La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

XIII MASTER IN LOCAL DEVELOPMENT DISTRETTI TECNOLOGICI E SVILUPPO LOCALE: LESPERIENZA DELLIMAST GRUPPO 4: Claudio Carlino Domenico Gatti Gianfranco Mingione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "XIII MASTER IN LOCAL DEVELOPMENT DISTRETTI TECNOLOGICI E SVILUPPO LOCALE: LESPERIENZA DELLIMAST GRUPPO 4: Claudio Carlino Domenico Gatti Gianfranco Mingione."— Transcript della presentazione:

1 XIII MASTER IN LOCAL DEVELOPMENT DISTRETTI TECNOLOGICI E SVILUPPO LOCALE: LESPERIENZA DELLIMAST GRUPPO 4: Claudio Carlino Domenico Gatti Gianfranco Mingione Rosa Pugliese Maria Giovanna Ruggiero Cristina Zanchiello ESPERTI: Roberto Parente Eugenio Corti Marco Matarese Domenico Foglia TUTOR: Ilaria Sorrentino REFERENTE ISTITUZIONALE: Teresa Armato

2 DEFINIZIONI DI TECNOLOGIA E DI INNOVAZIONE INNOVAZIONE è un opportuno insieme omogeneo di azioni, scelte, cambiamenti, comportamenti ecc., finalizzati a raggiungere un obiettivo percepito come positivo - per esempio per unimpresa: diventare più competitiva (E. CORTI) TECNOLOGIA è un insieme omogeneo di conoscenze tecniche, organizzative, gestionali, economiche, commerciali, ambientali, culturali, legali, relazionali, ecc., il cui uso, insieme ad un opportuno ammontare di risorsa finanziaria, consente a chi la possiede di realizzare una innovazione (E. CORTI) Differenza tra ATTIVITA di R&S ed affermazione di un PROCESSO DI INNOVAZIONE (M. SANCIN) SVILUPPO E TECNOLOGIA: DUE VISIONI A CONFRONTO

3 LE POTENZIALI FASI DELLA CATENA DI PRODUZIONE DELLINNOVAZIONE Settori e filiere produttive high-tech Investitori Razionali Venture capitalist Business angel Innovazione Mercati Università Enti di ricerca Attività di servizi avanzati Altre istituzioni ibride di tipo pubblico e/o private (incubatori, parchi scientifici e tecnologici)

4 DEFINIZIONE E PECULIARITÀ DEL DT Il distretto tecnologico si contraddistingue per un fattore innescante che agisce allorigine della sua affermazione, esso rimanda quasi sempre ad un super-investimento quali-quantitativo in R&S o una superperformance di una determinata organizzazione in grado di produrre flussi di uso e riuso della conoscenza presenti lungo le filiere high-tech a livello globale (PICCALUGA). Principali aspetti del DT: 1) intervento esogeno atto alla creazione di uno o più fattori discreti che possano innescare meccanismi di sviluppo territoriale; 2) grande diffusione sul territorio; 3) focalizzazione su una particolare tematica tecnico-scientifica inerente più settori e potenzialmente, più filiere produttive.

5 METAMODELLO DELLA TRIPLA ELICA I tre modelli: Modello a dominanza statuale Modello ad interazione paritetica Modello a network tra organizzazioni ibride Stato Imprese Università Secondo livello di lettura: 1) agenti ibridi dellinnovazione 2) interfacce dellinnovazione tra impresa e ricerca; 3) coordinatori ibridi dellinnovazione

6 METODOLOGIA DI INDIVIDUAZIONE DEI DT VariabiliFattoriIndicatori utilizzati Specializzazione high- tech Consistenza delle imprese high-tech Indice di specializzazione dei settori high-tech Indice di specializzazione dei settori high-tech a più elevato contenuto tecnologico Innovatività del sistema Disponibilità di risorse umane qualificate Presenza delluniversità e di centri di ricerca Cultura imprenditoriale Percentuale di laureati formati dalle università nelle materie scientifico-tecnologiche sulla popolazione residente Percentuale di addetti alluniversità e ai centri di ricerca nelle materie scientifico-tecnologiche sulla popolazione residente Tasso di natalità delle imprese European Innovation Scoreboard ( EIS): 17 indicatori principali, suddivisi in 4 macro-categorie (Risorse umane, Creazione di conoscenza, Trasmissione e applicazione di conoscenza, Finanza per linnovazione, output e mercati). Schema per lindividuazione dei DT italiani

