La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

11 231 + 231 RADDOPPIA LA RESPONSABILITA Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl L ANTIRICICLAGGIO CUNEO 15 SETTEMBRE 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "11 231 + 231 RADDOPPIA LA RESPONSABILITA Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl L ANTIRICICLAGGIO CUNEO 15 SETTEMBRE 2010."— Transcript della presentazione:

1 RADDOPPIA LA RESPONSABILITA Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl L ANTIRICICLAGGIO CUNEO 15 SETTEMBRE 2010

2 22 LANTIRICICLAGGIO COSE IL RICICLAGGIO? Il riciclaggio" è il reimpiego dei profitti, derivanti da attività delittuose, in attività lecite di carattere commerciale e finanziario, che sfruttando la fungibilità e la prolificità del denaro, turbano la concorrenza tra imprese e inquinano l'economia mettendone a repentaglio la democraticità. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

3 33LANTIRICICLAGGIO Occorre cambiare passo ……. ….perché le banche sottovalutano ….perché le banche sottovalutano la necessità di un assoluto rispetto delle norme. Mario Draghi 8 luglio 2009 Assemblea Abi Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

4 44LANTIRICICLAGGIO Non e tollerabile che lobiettivo del profitto possa essere disgiunto dalla correttezza dei comportamenti È sempre in agguato il rischio che, per il proprio tornaconto o per malintese convenienze aziendali, taluni operatori, a diversi livelli decisionali, possano indursi ad accettare o addirittura ricercare fondi di dubbia provenienza. Mario Draghi 22 luglio 2009 alla Commissione Antimafia Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

5 55 L ANTIRICICLAGGIO Legge 5 luglio 1991 n. 197 Legge 5 luglio 1991 n. 197 Decreto 8 giugno Decreto 8 giugno 2001 n. 231 Decreto 21 novembre 2007 n. 231 Decreto 21 novembre 2007 n. 231 Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

6 66 LANTIRICICLAGGIO LANTIRICICLAGGIO D.Lgs 231/2001 D.Lgs 231/2001 la Responsabilità Amministrativa degli Enti giuridici la Responsabilità Amministrativa degli Enti giuridici Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

7 77 LANTIRICICLAGGIO L ABI sulla 231/2001 l'adozione del modello esclude la responsabilità dell'ente l'adozione del modello esclude la responsabilità dell'ente il personale non può addurre a scusante della illecita condotta la ignoranza delle disposizioni il personale non può addurre a scusante della illecita condotta la ignoranza delle disposizioni Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

8 88 LANTIRICICLAGGIO La responsabilità personale lart. 5 del c.p. sancisce che " nessuno può invocare a propria scusa l'ignoranza della Legge Penale"lart. 5 del c.p. sancisce che " nessuno può invocare a propria scusa l'ignoranza della Legge Penale" Per cui l'operatore bancario/postale, in caso di dubbio operativo, ha l'obbligo di informarsi sulla liceità dell'operazione, astenendosi, nel frattempo, dall'effettuarla, perché questo dispone la legge.Per cui l'operatore bancario/postale, in caso di dubbio operativo, ha l'obbligo di informarsi sulla liceità dell'operazione, astenendosi, nel frattempo, dall'effettuarla, perché questo dispone la legge. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

9 99 LANTIRICICLAGGIO Art. 648 bis Riciclaggio, Capo II, titolo XIII del secondo libro del codice penale (dei delitti contro il patrimonio) fuori dei casi di concorso nel reato, chiunque sostituisce o trasferisce denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto non colposo, ovvero compie in relazione ad essi altre operazioni, in modo da ostacolare l'identificazione della loro provenienza delittuosa, é punito con la reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da euro a euro La pena è aumentata quando il fatto è commesso nellesercizio di unattività professionale. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

10 1010 LANTIRICICLAGGIO LA RILEVANZA GIURIDICA DEI DELITTI TRIBUTARI LA RILEVANZA GIURIDICA DEI DELITTI TRIBUTARI Due scuole di pensiero Una interpretazione rigorosa e restrittiva vorrebbe escludere dalla categoria dei reati presupposto i delitti in materia fiscale. Laltra invece alla luce della ratio che muove il quadro giuridico generale riconosce il delitto tributario come reato presupposto del crimine di riciclaggio Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

