La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A.s. 2009/2010 UDA 1 Classe 2^A. schema Raccontiamoci Ed. Artistica Raccontiamoci attraverso limmagine fotografica Ed. Artistica Raccontiamoci attraverso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A.s. 2009/2010 UDA 1 Classe 2^A. schema Raccontiamoci Ed. Artistica Raccontiamoci attraverso limmagine fotografica Ed. Artistica Raccontiamoci attraverso."— Transcript della presentazione:

1 a.s. 2009/2010 UDA 1 Classe 2^A

2 schema Raccontiamoci Ed. Artistica Raccontiamoci attraverso limmagine fotografica Ed. Artistica Raccontiamoci attraverso limmagine fotografica Italiano: Il diario e la lettera personale Lautobiografia Italiano: Il diario e la lettera personale Lautobiografia Tecnologia Rapporto tra persona e ambiente Tecnologia Rapporto tra persona e ambiente Inglese : Lettera personale Inglese : Lettera personale Francese : Lettera personale e brevi pagine di diario Francese : Lettera personale e brevi pagine di diario Musica: Descriversi attraverso un brano Musica: Descriversi attraverso un brano

3 La comunicazione a distanza può avvenire con : cartoline biglietti telegrammi lettere

4 I.C. SCIPIONE LAPI (Scuola media) classe 2A a.s – 2010 UDA n° 1 La lettera

5 Il destinatario ( chi riceve il messaggio) Il mittente ( chi scrive il messaggio) La lettera è una forma di comunicazione che coinvolge due persone a distanza:

6 Qui écrit? A qui? Ch è re Francesca, Salut! Je suis ta nouveau amie ! Je m appelle Miriana et mon pr é nom est Luchetti, j habite à Valdara, j ai douze ans. Je te parle de mon é cole, je suis en cinqui è me et je fr é quente le coll è ge Scipione Lapi. A l é cole nous é tudions : fran ç ais, anglais, italien, maths, science, E.P.S., é ducation musicale, arts, histoire et g é o. Les mati è res que je pr é f è re sont fran ç ais, anglais et arts. Je d é teste histoire. Les cours sont da lundi a samedi. Le matin on commence huit heures et on termin e une heure pile, la r é cr é est a dix heures cinq et d habitude je mange une brioche. Notre class est la plus fort en é ducations physique. On ne mange plus à la cantine, mais je d é jeune et dine chez moi. J aime bien mon é cole. Dans ma famille nous sommes en quatre : mon p è re, ma m è re, ma grand-m è re et moi. Mon p è re Giuseppe a quarante-sept ans, ma m è re a quarante- six ans et j ai douze ans. J aime lire des livres, j aime la musique et le coleurs bleu et vert. Je d é teste le araign é e et le fromage. Mes animales pr è f é re sont la tigresse et le cheval. Je ne fais pas des sports. Au revoir ! J attends ton . Miriana Destinatario Mittente

7 Dear Hilary, Hy! My name is Agnese Luchetti and Im twelve years old. I m Italian, I live in Serravalle di Carda, a small town, near the Apennines, in the centre of Italy. Serravalle is a pretty, small town and I love it! We are four in my family, my dad Edmondo, my mum Maria Grazia and my sister Irene. My dads forty-nine, hes surveyor, my mums forty-one, shes an accaountant, and my sisters eight, shes a student. I havent got any pets, because Ive got a small house! And you? Have you got any pets? We havent got a school uniform and I usually wear jeans, tracksuit, shirt and trainers or boots. We go to school on Saturday too, and you? Have you got a school uniform? My favourite subject are: French, English, Art and Phisical Education, Im good at these subject, but I hate History. I like school school, because it is fun, but it is hard. We havent got a lot of homework and you? In my free time I watch TV, I play with my sister, or my friend and I play on the computer, or I listen to music. My favourite TV programme is Americas next top model and it starts at five oclock. Do you practise a sport? I practise Dance, I love it! I do classical dance and Hip-Hop. Please send me a letter and your photo. Love from Agnese Destinatario Mittente

