La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Come organizzare lincontro Avvisare i partecipanti Definire largomento Chi, come, quando Stimolare la curiosità e linteresse Definire gli strumenti di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Come organizzare lincontro Avvisare i partecipanti Definire largomento Chi, come, quando Stimolare la curiosità e linteresse Definire gli strumenti di."— Transcript della presentazione:

1 Come organizzare lincontro Avvisare i partecipanti Definire largomento Chi, come, quando Stimolare la curiosità e linteresse Definire gli strumenti di lavoro Definire regole di comportamento Obiettivi da raggiungere Operazionalizzare gli obiettivi Attenzione ai fruitori Attenzione ai tempi Cura del luogo Condizioni climatiche accettabili!!!! Personalizzare lambiente

2 Cosa caratterizza il responsabile/animatore? Coerenza con il proprio ruolo Riconoscimento di autorevolezza Portamento Dare testimonianza Saper gestire il proprio ruolo Passione per ciò che si fa

3 Vademecum per responsabili ed educatori 12/02/2006Ferrandina

4 Suggerimenti per la preparazione degli incontri Essere preparati: –conoscere largomento da trattare; –avere uno schema mentale; –tener presente luditorio.

5 Suggerimenti per la preparazione degli incontri Sapere ascoltare: –Fissare delle regole per gli interventi; –Ascoltare chi interviene e rispondere solo quando ha completato il proprio pensiero; Essere precisi : –Non dire cose inesatte –Evitare generalizzazioni –Non esprimere opinioni personali, dando ad esse valore assoluto.

6 Suggerimenti per la preparazione degli incontri Essere gradevoli: –Sorridere, guardare direttamente negli occhi, evitare di essere ostili o reattivi, evitare battute di cattivo gusto; –Controllare lintonazione della voce, parlare con calma articolare bene le parole; –Enfatizzare col tono della voce le informazioni più importanti.

7 Suggerimenti per la preparazione degli incontri Non dare mai niente per scontato: –Non pensare che chi ascolta sappia già quello che gli si deve dire; –Evitare un linguaggio eccessivamente elevato e chiarire i significati dei termini introdotti. ESSERE CONCISI

8 LE FUNZIONI SPECIFICHE DELLANIMATORE Richiamare i fini Fare elaborare un programma Creare il clima per raggiungere lo scopo Favorire lo scambio tra partecipanti Vigilare sul proprio comportamento Essere innovatore Essere disponibile Essere sereno Avere fiducia

9 Il gruppo Il gruppo non è la somma di più individui, è più delle interazioni tra le persone che lo compongono; esso sente, pensa, agisce diversamente da ciascuno dei suoi membri. Le persone che lo compongono sono interdipendenti nel perseguimento degli obiettivi individuali, collegate dallobiettivo comune.

10 Il gruppo Un individuo da solo non si comporta allo stesso modo di un individuo inserito nel gruppo: Nel gruppo assume un ruolo ed una identità, pur conservando la sua specificità; Intrattiene interazioni orizzontali e verticali

11 Il gruppo: Le sue fasi 1.Presa di contatto 2.Presa di coscienza 3.Argomentazione 4.Resistenza 5.valutazioni

12 Il gruppo: aspetti caratteristici Semplici processi ideativi (richiedono): –Codice che implichi chiarezza e semplicità; –Uso di sussidi ( scalette, lucidi, ripetizioni); –Interazione verbale ( problem solving) e sintesi per il controllo della esposizione; –Dimensione ludica.

13 Il gruppo: aspetti caratteristici Instabilità emotiva ( richiede) : –Evitare critiche esplicite e distruttive; –Evitare generalizzazioni; –Affrontare le situazioni problematiche senza drammatizzarle; –Attenzione alla qualità delle relazioni.

14 Il gruppo: aspetti caratteristici Attenzione labile; Scarsa resistenza alla fatica; Xenofobia ; Deresponsabilizzazione; Influenza reciproca ; Risposte automatiche influenzate.


Scaricare ppt "Come organizzare lincontro Avvisare i partecipanti Definire largomento Chi, come, quando Stimolare la curiosità e linteresse Definire gli strumenti di."

Presentazioni simili


Annunci Google