La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GESTIONE POSTOPERATORIA Valutazione dei segni vitali Controlli ematochimici (emocromo, azotemia, creatininemia, tempo di coagulazione) Terapia infusiva,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GESTIONE POSTOPERATORIA Valutazione dei segni vitali Controlli ematochimici (emocromo, azotemia, creatininemia, tempo di coagulazione) Terapia infusiva,"— Transcript della presentazione:

1 GESTIONE POSTOPERATORIA Valutazione dei segni vitali Controlli ematochimici (emocromo, azotemia, creatininemia, tempo di coagulazione) Terapia infusiva, antibiotica ecc Sng che può essere a caduta o in aspirazione Digiuno/rialimentazione Drenaggi a caduta o in aspirazione Mobilizzazione Catetere vescicale Medicazioni e tipologia di ferita chirurgica

2 VALUTAZIONE DEI SEGNI VITALI PA FC DIURESI (almeno 30 ml/ora) TEMPERATURA (PVC) – monitoraggio subintensivo Ogni 8 ore nei primi due giorni p.o. Se interventi settici-urgenti MONITORAGGIO CONTINUO

3 Perché è importante rilevare la PAO nel post operatorio??? Pressione= FORZA * SUPERFICIE PRESSIONE ARTERIOSA=GITTATA CARDIACA*SUPERFICIE DELLE PARETI VENOSA

4 CONTROLLI EMATOCHIMICI Di routine al termine dellintervento ed in ogni giorno successivo sino alla rialimentazione con completa canalizzazione –Emocromo –Azotemia –Creatininemia –Elettroliti –Glicemia –Altri ed eventuali secondo il quadro clinico ed il tipo di intervento

5 Valori ematochimici EMOCROMO GRAMMI/DL GLICEMIA MG/DL AZOTEMIA MG/DL CREATININA MG/DL AST-ALT 0-31 u/litro CALCIO 8,1-10,5 MG/DL SODIO MMOL/LITRO POTASSIO 3,3-4,9 MMOL/LITRO AMILASI PANCREATICA U/Litro CLORURI MMOL/litro

6 BILANCIO IDRICO –Perdite misurabili Urine ( /die; di più nellinsufficienza renale; ml nelloligoanuria) Feci (eventuali – circa 200 ml) Drenaggi esterni –Perdite non misurabili esterne: ml/die; aumentano per febbre (2,5 ml/kg/die per grado), iperventilazione, sudorazione Da perspiratio (75%) e ventilazione (25%) –Perdite non misurabili interne (terzo spazio): Edemi Sequestro di liquidi nelle sedi di chirurgia Traumi Infiammazione Nellintestino occluso Nei versamenti

7 BILANCIO: casi particolari Nellanziano il rene concentra meno: fornire liquidi ed elettroliti per una diuresi di 2000 cc/die, eventualmente stimolare con diuretici. Bilanciare lesigenza di liquidi con eventuali controindicazioni dovute a cardiopatie gravi Cardiopatie e/o ipertensione: tendenzialmente mantenere le introduzioni ai valori bassi dei range di fabbisogno. Nel malnutrito / ipoalbuminemico / cirrotico considerare la possibilità che coesistano ipovolemia e iperidratazione tessutale (edemi o succulenza dei tessuti, spesso per ipoalbuminemia): strategia che miri a recuperare lacqua interstiziale ( albumina, liquidi in misura un po inferiore alle necessità stimate, diuretici)

8 TERAPIA Antiacidi Antibiotici Antitrombotici Antidolorifici Antiemetici Liquidi ev (riequilibrio idroelettrolitico) SUPPLEMENTARE VOLUME A VOLUME EVENTUALI PERDITE NON FISIOLOGICHE SUPERIORI A 500 ML/DIE Per digiuni previsti fino a 5-6 giorni sono sufficienti solo glucosate al 5% e saline; diversamente NPT gradualmente da II-III p.o.

