La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso elettivo Farmaci, integratori e doping Farmaci, integratori e doping Le sostanze dopanti -2- Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso elettivo Farmaci, integratori e doping Farmaci, integratori e doping Le sostanze dopanti -2- Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di."— Transcript della presentazione:

1 Corso elettivo Farmaci, integratori e doping Farmaci, integratori e doping Le sostanze dopanti -2- Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona Docenti: Guido Fumagalli e Roberto Leone

2 S S S S S S Proinsulina (84 aa) Peptide C (di connessione) Sintesi e struttura dellinsulina Gli ormoni peptidici sono sintetizzati come preproormoni inattivi che includono una sequenza segnale, lormone e altri frammenti peptidici aggiuntivi S S S S S S insulina Catena A (21) Catena B (30)

3 Recettore dellinsulina Recettori superfice cellulare: subunita siti di legame dellinsulina subunita con attività tirosina kinasi Membrana plasmatica

4 Attivazione del recettore dellinsulina PO 4 - IRS-1 + ATP IRS-1-PO 4 Insulin binding to subunit regulates subunit activity Insulina autophosphorylation of subunit GLUT4 phosphorylation of other substrates tyr kinase activity activation of phospho- inositide 3-kinase Glucose transporter translocation to plasma membrane

5 PO 4 - IRS-1 + ATP IRS-1-PO 4 Insulin GLUT4 phosphorylation of MAP kinase MAPK + ATP MAPK-PO 4 Transcriptional regulation Protein synthesis, proliferation & differentiation Insulin binding to subunit regulates subunit activity autophosphorylation of subunit phosphorylation of other substrates tyr kinase activity e.g. GLUT expression Attivazione del recettore dellinsulina

6

7 sintesi glicogeno glicogenolisi sintesi trigliceridi ketogenesi gluconeogenesi utilizzo glucosio sintesi proteine degradazione proteica sintesi glicogeno glicogenolisi utilizzo glucosio accumulo trigliceridi lipolisi Stimola Inibisce u Fegato u Muscolo scheletrico u Tessuto adiposo Promuove processi anabolici Inibisce processi catabolici Effetti dellinsulina

8 Reazioni avverse dellinsulina Ipoglicemia (fino al coma) Allergia –Reazioni locali cutanee o sistemiche Lipoipertrofia –Dovuta alleffetto lipogenico dellinsulina quando si utilizza la stessa area per freequenti iniezioni Lipoatrofia –Dovuta alla presenza di impurità Edema da insulina transitorio e raro

9 Gonadotropine (LH/ICSH, hCG) Hanno effetti diversi nelluomo e nella donna. Nelluomo, controllano la produzione di testosterone, pertanto vengono assunti per ottenere gli stessi effetti degli ormoni androgeni steroidei. Nella donna controllano il processo dellovulazione. Gli effetti collaterali sono riconducibili a quelli degli steroidi anabolizzanti. Due sintomi gravi sono rappresentati dalla cefalea fastidosissima e, sul piano psicologico, dalla depressione. Possono produrre cisti ovariche. Altri regolatori ormonali

10 Corticotropina (ACTH) E uno degli ormoni prodotti dallipofisi. La corticotropina stimola la funzione della corteccia surrenale, la quale produce ormoni che, a loro volta, controllano il metabolismo glucidico e lequilibrio idrico salino. Lattivazione dellACTH e della corteccia surrenale è tipica nelle condizioni di stress, pertanto la giustificazione nelluso di questo ormone è quella di fornire allatleta una maggior quota di ormone per fronteggiare lo stress. Le complicazioni sono gravi, anche se rare, tenuto conto dellazione multifocale dellACTH e degli ormoni surrenali: ritenzione idrica, diabete, alterazioni cutanee, riduzione delle difese immunitarie, miopatie, obesità, osteoporosi, ulcera gastroduodenale. Altri regolatori ormonali