7 DALLA STRATEGIA DI LISBONA AL DISTRETTO TECNOLOGICO IMAST: ASPETTI NORMATIVI E POLITICI Marzo Strategia di Lisbona: creazione di uno Spazio Europeo della Ricerca; Marzo VI Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico dell'Unione Europea adottato dalla Commissione Europea per il periodo ; Aprile 2002 – Il Governo Italiano vara le Linee Guida per la politica scientifica e tecnologica: viene individuato il distretto tecnologico come strumento di governance idoneo a perseguire gli obiettivi di Lisbona; 15 marzo 2005 – Programma Nazionale per la Ricerca per il periodo (proposta del MIUR); 15 ottobre 2005 – Piano per lInnovazione, la Crescita e lOccupazione (PICO); 6 aprile 2005 – proposte della Commissione Europea per il VII Programma quadro di ricerca e per il Programma quadro per la competititività e linnovazione per il perido LE TAPPE

8 LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LA RICERCA E LINNOVAZIONE Fondo rotativo per il sostegno alle imprese, istituito della legge 30 dicembre 2004, n. 311, art. 1 comma 354 (legge finanziaria 2005); Fondo per progetti di ricerca, istituito dalla legge 27 dicembre 2002, n. 289, art.56 (Legge Finanziaria 2003), destinata anche ai distretti tecnologici; Programma Operativo Nazionale (PON) Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione ; FAS - Fondo Aree Sottoutilizzate – (limitatamente alle Regioni Obiettivo 1); Fondo per linnovazione tecnologica, istituito dalla legge n. 46/1982; Incentivi automatici per la Ricerca e lInnovazione, previsti dalla legge n. 140/1997. Con il decreto legislativo n. 297/99 il MIUR ha provveduto a riordinare e razionalizzare lintera attività di sostegno alla ricerca scientifica

9 LEGISLAZIONE E POLITICA REGIONALE La Regione ha adottato nel 2000 il Piano Strategico di sostegno allinnovazione tecnologica e lo ha sottoposto a revisione nel La Strategia è articolata in più punti, ovvero: Legge Regionale n. 5 del 28/03/02: Promozione della ricerca scientifica in Campania; Legge Regionale n. 21/2002: Diritto allo Studio; Legge Regionale n. 13 del 20/12/2004, cd. Legge sullUniversità, la quale ha previsto uno stanziamento di 65 milioni di euro, suddivisi in tre annualità. 3 IMPORTANTI LEGGI IN MATERIA di R&S Formazione Ricerca Produzione Finanza Società Nel dicembre 2005 la Giunta Regionale ha presentato il rapporto preparatorio per lelaborazione del documento strategico preliminare per la politica di coesione.

10 17 Luglio 2003: firma del Protocollo dIntesa tra il MIUR e la Regione Campania per la creazione di un Distretto Tecnologico nel settore dellIngegneria dei Materiali Polimerici e Compositi; 11 Febbraio 2004: costituzione della società di gestione del Distretto sulla Ingegneria dei MAteriali Polimerici e Compositi e STrutture – IMAST S.c.a.r.l.; 9 Marzo 2005: firma dellAccordo di Programma Quadro tra Governo italiano e Regione Campania. IL DISTRETTO TECNOLOGICO IMAST: CRONISTORIA

