due grandi categorie delle lampade tradizionali: ad incandescenza Costituite da un bulbo in vetro nel quale è alloggiato un filamento di tungsteno il quale, attraversato dalla corrente elettrica, diventa incandescente emettendo luce. - Durata di vita media di circa 1000 ore. - Basso costo iniziale, ma elevati consumi

10 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione dei consumi energetici Brevi cenni sui sistemi di illuminazione tradizionali a scarica elettrica in gas Hanno unefficienza luminosa di gran lunga superiore (da 4 a 10 volte) rispetto a quella delle lampade ad incandescenza, perchè assorbono più energia trasformata in luce. Minor consumo energetico. Costo più elevato

11 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Sostituzione delle attuali lampade con quelle a basso consumo energetico Per poter ridurre ulteriormente nel tempo i consumi della nostra scuola, si potrebbe optare ad una sostituzione delle attuali lampade a neon, alogene esterne ed a incandescenza tradizionali, con lampade ad elevato risparmio energetico. Ciò comporta sostenere una certa spesa iniziale che si ripaga nel tempo per gli elevati risparmi economici da essi derivanti (vedere tabella successiva).

12 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione dei consumi energetici Convenienza dei sistemi di illuminazione a basso consumo energetico lampade CFL a basso consumo Le lampade CFL (Compact Fluorescent Lamp) sono costituite da un tubo di vetro, che può essere lineare, circolare o variamente sagomato con poco ingombro. Notevole durata di vita: arrivano a ore con 10 anni di vita media Consumano fino a ¼ delle normali lampade ad incandescenza Sono più costose ma in compenso producono notevoli risparmi nel tempo

13 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere INTERRUTTORI DI ULTIMA GENERAZIONE Un altro modo per poter risparmiare energia elettrica dal nostro sistema di illuminazione scolastico è l'utilizzo dei cosiddetti interruttori variatori nella loro innovativa versione wireless. Questo nuovo concetto di interruttore wireless rappresenta lunione di design, nuova tecnologia e, soprattutto, risparmio energetico. Di questi tempi lattenzione al risparmio è divenuta oramai una necessità, dati gli elevati costi dellenergia elettrica.

14 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione dei consumi energetici POSSIBILI SOLUZIONI PER RIDURRE I CONSUMI ENERGETICI: Acquisire una coscienza votata al risparmio energetico negli usi e nelle abitudini Utilizzare apparecchiature a risparmio energetico Ricorrere alle fonti energetiche rinnovabili

15 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Visione planimetrica Schema planimetrico scolastico

16 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere POSSIBILI AZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO La prima operazione da fare è quella di individuare tutti i punti luce presenti nella scuola e identificarli a seconda della loro posizione e funzione (illuminazione delle aule, illuminazione degli esterni, illuminazione dei corridoi, etc.). La seconda operazione riguarda la pianificazione di un insieme di azioni da intraprendere al fine di evitare inutili sprechi energetici Infine si effettua un analisi dei consumi energetici e si propongono le migliori soluzioni tecnologiche

17 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Valori di alimentazione apparecchiature scolastiche: Primo piano - Segreteria: 28 lampade da 36 W al neon Sala Professori: 8 lampade da 36 W Bagni: 4 ognuno con 16 lampade da 36 W Classi: 11 ognuna con 8 lampade. Lampade esterne in entrata: 38 alogene da 150 W Bidelleria: 2 lampade da 36 W Anditi: 26 lampade da 36 W Aule speciali: 2 con 20 lampade da 36 W Teatro: 26 fari (24 da 36 W e 2 da 300 W) Andito + spogliatoio palestra: 24 lampade da 36 W Palestra: 30 lampade da 36 W Secondo piano - Classi: 12 ognuna con 8 lampade da 36W Sale informatica: 40 lampade da 36 W + 30 computer (65 W in input) Bagni 2: 8 lampade Sale speciali: 2 ognuna con 16 lampade da 36 W Sala conferenze: 1 con 10 lampade da 36 W

