La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Classe 5dl A.S.i 2002-05 area di progetto: Coste ed Isole.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Classe 5dl A.S.i 2002-05 area di progetto: Coste ed Isole."— Transcript della presentazione:

1 Classe 5dl A.S.i area di progetto: Coste ed Isole

2 Introduzione Questo Progetto (Comenius 1) si prefigge lo studio delle coste e delle isole in una prospettiva pluridisciplinare ed il conseguente scambio di materiale tra le scuole partecipanti, provenienti da paesi diversi. Le scuole con cui abbiamo collaborato sono dei licei simili al nostro ed appartengono a nazioni quali lOlanda, la Finlandia, la Francia e la Germania, per le quali il mare, le coste e le isole hanno sempre rappresentato, così come per noi, una risorsa importantissima sia per lo sviluppo della storia, sia per quello delleconomia del paese. I punti dincontro con questi istituti erano dunque innumerevoli, per cui è stato necessario operare una scelta, a seconda degli indirizzi di studio che ci caratterizzavano. Alla nostra scuola è toccato il coordinamento di ciò che è chiamato Creative Writing, cioè labilità dinventare storie, racconti, poesie e quantaltro nelle lingue moderne studiate da tutte e cinque le scuole partecipanti.

3 Nel far ciò, abbiamo collaborato fattivamente con i docenti e gli studenti degli altri istituti, talvolta scrivendo racconti a più mani, talvolta traducendo, altre volte illustrando ciò che i nostri amici avevano scritto. Ciò che vedete è il risultato di una collaborazione durata tre anni e, in molti casi, di unamicizia nata virtualmente e poi concretizzatasi nei diversi incontri di progetto.

4 Gli incontri di progetto: –Nastola 2003 –Follonica 2004 –Rochefort 2005 Le nostre storie: –Larrivé sur lile du mistére –One day miss sandy caost met mr. Rocky island and… –In the summer of 1988… Lisola nella letteratura italiana: –A Zacinto –Lisola di Arturo –Isole di Tabucchi –LIsola di Ungaretti Lisola in filosofia Le coste e le isole nella storia: –Lo sbarco in Normandia –Cuba La musica La rivoluzione

5 Incontro di progetto a Nastola Due anni fa (2003), noi due, Barbara e Dario, studenti dellallora 3D, insieme ad altre due ragazze dellITC ed accompagnati dalla nostra insegnante di inglese e dalla loro insegnante di francese, siamo stati scelti per rappresentare il nostro istituto allincontro di progetto che si teneva a Nastola, in Finlandia. Abbiamo soggiornato per una settimana presso le famiglie di studenti finlandesi, che ci hanno fatto da tutor per tutta la durata del soggiorno. Abbiamo visitato la loro scuola, frequentato le loro lezioni, partecipato a visite guidate nei boschi limitrofi e lungo le coste, apprezzato città come Lahti ed Helsinki. Qui, siamo stati anche ricevuti in Parlamento e abbiamo conversato con uno degli onorevoli deputati eletti nel collegio di Nastola. Durante la nostra permanenza in Finlandia abbiamo lavorato con i rappresentanti dei ragazzi e degli insegnanti delle altre scuole olandesi, francesi e tedesche partecipanti al progetto. Insieme abbiamo deciso che la nostra scuola sarebbe stata la coordinatricedella parte del creative writing, cioè dei materiali rigurdanti la stesura di stori, poesie, e testi di vario tipo aventi per comune

6 denominatore le coste e le isole, da redigere nelle tre lingue studiate nella nostra scuola, per poi tradurle in italiano. Questa parte di lavoro è diventata area di progetto della nostra classe. Dario Gavini & Barbara Filippi

7 Il secondo incontro di progetto: Follonica 2004 Nel maggio 2004, alcuni rappresentanti di studenti e docenti delle scuole che partecipano a questo progetto sono venuti a visitare il nostro Istituto. Ciò ha dato la possibilità a noi due di poter ospitare dei ragazzi olandesi e di poter conoscere quelli ospitati dai nostri amici. Abbiamo trascorso una settimana in cui abbiamo mostrato loro la nostra scuola, abbiamo discusso e lavorato al progetto di creative writing iniziato lanno precedente. Siamo stati divisi in gruppi di tre o quattro persone appartenenti ad una diversa nazionalità. Dovevamo scrivere delle storie in inglese ed in francese. Abbiamo parlato tantissimo ed abbiamo lavorato divertendoci. Così, abbiamo migliorato la nostra competenza comunicativa nelle lingue straniere che studiamo e lo abbiamo fatto nel modo più naturale e proficuo.Peccato che una settimana voli in fretta: è un tempo troppo breve perché, nel momento in cui eravamo diventati davvero amici… abbiamo dovuto salutarli… In ogni caso, è stata unesperienza positivissima indimenticabile. Chiara Bandini & Giulia Bucci

8 Incontro di progetto a Rochefort, 2005 Lultimo anno del progetto COMENIUS è stato realizzato a Rochèfort, un piccolo paese sulla costa Atlantica, nel nord della Francia, dove alcune famiglie ci hanno ospitato per tutto il nostro soggiorno durato una settimana. La visita era organizzata così: 24/04/2005: Partenza per Parigi. 25/04/2005: Arrivo a Rochèfort. 26/04/2005: La mattina, dopo aver seguito le lezioni scolastiche dei nostri corrispondenti, ci siamo riuniti insieme agli altri studenti europei per presentare le diverse scuole e i lavori, svolti durante gli scorsi anni e soprattutto questo ultimo, inerenti e previsti nel progetto COMENIUS. Nel pomeriggio abbiamo partecipato ad una visita guidata sul battello per ammirare flora, fauna e fortezze in mezzo allOceano; dopodiché ci ha accolto il sindaco del paese per darci il benvenuto.

9 27/04/2005: La mattina abbiamo preso parte a varie lezioni e ci siamo resi conto del funzionamento di altri sistemi scolastici. Durante il pomeriggio abbiamo invece visitato il paese spostandoci con le biciclette ed attraversando il caratteristico ponte che collega le due coste della città separate dal fiume. · 28/04/2005: La mattina era prevista la preparazione di dolci caratteristici dei vari paesi europei, che ci ha permesso di entrare a contatto con le diverse culture straniere.Il pomeriggio ci siamo recati alla Rochelle, un paese molto caratteristico della zona, dove abbiamo potuto visitare la costa, le torri costiere ed il centro storico. Per la sera era stata organizzata una cena al Mc Donalds seguita da una partita a bowling. · 29/04/2005: Abbiamo trascorso lintera giornata sullIle de Ré. La mattina ci siamo recati al parco naturale dove viene

10 fabbricato il sale. Dopo una spiegazione del procedimento con cui questo viene estratto, abbiamo potuto ammirare animali tipici del paesaggio. In seguito abbiamo pranzato sulla spiaggia dove si è potuto visitare il caratteristico faro dellisola. · 30/04/2005: Ritorno a Parigi. · 01/05/2005: Ritorno a Follonica. Chiara Bandini & Giulia Bucci

11 LARRIVÉE SUR LÎLE DU MYSTÈRE L'inspecteur Caponi n'aurait jamais pensé devoir aller sur l' île du mystère. Après avoir debarqué, il s'est aperçu que la description de l' île, qu'on lui avait donnée, était juste: un petit village avec peu de maisons, quelques hôtels pour les touristes en été, pas de magasins. Si d'un côté il savait que le cas était facile à resoudre, il savait aussi que les autorités locales étaient en difficulté et il fallait resoudre le cas avant l'arrivée des journalistes. D'ailleurs la nouvelle était sensationelle: "Veuve âgée disparaît en laissant dans sa maison une lettre et une main" L'inspecteur demanda tout de suite aux policiers à voir les indices. " On a trouvée cette main à la maison de Madame Spagnulo. Dans la cuisine, sur cette table était posée une lettre et sur la lettre cette main".