9 Gestione del dolore postoperatorio Le risorse terapeutiche che abbiamo a disposizione nel DPO sono essenzialmente tre ed è su questi farmaci che si basa la terapia farmacologica: 1.analgesici oppioidi maggiori e minori (morfina, meperidina, fentanyl, buprenorfina, tramadolo) 2.FANS ed analgesici non oppioidi (ketoprofene, diclofenac, ketorolac, propacetamolo) 3.anestetici locali (bupivacaina, ropivacaina) Tali farmaci, usati per vie e modalità diverse, impediscono variamente la trasmissione, il wind-up e le modificazioni neuronali o riducono la sensibilizzazione periferica dovuta alla presenza di sostanze coinvolte nella genesi del dolore

10 Gestione del dolore postoperatorio PROTOCOLLI VIAComplessità Tramadolo / FANS / sedativi al bisognoos, im1 Oppioidi pre o intraoperatori os, im, ev 2 Tramadolo / FANS / analgesici non oppioidi a dosi e ritmi fissiim, ev2,5 Oppioidi postoperatori a dosi e ritmi fissi im, ev 3,5 Tramadolo / FANS / analgesici in pompa elastomericaev3,5 Blocchi anestetici loco-regionaliperinervosa5 Oppioidi maggiori in pompa elastomericaev o sc5 PCAev6 Boli intermittenti epidurali con anestetici localiepidurale7 Boli intermittenti epidurali con oppioidiepidurale7,3 Infusione epidurale continua con an. locali + oppioidiepidurale7,5 Boli intermittenti per via subaracnoideasubaracnoideo8 PCA in epidurale e/o subaracnoideaspinale8,3 Infusione subaracnoidea continua con an. locali + oppioidisubaracnoideo9 Analgesia intrapleuricaintrapleurica10 De Nicola, 1997

11 Allo stato attuale in gran parte degli ospedali italiani la disponibilità di risorse non va oltre la possibilità di poter intraprendere un trattamento che superi il grado 5 di complessità. Il principio di mantenere i livelli di un farmaco al di sopra dei valori terapeutici è ben consolidato in altri campi della medicina, per farmaci come gli antibiotici, i glicosidi cardioattivi e gli antiipertensivi, mentre gli analgesici continuano a essere somministrati erroneamente secondo necessità. Si dovrebbe inculcare, nelle nuove leve, l'idea che il dolore debba essere trattato come un'infezione, mantenendo nel sangue livelli ematici di farmaco costantemente terapeutici. (De Nicola, 1994) Di recente introduzione nella pratica clinica è il concetto di "preemptive analgesia". E' stato suggerito che la somministrazione preoperatoria di NSAIDs, inibendo la produzione di PG, possa ridurre l'iperalgesia primaria e secondaria e quindi il dolore postoperatorio (46). Gestione del dolore postoperatorio

12 SNG Decomprime lo stomaco evacuandone le secrezioni. Nella pratica clinica deve essere rimosso quando il paziente è canalizzato e riacquista la peristalsi (III-IV p.o); in tutti i casi è bene attendere che il drenaggio sia < ml/die. VA ASPIRATO AD ORARIO

13 DIGIUNO/RIALIMENTAZIONE Dieta liquida alla ripresa della peristalsi in coincidenza con la rimozione del SNG Dieta semiliquida il giorno successivo SI ATTENDE SEMPRE LA CANALIZZAZIONE AI GAS E ALLE FECI DEL PAZIENTE

14 DRENAGGI Può ESSERE A CADUTA O IN ASPIRAZIONE Funzione di drenare le secrezioni sierose o siero-ematiche che si formano, prevalentemente nei primi 2-3 giorni dallintervento, dalla sede chirurgica. Segnalano tempestivamente una perdita da anastomosi o suture o da visceri cavi contigui RIMOZIONE IN TEMPI DIVERSI SECONDO IL TIPO DI INTERVENTO

