La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituzioni di Filosofia (I) Analitici e Continentali Giacomo Romano a. a. 2006/2007: 3° Quarto, Modulo II Introduzione alla Filosofia Teoretica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituzioni di Filosofia (I) Analitici e Continentali Giacomo Romano a. a. 2006/2007: 3° Quarto, Modulo II Introduzione alla Filosofia Teoretica."— Transcript della presentazione:

1 Istituzioni di Filosofia (I) Analitici e Continentali Giacomo Romano a. a. 2006/2007: 3° Quarto, Modulo II Introduzione alla Filosofia Teoretica

2 2 Analitici e Continentali La ricerca filosofica ha natura vaga: disciplina scientifica o umanistica? Approcci metodologici differenti (a questioni filosofiche differenti): Platone e Aristotele; Tommaso dAquino, Lullo e Eckhart; Cartesio, Berkeley e Vico; Kant e Hegel; Kierkegaard, Marx e Nietsche Negli anni 60 del XX sec., e spec. tra gli anni 40 e 70: si impone la dicotomia tra filosofi Analitici e filosofi Continentali

3 3 Una dicotomia bizzarra Continentale: si riferisce alla filosofia praticata in Europa continentale; Analitico: si riferisce ad un approccio nellaffrontare questioni filosofiche Per Bernard Williams è come classificare le macchine in giapponesi e a trazione anteriore: si oppone un criterio territoriale ad un criterio metodologico!

4 4 Questioni di Stile (a) La Filosofia Analitica si ispira ad un ideale di CHIAREZZA argomentativa: adotta strutture di ragionamento (formalmente) rigorose e confermabili; si occupa di temi circoscritti; affronta i problemi filosofici con taglio tematico/concettuale; ha un rapporto di complementarietà con le scienze naturali*

5 5 Questioni di Stile (b) La Filosofia Continentale si pone come RIFLESSIONE (suggestiva) sulla Condizione Umana adotta ragionamenti asistematici; si occupa di temi generali; segue unimpostazione storico/testuale; ha un rapporto privilegiato con le discipline umanistiche

6 6 Questioni di livelli e prospettive 1.La Filosofia Analitica attua una analisi concettuale di temi e problemi allinterno di un quadro teorico relativamente determinato 2.La Filosofia Continentale si interessa di problemi tendenzialmente interdisciplinari e ne propone una critica in linea di principio normativa Unanalogia: osservare un fenomeno al microscopio ed osservarlo con un telescopio

7 7 Analitici e Continentali, Guelfi e Ghibellini Carnap Vs. Heidegger (1932): Il superamento della metafisica mediante lanalisi logica del linguaggio Searle Vs. Derrida (1977) Barry Smith & Co. Vs. Derrida (1992): Manifesto contro J. Derrida La polemica sicuramente ha infuriato a livello accademico

8 8 Dipartimenti analitici e continentali In USA, UK e in molti altri Paesi anglofoni la filosofia è analitica (almeno fino agli anni 70) Autori come Hegel, Foucault, Nietsche e Sartre si studiano nei dipartimenti di letteratura (Comparative Literature) Nel Continente di solito i filosofi analitici sono stati considerati prevalentemente nellambito della filosofia della scienza

9 9 Diversità sostanziali Lapproccio analitico fa appello ad una presunta OBIETTIVITA di tesi ed argomentazioni Di solito le idee analitiche sono espresse in maniera breve e concisa, in articoli simili a quelli scientifici e non in volumoni Le proposte dei filosofi analitici non sembrano risolutive, ma piuttosto tesi metateoriche

10 10 Lappello alle Autorità Filosofia Analitica: Frege, (Tarski), Russell, Carnap, Quine, Ryle, Davidson, Austin, Grice, Strawson, Searle, ecc. WITTGENSTEIN Filosofia Continentale: Hegel, Nietzsche, Husserl, Heidegger, Sartre, Merleau-Ponty, Jaspers, Gadamer, Derrida, ecc. (Tugendhat, Rorty, Putnam)

11 11 Naturalismo e Anti-Naturalismo La Filosofia Continentale tende a prendere le distanze dal richiamo alla concretezza e al realismo delle scienze naturali La Filosofia Analitica dialoga con le scienze naturali e ne assume latteggiamento incline al realismo e alla concretezza pragmatica Ma certo non tutti i filosofi analitici sono naturalisti

12 12 Metafisica e Dogmatismo La Filosofia Analitica rifugge da atteggiamenti metafisici dogmatici Non prende le distanze da tutta la metafisica Si interessa di aspetti (necessari) della realtà di cui non si può avere esperienza La Filosofia Continentale si presenta tendenzialmente come conoscenza di una realtà assoluta cercando di fornire una spiegazione delle cause prime della realtà a prescindere dallesperienza

13 13 Divergenze e Convergenze Lo studio del linguaggio si pone come prioritario per la Filosofia Analitica: ogni questione è relativa al linguaggio in cui è formulata; Ma anche per alcune importanti correnti della Filosofia Continentale il linguaggio rappresenta una dimensione privilegiata, sia per il metodo che per i contenuti