11 Leritropoietina stimola il midollo osseo a produrre globuli rossi (GR), nellorganismo umana è prodotta dai reni. Come doping si usa la EPO ricombinante umana (rHuEPO) e sostanze affini (es. darbopoietina) Come è noto i globuli rossi trasportano lossigeno ai tessuti e negli sport di resistenza, in particolare nel ciclismo, le richieste di ossigeno sono molto elevate In questo senso lincremento dei globuli rossi può aumentare la performance LEPO ha una vita breve nellorganismo (24 ore) mentre il suo effetto stimolante può durare fino a due settimane LEPO determina un aumento della viscosità del sangue, con problemi di trombosi ed embolie specie notturne Eritropoietina (EPO)

12 Usi terapeutici delleritropoietina Anemia in corso di insufficienza renale cronica Anemia "refrattaria" Anemia post-chemioterapia

13 Erythropoietin Mechanism Squilibrio Leritropoietina stimola il midollo osseo Laumentata eritropoiesi incrementa il numero dei GR Livelli ossigeno ematico normali Ipossia per: diminuito numero GR, diminuita disponibilità di O 2 nel sangue, o aumentata domanda tissutale di O 2 Squilibrio Stimolo iniziale Rene (e fegato a un grado minore) rilasciano eritropoietina Aumentata capacità del sangue di trasportare O 2

14 Formazione dei globuli rossi Maschi<17 g/dl Femine<16 g/dl 0-2 %

15 WattMCVHtcHb Correlazione emoglobina - potenza

16 h h h h h h h h Km/hDistaccoTempoHb gr/dL Simulazione teorica (ma non troppo)

17 LEPO e gli sbalzi nel sangue : un esempio concreto nello sci di fondo Valori di Htc di un atleta di spicco dello sci di fondo, stagioni (Dati processo di Ferrara) (Gentilmente fornita da E. Capodacqua, giornalista Repubblica)

18 Nel ciclismo lo stesso su e giù Valori di Htc di un atleta di spicco del ciclismo durante le stagioni 1994 e 1995 (Dati processo di Ferrara) (Gentilmente fornita da E. Capodacqua, giornalista Repubblica)

19 Il processo di Ferrara: laltalena di HTC e HB HbHtc MinMaxDiff %MinMaxDiff.% M.Albarello 14,518,628,344,057,530,7 G.Bontempi 13,920,144,740,162,054,6 G.Bugno 15,217,615,844,751,815,9 C.Chiappucci 12,019,865,035,760,770.0 M.De Zolt 14,317,623,140,654,233,5 M.Pantani 13,718,635,840,757,441,0 M. Di Centa 13,018,038,541,255,534,7 M.Fondriest 13,718,031,440,853,932,1 (Gentilmente fornita da E. Capodacqua, giornalista Repubblica)

20 I problemi dei test per lEPO Sebbene siano stati fatti dei progressi nei test antidoping, lEPO è un ormone naturale e quindi i test potrebbero non essere utili Si utilizzano misure indirette per lEPO –Misura della densità dei GR (ematocrito) –Misurazioni superiori al 50% portano alla squalifica –La Federazione Internazionale di Sci ha imposto un limite di emoglobina di 18.5 g/dL Le indagini per individuare luso di EPO si sono estese a diversi sport ed ovviamente alle Olimpiadi –Marco Pantani fu squalificato dal Giro dItalia per un valore di ematocrito del 52 % –Nel 2003 il mezzofondista keniano Bernard Lagat (secondo miglior tempo di sempre nei 1500 m) è risultato positivo (ricerca di rhEPO nelle urine) per assunzione di EPO prima dei Campionati del Mondo di atletica leggera di Parigi (a cui non ha potuto partecipare) le successive contro-analisi lo hanno però scagionato. Questo caso dimostra la necessità di ricercare test più attendibili. Associare almeno conta dei reticolociti

21 Prima dellEPO si utilizzava la tecnica delle trasfusioni di sangue per incrementare il numero di globuli rossi LEPO a rimpiazzato le trasfusioni in quanto determina un maggiore aumento di GR. Negli ultimi tempi, tuttavia, ci sono segnali di un ritorno alle autotrasfusioni in quanto non individuabili nei test Effetti simili a quelli dellEPO e del doping ematico si possono ottenere anche con gli allenamenti in altura e con le tende ipo-ossigenate Doping ematico