18 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Calcolo dei consumi Per stimare i consumi va considerata la tipologia di lampada usata e quindi applicare la seguente formula: Kwhe (Kilowattora elettrici) consumati in un anno = (n° lampade) x (potenza delle lampade) x (n° ore che le lampade rimangono accese)/ 1000= (n° lampade) x (potenza della lampade) x (3h x 24 gg x 7 mesi)/1000 Indicando: Ec= Kwhe (Kilowattora elettrici) consumati in un anno nL=numero lampade presenti P=potenza delle lampade O=numero ore che le lampade restano accese 1000=unità di misura Kwhe Si ottiene la formula: Ec=(nLxPxO)/1000

19 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Calcolo dei consumi Dai dati in nostro possesso risulta un consumo medio annuo della scuola stimato in Kwh/anno al quale corrisponde una spesa energetica media di circa euro annui. Tale spesa può essere contenuta ricorrendo alle azioni ed ai comportamenti a risparmio energetico come indicato nella prossima slide

20 ECO - SCHOOL PROJECT La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Confronto fra consumi elettrici reali e quelli derivanti da sistemi di illuminazione a basso consumo La soluzione a risparmio energetico comporta un consumo stimato pari a circa 9815 Kwh/anno, al quale corrisponde una spesa energetica media di circa 1766 euro annui. Dal confronto coi dati ottenuti dai consumi reali, se ne ricava che la soluzione a risparmio energetico comporta un risparmio pari a 4016 euro/anno, (70% circa), che può diventare un buon 80-85% se si tengono conto delle 10 regole riportate nelle slide precedenti.

21 ECO - SCHOOL PROJECT La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Soluzione a risparmio energetico - L'IMPIANTO FOTOVOLTAICO Dai dati ottenuti nella tabella 2, si osserva che il consumo annuale della scuola è pari a Kwh/anno, ricorrendo all'uso di sistemi di illuminazione a risparmio energetico. Con questo valore è ipotizzabile un dimensionamento di massima di un impianto fotovoltaico in grado di produrre circa Kwh/anno.

22 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Soluzione a risparmio energetico - L'IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANALISI DEGLI SPAZI SUI TETTI UTILIZZABILI PER L'INSERIMENTO DEI MODULI FOTOVOLTAICI Veduta lato palestraVeduta parte centrale e laterale Veduta intera scuola eccetto area impianti sportivi e area parcheggi

23 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Soluzione a risparmio energetico - L'IMPIANTO FOTOVOLTAICO - Visione planimetrica E' possibile prevedere l'intallazione di lampade a Led nell'area esterna a quella in cui sono situati gli impianti sportivi. Basterebbe installare lampade da 30 W a risparmio energetico in alternativa ai faretti alogeni da 150W - 200W per ottenere un buon 80% di riduzione dei consumi. La spesa iniziale (prezzo di ogni lampada tra i 100 e 150 euro) verrebbe ammortizzata nel giro di 1,5 – 2 anni grazie al risparmio sui consumi energetici. La durata di queste lampade è abbastanza elevata, ore e 10 anni di assenza di manutenzione.

24 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Soluzione a risparmio energetico - L'IMPIANTO FOTOVOLTAICO Dall'ubicazione dei moduli fotovoltaici (FV) come evidenziato nella figura precedente, si nota un orientamento ottimale dei vari moduli verso SUD, considerando una loro inclinazione su tetto piano pari a 30°, otteniamo i seguenti risultati:

25 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Analisi finanziaria dell'impianto Dai valori dimensionali dell'impianto riportati nella tabella precedente, si nota che un impianto fotovoltaico da 8 Kwp è in grado di produrre Kwh/anno di energia elettrica necessaria a soddisfare i fabbisogni della scuola. Dalla tabella accanto si può notare un utile di esercizio dell'impianto pari a più di euro nei 25 anni, considerando un finanziamento bancario col 5,20 % del tasso di interesse su un costo di finanziamento iniziale pari a euro.

