La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alcune delle idee famose di Einstein Effetto fotoelettrico – La natura corpuscolare della luce Il mistero della velocità della luce – Tutto diventa relativo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alcune delle idee famose di Einstein Effetto fotoelettrico – La natura corpuscolare della luce Il mistero della velocità della luce – Tutto diventa relativo."— Transcript della presentazione:

1 Alcune delle idee famose di Einstein Effetto fotoelettrico – La natura corpuscolare della luce Il mistero della velocità della luce – Tutto diventa relativo E = mc 2 – La materia come serbatoio di energia Il principio di equivalenza – Anche la luce pesa Come le scoperte di A. Einstein influiscono nella vita di tutti i giorni – Unione Industriale, 19 Aprile 2005

2 Leffetto fotoelettrico Osservazioni sperimentali: Gli elettroni vengono emessi immediatamente! Aumentando lintensità della luce aumenta il numero di elettroni emessi, ma non la loro velocità! La luce rossa non causa emissione di elettroni, qualunque sia la sua intensità! Una debole luce violetta produce lemissione di pochi elettroni, ma con una velocità superiore a quella ottenuta con una luce più intensa, di lunghezza donda maggiore Le caratteristiche sperimentali delleffetto fotoelettrico sono in contraddizione con le predizioni della Fisica Classica

3 Leffetto fotoelettrico Energia degli elettroni Frequenza della luce h = costante di Planck Losservazione che lenergia degli elettroni emessi dipende dalla frequenza, ma non dallintensità della radiazione, indusse Einstein allinterpretazione della radiazione elettromagnetica come ad un insieme di quanti di luce, fotoni, ciascuno di energia Questa interpretazione era in accordo con la spiegazione di Planck della radiazione di corpo nero

4 I più comuni fenomeni luminosi possono essere spiegati come fenomeni ondosi. Leffetto fotoelettrico, invece, suggerisce una natura corpuscolare della luce

5 Nessun esperimento permette di distinguere due sistemi di riferimento in moto relativo uniforme: Riserratevi con qualche amico nella maggior stanza che sia sotto coverta di alcun gran naviglio, e quivi fate d'aver mosche, farfalle e simili animaletti volanti [...] e stando ferma la nave, osservate diligentemente come quelli animaletti volanti con pari velocità vanno verso tutte le parti della stanza [...] e voi, gettando all'amico alcuna cosa, non più gagliardamente la dovrete gettare verso quella parte che verso questa, quando le lontananze sieno eguali; e saltando voi, come si dice, a piè giunti, eguali spazi passerete verso tutte le parti. Osservate che avrete diligentemente tutte queste cose [...] fate muover la nave con quanta si voglia velocità: che (pur che il moto sia uniforme e non fluttuante in qua e in là) voi non riconoscerete una minima mutazione in tutti li nominati effetti, né da alcuno di quelli potrete comprender se la nave cammina o pure sta ferma (Galileo, Dialogo, giornata seconda) La relatività della Meccanica Classica – Galileo

6 Tutte le equazioni della Meccanica Classica (Newtoniana) sono invarianti per trasformazioni di Galileo. Le leggi della Fisica sono le stesse in tutti i sistemi di riferimento inerziali (in moto relativo uniforme e costante). U' velocità misurata sulla nave U velocità misurata sulla spiaggia Trasformazioni di Galileo: La relatività di Galileo Sistema di riferimento fisso – spiaggia Sistema di riferimento in moto – nave x = x –v t y = y z = z t = t U = U + v Non esiste un sistema di riferimento assoluto

7 1873, James Clerk Maxwell: La teoria dellElettromagnetismo. La luce è unonda elettromagnetica. Le equazioni di Maxwell violano la legge di trasformazione della velocità di Galileo – La velocità della luce è una costante, la stessa in tutti i sistemi di riferimento. La velocità della luce Le onde elettromagnetiche sono soluzioni delle equazioni di Maxwell nel vuoto = lunghezza donda =

8 I due postulati fondamentali della relatività speciale c m/s ~ Km/s I postulati hanno in Fisica un fondamento sperimentale. 1.Principio di relatività Le leggi fisiche hanno la stessa forma in tutti sistemi di riferimento inerziali [tutti gli osservatori inerziali sono fisicamente equivalenti] 2. Postulato della costanza della velocità della luce La velocità della luce nel vuoto (c) ha lo stesso valore in tutti i sistemi di riferimento, indipendentemente dal moto della sorgente Nel considerare la natura specifica della Teoria della Relatività, tengo a mettere in evidenza che questa teoria non è di origine speculativa, ma che la sua scoperta è dovuta completamente e unicamente al desiderio di adattare, quanto meglio è possibile, la teoria fisica ai fatti osservati (Einsten, 1921)

9 Le trasformazioni di Lorentz Sistema di riferimento fisso – spiaggia Sistema di riferimento in moto – nave c rimane costante, ma t t Anche se U = c si trova U = c c è una velocità limite insuperabile

10 Tutto diventa relativo Un orologio a riposo nel sistema di riferimento R misura un intervallo di tempo Δt 0 tra due eventi che si vericano nello stesso punto (ad esempio: la durata di un fenomeno, la vita media di una particella, etc.). Nel sistema di riferimento R l'intervallo di tempo è dilatato: La lunghezza di un oggetto a riposo nel sistema di riferimento R, misurata da un osservatore in R, sia L 0. La stessa lunghezza misurata da un osservatore in R risulta essere contratta: R R Eventi che avvengono simultaneamente in punti diversi in R, non sono simultanei se osservati da R

11 Ci sono circa 50 muoni provenienti da raggi cosmici che attraversano ogni m 2 della superficie terrestre al secondo (compresi i nostri corpi). Queste particelle si formano a circa 20 Km di altezza e vivono in media circa 2 microsecondi, nel loro sistema di riferimento di riposo. In 2 microsecondi, anche alla velocità della luce, potrebbero viaggiare appena 600 m. Tuttavia arrivano 20 Km più in basso. Il segreto sta nella dilatazione dei tempi. Lunga vita ai muoni! La velocità media di un muone cosmico è v = c La dilatazione del tempo rende la vita media dei muoni 40 volte maggiore, quindi possono, in media, percorrere 24 km.