11 1111 LANTIRICICLAGGIO LA RILEVANZA GIURIDICA DEI DELITTI TRIBUTARI Emendamento Fleres al decreto legge 103/2009, correttivo del decreto legge 78/2009, poi convertito in legge ottobre al comma 3…aggiungere in fine le seguenti parole ….. né comporta lobbligo di segnalazione di cui allarticolo 41 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, relativamente ai rimpatri ovvero alle regolarizzazioni per i quali si determinano gli effetti di cui al comma 4, secondo periodo; Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

12 1212 LANTIRICICLAGGIO LA RILEVANZA GIURIDICA DEI DELITTI TRIBUTARI Lo scudo fiscale ter rinuncia ai controlli sul riciclaggio di denaro. Si cancella infatti lobbligo per gli intermediari finanziari di segnalare allU.I.F. quando hanno dubbi che le disponibilità finanziarie oggetto di regolarizzazione o di rimpatrio siano collegate ai reati tributari. Ciò vuol dire che invece tutto quello che non sarà scudato e tutto quello che è stato commesso in territorio italiano o sarà commesso in relazione ai reati tributari dovrà essere oggetto di segnalazione allU.I.F. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

13 1313 LANTIRICICLAGGIO La Legge n. 197/91 ha introdotto obblighi La Legge n. 197/91 ha introdotto obblighi di identificazione,di identificazione, di rilevazione, di rilevazione, di registrazionedi registrazione delle operazioni effettuate delle operazioni effettuate e di segnalazione delle operazioni sospette di qualunque importo siano e indipendentemente dal fatto che loperatore dia o meno corso alloperazione stessa. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

14 1414 LANTIRICICLAGGIO La legge ha introdotto il principio della COLLABORAZIONE ATTIVA per cui gli intermediari, PRIMA impegnati solo ad agevolare l'accesso alle informazioni da parte dell' Autorità, sono ADESSO chiamati a partecipare direttamente alla lotta contro il riciclaggio avendo il DOVERE DI FORNIRE, tempestivamente, alle Autorità competenti INFORMAZIONI UTILI AI FINI DI GIUSTIZIA. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

15 15 15 LANTIRICICLAGGIO LA NOVITA Il Dlgs 231 del 2007 nel recepire le disposizioni comunitarie (Direttiva 2005/60/CE 26 ottobre 2005) in materia di prevenzione e contrasto del fenomeno del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo, ha riscritto la norma, confermando complessivamente limpianto legislativo precedente, con un aumento delle restrizioni e alcune novità, in specie circa luso del contante e dei titoli al portatore Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

16 1616 LANTIRICICLAGGIO Costituiscono riciclaggio (art. 2) 1 - La conversione o trasferimento di beni provenienti da attività criminosa allo scopo di occultare o dissimulare lorigine illecita 2 - Loccultamento o dissimulazione della reale natura, provenienza, ubicazione, disposizione, movimento, proprietà dei beni, effettuati sapendo che tali beni vengono da attività criminosa Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

17 1717 LANTIRICICLAGGIO Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl 3 - Lacquisto,detenzione,utilizzazione di beni sapendo che provengono da attività criminosa o da una partecipazione a tale attività. 4 - La partecipazione ad uno degli atti precedenti, lassociazione per commettere tale atto,il tentativo di perpretarlo, il fatto di aiutare, istigare o consigliare qualcuno a commettere o agevolare lesecuzione di unazione criminosa

18 1818 LANTIRICICLAGGIO Contrasto al terrorismo LItalia, recependo la terza direttiva europea sul tema al contrasto al terrorismo, ha emanato il decreto n. 109/2007 per prevenire, contrastare e reprimere il finanziamento al terrorismo. Il provvedimento prevede il congelamento riguardo a persone o entità sospettati di finanziare il terrorismo e come tali inseriti nelle black list ufficiali - dei fondi e delle risorse finanziarie - della messa a disposizione di altre attività finanziarie e risorse economiche Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

19 1919 LANTIRICICLAGGIO Mezzi di pagamento (art. 49) Dal 30 aprile 2008 novità per ContantiContanti AssegniAssegni TitoliTitoli Libretti di risparmio al portatoreLibretti di risparmio al portatore Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

