La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tecnologie dellistruzione. Iter Inquadramento del problema: la prospettiva sociale Verso una definizione di Tecnologie delleducazione Articolazione e.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tecnologie dellistruzione. Iter Inquadramento del problema: la prospettiva sociale Verso una definizione di Tecnologie delleducazione Articolazione e."— Transcript della presentazione:

1 Tecnologie dellistruzione

2 Iter Inquadramento del problema: la prospettiva sociale Verso una definizione di Tecnologie delleducazione Articolazione e orientamenti di sviluppo Tecnologie dellIstruzione: excursus storico

3 Una questione epistemologica Lo studio delle tecnologie delleducazione si inserisce allinterno di un sistema di riflessioni socioculturali complesso che ne determina e condiziona lo sviluppo Le tecnologie contribuiscono a una costruzione sociale della conoscenza il loro ruolo sociale e la loro funzione educativa riflettono e accelerano le trasformazioni del contesto socioculturale circostante

4 Trasformazioni culturali Trasformazioni tecnologiche Trasformazioni sociali Trasformazioni comunicative rappresentazione della realtà Attore sociale Socializzazione verticale Trasmissione verticale interpretazione selezione interiorizzazione Sviluppo del senso critico Costruzione della conoscenza Il cambiamento sociale

5 Educare oggi... implica la messa in forma di un tipo di soggetto capace di porsi in modo nuovo rispetto alla realtà che lo circonda […] e di agire per la sua modificazione. La concezione moderna delleducazione, in altri termini, si caratterizza per linsistenza sulle capacità di scelta nelle diverse situazioni e per il suo rivolgersi alla personalità umana nella sua interezza (Volpi C., Paideia 80. Leducabilità umana nellera del post-moderno, Tecnodid, Napoli, 1988, p.229)

6 educare? In che modo educare? È opportuno individuare metodi, strategie o tecniche di educazione per raggiungere obiettivi formativi Le tecnologie possono essere strumenti di innovazione didattica o supporto per percorsi di insegnamento e apprendimento Lo sviluppo è contrassegnato dallevoluzione storica e sociale Tecnologia Processi di apprendimento Metodi di insegnamento

7 Tecnologia delleducazione: verso una definizione La mappa degli approcci disciplinari

8 Tecnologie delleducazione Studio sistematico dei metodi e dei media per lanalisi, la progettazione, lo sviluppo e la valutazione dei processi di insegnamento- apprendimento, finalizzato a risolvere problemi complessi, coinvolgenti persone, procedure idee, organizzazioni. Risorse tecniche e finanziarie ( Galliani L. (a cura di), Loperatore tecnologico, La Nuova Italia, Firenze, 1993, p.8 )

9 Non solo tecnologia… Le tecnologie delleducazione analizzano il rapporto dialettico uomo-macchina che prevede: La semiologia delle interfacce Lergonomia (didattica-cognitiva) Lecologia cognitiva La tecnocultura

10 Non solo tecnologia... –Analisi del contesto situazionale risorse (umane, strutturali, finanziarie, strumentali) non solo disponibilità e carenze, ma anche caratteristiche esigenze (formative e strutturali) –individuazione degli obiettivi di formazione –progettazione di un sistema di intervento ad hoc –scelta di strumenti e di strategie formative adeguate –programmazione e organizzazione delle attività didattiche –gestione e valutazione delle attività svolte

11 Tecnologie delleducazione Didattica, docimologia Teoria didattica, pedagogia sperimentale, Filosofia delleducazione… Scienza cognitiva, epistemologia Psicologia dellapprendimento, tecnopsicologia, Sociologia della conoscenza Informatica, ingegneria Cibernetica, Teoria dei sistemi Intelligenza artificiale, Teoria dei giochi… Semiologia, ermeneutica ergonomia, linguistica, Critica letteraria…

12 Tecnologie delleducazione Tecnologie dellistruzione Tecnologie dellapprendimento Tecnologie per leducazione Tecnologie didattiche