26 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi Come ridurre le perdite idriche L'ACQUA: UN BENE PREZIOSO COME RISPAMIARLA? SISTEMI PER RIDURRE GLI SPRECHI E I CONSUMI

27 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi idrici Quali sono i vantaggi di questa tecnologia? a) Comodità di utilizzo b) Rispetto norme igieniche della scuola c) Risparmio idrico ed economico d) Ideale per studenti diversamente abili

28 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi idrici Possibili soluzioni: 1. Sistema di recupero acqua piovana

29 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi idrici Serbatoio di raccolta acqua con filtro di depurazione e sistema di pompaggio:

30 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi idrici L'acqua piovana arriva al serbatoio tramite le grondaie dell'edificio scolastico Esempi di grondaie

31 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi idrici L'acqua raccolta dal serbatoio viene resa potabile attraverso un filtro che la depura. L'acqua depurata può essere utilizzata negli scarichi dei bagni, per le pulizie e l'iirigazione dei giardini e raccolta in un distributore d'acqua da bere

32 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi idrici Nel caso l'acqua raccolta nel serbatoio non sia sufficiente, il sistema preleverà automaticamente l'acqua dalla rete idrica locale. Verrà così assicurato un costante rifornimento di acqua potabile.

33 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi idrici Il sistema di recupero acqua piovana permette di risparmiare fino al 50% del consumo idrico e contribuisce alla tutela dell'ambiente.

34 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Soluzione di risparmio idrico ed energetico – Visione planimetrica

35 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Soluzione di risparmio idrico ed energetico Locali interessati da interventi tecnologici Una parte della sezione bagni ove inserire le lampade a basso consumo, gli interruttori variatori, la rubinetteria e gli orinatoi a infrarossi

36 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi idrici Altre perdite d'acqua possono derivare da malfunzionamenti degli orinatoi (WC). Esempio di orinatoi E' da notare che in genere gli orinatori sono serviti da autoclave. Se ci sono perdite dovute a malfunzionamenti o da un errato utilizzo delle persone si verificano aumenti di consumi elettrici, ovviamente da evitare.

37 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi idrici Possibili soluzioni: 2. Riduzione perdite idriche negli orinatoi

38 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi idrici Due possibili soluzioni ai malfunzionamenti degli orinatoi (WC). Nel caso di grandi perdite: sostituzione completa degli orinatoi con altri di ultima generazione ad azionamento elettronico DA VALUTARE ATTENTAMENTE I COSTI! Nel caso di piccole perdite: Manutenzione degli attuali orinatoi ed inserimento di un dispositivo di risciacquo con comando a raggi infrarossi. SCELTA ECONOMICA PIU' CONVENIENTE

39 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi idrici Possibili soluzioni: 3. Riduzione perdite idriche nei rubinetti RUBINETTO AD APERTURA ELETTRONICA

40 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi idrici Grazie alle ultime tecnologie potrebbe essere più comodo per noi studenti l'apertura dei rubinetti. Con il sistema a fotocellula non esiste il contatto con il rubinetto

41 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Soluzione di risparmio idrico – Visione planimetrica Utilizzare l'acqua potabile per il WC e per il riscaldamento è troppo costoso. La raccolta di acqua piovana è perciò non solo sensatamente ma anche ecologicamente ed economicamente vantaggiosa. Dando uno sguardo al consumo medio di 15 litri di acqua potabile per studente al giorno, si dimostra che non cè nessuna perdita di confort se il 50% di questa proviene da acqua piovana. Si può, utilizzare per WC, riscaldamento, lavanderia, pulizia della scuola, e irrigazione del giardino.