15 MOBILIZZAZIONE Soprattutto se interventi eseguiti per via laparoscopica PRECOCE ! Soprattutto se interventi eseguiti per via laparoscopica Fin dalla sera stessa dellintervento o dal giorno successivo, posizionando il paziente seduto in poltrona per alcune decine di minuti più volte al giorno. Serve a migliorare la ventilazione polmonare, la circolazione e riduce gli effetti dellallettamento. I medici devono sempre considerare il completo riposo a letto come una forma di trattamento non fisiologica e decisamente pericolosa, da prescrivere solo su indicazione specifica e sospendere appena possibile W. Dock, J Am Med Ass, 1941

16 CATETERE VESCICALE Viene generalmente rimosso in III-IV p.o. GINNASTICA VESCICALE ? Non esistono sufficienti evidenze per raccomandarla di routine, soprattutto nei cateterismi brevi. NON AGISCE SUL MUSCOLO DETRURSORE DELLA VESCICA AUMENTA IL RISCHIO DI INFEZIONE VIE URINARIE PER STASI DELLURINA IN VESCICA NON DEVE ESSERE PRATICATA AD ORARIO FISSO!!

17 MEDICAZIONI Ferita pulita non complicata: la sostituzione delle garze deve essere effettuata una volta (IV p.o.) prima di rimuovere la sutura (VIII p.o.). Se la medicazione è asciutta non sostituirla fino alla 3-4 giornata Ferita sospetta: fluttuazione, arrossamento, dolore; togliere 1-2 punti di cute, divaricare i lembi con un ferro e ricercare fino alla fascia leventuale raccolta ESEMPI –Siero-ematica: drenare anche comprimendo i bordi, lavare con acqua ossigenata e zaffare con garza imbevuta di Dakin; ripetere ogni giorno fino a chiusura per seconda o a risutura –Purulenta: ricercare eventuale prolungamento sottofasciale e in tal caso togliere anche un punto di fascia; lavare con acqua ossigenata e zaffare in profondità con garza iodoformica o imbevuta di Betadine diluito

18 STOMA CARE 1.Misura del diametro della stomia (incisione >3mm della stomia) 2.Pulizia della cute (acqua di rubinetto e sapone neutro); completa asciugatura 3.Posizionamento del sacchetto 4.Manutenzione (verrà cambiata 2 volte nelle 24 ore) 5.Irrigazione ogni 2-3 giorni (colostomia sigmoidea)

19 I irrigazione anche in VIII p.o. Ogni 2 –3 giorni Posizione eretta o seduta 800 ml di acqua tiepida in meno di 5 minuti Evacuazione in due tempi Solo sigmoidostomie o trasversostomie sinistre No se coliti attiniche, se diverticolosi, se angina pectoris, se diarrea

20 COMPLICANZE Problemi respiratori Oliguria, anuria Ritenzione urinaria acuta Febbre postoperatoria Alterazioni dellequilibrio idrico ed elettrolitico Deiscenza anastomotica Stenosi anastomotica Emorragia anastomotica Ascesso intraaddominale Occlusione intestinale Pancreatite acuta postoperatoria Fistola urinaria Complicanze di eventuale stomia

21 Emogasanalisi arterioso PH EMATICO PCO2 PO2

22 COMPLICANZE RESPIRATORIE (atelettasia, bronchite e polmonite, broncospasmo,ipossiemia, embolia polmonare ) Atelettasia: dal greco ateles (imperfetto) + ektasis (espansione): collasso del parenchima da ostruzione di un bronco: nei casi estesi ipossia e predisposizione allinfezione alveolare. Responsabile di circa il 90% di tutte le complcanze respiratorie postoperatorie Microatelettasie subcliniche sono quasi sempre presenti sino alla II – III p.o. Sono in causa le secrezioni mucose che tappano il bronco o anche diffusamente le piccole vie aeree (microatelectasie, soprattutto nelle zone con minore escursione ventilatoria)