8 Dear Christine, Hello! My name is Miriana and my surname is Luchetti, Im twelve years old, Im Italian and I live in Apecchio, a small town near the Apennines, in the centre of Italy. Im your new pen friend. In my family we are three: my dad Giuseppe, my mum Luciana and me, Im an only child. My dad is forty-seven, hes a worker in the galleries my mum is forty-six, shes a housewife. Im tall, Ive got short straight and blond hair and Ive got blue eyes. Im in year seven, in my class we are eighteen, my favourite subjects are: English, French and Art. Im good at Maths, but I hate History. My favourite teacher are: Mrs Bucchi, Mrs Borsella and Mr Perfetti. I like school because its fun and interesting. We go to school on Saturdays, too. And you? Do you like school? Do you get a lot of homework? At school I usually wear blue jeans and a pink t-shirt. What are your favourite clothes? In my free time I stay with my friend, my best friend is Agnese Luchetti, I usually watch TV and play computer games. My favourite food is: Nutella and chips with Maionese but I hate cheese and vegetables. My favourite TV programme is Il mondo di Patty it starts at four oclock, what is your favourite TV programme?. My favourite animal is cat. Ive got five pets, three dogs and two cats. My favourite colours are violet, pink, yellow and green. What is your favourite colours? What do you do in your free time? Do you practise a sport? Please send me a photo.Write soon Love from Miriana Destinatario Mittente

9 Comunicare, condividere, sfogarsi Dare, avere notizie, informazioni,…. Invitare Ricevere / dare aiuto, conforto Raccontare Perché e quando si scrive? Soprattutto per…..

10 Il motivo che spinge a scrivere è definito lo scopo ( le but ). Ma nelle lettere si parla anche di altro. Ciò che si racconta, comunica, descrive ( e che non è legato allo scopo ) costituisce largomento ( le sujet ).

11 Come si scrive? ( il registro di lingua) Se scrivo ad un insegnante, un conoscente, al direttore di un giornale,….(rapporto distaccato, poco abituale) Se scrivo ad un amico, un parente, una persona con cui ho confidenza uso un linguaggio (registro) familiare, colloquiale in cui posso inserire anche espressioni gergali uso un registro formale e faccio attenzione ad esprimermi correttamente ed in modo più curato

12 Ed ora cerchiamo di riconoscere lo scopo e largomento di questa lettera argomento scopo Serravalle di Carda 24 novembre 09 Cara Miri, ti scrivo per dirti che ti saluto tanto e che vorrei invitarti a casa mia per le vacanze Natalizie. Staremo sempre insieme e ci divertiremo un sacco; potremmo giocare a palle di neve, visto che a Serravalle ce nè tanta, faremo Pigiama-Party e lì, giocheremo alla lotta con i cuscini, mangeremo schifezze e staremo sveglie fino a tardi. Possiamo anche andare a Monte Nerone per sciare, lì non ci sono piste difficili e la neve è molto bella, inoltre giocheremo con la neve oppure ci divertiremo a spalarla! Poi quando sarà ora di pranzo, mangeremo la pasta squisita della nonna, al Rifugio Corsini. Se poi un giorno il tempo sarà troppo freddo, staremo al calduccio, davanti al camino, a berci la cioccolata calda e a guardare un bel film Natalizio. Poi ricordati che ti ho fatto un bel regalo e non vedo l ora di dartelo! Adesso però ti devo lasciare perché è ore di cena! TVB AGNESE P.S. Non dimenticarti che faremo il Presepe e l Albero di Natale insieme, come piacerà più a noi, quindi ti aspetto e non mancare!

13 La lettera ha una sua struttura che la rende differente dalla cartolina, dal telegramma, dal biglietto, dall e da qualunque altro messaggio scritto. struttura

14 La lettera oggi Oggi la lettera è meno usata rispetto al passato. Negli ambienti di lavoro si usa preferibilmente il fax. I giovani soprattutto la sostituiscono con: le (messaggi veloci, anche con immagini, che usano il computer) gli SMS (messaggi brevissimi che permettono di comunicare immediatamente tramite cellulare).