12 L'officier de police examina la main qui rassemblait à un vieux guant en cuir tout desseché et auquel il manquait l'index. Une grosse bague ornait l'anulaire. Dessus il y avait des dessins bizarres. "Mais on dirait l'île de mystere" "C'est l'île d'Ahmada À l'intérieur de l'anneau se trouvait la phrase "Cui insida fugiet fortuna erit" Il y avait une lettre: "je reviendrai bientôt, tout va bien" une tache rouge couvrait la fin du texte. Hors de la maison, M. Caponi fumait une sigarette, l'île d'Ahmada l'unique indice comprenable. "Cette île n'est pas très loin Jean?" "Non" "qui est la victime?" "Madame Spagnulo, 66 ans veuve depuis 6 ans, pas d'enfants, elle était seule" "Denonçons la disparution, demain on commence à travailler" Le lendemain Caponi arriva à la station de police, il était

13 serein, il avait dormi pas du tout préoccupé. "As-tu fait ce que je t'avais dit Jean?" "Oui tout le monde la connaissait, elle vivait seule dans sa maison, les dernières personnes qui l'ont vue sont monsieur Legrand, madame Dabrowska et monsieur Lefèvre qui a denoncé la disparution.""Enregistrez-les dans la liste des soupçonnés" "Le commissaire, M. Legrand a une paralyse aux jambes, madame Dubrowska est sa servante et elle avait pris le bateau pour Ahmada à l'heure de la disparution" Il fallait suivre l'indice de l' île d'Ahmada. l'île d'Ahmada et l'île de Moussuilou ou l'île du mystère étaient presque égales, deux îles joumelles, peu de maisons, le même vent qui brisait sur les vagues frappant des côtes desertes. La maison de Dubrowska n'était pas si mal, peu d'immeubles, une maison en ordre mais vide et froide. "Connaissez-vous madame Spgnulo?" "Oui Ovide Legrand était son ami, il lui rendait visite et il voulait apprendre la langue et la littérature latines, d'ailleurs elle était professeur. Peut- être la phrase peut nous indiquer l'assasin". Caponi avait 3 indices le latin, la main sans index, la phrase je reviendrai tôt,

14 mais il n'en avait compris aucun. La maison Lefèvre fut le lieu clé des indages, un chien retrouva l'index de la main près du jardin de M. Lefèvre VERBALE DU COMMISSAIRE CAPONI Madame Spagnulo est restée comme toujours à la maison, les voisins ont temoigné. 22 heures: M. Legrand va chez elle avec Dubrowska et ils laissent la maison à heures M. Lefèvre rend visite à Madame Spagnulo, il la tue et il jette le corps, qu'on n'a pas encore trouvé, dans la mer en prenant l'index pur se faire accuser. Il était son amant depuis longtemps mais elle voulait la quitter, elle était en train de partir, c'est pourquoi elle a écrit qu'elle serait retournée. Il voulait être accusé, il nous a laissé la bague, un cadeau à son amant comme épreuve. Le bateau était en train de partir M. Caponi est en train de laisser l'ile maudite mais il y avait une vieille connaissance: "Madame Dubrowska que faites-vous ici?" "Je n'ai plus mon travail, M. Legrand m'a licenciée,.quand l'après midi je le

15 menait chez madame Spagnulo, il était hereux mais le jour après la mort de sa si chère amie il a changé. Les voisins disent qu'ils ne voient que son ombre et celle de la nouvelle servante. Il est plus seul et mysterieux" M. Caponi comprena qu'il y avait des éléments nouveaux et descenda du bateau. Il se promenait devant la maison de Mme Spagnulo. 22 heures M. Lagrande arrive, 23 h Lefèvre "cui fortuna..." c'est Ovide un moment l'après midi. En arrivant devant la maison de Lagrande il trouva Ovide Lefrand et dans sa chaise d'handicappé, le corps mort de Mme Spagnulo, voilà la nouvelle servante avec l'ombre, il guidait sa chaise pour faire se voir par les voisins avec une servante. M. Caponi était encore en train de partir, tous les éléments étaient clairs, l'index était un indice laissé pour blâmer M. Lefèvre, la phrase laissée en latin par Mme Spagnulo pour indiquer l'assasin. Au procès il a confessé mais il n'avait pas de motif pour tuer Spagnulo. "Heuresement on a trouvé le vrai coupable" disaient deux pesonnes près de M. Caponi "Pauvre Lefèvre il avait aussi perdu son travail au bureau d'invalidité" M. Capoin entenda tout et fuma une sigarette. Dario Gavini

16 ONE DAY MISS SANDY COAST MET MR. ROCKY ISLAND… They were on an exotic island in the Pacific Ocean. She was a marine biologist, who was there for some research. Like Sandy, Rocky was on that island because of his job. When they met, they didnt like each other at all. Later on, one day their boss suggested them to go on a cruise around the island to watch the environment. They saw such a wonderful landscape, lots of fish, dolphins, colourful sea creatures, transparent and clean water, white sand… everything there made the environment so romantic… so that they fell in love and stayed there for ever. Alice Benini & Sara Lorenzelli

17 ONE DAY MISS SANDY COAST MET MR. ROCKY ISLAND… And they fell in love immediately, but they were so different that it was very hard for them to get on well together. One of them had to change his or her behaviour. Sandy went to a witch who might have helped them, Miss Wet Sea. Unluckily, Miss Sea was really wicked and hated people in love. So… with her powers, she made a potion for the couple and they started changing… not in their behaviour but in their physical appearance… Rocky became an elephant and Sandy became a butterfly. When they realized it, they started crying but they still loved each other… Now you can see them together: he carries her on his left ear, where she sings for him… Martina Cenerini & Julia Ann Cook

18 ONE DAY MISS SANDY COAST MET MR. ROCKY ISLAND… Miss Sandy was on the beach and she was looking at the sea, when she realized she was not alone. Mr. Rocky Island was sitting near her on the sand. Her holiday was almost over and she hadnt visited any particular places yet, so she asked the young man about the island and its coasts. He was surprised by the questions she asked, but very happy of it and wanted to show her the beauties of his island. She understood he was a special person for her, somebody very different from the common people she met every day in her town. In those few days she visited wonderful places, something she had never thought they could exist in the world, so peaceful and colourful, she was in Heaven! She felt like that! But then she had to leave and go back to reality. Rocky gave her a present on the day she left: a small box with sand and shells in it… Now she is in New York, watching it, smelling it, thinking of it… Rachele Micheli & Lucia Capanni

19 ONE DAY MISS SANDY COAST MET MR. ROCKY ISLAND AND… (beginning given by the English teacher and to be continued…) it was love at first sight. They met on the beach when the sun went down. They were walking with their dogs. The dogs liked each other, so the owners met each other too. They walked for a long time along the beach. What did they see there? It was a door. What was a door doing there? The two of them were very curious so they went to it, walked around it and opened it. There was a cave, but they couldnt see through. The cave was very dark, Sandy was frightened but Rocky went in. When he said it was safe, Sandy followed him. They couldnt see anything till Rocky turned his flashlight on. Then they looked up: thousands of bats, thats what they saw. They wanted to go back but the door wasnt there anymore. Sandy began to scream but shed better not because she woke up all the bats which started flying all around them. The dogs tried to bite the bats, but they didnt manage. Sandy and Rocky started running and the dogs followed them.

20 The cave looked like a labyrinth to them, when they saw a light, a big light and they walked towards it. Rocky saw a house, and there was something written on the carpet in front of the door: YOU ARE NOT WELCOME HERE. Then, sandy used her magic powers to link Rocky with a rope. Whats going on? Rocky thought. The house was very old and it had spiders all over it. Jimmy… prepare the potions… I have another one… Do what Ive just told you, please… Sandy said to a sort of dwarf which was coming out of a hole. What are you going to do, Sandy? Rocky asked Sandy, but before she could answer, he shouted in horror… Her face had become green and her skin old and wrinkled… Dont you like my new look? I need you blood… If I dont suck it, Ill die…But dont worry… it is not so bad… Are you adjusting your aspect for the dwarf? said he laughing, but she answered: No… Would you like to hear my story?