22 Due possibilità: –Doping ematico omologo (sangue proveniente da unaltra persona) Traditional transfusion medicine Donor Doping (team mate) –Doping ematico autologo (autotrasfusione) Estrazione di es. 900 ml sangue - 5 sett. prima della gara Infusione del sangue centrifugato (cellule impaccate) 1 o 2 giorni prima della gara

23 Vantaggi e svantaggi del doping ematico autologo Vantaggi –Nessun metodo di detenzione –Evitare patologie tipo AIDS ed epatiti –Evitare reazioni da sangue non compatibile Svantaggi –Diminuita performance durante lallenamento dopo lestrazione del sangue

24 Vantaggi e svantaggi del doping ematico omologo Vantaggi –Nessuna diminuzione della performance Svantaggi –Possibilità di essere individuati!!! (individuazione degli antigeni minori dei GR del donatore) –Contrarre malattie dal donatore –Reazioni da trasfusione

25 Soggetti trattati con Aranesp ® C. Lundby & R. Damsgaard. Scand J Med Sci Sports 2005 Doping ematico autologo (~ 1L) SP Mortensen, et al.. J Physiol. 1st revision Atleta pulito

26 Effetti del doping ematico su VO 2max e fatica

27 Performance dopo doping ematico

28 I trasportatori di ossigeno come i perfluorocarburi (PFC), particelle inerti in forma di emulsioni, possono aumentare la concentrazione o la disponibilità di ossigeno arterioso per i muscoli, senza aumentare la concentrazione di emoglobina e/o il numero dei globuli rossi circolanti. I PCF sono capaci di aumentare la concentrazione di ossigeno disciolto come gas (senza quindi utilizzare lemoglobina dellorganismo) con effetto praticamente immediato dopo la somministrazione e con successiva rapida eliminazione per via respiratoria. Le controindicazioni e i rischi non sono ancora conosciuti. Le emoglobine di varia origine (umana, bovina, prodotta attraverso tecniche di ingegneria genetica) variamente modificate per renderle più stabili e meno tossiche possono essere conservate, a differenza del sangue, per un lungo periodo. Queste emoglobine di sintesi non sono rintracciabili nelle urine, ma sono identificabili esclusivamente nel sangue, purché il prelievo del campione venga effettuato praticamente a ridosso della gara (poche ore prima o poche ore dopo). Si tratta infatti di sostanze che vengono rapidamente eliminate dal circolo sanguigno entro ore al massimo. Altre tecniche per aumentare la disponibilità di O2 nel sangue

29 Gli stimolanti del SNC

30

31 La via del piacere Gli stimolanti (es. cocaina, oppioidi, amfetamine,cannabinoidi) alterano le aree cerebrali che mediano le sensazioni di motivazione e di piacere

32 Meccanismo comune agli stimolanti: liberazione di dopamina

33 Stimolanti del SNC Cocaina Derivata dalla pianta Erythroxylon coca è un potente stimolante del SNC, agisce inibendo il reuptake della dopamina a livello delle sinapsi. Provoca euforia, fiducia in se stessi, potenza sessuale, non fa sentire la fatica, mantiene sveglie aumenta lattenzione. Provoca aritmie cardiache, infarto del miocardio, ipertensione o ipotensione, ansia, depressione, attacchi di panico, aggressività, irritabilità, psicosi tossiche, tremori, convulsioni, alterazione dei riflessi, mancata coordinazione motoria, paralisi muscolare, respirazione irregolare dipendenza, morte

34

35

36 Modificazioni nellattività cerebrale dopo cocaina

37 Narcotici (termine non corretto) Oppioidi Agiscono sui recettori µ, κ e δ, il loro principale effetto è quello analgesico. Danno euforia. Vengono utilizzati nello sport anche per consentire lattività dopo traumi che causano ancora dolore Provocano stipsi, depressione respiratoria, nausea e vomito, miosi, edema polmonare, debolezza muscolare, ritenzione urinaria, sonnolenza, dipendenza, morte. Non facendo percepire il dolore possono aggravare il trauma esistente