14 14 Linguaggio e Ontologia Nella seconda metà del 900 la questione ontologica in entrambe le due aree si riafferma; Nella Filosofia Continentale la questione ontologica è soggetta ad una interpretazione di tipo esistenziale; Nella Filosofia Analitica la questione dellessere è relativa alla teoria e ai termini con si parla di ciò che è

15 15 Etica e Linguaggio Il linguaggio è lo strumento necessario con cui si esprimono considerazioni normative (morali, giuridiche, ecc.); Lo studio delle forme normative del linguaggio conduce ad una revisione delletica, anche se in ambito continentale la revisione continua ad avere una valenza prescrittiva; in ambito analitico ha invece prevalentemente una valenza descrittiva

16 16 Quale Razionalità? La razionalità è un altro aspetto comune ai due schieramenti, ma si tratta della medesima nozione? La Filosofia Analitica si ispira al modello di razionalità scientifica (teoria delle decisioni, teoria dei giochi, ecc.); La razionalità continentale è un concetto più ampio e meno definito.

17 17 Quale Soggetto? Nella Filosofia Continentale il soggetto è da considerarsi come l Io Penso cartesiano, che sia criticata oppure che assurga a fondamento di ogni aspetto dello scibile; Nella Filosofia Analitica il soggetto è concepito come fenomeno psicologico di cui si devono chiarire i presupposti ontologici

18 18 Esperienza e Azione Nella Filosofia Continentale il Soggetto è definito dalla sua contrapposizione con quello che esperisce, è definito dalla sua diversità rispetto a tutto il resto; il Soggetto coincide con la Persona, responsabile delle sue azioni nei confronti degli altri; Nella Filosofia Analitica il Soggetto è decostruito, frammentato in una serie di attività psicologiche; solo rendendole esplicite si può comprendere la dinamica dellazione personale

19 19 Pro e Contro il Relativismo Entrambi i campi affrontano il problema del relativismo (della conoscenza, della morale, ecc.); La Filosofia Continentale si sforza di superare il problema implicito nellantifondazionalismo con un richiamo allintersoggettività; La Filosofia Analitica vi si oppone con un approccio naturalistico, pragmatico, formalistico

20 20 Una divisione chiara e distinta? Grazie a questi criteri è possibile stabilire la differenza tra Analitici e Continentali? La distinzione cè, ma è sempre approssimata; Non tutta la Filosofia Analitica presenta le caratteristiche che le sono state attribuite come distintive; lo stesso vale per la Filosofia Continentale: i fronti non sono compatti!

21 21 Quale filosofia Analitica? Nella Filosofia Analitica cè una originaria dicotomia tra filosofi del linguaggio ideale e filosofi del linguaggio comune; Nella Filosofia Analitica comunque, a partire dalla metà degli anni 70 comincia il progressivo slittamento dinteresse dal Linguaggio alla Mente

22 22 Naturalismo e Anti-Naturalismo Post-Analitico Lo sviluppo degli Studi Cognitivi rinsalda il vincolo tra scienza e filosofia (analitica), ma non in modo unitario; Ci sono (post)analitici che adottano un atteggiamento naturalistico e riduzionista (Dennett, Churchland, Stich, ecc.); quelli che abbracciano il naturalismo, ma non il riduzionismo (Searle, Goldman); quelli che prendono le distanze da entrambi (Dummett, Wiggins, McDowell)

23 23 Quale Filosofia Continentale? I tratti distintivi del modo di fare filosofia nel Continente non emergono in modo omogeneo; La Fenomenologia (Husserl) per quanto si distingua dallapproccio analitico in maniera significativa preserva un rigore analitico nello studio della coscienza; Austin (filosofo analitico) ha sostenuto di fare della fenomenologia linguistica

24 24 La varietà Continentale (I) LErmeneutica Filosofica si pone come pratica filosofica dellinterpretazione dellesperienza umana nelle sue varie sfaccettature, ma oltre a riconoscerne la contingenza storica ne sottolinea la dipendenza dal LINGUAGGIO {Lo Strutturalismo e il Post-Strutturalismo (Lévi-Strauss, M. Foucault; G. Deleuze, J. Derrida) enfatizzano le strutture sociali, che vanno a fondare la base del pensiero in opposizione al suo aspetto soggettivo, privilegiato nella storia delle idee.}

25 25 La Varietà Continentale (II) {Il Post-Modernismo (J. F. Lyotard, J. Baudrillard) fa leva sul fallimento delle aspettative e dei vari programmi modernisti del XX secolo} {La Scuola di Francoforte e la Teoria Critica (M. Horkheimer, H. Marcuse, T. Adorno) applicano criteri aggiornati del Marxismo e della filosofia Marxista ad una griglia esplicativa di impostazione sociologica dellesperienza umana}

26 26 Conclusione Il giudice statunitense Stewart Potter (1964) non sapeva definire la pornografia, ma avrebbe saputo sicuramente riconoscerla ### Riferimenti Bibliografici DAgostini, F. 1997: Analitici e Continentali. Guida alla filosofia degli ultimi trentanni, Raffaello Cortina (Milano) [I: 2, 3, 4, 5; II: 3, 4]


Scaricare ppt "Istituzioni di Filosofia (I) Analitici e Continentali Giacomo Romano a. a. 2006/2007: 3° Quarto, Modulo II Introduzione alla Filosofia Teoretica."

Presentazioni simili


Annunci Google