21 Many years ago I was a common human being, as you are, but I behaved badly and I met a witch. She liked me because of my bad behaviour towards the other people and put a spell on me. I would be a witch too, like her, with special powers. At the beginning I liked it… it was fun, but when I realized I had to suck blood to go on living… then I didnt like it anymore. Blood makes me immortal. If I want to be a mortal human being again I have to find someone who kisses me when I show him my ugly appearance…but as soon as I become green and old and wrinkled… nobody wants to kiss me anymore… Rocky saw a tear coming down her cheek and kissed her. He kissed her in spite of her appearance, her green colour and her wrinkles, he kissed her because of the sweetness he saw in her eyes and she turned as she was when they had met on the beach… the dwarf disappeared and the dogs came to live again, from the stoned immobility they had experienced when they entered the house. Giulia Bucci from Follonica and Martine Niezink from Groningen )

22 TRADUZIONE di Serena Peruzzo e Naima Cantini. Un giorno, la signorina Sandy Coast incontrò il Signor Rocky Island e… fu amore a prima vista! Sincontrarono su una spiaggia, al tramonto. Stavano passeggiando con i loro cani. I cani si piacquero, così anche i loro padroni sincontrarono. Camminarono a lungo sulla spiaggia. Cosa videro? Una porta. Che ci faceva lì una porta? I due erano molto incuriositi, così andarono verso quella porta, le girarono attorno, poi laprirono. Cera una caverna, ma non riuscivano a vedere niente. La grotta era molto buia. Sandy era terrorizzata, ma Rocky entrò. Quando lui disse che il posto era sicuro, Sandy lo seguì. Non riuscivano a vedere nulla, ma poi Rocky accese laccendino. Guardarono in alto: migliaia di pipistrelli fu ciò che videro. Volevano tornare indietro ma la porta era sparita. Sandy cominciò ad urlare, ma, così facendo, svegliò tutti i pipistrelli che ora volavano attorno a loro. I cani tentarono di morderli, ma non vi riuscirono. Sandy e Rocky cominciarono a correre, seguiti dai cani. La caverna pareva un labirinto, quando, ad un tratto, videro una grande luce e vi corsero incontro. Rocky vide una casa, sul cui zerbino era scritto: Qui non siete i benvenuti!

23 Allora Sandy usò i suoi poteri magici per legare Rocky con una corda. Che succede? pensò Rocky. La casa era vecchia e piena di ragnatele. Jimmy… prepara la pozione… ne ho un altro… fa ciò che ti ho detto, per favore…disse Sandy ad una specie di gnomo che uscì da un buco. Cosa hai intenzione di fare? chiese Rocky, ma prima che lei potesse rispondere urlò dorrore. La faccia della sua amica era diventata verde e la sua pelle vecchia e rugosa. Non ti piace il tuo nuovo aspetto? Ho bisogno del tuo sangue per vivere… se non lo succhio… muoio… ma non preoccuparti… non è così male… Cambi il tuo aspetto per uno gnomo? disse lui ridendo, ma lei rispose No… Vuoi conoscere la mia storia? Molti anni fa ero un essere umano come te, ma ero malvagia ed incontrai una strega alla quale piacque la mia malvagità verso le altre persone, così mi fece un incantesimo. Sarei anche io diventata una strega, come lei, con poteri speciali.

24 Allinizio mi piacque, era divertente, ma quando capii che per vivere dovevo succhiare sangue non mi piacque più. Il sangue mi rende immortale. Se voglio tornare ad essere umana devo trovare qualcuno che mi baci quando gli mostro la mia bruttezza… solo che, appena divento verde, vecchia e piena di rughe… nessuno vuole più baciarmi… Rocky vide una lacrima scendere dalla sua guancia e la baciò; lo fece, nonostante il colore e le rughe del suo viso; la baciò per la dolcezza che vide nei suoi occhi e lei tornò ad essere quella che aveva incontrato sulla spiaggia… Lo gnomo sparì e i cani, che erano rimasti pietrificati entrando nella casa, ripresero a muoversi.

25 In the summer of 1988, four kids, Will, Grace, Karen and George decided to go sailing to have a quiet week. So they travelled along the British coast. They spent some days enjoying themselves and relaxing. One night, while they were all sleeping, a storm started and the boat changed its course. Karen woke up but she didnt know what to do and she called her friends. Everybody tried to stand the boat on the right course. The storm was so violent that the boat wrecked, but they saved themselves using a lifeboat. Next morning they landed on the coast of a desert island… (One class from Follonica) Grace was the first one who woke up. She didnt remember how she got there. Then she remembered the storm and the wrecked boat, but where were her friends? She stood up and looked around, she saw Karen and George, but where was Will? She ran to Karen and George. She shook them awake. Karen! George! George opened his eyes first. What happened? he asked. We are washed ashore! Grace screamed. Karen woke up too.

26 What? she asked. We are washed ashore! Grace screamed again but that doesnt matter, now… I cant see Will… Dont panic! George said we will find him… Lets take a look at the island… George went on. They walked along the water. Then Karen shouted: There he is… Eline Groenewold from Groningen He was on the beach and looked like dead. He didnt move and the water was covering him. His friends quickly went to his body to try to wake him up but they couldnt. Look! George said Hes still breathing! So they decided to take him with them to a safer place and they built a sort of hut on the island. They looked for some food and anything which could help them to keep their friend alive. Grace spent most of her time with Will, she spoke to him even if he was not hearing her. One day, while she was talking to him, he uttered her name… it was love… The four youngsters became accustomed to the island and started enjoying themselves there, like in a sort of wonderful paradise but gradually they began homesick and wanted to see their families again.

27 One day they were all walking on the island when they saw a building which they had never seen before and a man on its roof. They went to that house and knocked on its door. No answer… Look! The window on the right is open! Lets jump into! They were in the living room. Everything there had no sign of life… till they saw… some blood dropping down from the table onto the floor… George went to it and tasted it… it was human blood… Just in that moment the window closed and Grace shouted. The door was locked and there was no other way out of the house. Lets go upstairs! Will said. But there was even more blood coming down from the stairs… Maybe the man who was on the roof needs a help… he hurt himself… he is wounded!!! said Karen. So she entered the bedroom where all the blood was coming from and she saw a young man, his face was bleeding badly but he could breathe and even talk… He showed the four youngsters the way to go out of the house and they went to the hut. There is a strange monster on the island said the young man he comes at

28 night… and hurt people on their face… He looks like a man but has long nails and long hairs on his arms… We must escape then… and look for someone who can help us… how can we leave the island? Karen said. I know how to escape, even if it is very dangerous. There is a boat, the monsters boat It is in the forest, near its cave. Said the young man. OK. Lets go then. They took some food and started walking. It was a long way to the cave: they were attacked by a tiger, a monkey tried to steal their food, lots of poisonous snakes around… but the young man was brave and clever, he knew how to cope with wild animals and they succeeded in finding the cave and the boat. They even killed the monster and were able to go back to the continent, where they were celebrated as heroes. VD from Follonica

29 Traduzione di Sara Bartalucci, Filippo Galli, Caterina Madeo. Nellestate del 1988, quattro ragazzi, Will, Grace, Karen e Gorge, decisero di andare in barca a vela per trascorrere una settimana in pace. Così, viaggiarono lunga le coste britanniche. Passarono alcuni giorni divertendosi e rilassandosi. Una notte, mentre tutti dormivano, ci fu una tempesta, e la barca cambiò rotta. Karen si svegliò, ma non sapeva cosa fare, così chiamò i suoi amici. Tutti provarono a riportare la barca sulla giusta rotta… ma la tempesta era così violenta che la barca fece naufragio… si salvarono con una scialuppa di salvataggio… La mattina seguente approdarono sulla costa di unisola deserta… Grace fu la prima a svegliarsi. Non si ricordava come fosse finita lì. Così si ricordò della tempesta e della nave affondata… ma dove erano i suoi amici? Salzò in piedi e si guardo attorno… vide Karen e George, ma dove era Will? Corse dagli altri e li scosse con forza per svegliarli. Karen! George! George aprì gli occhi per primo. Che è successo? chiese. Le onde ci hanno sospinto sulla spiaggia! gridò Grace.

30 Karen si svegliò. Cosa? chiese. Le onde ci hanno sospinto sulla spiaggia! Grace gridò di nuovo. Ma questo adesso non ha importanza… non riesco a vedere Will… Niente panico! disse George lo troveremo… Diamo unocchiata allisola… George sincamminò. Camminarono lungo la riva. Improvvisamente, Karen gridò: Eccolo! E qua…! Era sulla spiaggia e pareva morto. Non si muoveva e lacqua lo ricopriva. Velocemente, i suoi amici accorsero attorno al suo corpo esanime, per provare a rianimarlo, ma non ci riuscirono. Guardate! disse George respira ancora! Così decisero di portarlo con loro in un posto più sicuro e costruirono una specie di capanna sullisola. Cercarono del cibo e tutto quel che li poteva aiutare a tenere in vita il loro amico. Grace passò molto tempo con Will, parlandogli anche se lui non riusciva a sentirla. Un giorno, mentre lei gli stava parlando, il ragazzo invocò il suo nome… era amore…I quattro ragazzi si abituarono allisola e cominciarono a divertirsi, come in una sorta di paradiso meraviglioso, ma, poco a poco, cominciarono ad avere nostalgia. I quattro ragazzi si abituarono allisola e cominciarono a divertirsi, come in una sorta di paradiso meraviglioso, ma, poco a poco, cominciarono ad avere nostalgia di casa e a desiderare di vedere ancora le loro famiglie.

