La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Epidemiologia Prof. Roberto de Marco TESTI K.J. Rothman Epidemiologia. Idelson-Gnocchi P.L Lopalco – AE Tozzi. Epidemiologia. Il Pensiero Scientifico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Epidemiologia Prof. Roberto de Marco TESTI K.J. Rothman Epidemiologia. Idelson-Gnocchi P.L Lopalco – AE Tozzi. Epidemiologia. Il Pensiero Scientifico."— Transcript della presentazione:

1

2 1 Epidemiologia Prof. Roberto de Marco TESTI K.J. Rothman Epidemiologia. Idelson-Gnocchi P.L Lopalco – AE Tozzi. Epidemiologia. Il Pensiero Scientifico Pearce N. A short introduction to epidemiology. Rothman KJ, Greenland S. Lash L. Modern Epidemiology Lippincott Wiliams & Wilkins

3 2 Esempi di domande a cui risponde lepidemiologia Qual è la prevalenza del tumore allesofago (o dellabitudine al fumo)? Quale è stata la sua evoluzione nel tempo? Varia tra sessi? Qual è la prevalenza del tumore allesofago (o dellabitudine al fumo)? Quale è stata la sua evoluzione nel tempo? Varia tra sessi? Siamo in presenza di unepidemia (es: A/H1N1)? Qual è la virulenza dellagente patogeno? Come sarà la curva epidemica? Siamo in presenza di unepidemia (es: A/H1N1)? Qual è la virulenza dellagente patogeno? Come sarà la curva epidemica? Il fumo di sigaretta è un fattore di rischio per lasma o solo un trigger? Il fumo di sigaretta è un fattore di rischio per lasma o solo un trigger? Quali sono i principali rischi associati allinquinamento da traffico veicolare? Quali sono i principali rischi associati allinquinamento da traffico veicolare? La popolazione che vive in prossimità di uno specifico impianto industriale (es. emissione di formaldeide e polvere di legno) ha un eccesso di patologia respiratoria e irritativa? La popolazione che vive in prossimità di uno specifico impianto industriale (es. emissione di formaldeide e polvere di legno) ha un eccesso di patologia respiratoria e irritativa? Quali sono i gruppi di donne che possono trarre maggior beneficio dallo screening per il papilloma virus? Quali sono i gruppi di donne che possono trarre maggior beneficio dallo screening per il papilloma virus? Quali sono i fattori prognostici nelle pazienti affette da tumore al seno in stadio III (o quali combinazioni di interventi migliorano la surv)? Quali sono i fattori prognostici nelle pazienti affette da tumore al seno in stadio III (o quali combinazioni di interventi migliorano la surv)?

4 3 EPIDEMIOLOGIA = tra = persone = dottrina Dottrina di ciò che sta accadendo alle persone Disciplina che studia la distribuzione delle malattie (o di eventi o stati di rilevante interesse sanitario) nella popolazione umana e dei fattori che la influenzano (determinanti)

5 4 Scopi generali della ricerca epidemiologica Descrivere lo stato di salute (malattia, esposizione..) di una popolazione mediante l enumerazione dei casi di malattia Scoprire le cause delle malattie (o eventi sanitari rilevanti) individuando i fattori o gli agenti che ne modificano la frequenza per permettere la loro prevenzione Sorvegliare la salute della popolazione e valutare le conseguenze degli interventi di prevenzione

6 5 John Snow, il colera e la nascita dellepidemiologia Source: The Broad Street Pump, Safe & Sound, Penguin, 1971 in English MP. Victorian Values -- The Life and Times of Dr. Edwin Lankester, 199

7 6 Il Colera agente causale: vibrio cholerae (specifco ceppo) severa diarrea osservata solo su esseri umani perdita massiva di liquidi (sino a 20L/giorno) ipotermia sino al 30% di mortalità in assenza di trattamento (rapida disidratazione che può portare a shock ipovolemico) malattia epidemica (7 pandemie) prima pandemia in India, 1817 ultima pandemia iniziata ~50 fa in Bangladesh endemico nelle aree con bassi livelli igienici

8 7 Nei primi decenni dell 800 Londra viene colpita da violente epidemie di colera: Le epidemie di colera sono responsabili di miglia di vittime Teoria germinale (Pasteur) non ancora affermatasi Teoria dominante: miasmatica (aria cattiva) – forze sovrannaturali o fermentazione spontanea interventi di sanità pubblica mirati a individuare le fonti di aria cattiva isolamento dei casi e dei loro familiari interventi per migliorare laria (erbe, alcohol, fumo) Il colera e la nascita dellepidemiologia

9 8 John Snow, Medico anestesista ( ) Ipotizza che il colera sia trasmesso da cibo o acqua contaminata (contro teor. miasma) lapparato respiratorio non è colpito; la vicinanza non è sufficiente per comunicare linfezione; mortalità più elevata nei quartieri che utlizzano acqua prelevata dal Tamigi nel centro di londra (statistiche di mortalità sulle epidemie antecedenti al 1850); la sua teoria viene ignorata (non si vede alcun agente velenoso nellacqua o nel cibo) Nel 1853 si verifica una violenta epidemia in un popoloso quartiere di Londra (SOHO) Il colera e la nascita dellepidemiologia

10 9 Indagine diretta di J. Snow relativa ai decessi verificatisi in un distretto di Londra (case non servite da acqua potabile): registra tutti i decessi di colera intervista le famiglie dei casi sul tipo di esposizione (acqua potabile) analizza la loro distribuzione spaziale formula un ipotesi sulle cause dellepidemia discute le inconsistenze ne deduce azioni di sanità pubblica Il colera e la nascita dellepidemiologia: I - la pompa di BROAD STREET

