La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Workshop sulle Problematiche di Calcolo e Reti nellINFN 24-28 Maggio 2004 SantElmo Beach Hotel, Castiadas (CA) Esperienze di storage Test di funzionalità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Workshop sulle Problematiche di Calcolo e Reti nellINFN 24-28 Maggio 2004 SantElmo Beach Hotel, Castiadas (CA) Esperienze di storage Test di funzionalità"— Transcript della presentazione:

1 Workshop sulle Problematiche di Calcolo e Reti nellINFN Maggio 2004 SantElmo Beach Hotel, Castiadas (CA) Esperienze di storage Test di funzionalità e performance del Chaparral Riva effettuati presso la Sezione di Trieste

2 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Premessa La necessità di testare una soluzione di storage basata su tecnologia Fibre Channel si è presentata nel momento in cui abbiamo deciso di migrare il servizio di mailing basato sul TruCluster Digital e utilizzare RedHat Linux Enterprise come s.o. su cui basare il futuro servizio. Il motivo principale della scelta è stato quello dellaffidabilità della tecnologia FC rispetto a quella SCSI. Tuttavia la ricerca di un prodotto che facesse al caso nostro non si è rivelata semplice principalmente per lestrema difficoltà di avere in prova questo tipo di apparati. Al termine di una lunga trattativa con Terasystem siamo riusciti ad ottenere per un periodo limitato il Riva, prodotto dalla Chaparral, che rappresentava un interessante soluzione ai nostri bisogni.

3 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Descrizione prodotto Il Riva prodotto dalla Chaparral, recentemente acquistata dalla Dot Hill, presenta queste caratteristiche: Doppio controller ridondato (attivo-attivo) hot-swappable 1 GB di cache ECC DDR Batteria tampone, alimentori ridondati hot-swappable, 4 porte host 2 Gb/s, 4 porte drive 2 Gb/s 2 loop interni a doppio accesso per i dischi, 240 dischi nella configurazione massima, 670 MB/s di trasferimento dati RAID 0,1,3,4,5,10,50 e JBOD, max 128 LUN, 32 array e 16 partizioni per array Capacità di estendere gli array dinamicamente Connessione ethernet su ciascun controller per il monitoraggio e la gestione tramite interfaccia web con in alternativa la possibilità di utilizzo della porta seriale. Hot spare globale o dedicato

4 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Test – Hardware & Software Per effettuare i test sono stati utilizzati dei server Supermicro dalle seguenti caratteristiche: Doppia CPU Xeon 3.06 Ghz 2 GB RAM 1 disco da 36 GB Ultra320 15K rpm Scheda FC Emulex 9002L 2 Gb/s Il Riva conteneva 8 dischi FC da 146 GB 10K rpm, per i test è stato creato un array di 4 dischi. Sui server è stato installato RHEL Cluster Suite

5 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Test - Benchmark Per valutare le prestazioni dello storage è stato scelto il programma di benchmark IOzone che testa varie modalità di trasferimento dati caratteristiche di diversi utilizzi. Il programma permette di generare un output compatibile con Microsoft Excel e quindi permette un piú agevole trattamento dei dati per lanalisi dei risultati. Il programma è stato ricompilato sul server ed il comando utilizzato per i test è il seguente: /opt/iozone/bin/iozone -Rab /root/testdrive.xls -g 4G

6 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Risultati Sono stati utilizzati due tipi di file system journaled per i test: ext3 e jfs che viene indicato dai produttori di IOzone come il piú performante nella maggioranza dei test. Vediamo alcuni grafici generati dal programma di benchmark.

7 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Ext3 – Scrittura sequenziale

8 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo JFS – Scrittura sequenziale

9 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Ext3 – Lettura sequenziale

10 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo JFS – Lettura sequenziale

11 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Ext3 – Lettura ad accesso casuale

12 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo JFS – Lettura ad accesso casuale

13 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Ext3 – Scrittura ad accesso casuale

14 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo JFS – Scrittura ad accesso casuale

15 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Prove per cluster Per poter effettuare le prove di affidabilità relative alla configurazione in cluster dei due server si è reso necessario attendere la fornitura da parte della Terasystem di uno switch FC. Il motivo è dato dal fatto che i due controller del Riva non sono in comunicazione diretta tra loro, ossia le LUN servite dal controller A non sono visibili agli host connessi al controller B se non nel momento di un fault del controller A. Questo è un problema poichè nella configurazione del cluster occorre definire una partizione raw detta di quorum accessibile dai nodi che ne fanno parte i quali la utilizzano per monitorare lo stato del sistema.

16 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo SAN - Problemi Una volta collegati i due server ed il Riva allo switch si sono presentati dei problemi dovuti al modo con cui Linux mappa le LUN con i device sdx. In modo particolare se la LUN 0 non presente Linux non effettua lo scan delle successive. Un analogo problema si presenta se le LUN non sono consecutive. Per ovviare a questo tipo di problemi è bene definire quelli che si chaimano persistent bindings, cioè associazioni tra il WWNN/PN ed i device fisici /dev/sdx. Questa operazione nel caso che schede Emulex risulta essere un po` complicata infatti bisogna editare il file di configurazione del driver e quindi ricompilarlo e creare il nuovo modulo da caricare nel kernel.

17 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Cluster

18 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Test del Cluster Sono stati effettuati alcuni test di funzionalità per testare leffettiva capacità del sistema di rispondere ad eventi di failure dei vari dispositivi. Innanzitutto è stato definito un servizio NFS con associata una partizione esportata dal Riva come LUN 1, poi una volta attivato il servizio si è provveduto a staccare la connessione in fibra del server su cui il servizio era attivo ed esso è migrato correttamente sullaltro server. Un altra prova effettuata è stata quella copiare un file da un client via NFS sul server ed a quel punto migrare il servizio sul secondario; la copia malgrado lo spostamento del servizio è stata completata con successo. Stessa cosa è successa facendo lo shutdown del controller A del Riva.

19 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Espandibilità dinamica dellarray Un requisito fondamentale che abbiamo individuato nella scelta del prodotto era quello di poter aggiungere a posteriori dei dischi ad un array già in produzione. Questa possibilità effettivamente esiste nel caso del Riva anche se i tempi per lampliamento sono piuttosto lunghi. Tuttavia non viene compromessa la funzionalità del sistema e quindi il problema riveste un aspetto marginale. La procedura per rendere ampliare il filesystem è piuttosto semplice si ricrea con fdisk la partizione con la nuova dimensione poi si utilizzano i comandi e2fsck e resize2fs.

20 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Esempio root]# e2fsck -f /dev/sdd1 e2fsck 1.32 (09-Nov-2002) Pass 1: Checking inodes, blocks, and sizes Pass 2: Checking directory structure Pass 3: Checking directory connectivity Pass 4: Checking reference counts Pass 5: Checking group summary information /dev/sdd1: / files (0.2% non-contiguous), / blocks root]# resize2fs /dev/sdd1 resize2fs 1.32 (09-Nov-2002) The filesystem on /dev/sdd1 is now blocks long

21 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Conclusioni Il prodotto si è rivelato affidabile e di buone prestazioni, sicuramente migliorabili con opportuni tuning del sistema. Ottima linterfaccia di management via web e le funzionalità di base.

22 Alessandro Tirel - Workshop Calcolo Ringraziamenti Dott.ssa Laura Bastianel – Terasystem S.p.A


Scaricare ppt "Workshop sulle Problematiche di Calcolo e Reti nellINFN 24-28 Maggio 2004 SantElmo Beach Hotel, Castiadas (CA) Esperienze di storage Test di funzionalità"

Presentazioni simili


Annunci Google