31 Un giorno, mentre stavano camminando sullisola, videro un edificio che non avevano mai visto prima, ed un uomo sul tetto. Savvicinarono alla casa e bussarono alla porta. Nessuna risposta… Guarda… la finestra sulla destra è aperta… saltiamoci dentro! Si trovarono nel soggiorno, niente, lì, dava segni di vita… finchè videro… del sangue gocciolare dal tavolo sul pavimento… George savvicinò e lassaggiò… era sangue umano… Proprio in quellistante la finestra si chiuse e Grace fece un urlo, la porta era chiusa a chiave e nella casa non cerano altre uscite… Andiamo di sopra! disse Will. Ma ancora più sangue scorreva dalle scale… Forse luomo che abbiam visto sul tetto ha bisogno daiuto… sè fatto male… è ferito…!!! disse Karen. Così entrò nella stanza da letto da dove veniva tutto quel sangue e vide un ragazzo, la sua faccia sanguinava gravemente, ma riusciva ancora a respirare ed a parlare… Mostrò ai quattro ragazzi il modo di uscire dalla casa e loro andarono alla capanna. Cè uno strano mostro sullisola – disse il ragazzo – viene di notte e colpisce le persone in faccia… sembra un uomo ma ha lunghe unghie e lunghi peli sulle braccia…

32 Allora dobbiamo fuggire… e cercare qualcuno che ci aiuti… come si può lasciare lisola? disse Karen. Io so come fugire, anche se è molto pericoloso. Cè una barca, la barca del mostro. E nella foresta, vicino alla caverna. Disse il ragazzo. Ok. Andiamo, allora! Presero del cibo e cominciarono a camminare. La caverna era molto lontana, furono attaccati da una tigre, una scimmia provò a rubargli il cibo, stanti serpenti attorno… ma il ragazzo era coraggioso, sapeva come trattare gli animali selvaggi ed infine riuscirono a trovare la caverna, e la barca. Uccisero anche il mostro e ce la fecero a tornare sul continente, dove vennero trattati come eroi.

33 LISOLA DI ARTURO L Isola di Arturo di Elsa Morante, scritto nel 1957, è un romanzo ambientato nellisola di Procida, nel golfo di Napoli, dove Arturo, il protagonista, trascorre la sua infanzia e adolescenza, ed è proprio lui che, ormai adulto, rivive con un misto di nostalgia ed ironia quel periodo magico della sua vita e lo narra in prima persona. Orfano della madre, e con il padre continuamente assente per misteriosi viaggi, Arturo trascorre uninfanzia solitaria, ma allo stesso tempo libera e felice, accompagnato dalla sua unica amica, la cagnolina Immacolatella, e dalla letture di grandi opere che accrescono la sua fantasia e la sua voglia di viaggiare per il mondo. Tutta la sua esistenza ruota attorno alla figura idealizzata del padre che, proprio per il suo freddo distacco, assume agli occhi del bambino unaura mitica, quasi divina. A rompere questo equilibrio e a dare una svolta irreversibile alla vita di Arturo sarà larrivo di Nunziatina, la nuova e giovanissima moglie del padre, per la quale il ragazzo proverà sentimenti contrastanti: prima una forte gelosia, dettata dalla perdita di attenzione da parte del padre, in seguito attrazione.

34 Tra loro non ci sarà niente di più che un unico fatale bacio, ma Arturo porterà con sé questo amore, dapprima reputato materno, fino al momento della sua partenza. Ormai cresciuto, Arturo ha conosciuto la morte (la sua cagnetta), il sesso, lamore e soprattutto il sentimento più doloroso: la triste scoperta che il padre non è affatto leroe mitico da lui sempre divinizzato, ma un uomo squallido e debole, succube di alcuni delinquenti. E questa lultima tappa che porta Arturo a lasciare la sua amata isola, quel rifugio sicuro che aveva rappresentato il mondo intero, per seguire il suo vecchio balio Silvestro verso la guerra. Lisola ha un ruolo predominante nel romanzo, è una costante nei ricordi del giovane protagonista, e si carica di significati profondi e nascosti; il topos dellisola diviene qui il simbolo dellinfanzia, delle certezze, del nido materno allinterno del quale Arturo cresce. Lisola rappresenta inoltre il momento della scelta: il passaggio dalla dimensione infantile alla maturità, la partenza verso lignoto, la fine di quel paradiso spensierato di giochi, gite in barca e avventure in giro per Procida e la presa di coscienza della realtà, gettandosi ad occhi chiusi nella vita. Lisola di Arturo è quindi un romanzo di formazione, e la scelta finale del protagonista di lasciare lisola avventurandosi nel mondo non è che il punto di arrivo di tutte quelle prove che leroe-ragazzo Arturo ha dovuto superare, da solo, sin dallinfanzia Sara Lorenzelli & Sara Bartalucci

35 Isole Questo è il racconto di due uomini dalle vite opposte, inconsapevoli del destino, molto simile, che segna le loro esistenze. Un agente di custodia prossimo al pensionamento, come ultimo servizio, ha il compito di scortare un carcerato affetto da un male incurabile, il quale è consapevole che la traversata per mare verso lospedale sarà il suo ultimo viaggio. I brevi ed improvvisi dialoghi tra i due personaggi, volutamente inseriti nel racconto senza ricorrere alle virgolette, non ci informano sulla loro vita privata, la quale invece emerge da monologhi interiori e incessanti flussi di pensieri che lasciano trapelare emozioni, sentimenti e timori. Dai loro pensieri emerge un senso di solitudine, malinconia e angoscia dovuto alla consapevolezza di ciò che li aspetta, infatti, entrambi percepiscono che qualcosa di grande e temibile sta per cambiare le loro vite. I due protagonisti hanno in comune un ultimo viaggio che li porterà verso due realtà finora a loro sconosciute: la vecchiaia per il carceriere pensionando e la morte per il detenuto. Lagente di custodia teme la vecchiaia perché rappresenterebbe una totale solitudine per lui. Fino a quel momento il suo lavoro gli aveva permesso di stare a contatto

36 con le persone, ma il pensionamento lo lascerà solo con la sua malinconia, dato che la moglie amata è morta da molto tempo e la figlia vive lontano con la propria famiglia. E proprio alla sua Maria Assunta che affida i suoi pensieri, tramite una lettera nella quale descrive la sua idea di allevare cincillà, un progetto con il quale spera di colmare il vuoto e la grande solitudine ormai prossimi. Anche il detenuto, cosciente della morte che sta per raggiungerlo, sente il bisogno di affidare i suoi pensieri, in questo caso sconosciuti al lettore, ad una donna (questo è uno dei parallelismi tra i due personaggi, presenti nel racconto). I due uomini si scambiano qualche parola proprio quando il carcerato chiede allagente di custodia di inviare la sua lettera senza farla passare dallufficio della censura. In questa occasione avviene una sorta di scontro tra i due, che cercano entrambi di far valere la propria presenza luno sullaltro ottenendo solo un po di imbarazzo. I due, infatti, riconoscono di essere due persone totalmente diverse per quanto riguarda la vita professionale, ma ignorano le analogie tra le loro esistenze. Entrambi sono soli, e proprio la profonda solitudine che incombe sulluomo è il tema centrale del racconto. Lanalogia più importante tra i due protagonisti è il loro ultimo

37 viaggio: una traversata per mare che va da un penitenziario di un isola dellarcipelago toscano ad un ospedale sulla costa di Livorno. Sullo sfondo, quindi, il mare, spazio immenso e aperto che contribuisce a rendere latmosfera del racconto sospesa. Tabucchi, come lascia intendere dal titolo, considera i protagonisti due isole, piccole, sole ed inermi nei confronti dello sconfinato mare, ignoto e misterioso come il destino che li attende. (ISOLE, tratto da PICCOLI EQUIVOCI SENZA IMPORTANZA di A. TABUCCHI, Feltrinelli, Milano, 1986) Michela Iseppi

38 A Zacinto LAutore del sonetto A Zacinto è Ugo Niccolò Foscolo, massimo rappresentante della letteratura italiana alle soglie del romanticismo. Lopera, del 1803, appartiene alla linea romantico- autobiografica della sua produzione letteraria,la quale comprende le Ultime lettere di Jacopo Ortis (1798,1802,1816), i sonetti In morte del fratello Giovanni e Alla sera(1803), ed infine il carme Dei Sepolcri(1807).