23 Le complicanze si manifestano soprattutto come : Comparsa di infiltrati radiograficamente visibili Abnorme reperto della emogasanalisi Sibili allauscultazione, ronchi, rantoli e respirazioni rapide e superficiali con inefficace risposta della tosse. Queste alterazioni sono seguite da febbre, irrequietezza, aumentata frequenza del polso, dispnea e cianosi, comparsa di materiale purulento nelle secrezioni tracheobronchiali

24 Atelettasia acuta -dispnea e cianosi, tachicardia, rumori respiratori diminuiti o assenti, ottusita alla percussione, ridotta espansione toracica, diminuita pressione sanguigna, temperatura aumentata- Mobilizzare il paziente Educarlo a tossire con forza tenendo le mani sulla ferita (per eliminare le secrezioni bronchiali) Ginnastica respiratoria (INCENTIVATORI CHE ESERCITANO LINSPIRAZIONE - PEEP) Percussioni toraciche sullarea atelectasica Broncoaspirazione con sondino nasotracheale Vibrazione Drenaggio posturale La somministrazione supplementare di ossigeno è indicata nel trattamento di pazienti in decorso postoperatorio ogni qualvolta sia documentata una PaO 2 <55 mmHg. Deve essere somministrato con cautela nei pazienti ipercapnici al fine di scongiurare una depressione della ventilazione

25 OLIGURIA -ANURIA Oliguria= produzione di urina < 20 ml/h Lanuria è evento raro e la causa più frequente è lostruzione vescicale Sempre cateterismo prima di qualunque altra procedura OLIGURIA PRERENALE: FLUSSO EMATICO DEL RENE (CHE DIPENDE DA VOLEMIA E PRESSIONE ARTERIOSA). RENALE: Insufficienza Renala Acuta

26 OLIGURIA PRERENALE Ladeguatezza della pressione arteriosa sistemica è di facile valutazione..ipotensione In caso di ostruzione intestinale o di peritonite vi può essere ipovolemia Il rapporto azotemia/creatininemia sale da 10:1 a 15:1 o più In mancanza di questo, se non si sospetta shock cardiogeno (turgore cutaneo, distensione delle vene del collo, edema polmonare acuto) se è presente deplezione volemica si otterrà una risposta positiva alla somministrazione di soluzione isotonica

27 OLIGURIA RENALE (IRA) PP cause preoperatorie: –Ipoperfusione secondaria a deidratazione o shock –Emorragia –Sepsi –Ustioni –IMA PP cause intraoperatorie: –Ipotensione PP cause postoperatorie –Ipotensione –Shock –Reazioni trasfusionali –Antibiotici (aminoglucoside/aminoglucoside-cefalosporina) Normalmente azotemia e creatinina aumentano di pari passo. Un aumentato catabolismo può far salire lazotemia sproporzionatamente rispetto alla creatinina In caso di mioglobinuria postraumatica può salire la creatinina in eccesso rispetto allazotemia Se lo scompenso renale viene diagnosticato nella fase iniziale e la volemia è normale, la somministrazione di mannitolo o di furosemide può essere utile; viceversa in fase conclamata ne potranno derivare rispettivamente sovraccarico circolatorio ed effetti ototossici

28 Ritenzione urinaria acuta Fattori meccanici correlati al sovvertimento anatomico dei visceri pelvici Fattori correlati allanestesia (anestesia subaracnoidea) Ipertrofia prostatica Denervazione vescicale da dissezione pelvica allargata (lesioni sul plesso pelvico – parasimpatico – che regola la contrazione del m. detrusore ed il rilassamento del collo vescicale e riceve gli stimoli sensitivi per distensione della vescica ad esempio nella resezione anteriore del retto).

29 TRATTAMENTO Ritenzione urinaria acuta Risoluzione spontanea (entro 12h) Posizionare borsa del ghiaccio sulla regione pelvica Catetere a permanenza da 6 settimane a 6 mesi Farmaci che favoriscono il rilasciamento del collo vescicale (alfuzosina cloridrato) Cateterismo intermittente UROLOGO!