11 IL DISTRETTO TECNOLOGICO IMAST VOCAZIONE TECNOLOGICA: Ingegneria dei materiali polimerici e compositi Cantieristica navale; Aeronautico/aerospaziale; Automobilistico; CAMPI DI APPLICAZIONE: Elettronica polimerica; Costruzioni civili; Biomedicale. I SOCI DI IMAST: Regione Campania Università degli Studi di Napoli Federico II Consiglio Nazionale delle Ricerche ENEA CIRA SCpa Consorzio T.R.E Esaote SpA (per il gruppo Bracco) Elasis SCpA (per il gruppo Fiat) Alenia Aeronautica SpA STMicroelectronics Srl Cetena SpA (per il gruppo Fincantieri) Pirelli Labs SpA Mapei SpA Avio SpA Istituto Banco di Napoli Fondazione San Paolo Banco di Napoli SpA Meliorbanca SpA

12 MISSIONE ED OBIETTIVI IMAST Missione: realizzare un sistema di ricerca, formazione ed innovazione tecnologica nel quale si integrino gli obiettivi di sviluppo delle conoscenze e di crescita del know-how da applicare ai prodotti e processi industriali prioritariamente delle imprese socie. Obiettivo generale : crescita del territorio da implementare attraverso una serie di iniziative concentrate in tre macroaree: raggiungere leccellenza internazionale nella ricerca, diventando leader nellingegneria dei materiali e nella loro applicazione industriale, attraverso la collaborazione università-azienda; attirare e formare i talenti, diventando un polo di attrazione per i migliori ricercatori in campo internazionale; promuovere nuova imprenditorialità tecnologica, creando una fucina di nuove imprese che alimenti lo sviluppo tecnologico della regione e diffondendo linnovazione creata nellindustria campana per accelerarne lo sviluppo.

13 ANALISI TERRITORIALE Il contesto generale Descrizione del tessuto imprenditoriale Quadro descrittivo delle attività tecnico-scientifiche Analisi del tasso di produttività di nuove tecnologie (brevetti e marchi) Le risorse per la ricerca in Campania Il Venture Capital OBIETTIVI ATTIVITA Analisi del sistema imprenditoriale campano riferito alle attività di R & S e innovazione tecnologica; Analisi del sistema di attività di ricerca e sviluppo e innovazione tecnologica relativo ai soggetti pubblici e privati che fanno parte del sistema terrritoriale campano.

14 IL TESSUTO IMPRENDITORIALE Risultati: - Alta densità dimpresa - Basso tasso di attività imprenditoriale - Basso tasso di sviluppo imprese industriali e high-tech - Dimensione media delle imprese bassa (numero di addetti) - Vocazione per il settore dei servizi - Alto tasso di innovazione nelle grandi imprese (correlazione positiva (0,98) tra tasso dellinnovazione e ammontare dei fatturati aziendali )

15 ATTIVITÀ TECNICO-SCIENTIFICHE Analisi delle attività riferite a tre istituti di ricerca: - Istituto per i Materiali compositi e biomedici del CNR - Unità tecnico-scientifica Materiali e Tecnologie del Centro di ricerche ENEA di Portici - Dipartimento di Analisi e Progettazione Strutturale (DAPS) della Facoltà di Ingegneria dellUniversità di Napoli Federico II Risultato: incremento delle pubblicazioni e atti di convegni che coinvolgono istituti di rilievo internazionale

16 BREVETTI E MARCHI Brevetti (invenzioni, modelli di utilità, disegni e modelli) Andamento di scarsa crescita o stazionarietà Andamento crescente Codificazione della tecnologia preesistente

17 Spese in R & S secondo gli standard nazionali (coefficiente di variazione basso solo per le università) Numero di addetti impiegati in R & S secondo gli standard nazionali (coefficiente di variazione alto solo per le amministrazioni pubbliche) Spese in R & S e numero di addetti nelle università secondo gli standard nazionali Finanziamenti PRIN e FIRB: efficacia delle richieste di investimento secondo gli standard nazionali LE RISORSE PER LA RICERCA IN CAMPANIA

