La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I GIORNALISTI. Mi raccomando le virgolette Far parlare i protagonisti è un passaggio essenziale dellattività giornalistica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I GIORNALISTI. Mi raccomando le virgolette Far parlare i protagonisti è un passaggio essenziale dellattività giornalistica."— Transcript della presentazione:

1 I GIORNALISTI

2 Mi raccomando le virgolette

3 Far parlare i protagonisti è un passaggio essenziale dellattività giornalistica

4 LINTERVISTA Esistono due tipi di intervista Lintervista di spiegazione Lintervista di contrapposizione

5 Lintervista/1 Il giornalista accompagna il suo interlocutore, aiutandolo a chiarire e spiegare la sua posizione e il suo ragionamento

6 Lintervista/2 Il giornalista dibatte con linterlocutore, lo incalza con le domande, lo contraddice

7 Modello/1 ROMA - «Non mi ritiro. Ormai ho accettato la proposta, non posso dire di mia iniziativa che mi faccio da parte. C´è un gruppo, quello delle autonomie, che non è né di maggioranza né di opposizione. E mi ha candidato alla presidenza del Senato. Che faccio adesso, chi glielo dice agli altoatesini?». Giulio Andreotti è tornato al centro della scena politica(…) È il candidato alternativo a Franco Marini per la poltrona più alta di Palazzo Madama. Candidato del centrodestra, visto che l´Unione fa quadrato intorno al dirigente della Margherita. Lui non si scompone. Da una parte spiega che l´indicazione del Polo è «un´attestazione di stima». Tanto più, rivela, che Berlusconi lui non l´ha votato, Dall´altra parte, si dichiara espressione del gruppo delle autonomie, (…) Le critiche che non gli fanno né caldo né freddo. «(…) il Senato della Repubblica non è mica una scuderia, possono esserci delle posizioni singole, qualcuno che ragiona con la sua testa (…). Ai telegiornali Mediaset, che lo vanno a trovare quasi all´alba nel mitico studio di Piazza San Lorenzo in Lucina, dispensa le sue battute, ciniche quanto basta, in linea con il personaggio.

8 Modello/2 MILANO - Onorevole Calderoli, lei si candida a presidente del Senato? «Stiamo portando avanti una candidatura di bandiera, e il nome dovrebbe essere il mio. Ma nella Lega non c´è niente di scontato». Il candidato del centrodestra però è Giulio Andreotti. «Calma. Berlusconi il nome di Andreotti non l´ha fatto». Gasparri però ha lanciato un appello perché la Lega converga su Andreotti. «Il leader della coalizione è Berlusconi e a noi interessa quello che dice lui». La vostra base potrebbe non digerire il sostegno della Lega ad Andreotti. «Prima vediamo cosa ne pensano gli eletti della Lega, avranno o no diritto di esprimersi? Un significato nella nostra candidatura di bandiera c´è». E come andrà a finire? «Credo che salteranno tutte le candidature uscite fino adesso. Né Andreotti né Marini diventeranno presidenti del Senato. Se vuol scommettere, le scrivo il nome del vincente in busta chiusa».

9 Modello/1 per un profilo Modello/2 per un dibattito

10 La tv è la regina dellintervista In tv, lintervistato controlla lintervista O, almeno, le sue risposte

11 Lanalisi Spiega e interpreta i fatti descritti nella cronaca accanto, in particolare individuandone il contesto Riferisce giudizi e interpretazioni altrui A differenza delleditoriale, non esprime giudizi espliciti del giornalista. Non buono/cattivo, dunque. Ma importante/non importante, ad esempio, sì.

12 Linchiesta Approfondisce un tema o un avvenimento, facendone emergere elementi nuovi e una nuova interpretazione

13 Il réportage Storie, personaggi, situazioni, da luoghi fisicamente o psicologicamente remoti. Ha il tono e il ritmo di un diario di viaggio E il regno del colore

14 Cosa è il colore Tutto quello che sta intorno alla notizia: lambiente, il panorama,la temperatura, le facce, le emozioni (del giornalista e dei suoi protagonisti). Quello che vedo, quello che sento, quello che odoro, quello che tocco.