42 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Soluzione di risparmio idrico Area interessata dall'inserimento del serbatoio d'acqua piovana Area verde adiacente la palestra

43 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Soluzione antinquinamento Area inserimento parcheggi fotovoltaici con sistemi di ricarica auto elettrica Area parcheggi

44 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Soluzione antinquinamento – Visione planimetrica Le auto elettriche consentono di tagliare le emissioni inquinanti rilasciate in atmosfera dalle auto a carburante. Ci sono da poco in commercio sul mercato italiano alcuni prototipi di queste macchine completamente elettriche (Peugeot iOn, Citroen C Zero, Renault Z.E, etc..). Le batteria d'auto sono agli ioni di litio e garantiscono un autonomia fino a 160 Km. Le auto si ricaricano in 6 ore attraverso una normale presa di alimentazione domestica, ed in soli 30 minuti in un terminale di ricarica rapida, in grado di comportare un autonomia dell'80%. Con lo stesso metodo è anche possibile dotare la scuola ecologica di scooter e biciclette elettriche rilasciate a noleggio alle famiglie degli studenti, per una soluzione più comoda e veloce, e per poter raggiungere la scuola anche in condizioni di traffico estremo.

45 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Soluzione a risparmio energetico Pellicole riflettenti per ridurre lapporto di calore e dosare la luce Il vetro presenta una trasparenza quasi completa al passaggio della luce solare. Il calore prodotto dal sole può entrare da una finestra ma non può uscire, accumulando continuamente nellambiente la temperatura e rendendo fastidiose le condizioni di vita, di lavoro e di studio. La soluzione è applicare ai vetri una pellicola riflettente a filtraggio solare che riflette la luce mantenendo costantemente la temperatura interna dell'edificio più bassa di quella esterna.

46 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Soluzione a risparmio energetico Pellicole riflettenti per ridurre lapporto di calore e dosare la luce Vantaggi della tecnologia: 1) Sensibile riduzione dei costi di condizionamento Le pellicole evitano il passaggio di calore solare fino all 80% consentendo un notevole risparmio di energia altrimenti necessaria per refrigerare la stanza. 2) Riduzione dei costi di riscaldamento Lo strato metallico delle pellicole riflettenti impedisce la dispersione di calore e la luce all'interno della stanza viene continuamente riflessa 3) Protezione dai raggi ultravioletti 4) Privacy diurna 5) Nessuna manutenzione

47 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere Soluzione a risparmio energetico Vetrate della scuola ove inserire le pellicole riflettenti E' consigliato l'inserimento in quelle vetrate direttamente esposte alla luce solare e in quelle vicine ai termosifoni

48 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi energetici Sono dovuti soprattutto al riscaldamento e all'illuminazione interna ed esterna della scuola LA SCUOLA INFATTI OPERA NELLE ORE DI MAGGIOR COSTO ENERGETICO DALLE ALLE 20.00

49 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi energetici Possibili soluzioni: Accendere le luci solo quando sono necessarie e ricordarsi di spegnerle quando non servono. Evitare di tenere accese apparecchiature in stand by. Evitare di utilizzare apparecchiature vecchie o datate. E' sempre meglio utilizzare apparecchiature in classe A ad elevato risparmio energetico (lampade, lampadine, pompe di calore, elettrodomestici in genere)

50 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi dovuti all'impianto di riscaldamento I costi energetici dovuti all'impianto da riscaldamento hanno un peso notevole sul valore della bolletta elettrica NELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO SI VERIFICANO I MAGGIORI SPRECHI ENERGETICI

51 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riduzione degli sprechi dovuti all'impianto di riscaldamento Possibili soluzioni: Controllare la centralina termica che controlla i vari punti di riscaldamento di tutti i vani scolastici. Isolare termicamente i tubi esposti fonte di notevole dispersione termica Programmare le valvole termostatiche in funzione dell'utilizzo delle singole aule Inserimento di vetrate a pannelli riflettenti dietro i termosifoni per evitare la dispersione di calore verso l'esterno. Regolare la temperatura del riscaldamento a 20 gradi; ogni grado in più comporta un aumento dei consumi del 5-10%

52 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riciclo Il riciclo è un operazione che consiste nel recuperare materiali del rifiuto e riutilizzarli anziché smaltirli. Il riciclaggio è: favorito da una corretta raccolta differenziata; previene lo spreco di materiali potenzialmente utili; riduce il consumo di materie prime; riduce l'utilizzo di energia, e conseguentemente l'emissione di gas serra. gas serra

53 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riciclo Il compost Il materiale umido è completamente riciclabile in quanto si trasforma in materiale composto da sostanze organiche. L'INSIEME DI QUESTE SOSTANZE SI CHIAMA COMPOST biodegradabile utilizzabile come concime per il terreno (evitando così lutilizzo dei fertilizzanti chimici).