20 2020 LANTIRICICLAGGIO È vietato il trasferimento a qualsiasi titolo tra soggetti diversi di Denaro contante Denaro contante Libretti di deposito bancari Libretti di deposito bancari Libretti postali al portatore Libretti postali al portatore Titoli al portatore in euro o valuta estera Titoli al portatore in euro o valuta estera Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

21 2121 LANTIRICICLAGGIO È vietato ….. Quando il valore delloperazione, anche frazionata, è anche frazionata, è complessivamente pari o superiore a euro. per pochi attimi euro nel 2008 con il d.l. n. 112 del 25 giugno 2008 a euro con la legge 122 del 30 luglio 2010 ancora a euro Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

22 2222 LANTIRICICLAGGIO Il trasferimento può tuttavia essere eseguito per il tramite di banche, istituti di moneta elettronica e Poste italiane Spa. Il trasferimento per contanti per il tramite dei soggetti di cui al comma 1 deve essere effettuato mediante disposizione accettata per scritto dagli stessi, previa consegna ai medesimi della somma in contanti. A decorrere dal terzo giorno lavorativo successivo a quello dellaccettazione, il beneficiario ha diritto di ottenere il pagamento nella provincia del proprio domicilio. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

23 23 LANTIRICICLAGGIO

24 2424 LANTIRICICLAGGIO La riduzione del contante appare sempre più la questione centrale non solo per la sicurezza anche per condurre unefficace lotta a sommerso ed evasione fiscale. Questo punto richiede ulteriori attenzioni: il 19% di tutto il cash europeo circola in Italia. MARCO IACONIS RESP. SICUREZZA ABI (Sole 24ore 19 aprile 2010) Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

25 25 25 LANTIRICICLAGGIO ARTICOLO 51 Gli intermediari che hanno notizia di infrazioni alle disposizioni di cui allarticolo 49 ed allarticolo 50 ne riferiscono (comunicazione) entra 30 giorni al Ministero delleconomia. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

26 2626 LANTIRICICLAGGIO Art. 7 Delibera Banca dItalia n. 616 del Gli intermediari non devono segnalare fatti che attengono esclusivamente a violazioni delle norme sulluso del contante e dei titoli al portatore contenute nellart. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, in assenza di profili di sospetto di riciclaggio o finanziamento del terrorismo; tali violazioni vanno comunicate al Ministero delleconomia e finanze. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

27 2727 LANTIRICICLAGGIO LANTIRICICLAGGIO Gli assegni bancari e postali emessi per importi pari o superiori a euro devono recare lindicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità. emessi per importi pari o superiori a euro devono recare lindicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità. emessi allordine del traente possono essere girati solo per lincasso ad una banca o alle Poste indipendentemente dallimporto facciale. emessi allordine del traente possono essere girati solo per lincasso ad una banca o alle Poste indipendentemente dallimporto facciale. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

28 2828 LANTIRICICLAGGIO Operazioni frazionate Il trasferimento è vietato anche quando è effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia che appaiono con più pagamenti inferiori alla soglia che appaiono artificiosamente frazionati. (decreto 18 settembre 2009) Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

29 2929 LANTIRICICLAGGIO Operazioni frazionate La 231/2007, lettera m) art. 1, innovando rispetto al sistema precedente, definisce come operazione frazionata unoperazione unitaria sotto il profilo economico, di valore pari o superiore ai limiti stabiliti... posta in essere attraverso più operazioni in momenti diversi e in un circoscritto periodo di tempo fissato in sette giorni ferma restando la sussistenza delloperazione frazionata quando ricorrano elementi per ritenerla tale.unoperazione unitaria sotto il profilo economico, di valore pari o superiore ai limiti stabiliti... posta in essere attraverso più operazioni in momenti diversi e in un circoscritto periodo di tempo fissato in sette giorni ferma restando la sussistenza delloperazione frazionata quando ricorrano elementi per ritenerla tale. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