30 ALTERAZIONI ELETTROLITICHE IPOPOTASSIEMIA (cause): Perdite gastrointestinali (es. vomito, diarrea, SNG) Perdite renali (terapia diuretica) Inadeguata somministrazione (digiuno, fluidoterapia senza K +, alcoolismo) Iperaldosteronismo, iperidratazione Spostamento intracellulare per alcalosi, somministrazione ev di bicarbonato, di soluzioni glucosio-insulina, stimolazione adrenergica I sintomi compaiono per valori < 2.5mEq/l e consistono in astenia e debolezza generalizzata; in corso di terapia digitalica: segni di intossicazione digitalica fino a FA parossistica ed aritmie ventricolari. Leffetto più pericoloso è la terapia reintegrativa: infusione lenta di KCl ev non > a 40 mEq/l di concentrazione e 10 mEq/l di velocità. (rischio di brusca iperpotassiemia in seguito a rimpiazzo rapido) Si devono reintegrare mEq ogni mEq di K sierico sotto la norma

31 IPERPOTASSIEMIA - >5 mEq/l - (cause): Diminuita escrezione renale con filtrato < 10 ml/m (IRA, IRC, oliguria da disidratazione) Rapida fuoriuscita dalle cellule (acidosi, tessuti traumatizzati o ustionati, emolisi, sepsi grave, farmaci citotossici, sanguinamenti gastroenterici) Eccessiva introduzione (supplementazioni, trasfusioni) Effetti: deficit neuromuscolare con astenia, parestesie, paralisi muscolari, diarrea, cardiotossicità (se > 6.5 mEq/l) con T alte ed appuntite, S-T depreso, arresto atriale, sino a fibrillazione e arresto ventricolare Trattamento: Ca gluc mg/ kg per antagonizzare gli effetti sul cuore Bicarbonato di sodio mEq ev in 5-10 Soluzioni con glucosio e insulina in rapporto di 1 UI ogni 3 gr di glucosio Β 2 stimolanti (Albuterolo) mg diluiti in 4 ml ed inalati in 10 Diuretici tipo furosemide e bumetanide Resine a scambio cationico (in caso di insufficienza renale): Kayexalate 1 grammo /Kg per via rettale o per os Dialisi (quando in corso di IRA le altre misure terapeutiche hanno fallito) ALTERAZIONI ELETTROLITICHE

32 IPONATRIEMIA (<135 mEq/l) Ipervolemica: è frequente nei pazienti più anziani e in quelli con scompenso cardiaco congestizio, insufficienza renale e grave epatopatia. Il trattamento ottimale si basa sulla ridotta somministrazione di liquidi. Normovolemica: 1.In soggetti con modica disfunzione cardiaca o renale sottoposti ad infusione di soluzioni ipotoniche. Terapia: soluzioni clorurate isotoniche 2.In caso di inappropriata secrezione postoperatoria di adiuretina con eccessiva ritenzione di acqua libera e riduzione della sodiemia. Terapia: limitata somministrazione di liquidi Ipovolemica: rara nei pazienti chirurgici, in caso di inadeguata reintegrazione di acqua e sodio o di gravi perdite per diarrea vomito o raccolte nel terzo spazio come in caso di peritonite.La terapia consiste in una maggiore somministrazione di acqua e di sodio ALTERAZIONI ELETTROLITICHE La sodiemia esprime la relazione tra soluti ed acqua corporea ed è intimamente connessa allo stato di idratazione; il sodio esercita la gran parte del potere osmotico dei liquidi in cui è presente NEI casi gravi con sodiemia < 110 mEq/l e rischio di convulsioni ed edema cerbrale: trattamento aggressivo con saline ipertoniche o con NaCl al 3% ma gravi rischi di sovraccarico di circolo e cerebrali

33 IPERNATRIEMIA 1.Da disidratazione con deplezione eccessiva ed incongrua di acqua 2.Da trasfusione di soluzioni ipertoniche (sangue o emoderivati) I pazienti con (1) appaiono con ridotto turgore cutaneo, secchezza delle mucose, spesso ipotensione ortostatica con tachicardia. Il rapporto azotemia/ creatinina è di solito elevato e > di 20:1. La terapia consiste in una reintegrazione salina (sodio e acqua) ALTERAZIONI ELETTROLITICHE