13 La Tecnologia delleducazione è … ambienti formativiUnarea che studia il funzionamento degli ambienti formativi, nei quali circolano impalcature (media) e sistemi (tecnologie didattiche e di apprendimento) simbolici e fisici (tecnologie dellistruzione) allinterno dei quali si svolgono giochi comunicativi a diversi livelli di esperienza

14 Tecnologia delleducazione dagli anni 60 agli anni 90 Tecnologie per leducazioneTecnologia dellistruzione Media Metodi didattici Due poli orientativi di analisi Strategie e tecniche della didattica 12 3

15 Tecnologie per leducazione Studio dei media come supporti didattici e delle loro potenzialità, capaci di modificare le dinamiche di interazione e di comunicazione in un ambiente formativo Tecnologie dellistruzione Studio delle impalcature concettuali (progettazione e gestione delle attività didattiche) alla base dellorganizzazione del processo di istruzione

16 Tecnologie didattiche La didattica è un ambito interno alle tecnlogie delleducazione Si occupa dei dispositivi per la gestione delle interazioni del processo di insegnamento e apprendimento Subisce unevoluzione nel tempo: –comportamentismo costruttivismo –anni50 anni 60

17 Tecnologiedidattiche fisici Stili di apprendimento Valutazione Insegnamento apprendimento Mezzi di apprendimento Metodi di apprendimento ambienti Selezione metodi, mezzi, ambienti Obiettivi curricula psicosociali Apprendimento personalizzato Dinamiche di gruppo

18 Tecnologie dellapprendimento Indica lo studio del rapporto mente-macchina Un condizionamento reciproco: Le tecnologie sviluppano e potenziano lapprendimento Lo sviluppo tecnologico è condizionato dalle teorie sullapprendimento –Psictecnologia (D. De Kerckhove) –Ecologia cognitiva (P. Levy)

19 Tecnologia e educazione: una rete di significati Educazione nella tecnologia Educazione alla tecnologia Educazione con la tecnologia Studiare leducazione con la tecnologia Studiare leducazione sub specie tecnologica Progettare leducazione

20 Radici storiche e teoriche Una prospettiva sociale

21 La tecnologica La conoscenza Leducazione Il modo di insegnare Il modo di apprendere Il modo di comunicare

22 Negli anni 20 lo psicologo statunitense Sidney Pressey progetta le prime macchine per insegnare Nel 1954 lo psicologo B. F. Skinner pubblica The Science of learning and the Art of TeachingNel 1954 lo psicologo B. F. Skinner pubblica The Science of learning and the Art of Teaching Nascita ufficiale delle Tecnologie dellEducazione

23 Il comportamentismo J.B. Watson pubblica Psychologist as the Behaviorist views itnel 1913 Oggetto di studio è losservabilità del comportamento (behaviour) –Si può studiare soltanto il comportamento esterno Lapprendimento è il riflesso incondizionato di uno stimolo esterno (S R) –Nulla si può dire della mente

24 una visione funzionalista della società : già data e precostituita con le sue tradizioni e la sua cultura Lindividuo si deve adeguare allesistente per essere cittadino libero Lindividuo è potenzialmente un soggetto attivo La scuola è unagenzia di controllo sociale che guida lindividuo nel suo processo di adattamento attraverso programmi predefiniti Lidea di società e di conoscenza

25 Lidea di comunicazione Processo meccanicistico e lineare di trasmissione delle informazioni o trasferimento dei saperi, lineare e sequenziale È trascurata la capacità interpretativa o di attribuzione di senso del soggetto –teoria matematica dellinformazione (Shannon e Weaver) –La cibernetica di Wiener

26 Il ruolo socioculturale di educare Trasferire saperi, valori e principi socioculturali già predefiniti per scopi integrativi e modellare comportamenti Obiettivo: acquisizione del sapere e della cultura dominante Lattività didattica è organizzata partendo da obiettivi formativi e contenuti predefiniti