30 3030 LANTIRICICLAGGIO LANTIRICICLAGGIO In caso di trasferimento di libretti di deposito bancari o postali al portatore il cedente deve comunicare entro 30 giorni alla banca o a poste italiane i dati identificativi del cessionario e la data del trasferimento In caso di trasferimento di libretti di deposito bancari o postali al portatore il cedente deve comunicare entro 30 giorni alla banca o a poste italiane i dati identificativi del cessionario e la data del trasferimento L'apertura in qualunque forma di conti o libretti di risparmio, anche aperti presso Stati Esteri, in forma anonima o con intestazione fittizia e' vietata. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

31 3131 LANTIRICICLAGGIO Gli obblighi del cliente (art. 21) I clienti forniscono, sotto la propria responsabilità, tutte le informazioni necessarie ed aggiornate per consentire di adempiere agli obblighi di adeguata verifica della clientela. Ai fini dellidentificazione del titolare effettivo, i clienti forniscono per iscritto, sotto la propria responsabilità, tutte le informazioni necessarie ed aggiornate delle quali sono a conoscenza. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

32 3232 LANTIRICICLAGGIO Gli obblighi dellintermediario: 1.Obbligo di adeguata verifica della clientela (artt. 15 e ss) 2.Obbligo di astensione dal compimento delloperazione (art. 23) 3.Obbligo di registrazione (artt. 36 e ss) 4.Obbligo di segnalazione di operazioni sospette (art. 41) Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

33 3333 LANTIRICICLAGGIO 1) LOBBLIGO DI ADEGUATA VERIFICA (art. 15 e ss) VERIFICA (art. 15 e ss) Il Decreto prevede precise norme in tema didentificazione della nuova clientelain tema didentificazione della nuova clientela in tema di controllo/adeguata verifica della clientela già acquisitain tema di controllo/adeguata verifica della clientela già acquisita al fine di poter correttamente individuare la rischiosità riciclaggio e quindi valutare lopportunità di procedere o non procedere allapertura dei rapporti richiesti oppure di mantenere o chiudere i rapporti in essere. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

34 3434 LANTIRICICLAGGIO Art. 15 Gli Intermediari finanziari osservano gli obblighi di adeguata verifica della clientela nei seguenti casi: a) quando instaurano un rapporto continuativo; b) quando eseguono operazioni occasionali, disposte dai clienti che comportino la trasmissione o la movimentazione di mezzi di pagamento di importo pari o superiore a euro, indipendentemente dal fatto che siano effettuate con una operazione unica o con più operazioni che appaiono tra di loro collegate per realizzare una operazione frazionata; b) quando eseguono operazioni occasionali, disposte dai clienti che comportino la trasmissione o la movimentazione di mezzi di pagamento di importo pari o superiore a euro, indipendentemente dal fatto che siano effettuate con una operazione unica o con più operazioni che appaiono tra di loro collegate per realizzare una operazione frazionata; Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

35 3535 LANTIRICICLAGGIO Art. 15 c) quando vi e' sospetto di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo, indipendentemente da qualsiasi deroga, esenzione o soglia applicabile; d) quando vi sono dubbi sulla veridicità o sull'adeguatezza dei dati precedentemente ottenuti ai fini dell'identificazione di un cliente. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

36 3636 LANTIRICICLAGGIO UTENTIOCCASIONALI Particolare attenzione va in ogni caso riservata agli utenti occasionali, con i quali l'operatore deve assumere un atteggiamento più prudente e avvertito che può giungere fino a non accettare le operazioni richieste, quando queste risultino di importo superiore ad una determinata soglia o non rendano evidenti le motivazioni economiche sottostanti (informando ovviamente, in via preventiva il superiore gerarchico). Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

37 3737 LANTIRICICLAGGIO ART. 18 CONTENUTO DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA ART. 18 CONTENUTO DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA 1.identificare il cliente e verificarne lidentità sulla base dei consueti documenti, dati o informazioni; 1.i dentificare gli eventuali titolari effettivi e verificarne lidentità (per titolare effettivo si intende la persona o le persone fisiche che, in ultima istanza, possiedono o controllano il cliente nonché la persona fisica per conto della quale è realizzata loperazione); 1.ottenere informazioni sullo scopo e sulla natura prevista dal rapporto continuativo; 1.svolgere un controllo costante della relazione daffari nel corso del rapporto continuativo. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