34 Deiscenza anastomotica Ampia: peritonite stercoracea ovvero da passaggio di batteri dallintestino al peritoneo e in seguito da uno stato settico con passaggio di batteri nel circolo sanguigno Tamponata (da tenue, omento o organi pelvici): ascesso perianastomotico Cavità peritoneale Peritonite diffusa Lume intestinale Miglioramento clinico Secrez. purulenta dallano Ferita, drenaggio Fistola stercoracea Se dubbi: CLISMA opaco CON MDC IDROSOLUBILE Con gastrografin ad esempio

35 Trattamento chirurgico – stomia Trattamento conservativo –NPT –Lavaggio transcorrente Deiscenza anastomotica

36 Stenosi anastomotica Frequente esito di deiscenza subclinica o di ischemia dei monconi anastomotici TRATTAMENTO Dilatazione perendoscopica Reintervento chirurgico

37 Emorragia anastomotica Può dipendere da emostasi inadeguata della linea di sutura (entro le prime 24 ore) o da deiscenza dellanastomosi (VII-XIV p.o.). TRATTAMENTO Conservativo Revisione chirurgica

38 Ascesso intraaddominale fine: drenare allesterno la raccolta purulenta Subfrenico Loggia splenica Pelvico Perianastomotico TRATTAMENTO Drenaggio percutaneo eco/TC guidato Drenaggio chirurgico

39 Occlusione intestinale Se ileo paralitico per più di 5-6 giorni, possibili cause: Ascesso intraaddominale Deiscenza parziale dellanastomosi Ischemia Turbe metaboliche Effetti collaterali di farmaci Incarceramento di unansa in sede pericolostomica Volvolo, torsione su briglia Ernia interna Ernia di unansa in una deiscenza della peritoneizzazione (se assente aderenza nello scavo pelvico) Tamponamento di anse del tenue da deiscenza

40 Pancreatite Acuta Postoperatoria 1)Fermare lautodigestione: mettere a riposo la ghiandola (digiuno, sondino, blocco secrezione enzimatica H2 bloccanti, blocco enzimi attivati somatostatina/gabesato); 2)Terapia antibiotica 3) Prevenire e trattare le complicanze 4) Togliere il dolore 5) Ripristino equilibrio elettrolitico/osmotico e supporto calorico: Albumina, aminoacidi a catena ramificata, glucosio 30 Kcal/Kg/die, insulina ad alte dosi, apporto lipidico, fabbisogno calorico 40Kcal/Kg

41 Fistola urinaria Lesioni di ureteri o vescica Se non riconosciuta intraoperatoriamente può manifestarsi con: –Urinoma pelvico o retroperitoneale (febbre urosettica con brivido,dolore lombare o pelvico) –Anuria (se legatura bilaterale) –Fistola ad alta portata da drenaggio o da fuoriuscita di materiale inizialmente scuro (urina + siero, sangue e pus) e poi progressivamente più chiaro – analisi su materiale drenato – TRATTAMENTO Conservativo Stent pig-tail Reintervento chirurgico

42 Complicanze della colostomia Sono quasi sempre causate da errori di tecnica chirurgica Prolasso (2-11%) Ernia parastomale ( %) Stenosi (2-5%) Suppurazione peristomale (2-5%) Emorragia (rara, tardiva)

43 COLECISTECTOMIA Degenza prevista: 4-5 gg (2-3 gg se laparoscopica) Monitoraggio specifico: –Elezione: nessuno –Urgenza: può essere indicato il ricovero in UTIC Posizione ed attività: fare alzare il paziente il giorno dellintervento Rialimentazione: –Liquida in I (lap), II giornata p.o. –Completa: in II (lap), IV giornata p.o. Complicanze p.o.: –Infezione della ferita –Ascesso intraaddominale –Lesioni iatrogene della via biliare –Atelectasia del lobo polmonare inferiore destro DRENAGGI: 1 drenaggio sottoepatico da rimuovere in II-III p.o.