38 Stimolanti del SNC Amfetamine Consentono un rendimento più elevato e allontanano la soglia della stanchezza. Aumentano la temperatura corporea, il battito cardiaco e la pressione sanguigna. Danno euforia, stimolando alcune aree del cervello, aumentano laggressività, la concentrazione e lattenzione Provocano ipertensione, angina, vomito, dolore addominale, emorragie cerebrali, dipendenza, morte Efedrina, pseudoefredina, fenilpropanolamina Farmaci utilizzati nel raffreddore (ma anche illegalmente come anoressizanti) hanno effetti simili alle amfetamine (anche come reazioni avverse) quando impiegati a dosaggi elevati

39 Modificazioni nellattività cerebrale dopo amfetamine

40 Stimolante del SNC –Controversi gli effetti sulla performance Lultima lista WADA non linserisce più tra le sostanze vietate (prima lo era per valori urinari superiori a 12 mcg/ml) Migliora lattenzione, accorcia I tempi di reazione provoca diuresi, fa sentire meno o ritarda laffaticamento –Provoca dispepsia, danni cardiaci, disidratazione, la combinazione con altri stimolanti SNC può anche essere fatale Caffeina

41 Cannabinoidi Marijuana, hashish –Presenti nella lista WADA –Il principale principio attivo è il tetraidrocannabinolo (THC) –Alcuni studi mostrano un maggior uso negli atleti maschi rispetto ai non atleti, linverso per le femmine –Più che migliorare possono peggiorare la prestazione sportiva –Possono provocare percezione distorta, sindromi amotivazionali, paranoia, disturdi psicomotori, tachicardia, cefalea, diminuire il testosterone quando usati a lungo, tipici problemi respiratori da fumo

42 La cannabis indica La canapa indiana (cannabis indica) è una pianta originaria dellAsia Centrale, delle zone tropicali e temperate, ma ormai è coltivata in tutto il pianeta. Dalla canapa indiana si estraggono la marijuana e lhashish. Si ipotizza che luso della canapa indiana è iniziato in età neolitica nei territori dellattuale Afghanistan. Da qui si sarebbe diffuso verso la Cina, dove il suo uso come sedativo è documentato in un trattato cinese di botanica del 1500 a.C. In India la canapa era ritenuta di origine divina, poiché si pensava provenisse dalla trasformazione dei peli della schiena di Visnù. In tutto il mondo islamico la canapa era tenuta in grandissima considerazione, poiché favoriva lunione con la divinità.

43 I Cannabinoidi: (contenuto in THC) Marijuana (0,5 – 1,5%) Ganja (2 - 4%) Hashish (3 - 7%) (nero, afgano, pakistano…) Olio di hashish ( %)

44 Effetti del THC Effetti sedativi ed euforici Effetti allucinogeni (a dosi alte) Sensazione di benessere Rilassamento, calore Aumento dellappetito Arrossamento tipico degli occhi Percezione alterata del tempo Sollievo dallansia Ansia e panico (timore di perdere il controllo) Incoordinazione motoria Difficoltà alla concentrazione Stato confusionale Nausea ….paranoia….compromissione delle capacità mnemoniche…SLATENTIZZAZIONE DI PSICOSI… …SINDROME AMOTIVAZIONALE (apatia, il soggetto appare inerte, perdita di interessi, abulia…)

45 Distribuzione ai vari organi, soprattutto in quelli ad elevata concentrazione di adipe Eliminazione lenta: rimane nellorganismo per svariati giorni Leliminazione lenta tende a prolungare ed intensificare gli effetti dei cannabinoidi successivamente fumati No sindrome astinenziale: tuttavia linterruzione può determinare nervosismo, irrequitezza, diminuizione dellappetito con perdita di peso, insonnia, aumento del sonno REM, tremore… Dipendenza psicologica soprattutto dovuta al piacere indotto dalla sostanza e al condizionamento del gruppo Forte tolleranza Alcune caratteristiche del THC