39 A Zacinto Ne più mai toccherò le sacre sponde Ove il mio corpo fanciulletto giacque, Zacinto mia, che te specchi nellonde del greco mar da cui vergine nacque Venere, e fea quelle isole feconde Col suo primo sorriso, onde non tacque Le tue limpide nubi e le tue fronde Linclinto verso di colui che lacque Cantò fatali, ed il diverso esiglio Per cui bello di fama e di sventura Baciò la sua petrosa Itaca Ulisse Tu non altro che il canto avrai del figlio, o materna mia terra; a noi prescrisse il fato illacrimata sepoltura. Ugo Foscolo 1803

40 Nel sonetto, Foscolo riflette sul fatto che non riuscirà mai più a toccare le sacre sponde, cioè a ritornare nella sua isola natia, Zacinto, dalle cui acque nacque Venere che,con un solo suo sorriso, riuscì a rendere fertili le sue terre. Foscolo paragona il suo errare a quello delleroe greco Ulisse, sottolineando, però, la differenza fondamentale: mentre il fato consentirà alleroe di ritornare alla sua petrosa Itaca, Foscolo avrà soltanto una sepoltura illacrimata. Foscolo prevede infatti che, a causa della sua condizione di esule, non potrà tornare neanche dopo la morte nella sua terra, alla quale potrà dedicare solo il suo canto, dal momento che il destino gli ha predetto una sepoltura in terra straniera, dove nessuno potrà piangere sulla sua tomba. La poesia è un sonetto composto da due quartine e due terzine. I versi sono degli endecasillabi formati da un settenario ed un quinario divisi dalla cesura. Lo schema delle rime è ABAB, cioè alternato. Vi è un unico blocco sintattico composto da 11 versi che comprende le due quartine e la prima terzina,a cui segue un enunciato che occupa solo lultima terzina. La divisione tra le strofe è caratterizzata dalla presenza di enjambements (nacque // Venere; lacque // cantò;ecc..), che legano semanticamente lultimo verso di una strofa, con il primo verso della strofa successiva.

41 Tale schema ritmico viola lo schema tradizionale del sonetto, il quale vorrebbe coincidenza di periodi sintattici e strofe. Il poeta mira a costruire un discorso lirico che si modelli sullandamento inquieto della passione soggettiva, non sui canoni istituzionali della forma metrica imposti dalla tradizione. Lopera, ricca di congiungimenti sintattici (ove, che, e, ecc..), risulta ininterrotta. Vi troviamo anche un impianto sintattico circolare che occupa le prime tre strofe: il concetto del primo verso viene ripreso dallultimo. La circolarità della struttura è omologa al ritorno dei due personaggi al punto di partenza: il ritorno a Itaca di Ulisse è reale, mentre quello di Foscolo è ideale, ed avviene soltanto mediante il canto. A livello retorico possiamo osservare la presenza di molti enjambements che spezzano il discorso anche nella strofa successiva. È presente una forte ripetizione della parola ONDE,che compare anche allinterno di altre parole (spONDE, ONDE,fecONDE,frONDE, ecc..). molti termini si riferiscono allacqua, intesa come elemento primordiale. La meditazione sulluomo e sul significato della vita,ci riconduce ad un altro elemento primo,complementare a quello dellacqua, la TERRA. Lo possiamo vedere nelle immagini dellisola ricoperta di fronde, nella Itaca petrosa.

42 Lacqua, Zacinto, la terra, la poesia, vengono unite tra loro nella rappresentazione. Ci sono poi alcuni esempi di sineddoche: le onde lasciano intravedere la superficie marina increspata ricoperta dalla schiuma da cui nascerà Venere. Le fronde degli alberi sembra che moltiplichino la vegetazione dellisola, fino a portarla ad essere selvosa (più suggestiva della petrosa Itaca). Le stesse acque diverranno poi fatali perché da esse nascerà la dea della bellezza,Venere. Il registro lessicale è alto, letterario, in sintonia con i contenuti. Alcune scelte lessicali fanno trasparire il legame con il mondo classico: Zacinto = Zante; fea = faceva; diverso : puro latinismo(allude alle continue peregrinazioni che hanno portato Ulisse e Foscolo lontani dalla terra natia).

43 APPROFONDIMENTI LESSICALI VENERE Venere è le Dea dellamore, della bellezza e della fecondità, chiamata presso i greci Afrodite, nome il cui significato è nata dalla spuma delle onde. Secondo il mito, infatti, la figlia del Mare e del Cielo nacque dalla schiuma delle acque del Mar Ionio in un luminoso mattino di primavera. La Dea emerse in posizione eretta allinterno di una conchiglia, i biondi e i lunghi capelli e i candidi veli, le venivano scompigliati dalla brezza, mentre due Zefiri la sospingevano delicatamente verso la riva, perché le Ore la detergessero dalla salsedine. Infine un carro di alabastro, trainato da colombe, la trasportò nella sede dei celesti. Questa magica apparizione che induce al sogno, è stata perfettamente riprodotta da Botticelli in un celebre quadro intitolato La nascita di Venere. Tale è stato il fascino esercitato da questa figura su artisti, poeti e uomini comuni che ne è stato perfino coniato il verbo. Il verbo venerare indica infatti riverenza e rispetto, come quello dovuto ad una cosa sacra, perché la bellezza di una donna è stata sempre talmente avvincente da essere considerata alla stregua del sacro.

44 ULISSE Ulisse non è, come Venere, una figura mitologica, bensì una figura epica. Egli infatti è il protagonista del poema omerico l Odissea. Ulisse è il re di Itaca, figlio di Laerte, marito della fedele Penelope e padre del coraggioso Telemaco. Egli è lEroe greco più astuto, lideatore del gigantesco cavallo di legno con il quale riuscì ad espugnare Troia. Foscolo lo ha citato perché entrambi hanno un elemento in comune: entrambi amano la propria patria e sono costretti a starne lontani. Il poeta, quando nel 1814 cadde il regno italico, decise di non prestare giuramento alle autorità austriache, che gli avevano offerto la direzione di una nuova rivista letteraria, e fuggì in Svizzera. Ricercato dal governo austriaco,due anni dopo, cercò riparo in Inghilterra fino al 1827, anno della sua morte. Leroe omerico, invece, non riesce a tornare in patria a causa delle avversità causategli dagli dei, primo tra tutti Nettuno, il dio del mare. Il lungo naufragare di Ulisse nelloceano, le sue molteplici peripezie durante il viaggio di ritorno a Itaca contribuiscono a far incarnare in questa figura epica, valori come la forza, lastuzia, la fedeltà, la pietà e lamicizia. Grazie ai suddetti valori, infatti, leroe è riuscito a far ritorno alla sua adorata Itaca e dalla sua amata famiglia. È questa la differenza tra le due personalità: Foscolo prova un sentimento di invidia nei confronti di Ulisse in quanto questultimo è riuscito a

45 tornare in patria e, così facendo, ha lopportunità di esservi sepolto, destino che non tocca il poeta, il quale verrà sepolto in Italia soltanto quarantanni dopo la sua morte. Il riferimento ad un protagonista epico testimonia lammirazione del poeta italiano nei confronti della letteratura classica e dello scrittore che avviò il processo inarrestabile di approfondimento della conoscenza psicologica, sociale e fantastica delluomo. Alessandra Deluca & Francesca Tomaselli

46 Lisola 1 A una proda ove sera era perenne di anziane selve assorte, scese, e sinoltrò e lo richiamò rumore di penne 5 cherasi sciolto dallo stridulo batticuore dellacqua torrida, e una larva (languiva e rifioriva) vide; ritornato a salire vide 10 chera una ninfa e dormiva ritta abbracciata a un olmo. In sé da simulacro a fiamma vera errando,giunse a un prato ove

47 lombra negli occhi saddensava 15 delle vergini come sera appiè degli ulivi; distillavano i rami una pioggia pigra di dardi, qua pecore serano appisolate 20 sotto il liscio tepore, altre brucavano la coltre luminosa; le mani del pastore erano un vetro levigato da fioca febbre. Giuseppe Ungaretti, (Vita dun uomo)

48 ANALISI DEL TESTO: La poesia fa parte della raccolta Sentimento del tempo è stata scritta nel 1925, momento in cui Ungaretti decide di tornare alle forme metriche tradizionali, ed è costituita da versi liberi, con prevalenza di settenari, novenari ed endecasillabi. Lelemento che la caratterizza è il senso di immaterialità, che percorre tutto il testo fino alla fine. Un soggetto indeterminato si muove allinterno del testo risalendo da una riva avvolta in unoscurità infinita, ad un prato accarezzato dal tepore del sole, per poi infine essere catturato dallimmagine delle mani di un pastore imperlate da un velo di sudore. Le mani del pastore,che possono rimandare a qualcosa di materiale, sono identificate in un vetro levigato, che dà comunque il senso di immaterialità. La prima parte della poesia trasmette al lettore unidea di agitazione, caratterizzata dal rumore delluccello che si alza impetuosamente dallacqua; la seconda parte comunica, invece, uno stato di serenità dovuta soprattutto alla luminosità delle immagini. La struttura lessicale è caratterizzata dalla ricerca di un periodare più complesso rispetto a quello delle precedenti esperienze poetiche dellautore, addirittura lussureggiante, raffinato e prezioso, che recupera i moduli della tradizione, rinnovandone tuttavia i