18 VENTURE CAPITAL Incremento degli investimenti ad alto rischio negli anni Decremento negli anni in termini di numerosità in Campania e in termini di ammontare degli investimenti nel Sud Italia Alto tasso di efficacia degli investimenti di tipo ventureal Sud (3,6 %) Diminuzione degli investimenti ad alto rischio nel settore high-tech negli anni

19 UN IPOTESI DI PROGETTO DI SVILUPPO: LINNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLE PMI CAMPANE I vari step: SWOT Analysis Analisi degli stakeholder Albero dei problemi e degli obiettivi Definizione degli obiettivi, quadro logico Piano finanziario Cronogramma delle attività

20 S.W.O.T. ANALYSIS (1) PUNTI DI FORZAPUNTI DI DEBOLEZZA Elevata competenza nel settore dei servizi Grande diffusione sul territorio di un sistema di piccole e medie imprese Presenza di forti relazioni sul piano internazionale Alta visibilità del territorio dovuta alla presenza del distretto tecnologico dellIMAST Opportunità di ottenimento di risorse finanziarie aggiuntive dovuto alla individuazione normativa del distretto dellIMAST Presenza del network dellIMAST inerente le attività ricerca nellambito dei materiali polimerici e compositi Scarsa comunicazione tra IMAST e sistema produttivo Scarsa capacità di interfacciarsi con il mondo delle piccola e media impresa Scarsa propensione al rischio dei ricercatori IMAST nellambito degli spin-off Scarsa considerazione della dimensione finanziaria negli ambiti di potenziale sviluppo di spin-off da parte di IMAST Scarsa presenza di grandi aziende ICT Sottocapitalizzazione del sistema delle piccole e medie imprese

21 OPPORTUNITAMINACCE Presenza di poli universitari di eccellenza Presenza di enti e centri di prestigio altamente specializzati a forte contenuto di ricerca applicata Presenza di alta specializzazione professionale Presenza di un polo high-tech nel settore aerospaziale Sviluppo dellICT favorevole alla creazione di spin-off con più bassi costi Sfruttamento di risorse finanziarie provenienti dalle politiche di coesione comunitarie Forte orientamento della programmazione verso linnovazione tecnologica Scarsa diffusione delle attività di ricerca e sviluppo nel sistema delle imprese Scarsa diffusione della tecnologia e dellinnovazione nel sistema delle imprese Assenza di un sistema di intermediazione finanziario propenso a sostenere nuovi progetti di ricerca e innovazione Scarsa vivibilità del territorio Condizioni abitative eccessivamente onerose Presenza di criticità nel settore dei trasporti Sottocapitalizzazione delle PMI Inefficienza della pubblica amministrazione Forte concorrenza sul piano internazionale nellambito della ricerca e sviluppo in riferimento ai materiali polimerici e compositi Alta attrattività dei sistemi di ricerca esteri Scarsa competitività nei confronti dei paesi a basso costo di lavoro S.W.O.T. ANALYSIS (2)

22 STAKEHOLDER ANALYSIS TIPOLOGIA DI STAKEHOLDERINTERESSEINFLUENZAIMPATTOINFORMAZIONEGRADO DI COINVOLGIMENTO (TOTALE) DISTRETTO IMAST ALTOALTAMEDIOMEDIAALTO UNIVERSITÀ ALTOMEDIAMEDIOMEDIAALTO ENTI E CENTRI DI RICERCA ALTOBASSAMEDIOMEDIAALTO TECHNAPOLI MEDIOBASSAMEDIOALTAMEDIO SISTEMA DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE CAMPANE ALTOMEDIAALTOALTAMEDIO API ALTOMEDIAALTOMEDIAALTO GRANDI IMPRESEMEDIOALTOMEDIOALTO CONFINDUSTRIA CAMPANIA MEDIOMEDIA MEDIO DISTRETTO TESSILEALTOBASSAMEDIOMEDIAMEDIO AMMINISTRAZIONE REGIONALE ALTOALTAMEDIOBASSAMEDIO AMMINISTRAZIONI LOCALI ALTOMEDIAMEDIO ENEA MEDIOMEDIAMEDIOALTOMEDIO