46 Lalcol vietato in alcuni sport ma dannoso per tutti Alcol –Uso frequente –In passato luso di liquori (es. brandy) come doping era una pratica diffusa –Tradizionalmente uno degli sport dove è più frequente luso di alcol è il rugby

47 Consumatori di alcol in Italia (Fonte: Osservatorio permanente su giovani e alcol. Indagine Doxa 2001)

48 Consumatori eccessivi di alcol in Italia (Fonte: Osservatorio permanente su giovani e alcol. Indagine Doxa 2001) % sul totale consumatori

49 Lalcol vietato in alcuni sport ma dannoso per tutti Alcol –Impatto negativo sui tempi di reazione, sulla cordinazione occhio-mano e occhio-piede, sullequilibrio, sulla contrazione muscolare per diminuita produzione di ATP (l'alcol etilico influenza il metabolismo epatico dei glucidi inibendo il processo di sintesi del glucosio, il suo deposito sotto forma di glicogeno e attivando il processo di demolizione del glicogeno, in questo modo tende a esaurire le scorte glicidiche e ostacola la loro reintegrazione) –Squilibri ormonali (es. inibizione ipotalamica della produzione di GH) –Eccessiva produzione di calore e disidratazione –Reazioni avverse: effetti cardiovascolari e GI, deficit nutrizionali, patologie epatiche (cirrosi) e pancreatiche, osteoporosi (uso cronico), alterazioni SNC (atrofia cerebellare), dipendenza

50 Cervello normale Cervello alcolista

51 Farmaci che aumentano la performance Beta-2 agonisti –Impiegati in clinica per il trattamento dellasma –Isoproterenolo, epinefrina, norepinefrina –Salbutamolo, terbutalina, salmeterolo –Amine simpaticomimetiche, proprietà anaboliche –Reazioni avverse: aritmie cardiache, cefalea, tremori, agitazione

52 Vasi sanguigni ß-1, ß-2DilatazioneContrazione Cuoreß-1, ß-2Effetto inotropo e cronotropo positivo Eff. inotropo e cronotropo negativo Muscolatura scheletrica ß-2Tremori massa muscolare e velocità di contr. muscolare Diminuzione tremori Bronchiß-1> ß-2DilatazioneContrazione Tessuto Recettore Stimolazione Inibizione Alcune localizzazioni dei recettori beta adrenergici ed effetti in seguito a stimolazione e inibizione

53 Clenbuterolo –Lunga durata dazione. Rispetto agli altri β 2 agonisti presenta una maggiore attività anabolizzante (forse per la diversa cinetica). Leffetto diminuisce dopo 8-10 gg per la down- regulation dei recettori β 2. Pertanto viene assunto con uno schema di tipo ciclico. Nei periodi di wash-out possono presentaris sintomi di astinenza per la diminuzione degli effetti stimolanti il SNC. Le dosi come doping sono generalmente 4-5 volte superiori a quelle terapeutiche (20-40 mcg/die). Le rezioni avverse sono quelle tipiche dei β 2 agonisti Un beta-2 agonista particolare

54 Beta-bloccanti –Anti-tremore, effetto ansiolitico –Arcieri, ginnasti, automibilisti, ecc. –Effetti negativi sulla resistenza fisica –Reazioni avverse: depressione, broncospasmo, fatica Farmaci utilizzati in certe discipline

55 Perdere peso o mascherare Diuretici –Rapida perdita di peso –Particolarmente utilizzata nel wrestling, boxe, judo e negli altri sport che prevedono categorie di peso –Aumentano lescrezione e la diluizione di sostanze illecite –Limpatto sulla performance è complessivamente negativo –Provocano disidratazione, ipotensione, crampi muscolari, squilibri elettrolitici