27 La rivoluzione cognitivista (anni 50) studio dei processi mentali e percettiviDal comportamento osservabile e inteso come associazione fra stimolo e risposta si passa allo studio dei processi mentali e percettivi George Miller, principale esponente, pubblica Plans and the structure of behavior nel 1960 –Lapprendimento è un sistema di attività cognitive alla base delle interazioni sociali – centralità del soggetto nelle scelte educative

28 Fra comportamentismo e costruzionismo Non più comportamenti osservabili ma processi cognitivi Studio della struttura mentale in modo scientifico e razionale Attenzione sul soggetto La conoscenzaLa conoscenza è acquisizione –elaborazione cognitiva delle informazioni –Enfasi sul senso e sul processo di metacognizione Rischio: il distacco dalla realtà esterna

29 Lidea di comunicazione non più processo lineare e meccanico, ma circolare e cibernetico –Noam Chomsky dimostra che la teoria matematica di Shannon non può essere applicato al linguaggio naturale I percorsi comunicativi riflettono la complessità sociale Prima attenzione ai processi di costruzione del significato La mente è un meccanismo di tipo cibernetico: può essere studiata e modellizzata con metodi scientifici A. Calvani, Educazione, comunicazione e nuovi media, UTET, Firenze, 2001, p.97

30 Funzione sociale e culturale di educare Non più semplice trasferimento di informazioni già date, ma attività riflessiva,sviluppo di competenze e abilità cognitive soggettive per lorientamento sociale e lautonomia ad agire La didattica si concentra sul processo di acquisizione delle conoscenze e delle competenze dei soggetti, ma rimane istruttiva Adeguamento delle prerogative curriculari alle caratteristiche dei soggetti, tuttavia mantengono una struttura gerarchico-sequenziale

31 Quali media, metodi e strategie didattiche per svolgere la funzione culturale ed educativa?

32 Anni 60 Tecnologie per leducazione (media) Sussidi audiovisivi (proiettore, lavagna luminosa, ecc…) Mass media (radio, cinema, tv, stampa) Self media (macchina fotografica, registratore, videoregistratore) Media interpersonali (telefono)

33 Anni 60 Tecnologie dellistruzione Istruzione individualizzata Istruzione programmata (CAI, ICAI) Progettazione curriculare (tassonomia, operazionalizzazione degli obiettivi, valutazione) Istruzione a distanza

34 Strategie didattiche di insegnamento e apprendimento Strategie e tecniche didattiche (mastery learning, tecniche di insegnamento –role playng, drill& practice, simulazione, problem solving, scoperta guidata, strategie di studio) Tecniche di osservazione (microteaching, gestione della classe) Tecniche di organizzazione (team teaching, classi aperte…)

35 Anni 80 La scienza non può ridursi a semplici catene causali Esistono problemi di natura multidimensionale per i quali non sono sufficienti modelli deterministici La conoscenza è una costruzione attiva del soggetto, multidimensionale e situata –non è soltanto esterna, oggettiva, misurabile –Non è soltanto intrapsichica

36 La svolta degli anni 80: il costruttivismo costruttivismo Il costruttivismo è un movimento articolato e complesso ed i contributi sono molteplici: –Piaget, Ausubel, Rumelhart… COSTRUTTIVISMO INTERAZIONISTA –Vygotskij, Bruner, Cole, Norman… COSTRUTTIVISMO SOCIO CULTURALE –Papert COSTRUZIONISMO

37 Concetti-chiave lattività conoscitiva lattività conoscitiva è strutturazione attiva e negoziazione interpersonale la conoscenza è situata: la conoscenza è situata: il contatto e lesperienza con il contesto circostante incidono sulla personalità del soggetto lapprendimento da trasferimento di risorse a processo ermeneutico lapprendimento da trasferimento di risorse a processo ermeneutico: lesperienza incide anche sul processo di significazione e di interpretazione della realtà