38 3838 LANTIRICICLAGGIO TITOLARE EFFETTIVO U) t U) titolare effettivo: la persona fisica per conto della quale è realizzata un'operazione o un'attività, ovvero, nel caso di entità giuridica, la persona o le persone fisiche che, in ultima istanza, possiedono o controllano tale entità, ovvero ne risultano beneficiari secondo i criteri di cui allAllegato tecnico al presente decreto;. Lettera u) articolo 1 decreto 231 modificato dal decreto 18 settembre Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

39 3939 LANTIRICICLAGGIO Approccio basato sul rischio associato al tipo di cliente (art. 20) Gli obblighi di adeguata verifica della clientela sono assolti commisurandoli al rischio associato al tipo di cliente,, prodotto o transazione di cui trattasi. Gli obblighi di adeguata verifica della clientela sono assolti commisurandoli al rischio associato al tipo di cliente, rapporto continuativo, prestazione professionale, operazione, prodotto o transazione di cui trattasi. Gli enti e le persone soggetti al presente decreto devono essere in grado di dimostrare alle autorità competenti … che la portata delle misure adottate e' adeguata all'entità del rischio di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo. Si deve far riferimento fra laltro alle istruzioni emanate in materia dalla Banca dItalia (art. 7 comma 2) Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

40 4040 LANTIRICICLAGGIO 2) Obbligo di astensione (art. 23) Quando non si è in grado di rispettare gli obblighi di adeguata verifica della clientela non si può instaurare il rapporto continuativonon si può instaurare il rapporto continuativo né eseguire le operazioni o prestazioni professionali richieste,né eseguire le operazioni o prestazioni professionali richieste, ovvero va posto fine al rapporto continuativo o alla prestazione professionaleovvero va posto fine al rapporto continuativo o alla prestazione professionale e valutare se effettuare una segnalazione alla UIF.e valutare se effettuare una segnalazione alla UIF. Invece si ha obbligo di segnalazione alla UIF seguente allastensione dalloperatività per le operazioni per le quali cè sospetto di relazione con il riciclaggio quali cè sospetto di relazione con il riciclaggio o con il finanziamento del terrorismo. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

41 4141 LANTIRICICLAGGIO Eccezione allobbligo di astensione Nei casi in cui non sia possibile lastensione, in quanto -Sussiste un obbligo di legge di ricevere latto -Lesecuzione delloperazione per sua natura non può essere rinviata -Lastensione può ostacolare le indagini È OBBLIGATORIO SUBITO DOPO AVER ESEGUITO LOPERAZIONE INFORMARE LUIF Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

42 4242 LANTIRICICLAGGIO Misure rafforzate per più alto rischio (art. 28): Mancata presenza fisica del clienteMancata presenza fisica del cliente Conti di corrispondenza con enti di Stati extracomunitariConti di corrispondenza con enti di Stati extracomunitari Operazioni con persone politicamente esposte (PEP) residenti in altro Stato membro o paese terzoOperazioni con persone politicamente esposte (PEP) residenti in altro Stato membro o paese terzo Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

43 4343 LANTIRICICLAGGIO 3) Gli obblighi di registrazione Archivio Unico Informatico (AUI) (art. 36 e 37) (art. 36 e 37) Gli intermediari Gli intermediari conservano i documenti e registrano le informazioni che hanno acquisito per assolvere gli obblighi di adeguata verifica della clientela affinché possano essere utilizzati per qualsiasi indagine su eventuali operazioni di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo o per corrispondenti analisi effettuate dalla UIF o da qualsiasi altra Autorità competente. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

44 4444 LANTIRICICLAGGIO Per quanto riguarda gli obblighi di adeguata verifica del cliente, conservano la copia o i riferimenti dei documenti richiesti, per un periodo di dieci anni dalla fine del rapporto continuativo o della prestazione professionale; Per quanto riguarda le operazioni, i rapporti continuativi e le prestazioni professionali,conservano le scritture e le registrazioni, consistenti nei documenti originali o nelle copie aventi analoga efficacia probatoria nei procedimenti giudiziari, per un periodo di dieci anni dall'esecuzione dell'operazione o dalla cessazione del rapporto continuativo o della prestazione professionale. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