56 Il futuro del doping: i geni? Doping genetico –I progressi nellambito della genetica con la definizione del genoma umano aprono prospettive molto interessanti per il trattamento di diverse patologie –Il timore è che la manipolazione genetica venga applicata anche per cercare di migliorare la performance sportiva –Segnali in questo senso sono già emersi. E già stato inserito nella lista WADA dei metodi proibiti –Non bisogna credere che la manipolazione genetica delle cellule somatiche sia una pratica esente da rischi

57 GENEFUNZIONE Trascrizione/ traslazione DNA RNA Proteina Per Terapia Genica si intende il trasferimento di materiale genetico alle cellule somatiche umane allo scopo di prevenire o trattare patologie. Il Doping genetico usa le stesse tecniche della Terapia Genica allo scopo di migliorare la prestazione sportiva.

58 Ingegneria genetica / tecniche di manipolazione Segmenti specifici di DNA possono essere tagliati e isolati I segmenti isolati si possono ricombinare con un vettore plasmidico Il plasmide è trasferito in un batterio dove viene moltiplicato Il DNA ricombinato può essere ricombinato ulteriormente per ottenere la molecola finale desiderata La molecola finale è trasferita nelle cellule o nellorganismo

59 Tre diverse modalità di trasferire materiale genetico EX-VIVO Le cellule target vengono isolate dal soggetto, coltivate, modificate geneticamente in vitro e quindi reimpiantate nello stesso soggetto V In vitro IN-VIVO topico Introdurre dei vettori contenenti materiale genetico in una specifica localizzata sede del corpo - muscolo - cervello - articolazioni - ecc. IN-VIVO sistemico Introdurre dei vettori contenenti materiale genetico nel sangue - endovena - intra-arteriosa - ecc.

60 Due tipi di vettori per il trasferimento di materiale genetico a b Trasferimento non-virale (transfettazione) DNA nudo, liposomomi, oligonucleotidi Trasferimento virale (infezione) Adenovirus, retrovirus, ecc.

61 I tre possibili livelli del doping genetico Prima della competizione (effetti anabolizzanti) Durante la competizione (sostanze che migliorano la performance) Dopo la competizione (sostanze di riparo) Manipolazione genetica

62 Quali approcci di ingegneria genetica si possono ipotizzare come doping? ex vivo, tessuto emopoietico: modificare lemopoiesi (recettore EPO, trasporto O 2...) in vivo locale (es. muscolo): fattori di crescita, modificatori fibre muscolari cardio-modulatori, ecc. in vivo locale (es. articolazioni): sostanze antidolorifiche, inibitori dellinfiammazione, fattori di riparo, ecc. in vivo sistemico: anabolizzanti, fattori ormonali, killer del dolore, controllo vascolare, ecc.

63 Esempi di approcci al doping genetico Ormone della crescita umano (hGH) Incrementata produzione di hGH Transfettazione in vivo: geni che producono hGH posti in uno speciale involucro proteico Utilizzati come spray da inalare nel sistema bronchiale Iniettati direttamente nel sangue

64 Approcci al doping genetico Gene della miostatina Due strade: modificare il gene che codifica la miostatina o somministrare inibitori della miostatina La miostatina è una proteina regolatrice della crescita muscolare. Appartiene alla superfaniglia dei TGF-beta E responsabile del differenziamento dei muscoli scheletrici Ha una funzione inibitoria della proliferazione delle cellule satelliti alle fibre muscolari. Mutazioni genetiche (es. ceppo bovino Belgium blue bull) provocano abnormi crescite dei muscoli

65 Esperimenti su topi Topi privati del gene della miostatina (topi knock out) sviluppano una muscolatura ipertrofica:

66 Gli inibitori della miostatina sono già in vendita!!!

67 Approcci al doping genetico Insulin like Growth Factor 1 (IGF-1) Effetti avversi?? (questi fattori di crescita regolano anche la crescita di tumori ormono-dipendenti) Dopo iniezione intramuscolare, in animali, di un plasmide contenente il gene umano per IGF-1 questultimo veniva espresso nei muscoli Risultato: incremento della forza muscolare Lincremento di IGF-1 non riscontrabile nel sangue o nelle urine. Si dovrebbe effettuare una biopsia muscolare per individuare la manipolazione genetica con la PCR

68 Nel muscolo normale i nuclei multipli delle fibre sono responsabili della produzione di nuove proteine. Quando è necessario un processo di riparo segnali chimici (IGF-1) stimolano le cellule satelliti a proliferare e a fondersi con le fibre in modo da contribuire con i loro nuclei al riparo delle fibre. La presenza di un numero maggiore di nuclei e quindi di nuove miofibrille consente di riparare il danno muscolare.