54 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riciclo Il compost Tutto il materiale organico (foglie secche, torsoli di mela, agrumi, frutta, residui di caffè e di cibo) può essere inserito in un apposito contenitore di raccolta dell'umido ed utilizzarlo quando occorre.

55 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Riciclo Regole del compost Miscelare il compost ottenuto, con legno, scarti da giardino come foglie secche, fiori appassiti e gambi, fino ad ottenere un preparato umido, eliminando eventuali liquidi alla base del cumulo. Inserire il tutto nell'apposito composter a campana, il contenitore che impedisce la fuoriuscita dei cattivi odori e l'ingresso di sgraditi animaletti. Rivoltare frequentemente, e coprire il tutto con terra argillosa o del compost già maturo.

56 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Raccolta differenziata Per far sì che i nostri rifiuti vengano correttamente smaltiti e riciclati è necessario che siano mantenuti divisi a seconda del tipo di materiale di cui sono costituiti. UMIDO SECCO CARTA PLASTICA VETRO SECCO RICICLABILE ORGANICO BIODEGRADABILE E COMPOSTABILE SECCO NON RICICLABILE INDIFFERENZIATO

57 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Raccolta differenziata IL RIUSO Si parla di riuso quando il rifiuto viene riutilizzato senza subire modifiche: ESEMPIO: BOTTIGLIE DI VETRO (dopo l'uso vengono sterilizzate e poi riutilizzate). INDUMENTI USATI (abituarsi a cedere gli abiti che non usiamo più, perché per qualcuno possono essere ancora utili). GIOCATTOLI – LIBRI E ARREDI (possono essere di aiuto a qualcuno).

58 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Raccolta differenziata IL RICICLO Il riciclo permette di risparmiare energia e materie prime limitando così l'inquinamento ambientale soprattutto nel caso dei prodotti tossici. Nel riciclo il rifiuto viene trasformato per ottenere prodotti nuovi. ESEMPIO: LATTINE DI ALLUMINIO CARTA USATA VETRO FERRO ALCUNE PLASTICHE

59 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Raccolta differenziata LA PLASTICA BIODEGRADABILE Le plastiche biodegradabili si sciolgono facilmente con l'acqua. ESEMPIO: ECOSTAR (impiegata nella produzione dei sacchetti della spesa) Questo materiale, se abbandonato nell'ambiente, viene attaccato da microrganismi capaci di attaccare l'amido di cui è parzialmente composto, mentre il materiale privo di amido si frantuma in molecole facilmente biodegradabili.

60 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Raccolta differenziata SMALTIMENTO E IMPIANTO DI INCENERIMENTO Comprende diverse fasi: la raccolta; il trasporto; il trattamento; L'ammasso; il deposito; la discarica.

61 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Il laboratorio ecologico E' uno spazio scolastico utile allo svolgimento delle seguenti attività: -realizzazione di oggetti ottenuti con materiale di scarto per imparare l'arte del riciclo. PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI Esistono oggi sul mercato aziende che con l'arte del riciclo hanno creato un vero e proprio business, e questo è un aspetto molto importante in periodi di magra dal punto di vista occupazionale, motivo in più affinchè i più piccoli possano pensare di realizzare lavori innovativi, di sicuro interesse per le generazioni future. ESEMPIO Realizzazione di oggetti creativi artigianali, di modellismo e giochi solari

62 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Il laboratorio ecologico Esempio: 1) Realizzazione di oggetti creativi artigianali, di modellismo e da collezione.