45 4545 LANTIRICICLAGGIO Le informazioni sono registrate tempestivamente e comunque, non oltre il trentesimo giorno dopo il compimento dell'operazione Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

46 4646 LANTIRICICLAGGIO LUNITA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA (U.I.F.) LUNITA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA (U.I.F.) ISTITUITO AL POSTO DELLUFFICIO ITALIANO CAMBI (U.I.C.) CON DECRETO 1 GENNAIO 2008ISTITUITO AL POSTO DELLUFFICIO ITALIANO CAMBI (U.I.C.) CON DECRETO 1 GENNAIO 2008 OPERA IN SENO ALLA BANCA DITALIAOPERA IN SENO ALLA BANCA DITALIA Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

47 4747LANTIRICICLAGGIO 4) Gli obblighi di segnalazione U.I.F. (art. 41) Gli intermediari segnalano allU.I.F. quando sannosanno sospettanosospettano hanno motivi ragionevoli di sospettarehanno motivi ragionevoli di sospettare che sono in corso o sono state compiute o tentate operazioni di riciclaggio o di finanziamento al terrorismo Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

48 4848 LANTIRICICLAGGIO Modalità segnalazione (art. 42) Il responsabile della dipendenza, ufficio, altro punto operativo, unità organizzativa o struttura dellintermediario segnalaIl responsabile della dipendenza, ufficio, altro punto operativo, unità organizzativa o struttura dellintermediario segnala Il titolare dellattività ( il legale rappresentante o un suo delegato, solitamente il responsabile dell'ufficio ispettorato) esamina e trasmette allUIFIl titolare dellattività ( il legale rappresentante o un suo delegato, solitamente il responsabile dell'ufficio ispettorato) esamina e trasmette allUIF Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

49 4949 LANTIRICICLAGGIO La valutazione circa l'effettuazione o meno della segnalazione, è lasciata alla DISCREZIONALITÀ DELL'OPERATORE BANCARIO/POSTALE che deve, peraltro, anche attenersi agli indicatori di anomalia della Banca d'Italia, potendo comunque, sulla base della propria esperienza, integrare le fattispecie anomale elencate. La norma richiede un coinvolgimento in termini di discrezionalità dell'operatore il cui ruolo è rimodellato coerentemente al principio della collaborazione attiva. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

50 5050 LANTIRICICLAGGIO PUR GRAVANDO L'OBBLIGO DI SEGNALAZIONE "IN PRIMA ISTANZA" SOLO IN CAPO AI TITOLARI DELLA DIPENDENZA, TUTTI GLI OPERATORI BANCARI SONO COMUNQUE TENUTI A DARE COMUNICAZIONE SCRITTA AL PROPRIO SUPERIORE GERARCHICO, (DIRETTORE DI FILIALE O CAPO UFFICIO OPERATIVO) DELLE OPERAZIONI " SOSPETTE" DI CUI EVENTUALMENTE DOVESSERO VENIRE A CONOSCENZA NELLO SVOLGIMENTO DEL PROPRIO LAVORO. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

51 5151 LANTIRICICLAGGIO La riservatezza (art. 45) Lazienda deve adottare misure adeguate per assicurare la massima riservatezza dellidentità dei soggetti che effettuano la segnalazione. Le generalità del segnalante sono custodite sotto la diretta responsabilità del titolare dellattività. UIF, Guardia Finanza, Dia possono richiedere ulteriori informazioni ai fini dellanalisi e dellapprofondimento investigativo della segnalazione al soggetto che ha effettuato la segnalazione. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

52 5252 LANTIRICICLAGGIO IL PRINCIPIO DELLA RINTRACCIABILITA Il completo iter valutativo deve sempre e comunque essere ricostruibile su base documentale, anche ove il titolare dell'unità operativa giunga alla conclusione di non inoltrare la segnalazione pervenutagli da un suo collaboratore. Lo stesso principio vale anche per il successivo livello di analisi. In questo caso sarà il titolare della dipendenza ( o dell'ufficio o di altro punto operativo) a dover conservare la prova documentale dell'inoltro della segnalazione al titolare dell'attività ( o al legale rappresentante o a un suo delegato) CONSENTE LA CORRETTA DELIMITAZIONE DELLE RESPONSABILITÀ DI SOGGETTI COINVOLTI NEL PROCESSO DI VALUTAZIONE. CONSENTE LA CORRETTA DELIMITAZIONE DELLE RESPONSABILITÀ DI SOGGETTI COINVOLTI NEL PROCESSO DI VALUTAZIONE. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