69 Iniezione di un gene nella fibra muscolare Vettore Fibra muscolare Gene sintetico Nucleo Recettore miostatina Bloccante miostatina Miostatina Incremento della fibra fino al 40% Un gene sintetico, allinterno un vettore, può essere posto in un muscolo. Il vettore trasporterà il gene in un nucleo da dove dirigerà la produzione di una proteina. Se il gene produce IGF-I o una proteina che blocca la miostatina questo porterà a maggiore proliferazione delle cellule satelliti e quindi allirrobustimento della fibra muscolare.

70 Nuovi approcci al doping genetico Nel 2000 sono stati identificati due nuovi fattori di crescita, espressi dal muscolo, derivati dal gene del IGF-1 per splicing alternativo Muscle L. IGF-1 simile allIGF-1 epatico Mechano Growth Factor (MGF) individuabile solo quando il muscolo è in esercizio o stirato MGF sembra avere solo azione locale infatti non si ritrova nel sangue MGF sembra proteggere il muscolo cardiaco e i muscoli scheletrici, inducendo processi riparativi locali e prevenendo lapoptosi

71 Nuovi approcci al doping genetico Vi sono anche evidenze che il MGF sia coinvolto nel mantenimento del tessuto nervoso, poiché è noto che IGF-1 è trasportato dentro i neuroni Se MGF viene posto in un gene manipolato e immesso nei muscoli di un topo di laboratorio: in 2 settimane si ha un incremento del 20% della massa muscolare Quando, con un simile approccio, si immette nel muscolo IGF-1 epatico si ottiene lo stesso incremento del 20% della massa muscolare ma soltanto dopo 4 mesi

72 A breve-medio termine Autoimmunita Iperimmunita Shock tossico A lungo termine Fibrosi Tumori Effetti avversi tipici dei fattori stimolati Impossibilità di terapia genica futura (immunita) Rischi ipotizzabili con il doping genetico Legati alle modalità di trattamento Malpratica (vettore o via somministrazione inadeguati) Materiale contaminato (patogeni o allergeni) Mancanza di follow-up

73 Ricordiamoci che il genoma non è lunico fattore……. geniabitudiniambiente Obesità Aterosclerosi Alzheimer Parkinson Distrofia muscolare Tumore al seno familiare Tumore polmonare Tumore al seno Anche condizioni acquisite: traumi fratture ustioni infezioni possono essere più frequenti In certi soggetti per fattori genetici

74 Lerboristeria come doping

75 Il Tribulus terrestris è balzato agli onori della cronaca grazie alla polemiche sorte sul suo possibile impiego da parte dei giocatori dell'Inter. Il suo meccanismo sarebbe quello di innalzare il tasso di LH nell'uomo e di FSH nella donna con aumento di testosterone nel primo caso e di ormoni femminili nel secondo. Di fatto agirebbe come un precursore del testosterone. Lesempio del Tribulus terrestris La casa produttrice afferma che una combinazione di Tribulus e di DHEA può incrementare i livelli di testosterone del 50%, provocando un aumento fino a 4 Kg di massa muscolare in 5 giorni ), una drastica riduzione del tessuto grasso e una costruzione e tonificazione del proprio fisico in modo veloce!!!! Il prodotto viene pubblicizzato ampiamente in centinaia di siti internet e in riviste, soprattutto indirizzate ai praticanti di bodybuilding.