63 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Il laboratorio ecologico Esempio: 2) Realizzazione dei giochi solari. Casetta con luce led e celle solari Dotato di una luce a led che illumina all'interno la casetta e si accende grazie a delle celle solari. Ideale per le camerette dei ragazzi. (Dim. 12x11,2x11,5 cm) Generatore eolico a energia solare Le palette ruotano attraverso l'azione di un motorino alimentato dalla cella solare Design nuovo e moderno di grande impatto visivo. Altezza: 30 cm Espositore a energia solare Grazie ai 4 pannelli solari questo espositore gira anche in condizioni di pochissima luce. Ruotando, espone biglietti da visita, gioielli, occhiali, orologi, profumi. Portata fino a 300 g.

64 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Il laboratorio ecologico Realizzazione di una piccola serra scolastica -la lavorazione del compost Il laboratorio ecologico scolastico è un'area all'aperto necessaria alla lavorazione del materiale compostabile ottenuto con gli scarti organici biodegradabili. In questo modo si entra in confidenza con la piccola serra scolastica, un luogo in grado di sviluppare piante, frutti e ortaggi vari ottenibili attraverso un sistema di fertilizzazione naturale.

65 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Il laboratorio ecologico Realizzazione di una piccola serra scolastica -l'esperienza sul campo Ricordando i principi di lavorazione del compost trattati nelle sezioni precedenti, si impara un concetto fondamentale: in una comunità ecologica i rifiuti in quanto tali non ci sono, perché gli scarti di una specie sono lalimento di unaltra. Coltivare i frutti della terra riporta non solo alle fonti del cibo, ma alle basi stesse della vita. Coltivare, cucinare, sono esempi di lavoro ciclico, un lavoro che deve essere rifatto di continuo. Si semina, si coltiva la serra, si raccoglie e poi si pianta ancora.

66 ÉCOLE - ECOLOGIQUE Il laboratorio ecologico Realizzazione di una piccola serra scolastica -l'esperienza sul campo Progettare e coltivare la serra (con laiuto degli insegnanti), aiuta a sviluppare un grande rapporto emotivo con la natura, un senso di responsabilità verso la terra. Si mangia con entusiasmo la verdura e la frutta che si coltiva, seguendo dal principio la semina; Si curano le piantine che si sono viste crescere con tanto amore e dedizione.

67 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere - la serra scolastica Una delle cose più entusiasmanti della serra è che si crea un luogo magico, a stretto contatto con la terra e con tutte le cose che vi crescono. Si può insegnare tutto quello che si vuole, ma esserci per davvero, coltivando e mangiando, è unecologia tutta da vivere Il risultato di questa esperienza è che il ciclo dellacqua, il ciclo delle stagioni e gli altri cicli, sono tutti collegati alla rete planetaria della vita. Si diventa consapevoli che noi stessi facciamo completamente parte della rete della vita.

68 ÉCOLE - ECOLOGIQUE La scuola ecologica Porcu-Satta-Quartu S.Elena Le azioni da intraprendere - la serra scolastica Luoghi ove realizzare la serra scolastica

69 ÉCOLE - ECOLOGIQUE FINE PROGETTO CON LA PARTECIPAZIONE DEI PROF.RI IGNAZIO MULAS E MARIA CARLA SARRITZU DEI RAGAZZI DELLE SCUOLE MEDIE STATALI PORCU-SATTA E ROSAS DI QUARTU S.ELENA E LA COLLABORAZIONE DELLA DR.SSA PIRINO CRISTINA ESPERTA IN COMUNICAZIONE HA PRESENTATO DOTT. ING. SIMONE MASCIA


Scaricare ppt "PROGETTO COMENIUS ÉCOLE – ECOLOGIQUE Presentato da: DOTT. ING. SIMONE MASCIA Coordinatori Prof. Mulas Ignazio scuola Porcu Satta Prof.ssa Sarritzu Maria."

Presentazioni simili


Annunci Google