49 risultati. Il procedimento di astrazione riguarda il riferimento a elementi tipici della letteratura arcadica e neoclassica: le ninfe, il prato, le greggi, il pastore. La figura retorica più evidente nel testo è la sinestesia che si rintraccia al v.20 liscio tepore, al v. 23 con le mani del pastore di vetro levigato da fioca febbre. La parola simulacro con la sua molteplicità di significati (ritratto, immagine lontana, ombra, larva, spettacolo) riesce quasi a riassumere in sé tutte le immagini dellintera poesia. Limmagine dellisola, cui rimanda il titolo della poesia, è irreale: non ci sono riferimenti geografici e spaziali che possano renderla riconoscibile o rintracciabile. Ungaretti stesso ha dichiarato che il paesaggio è quello di Tivoli. Perché Lisola? Perché è il punto dove io mi isolo, dove sono solo: è un punto separato dal resto del mondo, non perché lo sia in realtà, ma perché nel mio stato danimo posso separarmene. Irene Bartoli & Elisa Fabbretti

50 Questo territorio è unisola che la natura ha racchiuso in confini immutabili. E il territorio della verità (nome seducente), circondata da un ampio e tempestoso oceano, in cui ha la sua sede più propria la parvenza, dove innumerevoli banchi di nebbia e ghiacci creano ad ogni istante lillusione di nuove terre e, generando sempre nuove ingannevoli speranze nel navigante che si aggira avido di nuove scoperte, lo sviano in avventurose imprese che non potrà né condurre a buon fine né abbandonare una volta per sempre. [Kant, Critica della Ragion Pura, B ] Kant fu il filosofo della ricerca del fondamento della scienza nel 1700 e lisola descritta in questo frammento rappresentava proprio la conoscenza scientifica certa e fonte di verità assolute, la quale, in quanto certa possiede dei limiti, vale a dire dei confini di validità, immutabili e prestabiliti. Loceano che la circonda non era altro che la metafisica, opposta alla scienza e dominata dalla parvenza, dalle illusioni che questa crea per dare alluomo limpressione d'essere anchessa una conoscenza certa. Tuttavia, nonostante le immagini illusorie create dal mare si rivelino sempre per ciò che sono, luomo non riesce a distaccarsi completamente dalla metafisica.

51 Il primo obiettivo dellindagine filosofica kantiana fu proprio quello di verificare se la metafisica potesse essere annoverata fra le scienze. Per raggiungere questo scopo Kant dovette fare un'analisi critica della conoscenza, dovette in altre parole, stabilire i suoi limiti di validità. Da quest'analisi risultò che la conoscenza umana è il risultato della sintesi tra materia e forma, dove la materia è la molteplicità caotica e mutevole delle intuizioni che provengono dallesperienza, e la forma è linsieme dei criteri fissi e a priori secondo i quali la mente umana determina i rapporti delle percezioni. Nella Critica della ragion pura Kant identificò tre facoltà: a)sensibilità, per cui gli oggetti sono dati intuitivamente tramite i sensi e le forme a priori;b)intelletto, per cui i dati sensibili sono pensati tramite i concetti puri, o categorie;c)ragione,per cui la spiegazione della realtà avviene attraverso le tre idee di anima, mondo e Dio al di là dellesperienza. Al termine della Critica della Ragion Pura la ragione fu riconosciuta come lo strumento della metafisica che Kant esclude dalle discipline scientifiche, pur riconoscendo la sua importanza nella storia e nella cultura delluomo. Due secoli più tardi la legge della relatività di Albert Einstein capovolge la visione del mondo e della scienza, che da verità assoluta divenne probabile.

52 Il punto di partenza filosofico della rivoluzione scientifica del 900 è la critica al principio di causalità fatta da Hume nel 1700 che ebbe come conseguenza la messa in discussione delluniformità della natura sostenendo che la necessità del rapporto causa\effetto è in realtà data dallabitudine. Ora, negare luniformità della natura equivale a negare uno dei presupposti filosofici del metodo Galileiano e quindi alla negazione della certezza assoluta in campo scientifico. Karl Popper è per Einstein quello che Kant era stato per la scienza newtoniana e la sua filosofia parte proprio dalla ricerca di una linea di demarcazione tra scienza e non scienza. In contrapposizione con il neopositivismo del circolo di Vienna, per il quale un enunciato può essere considerato scientifico nella misura in cui può essere verificato ( principio di verificabilità o verificazione), Popper introduce come criterio di demarcazione il principio di falsificabilità per cui una teoria può dirsi scientifica nella misura in cui può essere confutata, vale a dire solo se esiste un falsificatore potenziale. Non si tratta tuttavia di un falsificazionismo ingenuo o dogmatico: nellottica della ricerca, infatti, nessuna smentita può essere considerata definitiva o certa e una teoria confutata non è automaticamente espulsa dal corpo scientifico, ma vi rimane fino al momento in cui non è sostituita da una teoria più utile.

53 E' questo lelemento caratterizzante della scienza dopo la seconda rivoluzione scientifica: lutilità alla comprensione della realtà. Sempre in linea con la critica al neopositivismo, inoltre, Popper precisa che la falsificabilità non è un criterio di senso per distinguere le teorie che ne hanno da quelle che non ne hanno, bensì un mezzo per distinguere, allinterno delle teorie significanti, quali siano scientifiche e quali no, rivalutando in questo modo la metafisica relegata in secondo piano dai positivisti prima ancora che dal circolo di Vienna. Per Popper e lepistemologia del 900 lisola diventa il regno dellincertezza e della possibilità; i suoi confini ora sono mutabili; non costituisce più il porto sicuro per il navigante poiché loceano stesso perde quei connotati che lo rendevano pericoloso e ingannevole diventando uno spazio ampio dove regnano la verità assoluta e la certezza. Serena Peruzzo

54 A causa della politica espansionistica di Hitler, nel 1943, gran parte dellEuropa era sotto il suo dominio. In modo particolare lItalia di Mussolini e la Francia di Petain erano soffocate dalla presenza tedesca. Le forze alleate, tra cui gli Stati Uniti, dovevano intervenire. Nel 43 durante lincontro di TEHERAN Churchill e Roosvelt iniziarono a progettare un piano di liberazione del territorio francese: LO SBARCO IN NORMANDIA. Loperazione, nome in codice OVERLORD, iniziò con lo sbarco anfibio Alleato sulle spiagge della costa normanna allalba del 6 giugno 1944, una data nata come D-DAY, e continuò nelle settimane seguenti con una campagna terrestre che aveva lo scopo di stabilire ed espandere la testa di ponte in Normandia. Inizialmente, però, il raggio dazione degli Alleati prevedeva lattacco sulle spiagge del Pas de Calais (le caratteristiche geografiche ne avevano ridotto le scelte). Ma nonostante Lo sbarco in Normandia

55 offrisse spiagge migliori rispetto alla Normandia e un facile accesso alla Germania, era il punto più probabile dove ci si sarebbe aspettata uninvasione e quindi vi si trovava una difesa tedesca efficiente. Di conseguenza lattenzione degli Alleati si rivolse verso la costa nord della Francia. Le aree geografiche interessate vennero accuratamente mappate e testate, facendo particolare attenzione anche alle condizioni meteorologiche: Tempo sereno, periodo di luna piena e alta marea. Inoltre gli angloamericani per attaccare i tedeschi di sorpresa cercarono di simulare uninvasione al famoso Pas de Calais attuando un piano chiamato operazione Fortitude. Venne creato un fittizio first US Army Group con falsi edifici ed equipaggiamenti, che inviavano falsi messaggi radio. I tedeschi erano ansiosi di scoprire il luogo dello sbarco; a questo proposito si procurarono unestesa rete di agenti che operava in tutta lInghilterra meridionale. Sfortunatamente per loro, ogni singolo collaboratore era stato raggirato dagli Alleati e stava diligentemente inviando informazioni che confermavano il Pas de Calais come probabile punto di attacco. Contemporaneamente il vero piano aveva preso inizio: le armate angloamericane sbarcavano sulle spiagge della Normandia, tra le quali quella di SWORD, di JUNO, GOLD, di OMAHA e di UTAH.