76 Il Tribulus rientra nei rimedi erboristici della medicina tradizionale. In Cina viene utilizzata come epatoprotettore e per problemi renali, in India per aumentare la fertilità maschile e femminile; nei paesi dell'Europa dell'Est per riequilibrare il bilancio o le insufficienze ormonali in uomini e donne. Uno dei paesi europei dove è stato maggiormente studiato e utilizzato è la Bulgaria. Le evidenze scientifiche sui suoi effetti sono scarse e perlopiù basate su studi sugli animali. Potrebbe avere una qualche efficacia nei soggetti con carenze ormonali di base (?). Uno studio su soggetti sani e giovani a cui è stato somministrato un cocktail di integratori con diversi precursori del testosterone, incluso il Tribulus, non ha mostrato un incremento significativo del testosterone. [Brown GA et al. Int J Sport Nutr Exerc Metab 200; 10:340-59] Un altro studio in cui veniva somministrato unicamente il Tribulus non si sono registrati aumenti della massa magra, diminuzione del tessuto adiposo e la performance sportiva dei soggetti studiati non è risultata variata. [Antonio J et al. Int J Sport Nutr Exerc Metab 200; 10:208-15] Tribulus terrestris

77 Problema: non si riesce a sapere con certezza quale è il reale contenuto delle preparazioni in termini di principi attivi e di dosaggi. Inoltre ci sono pochi dati a sostegno della loro efficacia così come sulla mancanza di eventi avversi Preparazioni erboristiche Tutto quello che posso rilevarti è che contiene vischio e…aragosta

78 Luso appropriato Evitiamo di utilizzare sostanze di cui non sappiamo lesatta composizione e/o gli effetti. Evitiamo in particolare le pozioni magiche Asterix prendi questa ampolla, contiene la pozione magica che ti sosterrà durante il lungo e pericoloso viaggio Grazie druido!

79 Essere informati! Oggi non si può più dire: non lo sapevo

80 Servizio di Consulenza Telefonica Responsabile: Dott. Gustavo Savino Farmacologo Clinico Struttura Complessa di Tossicologia e Farmacologia Clinica Direttore Prof. Alfio Bertolini

81 TELEFONO PULITO Cosè? E una linea dedicata con numero verde (telefonata gratuita da tutta Italia) attraverso la quale si possono avere informazioni sulle sostanze dopanti o sospette tali, sui loro effetti sulla prestazione sportiva, sugli effetti collaterali, sui rischi relativi al loro uso, sulle interazioni con altri farmaci, sostanze, cibi e bevande. E possibile avere informazioni anche su integratori e prodotti di erboristeria, sui farmaci in generale relativamente al loro impiego, alle indicazioni duso ed alla loro eventuale pericolosità nella pratica sportiva. Quando funziona ? La linea è attiva dal 18 marzo 2002 ed è a disposizione degli utenti tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 12:00 alle ore 14:00, le risposte ai quesiti vengono fornite al momento della telefonata oppure via fax o via entro 24 ore dalla formulazione della domanda. Chi risponde ? In linea rispondono i medici della Struttura Complessa di Tossicologia e Farmacologia Clinica della Facoltà di Medicina dellUniversità di Modena.

82 Chi chiama? Dati calcolati al 07/01/2004 Atleti non professionisti Privati Atleti professionisti Medici o Esperti 78,2 % 16 % 5,8 % 0

83 Sport praticati dagli utenti o per cui è stato posto il quesito Ciclismo Podismo Body Building Calcio Arti Marziali 62% 20% 12% 5% 1%

84 Argomento dei quesiti Integratori e Farmaci Informazioni Legislative* Richiesta materiale informativo 91% 7% 2%

85 Sezione Farmaci e integratori Contiene lelenco delle sostanze vietate dal Comitato Internazionale Olimpico (C.I.O.) ordinato per Classe, nome commerciale e nome del principio attivo dei farmaci della farmacopea internazionale. E un servizio gratuito

86 Altri siti Internet dinteresse sul doping


Scaricare ppt "Corso elettivo Farmaci, integratori e doping Farmaci, integratori e doping Le sostanze dopanti -2- Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di."

Presentazioni simili


Annunci Google