La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RIUNIONE PERIODICA 2009 SINTESI DELLE PRINCIPALI ATTIVITA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ANNO 2009 Alessandro Selbmann.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RIUNIONE PERIODICA 2009 SINTESI DELLE PRINCIPALI ATTIVITA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ANNO 2009 Alessandro Selbmann."— Transcript della presentazione:

1 RIUNIONE PERIODICA 2009 SINTESI DELLE PRINCIPALI ATTIVITA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ANNO 2009 Alessandro Selbmann

2 Criteri di valutazione dei rischi Nuovi criteri di valutazione: Rischio biologico Rischio chimico Rischio Stress Lavoro-correlato

3 Valutazione dei rischi 18 DVR RISCHIO MOVIMENTAZIONE MANUALE CARICHI E PAZIENTI 5 DVR RISCHIO BIOLOGICO 2 DVR RISCHIO CHIMICO 4 DVR RISCHIO STRESS OSPEDALE BELCOLLE, ACQUAPENDENTE, CIVITACASTELLANA, TARQUINIA 1 DVR RISCHIO INCENDIO 3 DVR RISCHIO STRUTTURALE IMPIANTISTICO DVR LEGIONELLA (collaborazione con Risk Management)

4 Campionamenti e misurazioni Misurazioni microclimatiche Misurazioni della velocità dei flussi daria (efficienza dellaspirazione) Assistenza durante il campionamento di agenti chimici Misurazioni degli sforzi durante i sollevamenti, il traino, la spinta

5 Sicurezza lavori affidati in appalto Sono stati elaborati vari DUVRI (documenti unici di valutazione dei rischi da interferenza). Vista la grande mole di lavoro e la complessità della materia, si è proposto di istituire un settore apposito nella UOC SPP

6 EMERGENZA INCENDIO Prove di simulazione P.O. Belcolle (n° 5 prove) problematiche legate allottenimento del CPI Cittadella della Salute ( segnaletica, percorsi di emergenza, archivi e depositi, estintori, dotazioni squadra di emerg., ecc.) –studio e affissione segnaletica di emergenza P.O. Acquapendente P.O. Belcolle – corpo C –gruppo di lavoro per rimodulazione percorsi di emergenza P.O. Belcolle

7 RICOGNIZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO E terminata la ricognizione dei fattori di rischio congiuntamente ai Medici Competenti e ai RRLLSS. Sono in corso gli aggiornamenti.

8 PROCEDURE DI SICUREZZA Sono state pubblicate sulla Pagina Web SPP: LINEE GUIDA PROCEDURE DI SICUREZZA

9 Linee guida pubblicate Incidenti in itinere - Educazione Stradale Cappe Chimiche e Sistemi di Aspirazione Interazione tra cappe chimiche e impianti HVAC Ergonomia al microscopio DPI per influenza aviaria Utilizzo in sicurezza di fotocopiatrici e stampanti Requisiti tecnici e strutturali per i locali dei fumatori Scaffalature per stoccaggio materiali Archivi o depositi Scale portatili Protezione respiratoria casi sospetti di meningite Specifiche per locali preparazione farmaci antiblastici Nota per acquisti Calzature ospedaliere Gas anestetici DPI - Caratteristiche Tecniche Presidi e dispositivi medico chirurgici Videoterminali

10 Norme Interne pubblicate Procedure in caso d'incendio Procedure di radioprotezione Procedure per il trasporto di campioni biologici Allestimento antiblastici Manovra sicura per veicoli Uso sicuro di laser chirurgico Uso sicuro di Elettrobisturi Spandimenti accidentali di prodotti o preparati chimici e farmaci antiblastici Evacuazione con materasso di pazienti allettati Norme per lesecuzione in sicurezza di manovre di traino e spinta Manipolazione e smaltimento di strumenti acuminati o presidi taglienti Procedure movimentazione a domicilio Nota Tecnica su Divieto di Fumo Norme per lutilizzo degli impianti e degli utilizzatori elettrici Linee guida per lutilizzo delle prese multiple Norme utilizzo bombole Regolamento Gruppi di Lavoro Protocollo post esposizione

11 Procedimenti di valutazione dei rischi N° 59 procedimenti a seguito di richiesta: Valutazione dei rischi; Pareri su nuovi ambienti di lavoro o ristrutturazioni; Pareri su acquisti; Pareri su pratiche di risarcimento danni a seguito di infortunio occorso a visitatori, utenti, ecc….;

12 Infortuni e malattie professionali Indagini su tutti gli episodi di infortuni sul lavoro occorsi a dipendenti dellazienda, Attività relative a tutte le denunce di malattia professionale su richiesta dellINAIL e dellOrgano di Vigilanza (SPISLL)

13 Emergenza presidi territoriali Elaborazione progetto generale di intervento Censimenti strutture, servizi, operatori Individuazione operatori addetti allemergenza Formazione addetti allemergenza Adeguamento presidi antincendio Elaborazione piani di emergenza