44 Esplorazione del coledoco (coledocotomia) Degenza prevista: 6-10 gg Monitoraggio specifico: nessuno Posizione ed attività: fare alzare il paziente il giorno dellintervento Rialimentazione: con la ripresa della funzione intestinale Copertura antibiotica: preoperatoria e proseguita per 48 ore Tubo a T: viene mantenuto collegato ad un drenaggio gravitario per i primi 5-6 giorni quando in genere il debito biliare scende al di sotto dei 300 ml/24h. Poi viene eseguita chiusura di prova ad orario e successiva chiusura permanente. Asportazione dopo gg. Complicanze p.o.: –Infezione di ferita –Ascesso sottoepatico –Dislocamento del tubo a T (> output biliare da drenaggio sottoepatico) –Ritenzione di calcoli –Pancreatite (trattamento conservativo) DRENAGGI: 1 drenaggio sottoepatico (da rimuovere dopo chiusura del Kehr) + tubo a T

45 RESEZIONE PANCREATICODUODENALE Degenza prevista: gg Monitoraggio specifico: si (intensivo, subintensivo nei primi giorni) Posizione ed attività: fare alzare il paziente il giorno dopo lintervento Rialimentazione: con la ripresa della funzione intestinale e non prima della V p.o. Copertura antibiotica: preoperatoria e proseguita per 3-5 giorni –Emorragia –Ascessi locali o peritonite diffusa (deiscenza anastomotica) –Insufficienza renale –Fistola pancreatica –Pancreatite del moncone DRENAGGI: 2 da rimuovere in VI-VIII p.o.

46 SPLENECTOMIA Degenza prevista: 6-10 gg Monitoraggio specifico: controllo delle piastrine; controllo e prevenzione di insufficienza respiratoria; frequente associazione a fratture costali; utile controllo EGA Posizione ed attività: fare alzare il paziente il giorno dopo lintervento Rialimentazione: con la ripresa della funzione intestinale Copertura antibiotica: profilassi preoperatoria Complicanze p.o.: –Emorragia dal letto della splenectomia (vasi brevi!) –Atelectasia del lobo polmonare inferiore sinistro –Ascesso sottofrenico –Febbre postsplenectomia (si ritiene che derivi dal trauma operatorio alla coda del pancreas) –Trombocitosi di rimbalzo DRENAGGI: 1-2 da rimuovere in IV-VI p.o. (in base al debito)

47 Ernioplastica inguinale Degenza prevista: 1-2 gg Monitoraggio specifico: nessuno Posizione ed attività: fare alzare il paziente il giorno dellintervento Rialimentazione: giorno dellintervento Copertura antibiotica: profilassi preoperatoria Complicanze p.o.: –Ematoma scrotale (ghiaccio, sollevamento, eventuale drenaggio chirurgico) –Infezione ferita –Recidiva (a causa di un sacco erniario o di unernia femorale sfuggiti allosservazione o a plastica non perfettamente eseguita) –Lesioni delle vie urinarie –Emorragia retroperitoneale –Sezione dei vasi spermatici o del vas deferens DRENAGGI: NO

48 Plastica di laparocele Degenza prevista: 5-7 gg Monitoraggio specifico: la distensione addominale può provocare rottura della plastica: in tal caso, applicare medicazione compressiva ed eventualmente SNG Posizione ed attività: fare alzare il paziente il giorno dellintervento; evitare movimenti che comportino sforzo Rialimentazione: con la ripresa della funzione intestinale Copertura antibiotica: profilassi preoperatoria Complicanze p.o.: –Infezione della ferita –Raccolta sierosa (drenaggi !!) DRENAGGI: 1-2 sottocutanei in aspirazione da rimuovere in VI-VIII p.o.