15 DIARIO

16 COME SI SCRIVE UN DIARIO Il diario è un testo espressivo in cui si scrive, in genere, per se stessi e non per offrire informazioni al pubblico. Per questo motivo è molto variabile il modo di organizzare e stendere un diario: si passa da scritti ordinati e meticolosi a diari confusi e disordinati; alcuni raccolgono le osservazioni giorno per giorno, altri contengono solo appunti saltuari e frammentari; esistono raccolte che privilegiano il semplice riepilogo di fatti accaduti e diari che danno spazio alla confidenza intima, emotivamente coinvolgente, o alla riflessione. In ogni caso, la caratteristica peculiare di un diario è quella di raccogliere informazioni estremamente personali; ciò influenza anche lo stile e le modalità despressione, che variano da persona a persona. Le caratteristiche generali di un diario possono essere così riassunte destinatario: se stessi contenuto: vario scopo: raccontare, ricordare, riflettere stile: chiaro e rapido ordine: generalmente cronologico linguaggio: semplice, immediato

17 31/10/09 Caro diario, ieri sera non ho potuto scrivere,ma oggi ti racconto della mia giornata di ieri.Alla mattina sono andata a scuola (come faccio sempre) e quando era ora di tornare abbiamo preso la corriera ed è successa una cosa inaspettata,io a klevian (un albanese) le faccio sempre degli scherzi,cioè quello di slacciargli la cartella ma ieri lui si è incavolato e ha preso la mia cartella e lha buttata per terra con una gran forza,io le ho detto di raccoglierla e poi sono stata zitta,ad un certo punto la mia amica Valentina è andata da lui e gli ha tirato lorecchio e klevian si è messo a piangere perché lorecchio che le aveva tirato laveva operato. Alla sera mi sono sdraiata sulla mia poltrona (morbida)e ho guardato Colorado poi sono andata a dormire. Oggi a scuola faremo una festa,cioè quella di halloween e sono molto felice, poi dopo Cristina e Agnese verranno a casa mia e ci divertiremo un sacco. PAGINE DI DIARIO

18 Caro diario, ti ricordi quando sono andata in montagna? Sono partita per S. Caterina Valfurva con la mia famiglia e ci sono volute OTTO h di viaggio! Però non ero solo con i miei genitori e mia sorella ma eravamo in 25! Il tempo è sempre stato bello tranne un giorno che il vento era fortissimo… Non mi sono mai annoiata perché ero con mia cugina e unaltra mia amika E mi sono DIVERTITA TANTISSIMO! Ci sono tornata per tre anni di fila ma poi nel 2009 non ho potuto… Il primo anno io, mia cugina, Daniele e un altro ragazzino che era venuto in montagna con noi, avevamo preso il maestro privato, che era il proprietario dellalbergo e lo zio di DEBORAH COMPAGNONI. Nel 2008 una sera in albergo, io e le mie amike abbiamo fatto un pigiama-party… abbiamo giocato, ballato, e abbiamo fatto la lotta con i cuscini!!! Di giorno ci ritrovavamo tutti nelle piste e partivamo insieme. Per arrivare ci voleva pochissimo ed infatti ci andavamo a piedi! Nel 2007 si poteva sciare anche nellaltra parte della montagna, chiamata sunney-valley(la valle del sole) dove era assolato e cera un bellissimo rifugio in legno. Un giorno ero con la mia famiglia e i miei amici, proprio nella valle del sole, e mentre ci stavamo avviando verso il rifugio, mia cugina proseguiva la pista per arrivare a valle; quando ci siamo accorti che lei non cera, mia zia ha provato a raggiungerla e per fortuna l ha trovata! Non mi sono mai annoiata e a volte, di sera, andavamo nella HOLL a fare giochi da tavola. Vorrei tornarci perché mi sono divertita tanto E perché S. Caterina è un bel paesino! Adesso devo lasciarti. Ciao AGNESE