14 Attività di formazione CORSO DI FORMAZIONE RRLLS Progettazione e realizzazione di evento accreditato ECM PERCORSO DI AUTOAPPRENDIMENTO GUIDATO PRE LA FORMAZIONE DI FACILITATORI PER IL RISCHIO BIOLOGICO (in collaborazione con Medici Competenti, SAIO, SPTRS e AS, Risk Management) –accreditato ECM (n. 22 crediti). –320 operatori di vario livello professionale, operanti in tutta larea sanitaria aziendale (praticamente tutti i servizi ospedalieri e territoriali). –13 edizioni, per aree più possibile omogenee (area critica, chirurgica, medica, diagnostica e territoriale). –Ogni edizione è articolata in 5 giornate formative: la prima e l ultima in plenaria, le 3 giornate centrali in autoformazione con esecuzione di lavori in piccoli gruppi. –Studio di 52 procedure sanitarie da parte dei gruppi di lavoro.

15 Attività di informazione PERCORSO INFORMATIVO IN MATERIA DI SICUREZZA E SALUTE PER IL PERSONALE NEO ASSUNTO n° 90 nuovi assunti

16 ANALISI DEL FENOMENO INFORTUNISTICO E terminata l ANALISI DEGLI INFORTUNI – ANNO 2008 e si prevede la pubblicazione sul sito web della ASL VT. E terminata lANALISI DEGLI INFORTUNI A RISCHIO BIOLOGICO 2008 (il documento è pubblicato nella pag web SPP). E terminata lANALISI DEGLI INFORTUNI DA MOVIMENTAZIONE MANUALE CARICHI 2008 (il documento è pubblicato nella pag web SPP). E in corso lanalisi degli infortuni 2009

17 RIUNIONE PERIODICA 2009 IPOTESI DI PROGRAMMA DI ATTIVITA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ANNO 2010 Alessandro Selbmann

18 Criteri di valutazione dei rischi perfezionamento criteri di valutazione: Rischio biologico Rischio chimico Rischio Stress Lavoro-correlato

19 Valutazione dei rischi RISCHIO MOVIMENTAZIONE MANUALE CARICHI E PAZIENTI: completamento e aggiornamento RISCHIO BIOLOGICO: prosecuzione valutazioni RISCHIO STRESS: prosecuzione valutazioni RISCHIO INCENDIO: prosecuzione valutazioni RISCHIO CHIMICO: applicazione nuovo metodo di valutazione

20 EMERGENZA INCENDIO completamento prove di simulazione guidate PP.OO. territoriali prove di simulazione non guidate in tutti i PP.OO. aziendali revisione Piani di Emergenza ospedalieri prova di simulazione Cittadella della Salute proseguimento attività strutture territoriali (formazione addetti antincendio)

21 RICOGNIZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO Attività di aggiornamento delle schede. Informatizzazione delle schede e pubblicazione sulla pag web SPP

22 PROCEDURE DI SICUREZZA Implementazione delle elaborazioni e pubblicazioni sulla Pagina Web SPP: LINEE GUIDA PROCEDURE DI SICUREZZA Si prevede di elaborare procedure di qualità e sicurezza per le attività sanitarie già studiate durante il Corso per Facilitatori

23 Attività di formazione CORSO per dirigenti e preposti sulle novità del D.Lgs 81/08

24 GRUPPO DI RIFERIMENTO AZIENDALE SULLE PROCEDURE Creazione del Gruppo Elaborazione modello di procedura Attivazione e coordinamento dei gruppi di lavoro operativi Approvazione delle procedure Pubblicazione delle procedure

25 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (art.30 D.Lgs. 81/08) a) rispetto degli standard tecnico-strutturali di legge relativi a attrezzature, impianti, luoghi di lavoro, agenti chimici, fisici e biologici; b) attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di prevenzione e protezione conseguenti; c) attività di natura organizzativa, quali emergenze, primo soccorso, gestione degli appalti, riunioni periodiche di sicurezza, consultazioni dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; d) attività di sorveglianza sanitaria; e) attività di informazione e formazione dei lavoratori; f) attività di vigilanza con riferimento al rispetto delle procedure e delle istruzioni di lavoro in sicurezza da parte dei lavoratori; g) acquisizione di documentazioni e certificazioni obbligatorie di legge; h) periodiche verifiche dellapplicazione e dellefficacia delle procedure adottate.

26 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (art.30 D.Lgs. 81/08) In sede di prima applicazione, i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente alle Linee guida UNI- INAIL o BS OHSAS si presumono conformi ai requisiti di cui al presente articolo. La ASL di Viterbo ha già lavorato molto in questo campo: DOCUMENTO GENERALE DI SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO ( ) Nucleo di Coordinamento del Sistema di Sicurezza e Salute (NCSSS) – 2007 Ecc…. Si tratta solo di coordinare vari aspetti in un unico sistema


Scaricare ppt "RIUNIONE PERIODICA 2009 SINTESI DELLE PRINCIPALI ATTIVITA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ANNO 2009 Alessandro Selbmann."

Presentazioni simili


Annunci Google