15 Il dossier Riassume quello che cè da sapere su un argomento E legato ad una notizia, ma non contiene fatti nuovi E il regno dellinfografica

16

17 La costruzione di un articolo Il lead o attacco e la scaletta Il lead: quale sarà il titolo? Il so what (e allora?): dare il senso – anche emotivo, o politico – della notizia

18 La cronaca: le cinque w (e il so what) Lanalisi (è il regno del so what) Il dossier: il dato complessivo, i precedenti, le esperienze parallele Linchiesta: quello che abbiamo scoperto Il réportage: lemozione che ci è rimasta dentro

19 La cronaca FORLI´ - Bisognerà chiamarlo destino, come si fa in certi casi assurdi, per spiegare ciò che non si può spiegare. Che altro sennò: in questa storia un motivo vero non c´è. Non c´è nessuna logica, almeno in apparenza, nella simultaneità della morte di Mauro e Simona, 29 e 27 anni, fidanzati che fino a due mesi fa hanno vissuto sotto lo stesso tetto nella palazzina a due piani dove abita anche la famiglia di lui, in via Cervese, a Pieve Quinta di Forlì, sulla strada che tutti fanno per andare al mare. Come fratelli gemelli legati da fili invisibili e misteriosissimi, l´altra notte hanno perso la vita, a distanza di un quarto d´ora, in due diversi incidenti stradali, lontani l´uno dall´altro solo qualche chilometro. Mauro Manucci, cuoco nella mensa centralizzata dell´ospedale in cui anche i genitori lavorano come infermieri, a mezzanotte e venti sull´asfalto di via Punta di Ferro, un rettilineo che costeggia il Palafiera, accanto alla sua potente Yamaha 1000 che è andata dritto invece di piegare a destra all´imbocco della grande rotatoria. Lei, Simona Acciai, cameriera che voleva diventare infermiera, nell´erba, a mezzanotte e trentacinque, vicino alla casa dei genitori dove era tornata all´indomani della separazione da Mauro, scaraventata fuori dall´auto che si è ribaltata varie volte, dopo un urto violentissimo contro il pilone di cemento che segna il confine tra i campi coltivati, buttando giù come birilli svariati pali di recinzione. La Citroen è piombata in una canalina di scolo, intanto Simona moriva. Probabilmente sul colpo, dicono i soccorritori del 118. Non aveva ancora cominciato a piovere. Le prime gocce sono arrivate poco più tardi, con i Carabinieri. Da Mauro ci sono andati i Vigili urbani. La strada era asciutta e la visibilità buona. Traffico modesto, Mauro indossava il casco.

20 Lanalisi ROMA - Un incendio aveva distrutto le querce che tenevano compatto il pendio. La politica dei condoni aveva spalmato asfalto riducendo la capacità del terreno di assorbire le piogge. La deregulation ambientale aveva indebolito i controlli e il prestigio degli enti di vigilanza. A questo punto è bastato, come era prevedibile e previsto, un temporale un po´ intenso a provocare il disastro. E così, a otto anni dalla sciagura di Sarno, la Campania si è ritrovata ad essere ancora una volta la regione particolarmente vulnerabile di un paese particolarmente vulnerabile. Di fronte a una situazione del genere, ai geologi resta poco da dire perché i margini d´incertezza non riguardano il mondo scientifico. Al Servizio geologico regionale allargano le braccia e tirano fuori ricerche e statistiche abbastanza chiare da motivare lo sdegno del dopo disastro, ma evidentemente non sufficienti a produrre lo spostamento di risorse economiche dalle opere spettacolari a quelle necessarie. Secondo la mappa curata dall´Agenzia per la protezione dell´ambiente, più di due Comuni su tre (il 68,9 per cento) sono a rischio geologico alto. Si conoscono i numeri regione per regione, provincia per provincia, ma finora è servito a poco. «Paghiamo l´inerzia di decenni, anni in cui abbiamo abusato del territorio», ha ricordato ieri il responsabile della Protezione civile, Guido Bertolaso,

21 Il dossier Il nucleare? C´è, anche dopo Chernobyl. Nel mondo sono in funzione 439 centrali atomiche, che forniscono il 17% dell´elettricità globale, con il picco di oltre tre quarti del totale nazionale per la Francia. La differenza, dopo Chernobyl, è che si è praticamente smesso di costruirne di nuove, soprattutto in Occidente. In questo momento, nel mondo si stanno allestendo in tutto 24 nuovi impianti - per lo più in India, Cina, Giappone e Taiwan - ma, per sei di essi (uno su quattro), il lavoro sta andando avanti da vent´anni e non se ne vede la fine. Sulle due sponde dell´Atlantico, fra Europa e America, ce n´è in costruzione solo uno, ed è il primo da dieci anni. Il risultato è che, nel prossimo decennio, mano a mano che le centrali più vecchie vengono smantellate, la quota del nucleare sulla produzione mondiale di elettricità andrà diminuendo drasticamente. Ma la corsa del prezzo del petrolio e del gas ha cambiato lo scenario.