56 La prima divisione aerotrasportata, che entrò in azione subito dopo la mezzanotte, fu quella britannica. Loperazione, considerata uno degli interventi più importanti per landamento della seconda guerra mondiale, non è stata, però, caratterizzata solo da sbarchi via mare, anzi numerosi militari delle truppe alleate vennero paracadutati sul territorio francese e non mancarono flotte aeree di sostegno. In breve tempo, grazie a questi massicci interventi, la Francia era stata liberata dalla presenza tedesca: era il settembre del Alice Benini & Julia Cook

57 La battaglia delle spiagge normanne (giugno – luglio 1944 )

58 LA RIVOLUZIONE CUBANA Alla fine degli anni cinquanta, l'isola aveva quasi raggiunto i sette milioni di abitanti, di cui oltre la metà viveva nei centri urbani, anche se le forti migrazioni dalle campagne si traducevano in occupazioni marginali nel territorio o in mendicità. Cuba si collocava al terzo posto in America Latina quanto a reddito procapite e fra i primi tre sul piano dell'istruzione, della sanità e della previdenza sociale. Il 30% della forza lavoro era disoccupata o sottooccupata e tale percentuale cresceva durante la stagione morta della produzione saccarifera. Le condizioni della popolazione urbana erano di gran lunga migliori di quelle della popolazione rurale sotto molti aspetti, primo fra tutti quello abitativo, dal momento che in campagna il 75% della popolazione viveva in capanne di legno e fango con pavimento in terra battuta. Cuba poteva contare su quattro letti ed un medico per ogni 1000 abitanti, ma la metà dei laureati in medicina esercitava all'Avana. La mortalità infantile nelle campagne era molto superiore alla media nazionale del 6%. Lo stesso analfabetismo, contenuto a meno

59 del 12% nei centri urbani, balzava al 42% nelle aree agricole. L'accaparramento di risorse da parte della città era ben esemplificato dalla capitale, dove viveva oltre un sesto dei sei milioni e mezzo di abitanti dell'isola. Era lì che si riversava la maggior parte dei turisti che annualmente approdavano a Cuba. La presenza così massiccia di visitatori, prevalentemente statunitensi, ebbe due conseguenze di pari importanza: l'assenza da parte della borghesia e del ceto medio di modelli di consumo e valori caratteristici della società nordamericana e la diffusione di locali notturni, case da gioco, prostituzione e tutto un sottobosco ai limiti della legalità. Convinto che la lotta contro Batista non potesse essere condotta all'insegna del legalitarismo, Castro era partito per l'esilio messicano fermamente intenzionato a preparare uno sbarco a Cuba e intraprendere azioni di guerriglia. Allo scopo di trovare fondi per l'impresa e di illustrare il suo programma, Fidel fece un lungo giro di conferenze presso le comunità cubane negli Stati Uniti ottenendo finanziamenti da più parti. L'addestramento dei ribelli venne realizzato in una tenuta agricola poco fuori Città del Messico, dove giunse, tra gli altri, l'argentino Ernesto Guevara, detto "Che". Guevara era approdato in Messico ricco di un lunga esperienza di viaggi in America latina e immediatamente dopo aver vissuto il fallimento dell'esperienza riformista del governo di Jacobo Arbenz in Guatemala, che fece maturare in lui una tenace ostilità nei confronti degli Stati Uniti. Un'incursione della

60 polizia messicana, che arrestò e poi rilasciò i rivoluzionari a patto che lasciassero il paese, costrinse ad anticipare i tempi della spedizione e così la notte fra il 24 e il 25 novembre del 1956 uno yacht di una ventina di metri, il Granma, salpò sovraccarico alla volta di Cuba. Una serie di contrattempi impedì di realizzare il piano d'azione. lo sbarco avvenne con due giorni di ritardo, rendendo inutile la mobilitazione del fronte interno alla data convenuta che avrebbe dovuto distogliere l'attenzione delle forze di repressione. Inoltre i rivoluzionari vennero subito individuati e quindi costretti a dividersi. Solo una ventina di essi riuscì, alla fine, a far perdere le proprie tracce sulla Sierra Maestra, abitata all'epoca da persone, in prevalenza precariato, cioè contadini poveri che quasi sempre occupavano le terre senza titoli di proprietà. In quest'area montagnosa fu organizzato il primo focolaio guerrigliero. Sin dall'inizio i combattenti cercarono di prefigurare il futuro assetto della società cubana attraverso l'autogoverno delle zone controllate militarmente. Grazie alla creazione di "territori liberi" i ribelli cominciarono a esercitare funzioni statali, sia pure in misura ridotta, riscuotendo imposte, amministrando la giustizia, provvedendo all'istruzione, aprendo ambulatori e gestendo la sanità. Tutto ciò attrasse militanti di provenienza rurale, sia contadini che salariati, anche se i quadri dirigenti e intermedi appartenevano quasi esclusivamente alla piccola e media

61 borghesia urbana. L'immediata caratterizzazione rurale avrà un peso determinante nel segnare la futura evoluzione della rivoluzione stessa. Il piccolo gruppo di "barbudos" che agiva sulle montagne risultò dotato di una forte capacità di attrazione, che dipendeva non tanto dalla nitidezza del loro messaggio politico o dalla capacità di stringere alleanze, quanto dalla apparente ineluttabilità della via insurrezionale, a causa degli insoddisfacenti risultati con il ricorso alla via pacifica, e del rifiuto di ogni compromesso. La stessa assenza di un preciso modello cui tendere impedì che emergessero contrasti interni significativi e, unitamente alle operazioni militari incalzanti e alla esiguità del gruppo combattente, finì per concentrare in breve tempo il potere decisionale nelle mani di Fidel. A favore dei ribelli giocò anche una scarsissima motivazione a combattere da parte delle truppe regolari. A difendere il mito dei guerriglieri ed a suscitare simpatie per la loro causa intervenne in buona misura la stampa, specie dopo l'intervista concessa da Castro a Herbert Matthews, giornalista del New York Times nel febbraio del La coerenza e il rigore dei rivoluzionari non impedì loro di avere contatti con altre forze. Una delegazione del Partito ortodosso si recò sulla sierra nel luglio del 1957 e dall'incontro emerse un comunicato congiunto meno avanzato dello stesso programma del La minor radicalità delle richieste non era perciò indice di un ammorbidimento tattico volto ad ampliare il fronte antibatistiano e ciò trovò conferma, meno di tre mesi dopo,

62 nella denuncia del cosiddetto patto di Miami, un documento firmato negli Stati Uniti da vari gruppi di opposizione, fra cui gli stessi rappresentanti del Movimento del 26 luglio. Fidel respinse tale fatto perché giudicato troppo moderato ed incline al compromesso, nonché sostenuto da una ispirazione filostatunitense, mentre nazionalismo ed antiimperialismo rappresentarono principi sui quali i combattenti della sierra non furono mai disposti a transigere. All'interno del fronte castrista le divisioni pur esistenti riguardavano sostanzialmente questioni di strategia, con il fronte impegnato sulla Sierra Maestra che insisteva sulla assoluta priorità della guerriglia e l'ala urbana del movimento che appariva restia ad abbandonare i vecchi sistemi di lotta, forte di una tradizione politica che veniva dagli anni venti. I contrasti fra i due schieramenti esplosero nell'aprile 1958 a causa della decisione del fronte urbano di proclamare uno sciopero generale. L'agitazione fallì clamorosamente anche per la caparbietà con cui fu evitato ogni tipo di accordo con i comunisti. La preminenza della via insurrezionale rurale venne sancita dall'apertura, da parte del Direttorio e dei comunisti, di nuovi focolai guerriglieri sulla sierra Escanlray. Gli studenti giunsero a questa decisione dopo il fallimento dell'attacco al palazzo presidenziale del marzo 1957, conclusosi con la morte di parecchi militanti; i comunisti, tra la cui base già da tempo si erano levate voci favorevoli alla collaborazione con i guerriglieri della sierra, a partire dal 1958 abbandonarono le