12 Il cono luce c 2 t 2 = x 2 + y 2 + z 2 è il quadrato della distanza percorsa dalla luce nel tempo t se omettiamo una delle variabili spaziali, ad esempio z, otteniamo lequazione di un cono: (ct) 2 = x 2 + y 2 ct x y Un fenomeno fisico (successione di eventi, ciascuno in un certo luogo e ad un certo istante) è rappresentato come una linea nello spazio-tempo. Solo per gli eventi allinterno del cono la sequenza temporale è fissata. Le linee-universo di una qualsiasi particella devono giacere allinterno del cono. passato futuro

13 La conservazione dell'energia è una legge fondamentale della Fisica Esempio: decadimento del muone Da dove proviene l'energia dei prodotti del decadimento? Il muone è puntiforme e non possiede alcuna energia interna. L'energia finale proviene dall'energia di massa del muone: La massa e lenergia Per una particella di massa m in moto, lenergia totale (energia cinetica + energia di massa) è data da:

14 Trasformazione di energia cinetica in massa nella collisione di un elettrone ed un positrone al CERN. La massa totale delle particelle prima dellinterazione è circa lo 0.1% della massa del protone. La massa totale delle particelle finali è circa 3 masse protoniche, cioè 3000 volte di più. Lenergia cinetica e di massa della coppia e + e – si è trasformata in enegia cinetica e di massa delle particelle finali. La teoria che unifica la meccanica quantistica e la relatività speciale (Dirac, 1930) prevede l'esistenza dell'antimateria e la possibilità di creare e distruggere particelle.

15 ~130 GeV/nucleon CM energy STAR at RHIC Particelle prodotte nella collisione di 2 nuclei di oro a Brookhaven, USA

16 La materia come serbatoio di energia Quanta energia è contenuta nella materia? Da E = mc 2 si ricava che la massa di 1 Kg di materia contiene: Il consumo medio di energia di un cittadino americano in 1 anno è stimato in 1 US Year = 5 x Joules Il contenuto di energia di una massa di 1 Kg potrebbe soddisfare il fabbisogno energetico di cittadini americani per 1 anno; oppure il fabbisogno di una città di 1 milione di abitanti per oltre 2 mesi.

17 Fusione e fissione

18 Principio di equivalenza Gli esperimenti compiuti in un sistema di riferimento uniformemente accelerato con accelerazione a non sono distinguibili dagli stessi esperimenti compiuti in un sistema di riferimento non accelerato, il quale sia situato in un campo gravitazionale con accelerazione di gravità g = -a. Relatività generale – Il principio di equivalenza La relatività generale nasce da due esigenze teoriche: 1) Estendere il principio di relatività agli osservatori non inerziali. 2) Descrivere la gravità.

19 a g = – a Nella scatola la massa sente unaccelerazione g = – a Un raggio di luce che si sposti dal punto A sulla parete destra, raggiungerà la parete sinistra in un un punto B situato più in basso, poiché la scatola accelera verso lalto durante il tempo che la luce impiega per andare da A a B. Questa deflessione è quasi inavvertibile sulla Terra, a causa della grande velocità della luce. m A B Nessun esperimento può distinguere localmente tra un campo gravitazionale ed un sistema di riferimento accelerato La luce deve essere deflessa dalla forza di gravità Anche la luce pesa Sistema di riferimento accelerato Gli intervalli di tempo variano con la distanza dal centro gravitazionale

20 Effetti gravitazionali sulla luce I calcoli di Einstein basati sulla sua teoria della relatività generale indicarono che I raggi della luce di una stella radente il Sole dovrebbero essere deflessi di un angolo di 1.75 secondi di arco. Ciò fu misurato durante leclisse di sole totale del 1919 e durante quasi tutte quelle successive.

21 Lattrazione gravitazionale della luce può portare alla sua cattura completa da parte di gigantesche concentrazioni di massa, i buchi neri. Buco nero supermassivo (oltre 2 milioni di masse solari) nel cuore della nostra Galassia.

22 Gli effetti di relatività speciale e generale sugli orologi sono vericati dal GPS. La correzione è di circa 40 microsecondi/giorno. Senza questa correzione la posizione di un oggetto sulla Terra sarebbe determinata con un errore di 10 km (la precisione del GPS è di 10 metri). Il navigatore satellitare

23 Einstein e la relatività fanno ormai parte dell'immaginario collettivo Dopo 100 anni, troveranno finalmente posto nella cultura generale? Non molto popolare tra gli scrittori di fantascienza: nessuna possibilità di viaggi veloci verso altri mondi, nessuna comunicazione immediata con forme di vita su altre galassie. A meno che … LUniverso è pieno di materia oscura, energia oscura, forse altre dimensioni, black hole tunneling, wormholes, universi paralleli...?

24 Albert Einstein e morto il 18 aprile 1955 alle 1.15


Scaricare ppt "Alcune delle idee famose di Einstein Effetto fotoelettrico – La natura corpuscolare della luce Il mistero della velocità della luce – Tutto diventa relativo."

Presentazioni simili


Annunci Google