53 5353 LANTIRICICLAGGIO BANCA DITALIA Gli indicatori di anomalia per gli intermediari Gli indicatori di anomalia per gli intermediari Provvedimento n. 616 del 24 agosto 2010 Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

54 5454 LANTIRICICLAGGIO Indicatori di anomalia gli indicatori di anomalia vengono forniti al fine di : - agevolare la valutazione sugli eventuali profili di sospetto di riciclaggio; -ridurre i margini di incertezza connessi con valutazioni soggettive o con comportamenti discrezionali; - contribuire al contenimento degli oneri ; Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

55 5555 LANTIRICICLAGGIO Lelencazione degli indicatori di anomalia non è esaustiva, anche in considerazione della continua evoluzione delle modalità di svolgimento delle operazioni. Lelencazione degli indicatori di anomalia non è esaustiva, anche in considerazione della continua evoluzione delle modalità di svolgimento delle operazioni. Lassenza di indicatori previsti nellallegato può non essere sufficiente a escludere che loperazione sia sospetta. Gli intermediari valutano con la massima attenzione ulteriori comportamenti che, sebbene non descritti negli indicatori, configurino in concreto profili di sospetto. Lassenza di indicatori previsti nellallegato può non essere sufficiente a escludere che loperazione sia sospetta. Gli intermediari valutano con la massima attenzione ulteriori comportamenti che, sebbene non descritti negli indicatori, configurino in concreto profili di sospetto. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

56 5656 LANTIRICICLAGGIO INDICE BANCA DITALIA INDICATORI DI ANOMALIA CONNESSI AL CLIENTE INDICATORI DI ANOMALIA CONNESSI ALLE OPERAZIONI O AI RAPPORTI INDICATORI DI ANOMALIA CONNESSI AI MEZZI E ALLE MODALITA DI PAGAMENTO INDICATORI DI ANOMALIA RELATIVI ALLE OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI E AI CONTRATTI ASSICURATIVI INDICATORI DI ANOMALIA RELATIVI AL FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

57 5757 LANTIRICICLAGGIO Operazioni incongruenti con il profilo economico finanziario del cliente Utilizzo frequente della tecnica di frazionamento delle operazioni Operazioni che evitano il transito sul conto corrente del cliente Riluttanza del cliente a dare informazioni corrette per lesecuzione delloperazione Utilizzo ripetuto e ingiustificato di denaro contante. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

58 5858 LANTIRICICLAGGIO G I A N O S Generatore di Indici di Anomalia per le Operazioni Sospette -Realizzato in ambito associativo interbancario -Non è obbligatorio e non è esaustivo -Si basa sullanalisi delle registrazioni dellArchivio Unico Informatico (AUI) Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

59 5959 LANTIRICICLAGGIO LA FORMAZIONE LARTICOLO. 54 i destinatari … adottano misure di adeguata formazione del personale … al fine della corretta applicazione delle disposizioni del presente decreto i destinatari … adottano misure di adeguata formazione del personale … al fine della corretta applicazione delle disposizioni del presente decreto le misure di cui al comma 1 comprendono programmi di formazione finalizzati a riconoscere attività potenzialmente connesse al riciclaggio o al finanziamento del terrorismo. le misure di cui al comma 1 comprendono programmi di formazione finalizzati a riconoscere attività potenzialmente connesse al riciclaggio o al finanziamento del terrorismo. Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl

60 6060 LANTIRICICLAGGIO Il vento non si ferma con le mani con le mani Seneca Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl


Scaricare ppt "11 231 + 231 RADDOPPIA LA RESPONSABILITA Mario Capocci Quadri Direttivi Fiba-Cisl L ANTIRICICLAGGIO CUNEO 15 SETTEMBRE 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google