22 Linviato Un inviato di guerra ricorre spesso ai gruppi elettrogeni, carica le batterie con i motori dellauto, ha scoperto che con un pannello solare portatile si fanno funzionare computer e telefono satellitare e in Africa ascolta le notizie con una radio che funziona a manovella. Alberto Negri Il Sole 24 ore

23 Nel corrispondente di guerra ci sono il potere di una parlantina a cui né uomo né donna può resistere quando ci sono in ballo un pasto o un letto, locchio di un mercante di cavalli, labilità di un cuoco, la costituzione di un manzo, la digestione di uno struzzo e uninfinita adattabilità ad ogni circostanza. Ma molti muoiono prima di raggiungere questi livelli e i maestri passati dellarte appaiono per lo più in abiti ordinari quando sono in Inghilterra e così la loro gloria è nascosta alle masse Rudyard Kipling The Light That Failed

24 Il libro di Erodoto è un libro nato dai viaggi: il primo grande reportage della letteratura mondiale. Il suo autore possiede lintuito, locchio e lorecchio del reporter. Ha una resistenza a prova di bomba: naviga per mare, traversa steppe, si addentra nei deserti, sempre tenendo il resoconto di tutto. Non si lamenta per la stanchezza, niente lo scoraggia, niente gli fa paura

25 In prima persona Erodoto aveva la voglia di sperimentare tutto, di esserci. Specularmente, il lettore vuole essere dove tu sei stato.

26 ROMA - «IO SONO pronto. A questo punto dipende tutto da voi…». Nel piovoso pomeriggio romano, al centrosinistra che festeggia la tribolata nascita della nuova legislatura Ciampi rinnova il suo messaggio. Dopo l´elezione dei presidenti di Camera e Senato, l´incarico a Prodi può anche essere conferito in fretta. Dal Capo dello Stato non arrivano obiezioni e controindicazioni. Arriva piuttosto la sollecitazione già formulata, a più riprese, in queste ultime settimane. Il Quirinale ha un solo dovere: rispettare gli obblighi costituzionali, aspettare tutti gli adempimenti di rito

27 ROMA - Il primo ad abbracciarlo è Willer Bordon (avvantaggiato perché stava seduto nella fila davanti): «Franco – gli dice con il suo tono asburgico, tra il solenne e il militaresco – alla fine è stato meglio così». Marini sorride, osservando la pipa: «Ah, certo: magari sapendolo dall´inizio, che vincevamo noi!».

28 ROMA - Appena eletto, ancora seduto al suo posto in quinta fila – la pipa in bocca, il foglio col discorso pronto da due giorni e ormai sgualcito sul banco, decine di mani che si allungano per rallegrarsi, l´aula in piedi – Franco Marini si volta verso la sua sinistra e intercetta lo sguardo di Clemente Mastella. «Ci hai fatto soffrire un po´ ma grazie lo stesso», gli dice. Mastella sorride con quei suoi occhi mobili, gli risponde ma Franco che dici, ma che pensi. Marini tende la mano: «Lascia stare, io lo so. Grazie e basta». Ancora una volta è stato Mastella. A tenere tutti in fibrillazione un giorno e una notte

29 Storie concrete, in cui il lettore si possa identificare o comunque riconoscere. Bisogna quindi ambientare, dare elementi in cui il lettore possa visivamente collocare quello che il giornalista racconta. Non si parla di orologi falsi, ma di rolex. Non di software piratati, ma di Office.

30 La tecnica dello zoom Quando Tim Terman acquista il caffé dal Mountain Peoples Co-op di Morgantown in West Virginia, controlla sempre che sulla confezione ci sia il logo bianco e nero che certifica il Commercio Equo. Lo paga quasi il doppio – fino a 8 euro per mezzo chilo – di quello che pagherebbe un caffè qualsiasi, sperando che quei soldi in più vadano agli agricoltori in difficoltà. Ma non sempre le cose vanno così: la maggior parte dei consumatori che fanno acquisti seguendo le loro convinzioni sociali non sanno quanti dei loro soldi andranno effettivamente a finire alle persone che sperano di aiutare. I critici sostengono che troppi dei soldi del commercio equo e solidale vanno a finire nelle tasche dei commercianti e degli intermediari, comprese le organizzazioni no-profit. Le organizzazioni coinvolte nel commercio equo e solidale affermano invece che i vantaggi arrivano effettivamente a quanti ne necessitano. Paul Rice, direttore generale di TransFair Usa, che controlla la certificazione del commercio equo negli Stati Uniti, ha detto che i programmi talora eliminano fino a cinque intermediari – lacquirente locale, il mugnaio, lesportatore, lo spedizioniere e limportatore – e consentono agli agricoltori di contrattare direttamente con i grossisti americani. (Commercio equo, di Jennifer Alsever, New York Times)