49 RESEZIONE ILEALE Degenza prevista: 5-7 gg Monitoraggio specifico: nessuno Posizione ed attività: fare alzare il paziente il giorno dellintervento (elezione) Rialimentazione: dalla IV giornata con la ripresa della funzione intestinale; eventuale NPT Copertura antibiotica: profilassi preoperatoria ed e eventuale prosecuzione secondo i casi (urgenza) Complicanze p.o.: –Complicanze settiche (raccolte purulente intraaddominali) –Deiscenza dellanastomosi –Deiscenza della ferita –Occlusione postoperatoria (da differenziare da ileo paralitico persistente) DRENAGGI: 1-2 da rimuovere in V-VII p.o.

50 RESEZIONE COLICA Degenza prevista: 7-10 gg Monitoraggio specifico: eventuale monitoraggio intensivo/subintensivo in urgenza Posizione ed attività: fare alzare il paziente il giorno dellintervento Rialimentazione: dalla IV giornata con la ripresa della funzione intestinale; eventuale NPT Copertura antibiotica: profilassi preoperatoria + prosecuzione per 2-5 giorni Complicanze p.o.: –Infezione della ferita –Ascessi intraaddominali –Deiscenza dellanastomosi DRENAGGI: 1-2 da rimuovere in VI-VIII p.o.

51 Tiroidectomia Degenza prevista: 3 gg Monitoraggio specifico: attenzione alla frequenza respiratoria ed alla modalità di respiro; eventuali segni di ipocalcemia Posizione ed attività: fare alzare il paziente il giorno dellintervento; dopo lintervento i pazienti devono essere tenuti sollevati di 30° per ridurre al minimo il sanguinamento venoso Rialimentazione: giorno dellintervento Copertura antibiotica: profilassi preoperatoria Complicanze p.o.: –Emorragia (IMMEDIATA REVISIONE CHIRURGICA)) –Lesione del nervo laringeo ricorrente: se monolaterale provoca raucedine, se bilaterale causa ostruzione laringea con necessità di eseguire una tracheostomia immediata. –Ipocalcemia (ansia, ipoestesia circumorale, formicolii, tetania): supplementazione di calcio + vit D DRENAGGI: 1-2 da rimuovere in II p.o.

52 Emorroidectomia Degenza prevista: 1-2 gg Monitoraggio specifico: controllo sanguinamento anale Posizione ed attività: fare alzare il paziente il giorno dellintervento Rialimentazione: giorno dellintervento Copertura antibiotica: profilassi preoperatoria (se intervento di Longo) Complicanze p.o.: –Emorragia –Ritenzione urinaria acuta

53 Mastectomia Degenza prevista: 5-8 gg Monitoraggio specifico: controllo sanguinamento Posizione ed attività: fare alzare il paziente il giorno dellintervento Rialimentazione: giorno dellintervento Copertura antibiotica: profilassi preoperatoria Complicanze p.o.: –Necrosi della ferita chirurgica –Infezione della ferita –Limitazione della mobilità del braccio DRENAGGI: 1-2 da rimuovere IV-VIII p.o. in base al debito

54 Appendicectomia Degenza prevista: 3-5 gg Monitoraggio specifico: nessuno Posizione ed attività: fare alzare il paziente il giorno dellintervento Rialimentazione: con la ripresa della funzione intestinale Copertura antibiotica: profilassi preoperatoria ed eventuale prosecuzione in urgenza Complicanze p.o.: –Infezione di ferita –Ascesso pelvico –Ascesso pericolico e subepatico –Ascesso sottofrenico peritonite diffusa –Pileflebite con ascesso epatico –Fistola fecale DRENAGGI: si in caso di peritonite purulenta; rimozione dopo 3-4 giorni


Scaricare ppt "GESTIONE POSTOPERATORIA Valutazione dei segni vitali Controlli ematochimici (emocromo, azotemia, creatininemia, tempo di coagulazione) Terapia infusiva,"

Presentazioni simili


Annunci Google