38 Costruttivismo interazionista Jean Piaget ( ) esperienza –le fasi dello sviluppo intellettivo dellindividuo (operativa o senso motoria, iconica e della rappresentazione simbolica) partono dallesperienza –Gli strumenti concettuali sono acquisiti dalle esperienze socioculturali

39 Costruttivismo socioculturale Jerome Bruner (1915- ) –nella comprensione della realtà entrano in gioco diversi fattori: lattività del soggetto, il suo sviluppo intellettivo e i fattori culturali –Lapprendimento per scoperta Lev Semenovic Vygotskij ( ) –Zone di sviluppo prossimale –Centralità del soggetto nellapprendmento/ insegnamento, della creatività e del gioco come strategie didattiche

40 Costruttivismo socioculturale Michael Cole, direttore della scuola di San Diego –psicologia culturale e lapproccio situazionista dellapprendimento –legame molto stretto fra le attività, gli strumenti e i contesti socio-culturali definiti Altri contributi: Lucy A. Suchman (scuola di Palo Alto), Anne Brown e Joseph Campione (Università di Berkeley)

41 Lidea di comunicazione Concentrata sul valore semantico e sui significati del messaggio –es. il modello semiotico informazionale Centrata sui meccanismi o le dinamiche che si pongono alla base della costruzione del testo –Es. il modello semiotico testuale Enfasi sulle variabili socioculturali, relazionali e cognitive dei processi comunicativi

42 Funzione socioculturale di educare Stimolare a pensare, riflettere sulla vita reale Offrire strumenti cognitivi per orientarsi, decidere, scegliere, costruire il proprio percorso di vita autonomamente e con responsabilità Non più solo trasferimento di modelli culturali, ma sviluppo di abilità metacognitivo per apprendere –Centralità e attivismo del soggetto –Attenzione al tessuto socioculturale di vita –Reticolarità e complessità dei contesti di azione

43 Concetti-chiave della pratica didattica Obiettivo: sviluppare abilità di riflessione autonoma e percorsi di metacognizione Dal curriculum allambiente di apprendimento Sapere contestualizzatoSapere contestualizzato: coltivare la predisposizione ad apprendere creando contesti simili a quelli della vita reale Rivalutazione dellazione Enfasi sullapprendimento individuale del soggetto Attenzione sul confronto o scontro comunicativo Costruzione cooperativa della conoscenza

44 contesto collaborazione costruzione Apprendimento situato Compiti autentici Problemi Su casi Ragionamento Specifico sul contesto apprendistato Processi di modellamento Prospettiva multiple conoscenza Negoziazione sociale coaching Negoziazione interna esplorazione riflessione Intenzioni e aspettativeModelli mentali articolazione supporta Fa parte di Derivati da definisce Specificati da

45 Anni 90 Tecnologie per leducazione (media) Personal media (Word Processor, data base, fogli elettronici, ipertesti, sw didattici, simulazioni) Telemedia (posta elettronica, Internet, BBS) Cibermedia

46 Anni 90 Tecnologie dellistruzione Ipertesti (modelli ramificati, multimediali) Micromondi (Esplorazioni interattive) Progettazione multimediale Multimedialità e telecomunicazioni nella: –Formazione a distanza –Tecnologia per lhandicap –Tecnologie per la formazione aziendale

47 C.A.I. Evoluzione tecnologie didattiche computertutor computermultimediale computer tool personale computertoolcollaborativo AUTOMAZIONE PRODUZIONE COMUNICAZIONE COOPERAZIONE ANNI 80 ANNI WORD PROCESSOR (sw general purpose) IPERTESTO GROUPWARE A. Calvani, Educazione, comunicazione e nuovi media, UTET, Firenze, 2001


Scaricare ppt "Tecnologie dellistruzione. Iter Inquadramento del problema: la prospettiva sociale Verso una definizione di Tecnologie delleducazione Articolazione e."

Presentazioni simili


Annunci Google