23 IDEA FORZA Orientare le politiche regionali al fine di incentivare lo sviluppo economico-sociale del territorio attraverso il sistema della ricerca scientifica e dellinnovazione tecnologica

24 ANALISI DEI PROBLEMI… … E DEGLI OBIETTIVI Problema generale: scarsa capacità delle piccole e medie imprese di applicare nuove tecnologie. Problema specifico: mancanza di strutture atte a favorire il trasferimento di nuove tecnologie verso il sistema delle PMI campane Obiettivo generale: Creazione e potenziamento di strutture atte a favorire il trasferimento di nuove tecnologie presso il sistema imprenditoriale campano. Obiettivo specifico: Creazione e potenziamento di strutture atte a favorire linsediamento di piccole e medie imprese tese alla innovazione presenti al di fuori della regione Campania stessa.

25 PIANO DELLE ATTIVITÀ Le azioni: Creazione e attivazione di più attività atte a recepire proposte di spin-off nati da incubazioni avvenute allinterno dellIMAST Promuovere la creazione o trasformazione di attività atte a supportare le piccole e medie imprese nella predisposizione di progetti di innovazione Promuovere la creazione o potenziamento di forme di aggregazione tra piccole e medie imprese atte allo sviluppo di progetti di ricerca con finalità condivise Pubblicizzazione delle attività dellIMAST allinterno del territorio campano

26 PIANO FINANZIARIO AttivitàFonti di finanziamento Attività di servizio Misura 3.17 e misure relative al VII PQ corrispondenti per area di intervento alla misura Periodo: 3 anni. Azione da rifinanziare ogni anno. Attività 2 Attività 1 AttivitàFonti di finanziamento Azioni atte a promuovere attività di supporto al trasferimento tecnologico Misura 3.16 e 3.17 del VI PQ e misure relative al VII PQ corrispondenti per area di intervento alla misura 3.16 e

27 AttivitàFonti di finanziamento Azioni costruite allo scopo di promuovere la creazione di forme di aggregazione Misura 3.16 e 3.17 del VI PQ e misure relative alla programmazione corrispondenti per area di intervento alla misura 3.16 e Azioni costruite allo scopo di promuovere il potenziamento di forme di aggregazione FAS Totale Periodo: 5 anni. Azioni da rifinanziare ogni anno. Attività 3

28 Attività 4 AttivitàFonti di finanziamento Istituzione di tre uffici per attività informative Risorse ordinarie della regione Campania sito web IMAST S.c.a.r.l Piano di marketing orientato al territorio della Campania Confindustria Campania API Manifesti pubblicitari presso gli sportelli unici Totale Periodo: 2 anni. Piano finanziario relativo al primo anno dellazione. Cronogramma delle attività Costituzione di una società di consulenza in forma di S.r.l. Budget finanziario : Capitale sociale :

29 CONCLUSIONI Una diversa interpretazione dei modelli della filiera della conoscenza e della catena di produzione dellinnovazione Il modello ad ibridazione della Tripla elica La criticità del settore dei servizi Le attività tecnico-scientifiche e le risorse finanziarie presenti sul territorio Il carattere di novità delle azioni proposte Il raggiungimento di una massa critica di dinamismo economico come presupposto per un processo spontaneo di sviluppo Il distretto tecnologico può essere considerato come uno dei tasselli fondamentali che vanno a costituire il mosaico degli interventi finalizzati allo sviluppo locale

30 RINGRAZIAMENTI Ing. Riccardo Buffardi Prof. Ing. Eugenio Corti Ing. Domenico Martorana Prof. Roberto Parente Dott.ssa Ilaria Sorrentino Ing. Enrico Viceconte


Scaricare ppt "XIII MASTER IN LOCAL DEVELOPMENT DISTRETTI TECNOLOGICI E SVILUPPO LOCALE: LESPERIENZA DELLIMAST GRUPPO 4: Claudio Carlino Domenico Gatti Gianfranco Mingione."

Presentazioni simili


Annunci Google