11 10 Mappatura dei decessi per colera in un distretto di londra di J. SNOW 1853 X = pompe di acqua Potabile = decesso per colera

12 11 Il caso della della birreria 70 operai 0 morti 2 indisposti

13 12 Il caso dellospizio 535 ospiti 5 morti osservati 100 morti attesi

14 13 Snow concluse che la pompa di BROAD STREET era reponsabile dellepidemia: cluster di casi (decessi) spaziale attorno alla pompa; i casi avevano bevuto l acqua della pompa; chi non usava lacqua della pompa (birreria, ospizio) era a basso rischio, pur vivendo nelarea epidemica; i casi verificatisi lontano, avevano consumato acqua della pompa. Snow convinse le autorità a rimuovere quella pompa. La comunità medica non si convinse che il colera fosse trasmesso dallacqua inquinata Il colera e la nascita dellepidemiologia

15 14 No. of houses Deaths from cholera Deaths/10,000 houses Southwark and Vauxhall Company 40,0461, Lambeth Company26, Rest of London256,4231,42259 Indagine mediante l utilizzo delle statistiche correnti Numero di abitazioni servite da differenti compagnie di approvvigionamento idrico, numero di decessi verificatisi e tassi di mortalità ( ) Il colera e la nascita dellepidemiologia Il grand experiment

16 15 J. Snow morì nel Nel 1854 il medico italiano Filippo Pacini scoprì il Vibrio cholerae. I lavori di F. Pacini e di J.Snow furono completamente ignorati dalla comunità scientifica. Solo 30 anni più tardi verrà riconosciuto lagente patogeno del colera e attribuito a Robert Koch (1884)

17 16 L epidemiologia nel tempo L epidemiologia nel tempo Malattie infettive infettive>>cronico cronico/degenerative degenerative Determinanti agenti patogeni esposizioni individuali geni/biomarkers stili di vita inquinamento macro-sociali

18 17 Biologic – organic factors Genes etc. Behaviour / Life style factors Environmental factors Physico-chemical; social, economical Health services / treatment disease time Modello epidemiologica di malattia

19 18 Tradizionale classificazione dell epidemiologia EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA Studio della distribuzione della malattia nella popolazione e dei principali fattori che ne determinano le variazioni Chi si ammala? Chi si ammala? Dove ci si ammala? Dove ci si ammala? Quando ci si ammala? Quando ci si ammala? Who, When and Where (Person, time, place (Person, time, placemodel) EPIDEMIOLOGIA ANALITICA Valutazione di specifiche ipotesi sulla relazione tra un fattore e una malattia Come varia la malattia in funzione di differenti tipi di esposizione? Come varia la malattia in funzione di differenti tipi di esposizione? Come varia la malattia in funzione di differenti suscettibilità individuali Come varia la malattia in funzione di differenti suscettibilità individuali Why and How Why and How (Host, agent, environment model)

20 19 Person – Time - Place Person Person : caratteristiche individuali che possono influenzare l esposizione/suscettibilità es: sesso, età, occupazione, abitudini di vita, caratteristiche genetiche, ecc… Place Place : caratteristiche geografiche che possono influenzare il rischio di sviluppare la malattia es: nazioni, città, aree urbane, rurali, ecc… Time Time : Periodi particolari che possono influenzare il rischio es: trend secolari, età, durata dell esposizione, ecc...

21 Esempi di studi di epidemiologia descrittiva 20 time place person SIDS per scolarità e origine delle madri

22 21 L interazione tra le tre componenti determina la frequenza di comparsa di una malattia in una data comunità HOST ENVIRONMENT AGENT DISEASE Quando una componente viene modificata, le modifiche si ripercuotono in una o entrambe le altre componenti e comportano: 1) modifiche nella frequenza di comparsa della malattia 2) modifiche nella distribuzione della malattia rispetto al person – place – time model Host – Agent - Environment

23 La triade H-A-V si adatta perfettamente allepidemiologia delle malattie infettive 22

24 23 Host – Agent - Environment Host Host : Lo stato dell ospite è determinato da fattori: - genetici sesso, deficienze enzimatiche, … - ambientaliimmunità, stato nutrizionale, … - socialicondizione economica, educazione caratteristiche dell agente (batteri, virus, fumo, …) Agent Agent : caratteristiche dell agente (batteri, virus, fumo) … - modalità di trasmissione, dose … - periodo di incubazione o latenza - patogenicità, virulenza, … Environmental Environmental : - biologico piante, animali dell ambiente in cui vive l ospite - socialeistituzioni politiche, culturali, religiose, … - fisicotemperatura, altitudine, pollution, …

25 Esempi di studi di epidemiologia analitica 24 Eder et al. JACI 2005 Blot W. Cancer Research 1992

26 25 Lapproccio dellepidemiologo: - conta i casi di malattia - li divide per un appropriato denominatore (tassi) - confronta i tassi nel tempo o in differenti gruppi di popolazione Prima di contare lepidemiologo deve decidere cosa contare: DEFINIZIONE DI CASOCombinazione di sintomi (disturbi riferiti dal soggetto ) e/o segni (dati oggettivi od obiettivabili allesame clinico/strumentale) e/o test di laboratorio ed eventuali altri dati.

27 esercizio 26 Trichinosi: infezione parassitaria causata dal consumo di carne cruda di maiale o cinghiale infetto.


Scaricare ppt "1 Epidemiologia Prof. Roberto de Marco TESTI K.J. Rothman Epidemiologia. Idelson-Gnocchi P.L Lopalco – AE Tozzi. Epidemiologia. Il Pensiero Scientifico."

Presentazioni simili


Annunci Google