63 ipotesi di formare un vasto fronte antibatistiano e la diffidenza nei confronti di Castro per ammettere la possibilità. di una lotta armata rurale, sia pure a condizione che fosse accompagnata da mobilitazioni urbane. L'alleanza con il Movimento 26 luglio, sancita dalla presenza di militanti comunisti tra la file castriste, fu perfezionata nell'ottobre del 1958 con la stipula di un patto di unità sindacale. A quell'epoca, Castro era già riuscito a stabilire la propria egemonia sulle forze antibatistiane grazie ai successi militari, in particolare dopo l'apertura di un secondo fronte sulla sierra Cristal ed il fallimento della grande offensiva governativa tra aprile e giugno. Tale sconfitta andava certo attribuita alla capacità militare dei guerriglieri, ma soprattutto al crollo morale dei soldati ed alle crepe registratesi nella compattezza del corpo degli ufficiali. Nel marzo 1958, inoltre, gli Stati Uniti avevano sospeso le forniture militari a Batista, anche in seguito alla cattura ed al successivo rilascio di cittadini nordamericani da parte dei guerriglieri. Nella seconda metà dell'anno, infine, le file dei ribelli crebbero di numero grazie all'arrivo di disertori e lavoratori agricoli, fortemente motivati dalla legge di riforma agraria, emanata ad ottobre nei territori liberati, che prevedeva la concessione di terre a chi non ne possedeva o ai piccoli proprietari, vale a dire alla stessa base sociale della guerriglia (questa riforma era elaborata in modo che non potesse essere ripresa in mano dai gruppi finanziari che sostenevano la monocoltura zuccheriera, né da altri

64 sistemi di consorzi agrari). Le elezioni presidenziali fissate per il novembre 1958 da Batista si tennero in una situazione ormai ampiamente compromessa. Il tasso di astensione fu impressionante e la Casa Bianca avvertì il presidente uscente che non avrebbe fornito nessun appoggio al nuovo ed amorfo capo dell'esecutivo, invitando anzi l'ex sergente ad uscire di scena. All'alba del primo gennaio 1959, dopo che le forze armate si erano praticamente sfaldate, Batista lasciò l'isola in mano ad una giunta militare che propose inutilmente un armistizio ai ribelli. Il 2 gennaio le colonne di Ernesto "Che" Guevara e di Camillo Cienfuegos entrarono nell'Avana paralizzata da uno sciopero generale e l'8 gennaio vi faceva il suo ingresso trionfale Castro. La vittoria di Fidel e dei suoi uomini appariva come il primo successo della nuova strategia guerrigliera teorizzata da "Che" Guevara. sistemi di consorzi agrari). Le elezioni presidenziali fissate per il novembre 1958 da Batista si tennero in una situazione ormai ampiamente compromessa. Il tasso di astensione fu impressionante e la Casa Bianca avvertì il presidente uscente che non avrebbe fornito nessun appoggio al nuovo ed amorfo capo dell'esecutivo, invitando anzi l'ex sergente ad uscire di scena. All'alba del primo gennaio 1959, dopo che le forze armate si erano praticamente sfaldate, Batista lasciò l'isola in mano ad una giunta militare che propose inutilmente un armistizio ai ribelli. Il 2 gennaio le colonne di Ernesto "Che" Guevara e di Camillo Cienfuegos

65 entrarono nell'Avana paralizzata da uno sciopero generale e l'8 gennaio vi faceva il suo ingresso trionfale Castro. La vittoria di Fidel e dei suoi uomini appariva come il primo successo della nuova strategia guerrigliera teorizzata da "Che" Guevara. Le decisioni iniziali, prese dal nuovo governo di Fidel, furono inizialmente di componente etica: chiusura delle case da gioco e di tolleranza, lotta senza quartiere al traffico di droga, liberalizzazione degli accessi agli alberghi, spiagge, locali sino ad allora riservati a circoli esclusivi. Tutto questo affascinò la maggioranza della popolazione e il nuovo governo ebbe grande consenso. Nel marzo del 1959 fu imposta una diminuzione dei canoni d'affitto del % accompagnata da una riduzione del prezzo di medicinali, libri scolastici, tariffe elettriche, telefoniche e dei trasporti urbani. Dopo aver ridotto gli affitti, si varò una riforma che mirava a trasformare gli inquilini in veri e propri proprietari attraverso il pagamento degli alloggi con rate mensili proporzionali al reddito. Ma le proteste interne iniziarono dopo l'emanazione, nel maggio1959, della prima riforma agraria, che fissava per le tenute agricole un limite massimo di 402 ettari. La superficie coltivabile veniva assegnata a cooperative oppure distribuita a proprietà individuali di un minimo di 27 ettari. Il governo, per impedire il minifondo, proibiva la vendita delle vendite delle terre ricevute e il loro frazionamento.

66 Con la nuova riforma agraria fu istituito l'INRA (Istituto nazionale di riforma agraria). La riforma agraria suscitò forti reazioni nelle campagne ma anche presso le classi alte e i ceti medi urbani. Le manifestazioni più clamorose di dissenso furono rappresentate dalla fuga, negli Stati Uniti, del comandante delle Forze armate Pedro Diaz Lanz, e dall' arresto di Huber Matos, governatore della provincia di Camarguey, accusato di cospirazione per essersi opposto alla riforma agraria. Dario Gavini & Marta Periti

67 Cuba : Isla de musica Il maggior apporto di Cuba alla cultura mondiale, lo si trova in campo musicale ove l incrocio tra cultura spagnola, africana e creola ha definito, quelli che sono i balli, gli stili, i ritmi e i suoni di un isola che ha davvero una lunga e sofferta storia. Quella della musica inizia nei primi anni del 900, periodo in cui avvenne la fusione fra ritmi cubani ed il jazz dei neri nordamericani. La musica cubana, è plurale contraddittoria e soprattutto in continua evoluzione. Negli ultimi anni sono riemersi alcuni straordinari personaggi dei percorsi musicali cubani del 900. Il fenomeno più conosciuto è sicuramente quello della Buena Vista Social Club, ensamble di musicisti cubani che grazie all aiuto del celebre chitarrista jazz Ry Cooder, ha riscosso grande successo in Europa e negli stati Uniti, attraverso la produzione dell album che prende il titolo, dal nome del gruppo. L ensamble è composta da : Il celebre cantante e chitarrista Francisco Repilado, in arte Compay Segundo, il cantante Ibrahim Ferrer, il chitarrista Juan de Marcos Gonzàlez, il pianista Rubén Gonzàlez, il percussionista Pio Leyva, il trombettista Manuel guajiro

68 Mirabal, la cantante Omara Portuondo e dal batterista Joachim Cooder. Ad essi si affiancano numerosi session man, che hanno contribuito anche alla formazione dell album. I generi musicali Esistono tantissimi generi musicali nella musica cubana. Fra i più importanti, dobbiamo ricordare il Son, il Danzon, il Mambo, il Cha cha chà e la Salsa. SON Il Son, nasce alla fine del diciannovesimo secolo come canzone aneddotica composta e interpretata da gruppi di bongo, botija, tres, e chitarra, accompagnati da due cantanti con maracas. Due sono i gruppi che hanno reso famoso il Son nel panorama musicale mondiale : il Septeto nacional e il trio Matamoros. DANZON È uno dei contributi europei alla musica cubana. Si tratta infatti dell evoluzione della contraddanza francese che consiste nell aggiunta di sincopi, di spazi musicali e di ballo.

69 MAMBO Un Danzon del 1939, composto da Oreste Lopez, denominato Mambo fissa le origini del nuovo genere. Nel 1950 il pianista Perez Prado, fonda una grande orchestra latina, che avrà l onore di divenire una dell più famose orchestre negli Stati Uniti. CHA CHA CHà Evoluzione, fusione, integrazione : queste parole sono il filo conduttore della musica di Cuba. Ed è proprio l evoluzione di un mambo a creare una sera del 1952 il nuovo genere. Durante l esecuzione di un danzon, i musicisti ispirati dal rumore del movimento dei piedi dei ballerini si mettono a cantare : cha cha chà es un baile original creando cosi un onomatopea che darà il nome al Cha cha chà.

70 SALSA La Salsa è uno sviluppo accurato del Son, è un fenomeno latino. Genere musicale che esalta l amore, la bellezza di cuba e la musicalità nera, ha radici fondate negli anni 30, dove lo spagnolo, diventava una lingua diffusa come l inglese ed è proprio per questo che la Salsa verrà lanciata da un gruppo di origine portoricana chiamati Lebron Brothers, a New York. L evoluzione della Salsa segue due vie : ricerca di nuovi generi musicali e la diffusione commerciale, sostenuta anche dall afflusso di turismo vero Cuba e paesi caraibici. Nico Pistolesi


Scaricare ppt "Classe 5dl A.S.i 2002-05 area di progetto: Coste ed Isole."

Presentazioni simili


Annunci Google