31 MICHAEL HIRSCH Il maggiore Micah Morgan accarezza il naso del suo drone Predator come un ufficiale di cavalleria dei vecchi tempi avrebbe potuto strofinare con la mano il muso del suo cavallo. «Questo è il futuro dell´aviazione», dice Morgan, ex pilota di un bombardiere B-1. Nel Triangolo Sunnita è una splendida giornata. Fuori dal filo spinato della base aerea di Balad la guerriglia ancora infuria e la guerra tra le opposte fazioni religiose incombe, ma il cielo è azzurro e, cosa non indifferente, interamente di dominio americano. Morgan osserva un altro Predator - un velivolo senza pilota delle dimensioni di un Cessna - avvicinarsi per un atterraggio telecomandato al termine di una missione di ricognizione. (…) L´americano che telecomanda questi droni, tuttavia, non è in Iraq, bensì a miglia di distanza, a Las Vegas.

32 Stuck in the Hot Zone Dont dream about full exits. The military is in Iraq for the long haul. Bloccati nella Zona Calda Non sognate ritirate totali. I soldati sono in Iraq a lunga scadenza (Newsweek)

33 Simone vorrebbe comprare l auto che gli piace. Chiara la casa. Silvia il computer. Rita avrebbe voluto fare un figlio. Desideri normali, ordinari, quelli che abbiamo tutti. Spesso, non abbiamo i soldi per permetterceli. Ma, per una quota crescente di italiani, il problema non sono soltanto e soprattutto i soldi. E, prima ancora, un problema di identità, di posto nella società. Rita, Chiara, Silvia fanno parte del popolo in espansione dei precari, italiani a vita dimezzata, condannati ad un lavoro flessibile che non hanno scelto.(...) Se, dieci anni fa, il mercato del lavoro italiano era troppo rigido, oggi la flessibilità è arrivata ovunque. Due milioni e mezzo di persone, un quarto dei lavoratori dipendenti, ha un contratto atipico, cioè diverso da quello standard, a tempo indeterminato, dice l Istat. Soprattutto, metà dei nuovi assunti, fra il 1993 e il 2003, è inquadrata come atipica. A Milano, oggi, secondo il Censis, sono precari 81 lavoratori su mille, a Roma 62.

34 Senza zoom Chi ci libererà di questo Presidente menaguai? Questo è quello che la maggior parte dei ministri e dei deputati libanesi - e Saad Hariri - figlio dellex primo ministro assassinato, Rafiq Hariri - hanno continuato a chiedersi in questi mesi, perché il Presidente filosiriano Emile Lahoud è lultima traccia pubblica del potere di Damasco a Beirut. Ma la scorsa settimana ha visto un tentativo quasi scespiriano di detronizzare lex ufficiale navale addestrato dagli inglesi, che ha scioccato anche i libanesi così facili al dramma. E arrivato nelle spoglie del genero stesso di Lahoud, che è il ministro libanese della Difesa e che, lo scorso luglio, aveva subito un attentato, come quello di Hariri, che puntava ad ucciderlo. (Robert Fisk The Independent)

35 BAGDAD - Via Rashid è deserta. I miliziani della Guardia Nazionale, senza faccia, mascherati con passamontagna, annidati sotto i portici di pietra nuda, qui chiamata italiana, la rendono sinistra. Da una finestra la voce potente, gracchiante, di un altoparlante apostrofa una macchina che ha osato inoltrarsi nella strada. Immagino impartisca un ordine. L uomo al volante frena, innesta la retromarcia e se ne va senza forzare il motore. Direi a testa bassa, con la coda fra le gambe. La scena dà un idea del clima, in queste ore che precedono il voto. Molti itinerari sono sbarrati dalle pattuglie americane. Girare per Bagdad è come addentrarsi in un labirinto. I veicoli blindati da combattimento Bradley sono accostati al marciapiede; c è anche qualche più massiccio carro armato Abrams. In mezzo alla strada GI e Marines fanno da vigili urbani. Il loro aspetto intimidisce, ma i loro gesti sono misurati. Non sono arroganti. Sono disciplinati. Nel paesaggio mediorientale sembrano piovuti da Marte. (Bernardo Valli, La Repubblica)


Scaricare ppt "I GIORNALISTI. Mi raccomando le virgolette Far parlare i protagonisti è un passaggio essenziale dellattività giornalistica."

Presentazioni simili


Annunci Google