19 autobiografia

20 QUANDO ERO ALL ASILO Mi ricordo che all asilo sono sempre stata una bambina dal carattere dolce, ma un po timido. Quando arrivavo lì, di solito io e le mie amiche giocavamo come sempre, ma mi ricordo benissimo che a volte, tutte insieme, preparavamo un Salone di bellezza alla nostra Maestra Filomena: tutte felici preparavamo lo sgabellino, lo specchio, la spazzola, i trucchi ecc. Quando era tutto pronto, chiamavamo la maestra e l aiutavamo a conciarsi con tutti gli oggetti che trovavamo in giro, mentre i maschi facevano altri giochi per conto loro. Noi ci divertivamo tanto ed io non mi dimenticherò mai, perché era una cosa speciale per noi, infatti dopo di lei, noi facevamo finta di truccarci o altre cose! Ogni volta che la maestra ci diceva - TRA POCO ARRIVO, PREPARATE LE COSE!- noi, tutte felici. Lasciavamo quello che stavamo facendo e preparavamo i vari oggetti per fare il nostro salone. La maestra era la nostra cliente e noi le negozianti che l aiutavamo a scegliere in trucchi o i profumi più appropriati. Mi divertivo tanto e credo così anche le mie amiche. Agnese Luchetti

21 Dellasilo mi ricordo quando Fabiola ci ha fatto fare le bolle di sapone con i colori. Ci aveva fatto prendere i colori, abbiamo tolto la punta. Dentro al posto dellinchiostro ci abbiamo messo il sapone lacqua e poi soffiavamo. I bachi erano tutti sporchi e bagnati e sporchi, le mani sporche di colore. Prima facevamo una bolla grande, dentro altre più piccole e mi sembra che facevamo anche a gara per chi ne faceva di più. Eravamo sporchi dappertutto, mani, faccia, il grembiule era di mille colori sembrava un arcobaleno. Secondo me la bidella ci ha impiegato tutto il giorno per pulire i banchi. Quel giorno credo che sia stato uno dei più belli dellasilo. Mi è piaciuto perché ci siamo divertiti molto, ci siamo bagnati, sporcati e poi perché mi ha dato gusto a fare le bolle. Daniele Martinelli

22 Quando ero piccola e andavo alla scuola materna, a volte la maestra a me e alle mie amiche ci faceva cucinare tante cose per passare il tempo. Un giorno abbiamo fatto le ciambelle. Ci avevano messo in quattro in un tavolino e abbiamo iniziato a fare limpasto. Mi ricordo che accanto a me cera Jessica che diceva che solo lei sapeva fare limpasto perché sua nonna le aveva insegnato. Mi dava tanto gusto a impastare, avevo tutte le mani appiccicose. Facevamo tante forme di animali, infine però ci hanno fatto fare la forma della ciambella e le insegnanti hanno fatto una piccola pagnotta di pane. Dopo siamo andati tutti in cucina, ognuno di noi ha messo la propria ciambella nel forno. Abbiamo aspettato un po di tempo e le nostre ciambelle erano pronte. Ero super contente, mi piaceva cucinare allasilo. Alla fine della giornata abbiamo fatto delle foto con la nostra classe e le nostre ciambelle. Questa è stata unesperienza che mi è piaciuta moltissimo. Rachele Ferrara

23 Un episodio dell asilo. Quando il primo giorno io sono arrivata all asilo mi sono sentita più a disagio perché ancora non ero abituata a stare con la maestra e in compagnia Mi ricordo che mi nascondevo dietro la gamba della mamma perché non ci volevo Andare. Però dopo un po di tempo io ho imparato e mi piaceva molto stare con le maestre e i miei amici. Ci facevano mettere il grembiule io lo odiavo e lo sporcavo sempre e quando ritornavo A casa la mamma mi sgridava. Avevamo fatto un cartellone dove cera disegnata la frutta e la verdura, io ero il Re carotone. Lo stesso giorno ci hanno fatto sdraiare uno per volta nel tavolino e ci mettevano la Frutta nella faccia, negli occhi io avevo due fette tonde di zucchina, nella bocca una metà di pera, nella fronte due pezzi di pomodori, nelle orecchie due fette di arancia e intorno avevo gli spinaci sedano e le zucchine intere. Lo stesso giorno ci facevano cucinare a me dava tanto gusto anche se non ero capace. Mi piaceva ascoltare la maestra che ci raccontava le favole. Io non ero capace a leggere e nei libri guardavo solo le figure. Beatrice Pazzaglia

24 Mi ricordo ancora un episodio molto famoso che è successo allasilo. Ero ancora piccolo e non sapevo qual era il dolore di un punteruolo conficcato nel dito medio della mano. Mi ricordo che la maestra Marina ci aveva dato un punteruolo e una specie di foglio spesso e peloso. Io, essendo sempre molto agitato, appena mi ha dato il punteruolo non facevo altro che punterellare in qua e in la fra le dita, ma ad un certo punto, mentre guardavo Eugenio, per sbaglio mi conficcai il punteruolo nel dito medio della mano. Uscì una marea di sangue e piangevo, piangevo…La maestra Marina mi sentì e mi portò dalla maestra Giorgetta che a sua volta mi portò nel bagno dei maschi e cercò di togliere quel dannatissimo punteruolo, ma sembrava che non ce lavrebbe mai fatta, però dopo ripetuti sforzi riuscì a togliermelo. La maestra Giorgetta mi portò subito dalla coordinatrice dellasilo, cioè dalla maestra Maria Assunta che disse subito:io e Matteo andiamo subitissimo dal dottore!. Quando ritornai i miei amici mi dissero tutti: Teo come stai? Finirono le lezioni di quel giorno e io tornai a casa con il pulmino. Ora sono in seconda media ma questo fatto mi è rimasto sempre impresso. Matteo Parlani

25 tecnologia Come si è evoluta la città? Nella PREISTORIA luomo non ha lasciato segni e tracce dove era stato, poi nel MEDIOEVO ha cominciato a costruire case e strade, infine OGGI vediamo che ci sono grandi cambiamenti e luomo ha costruito palazzi edifici ecc. LO SVILUPPO DELLE CITTA P.R.G. Cosa può succedere senza -speculazione edilizia -dissesto del territorio -sviluppo non corretto di una città -rovina del paesaggio Ad esempio: A cosa serve: serve per lo sviluppo corretto di una città e stabilisce quali sono le zone destinate al commercio alle abitazioni ecc. Cosa è Il PRG(Piano Regolatore Generale) ed è un insieme di elaborati costituiti da tavole grafiche, relazioni tecniche di attuazione, che regolano lo sviluppo corretto di una città Il territorio viene diviso in zone: A= Centro Storico B= zone con prevalenza residenziale C= zone di espanzione D= zone produttive E= zone agricole F= zone destinate a servizi pubblici. N.B OGNI ZONA E EVIDENZIATA CON UNA SIMBOLOGIA DIVERSA. Chi lo redige: lo redigono i tecnici del comune e gli architetti infine viene approvato dal comune e dalla regione. Come si è evoluta la città? Nella PREISTORIA luomo non ha lasciato segni e tracce dove era stato, poi nel MEDIOEVO ha cominciato a costruire case e strade, infine OGGI vediamo che ci sono grandi cambiamenti e luomo ha costruito palazzi edifici ecc. LO SVILUPPO DELLE CITTA P.R.G. Cosa può succedere senza -speculazione edilizia -dissesto del territorio -sviluppo non corretto di una città -rovina del paesaggio Ad esempio: A cosa serve: serve per lo sviluppo corretto di una città e stabilisce quali sono le zone destinate al commercio alle abitazioni ecc. Cosa è Il PRG(Piano Regolatore Generale) ed è un insieme di elaborati costituiti da tavole grafiche, relazioni tecniche di attuazione, che regolano lo sviluppo corretto di una città Il territorio viene diviso in zone: A= Centro Storico B= zone con prevalenza residenziale C= zone di espanzione D= zone produttive E= zone agricole F= zone destinate a servizi pubblici. N.B OGNI ZONA E EVIDENZIATA CON UNA SIMBOLOGIA DIVERSA. Chi lo redige: lo redigono i tecnici del comune e gli architetti infine viene approvato dal comune e dalla regione. La frana di Messina: I primi dellottobre 2009 una frana a Messina ha causato la morte di 18 vittime;questo perché oltre che la Sicilia ha molti comuni a rischio, probabilmente non aveva un P.R.G. Così si è costruito dove magari non si poteva ed infatti ci sono state vittime E case distrutte dalla frana. Rapporto tra persona e ambiente


Scaricare ppt "A.s. 2009/2010 UDA 1 Classe 2^A. schema Raccontiamoci Ed. Artistica Raccontiamoci attraverso limmagine fotografica Ed. Artistica Raccontiamoci attraverso."

Presentazioni simili


Annunci Google