La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Carla Mazzola - 26-02-2006- Il dialogo interculturale: fondamenti pedagogici e percorsi didattico/educativi individuazione di finalità, obiettivi, opzioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Carla Mazzola - 26-02-2006- Il dialogo interculturale: fondamenti pedagogici e percorsi didattico/educativi individuazione di finalità, obiettivi, opzioni."— Transcript della presentazione:

1 Carla Mazzola Il dialogo interculturale: fondamenti pedagogici e percorsi didattico/educativi individuazione di finalità, obiettivi, opzioni metodologiche, riferimenti bibliografici...

2 Nan-in – racconta la storia – servì il tè. Colmò la tazza del suo ospite, e poi continuò a versare. Il professore guardò traboccare il tè, poi non riuscì più a contenersi. E ricolma. Non ce nentra più !. Come questa tazza disse Nan-in tu sei ricolmo delle tue opinioni e congetture. Come posso spiegarti lo Zen, se prima non vuoti la tua tazza? Nan-in – racconta la storia – servì il tè. Colmò la tazza del suo ospite, e poi continuò a versare. Il professore guardò traboccare il tè, poi non riuscì più a contenersi. E ricolma. Non ce nentra più !. Come questa tazza disse Nan-in tu sei ricolmo delle tue opinioni e congetture. Come posso spiegarti lo Zen, se prima non vuoti la tua tazza? Nel libro 101 Storie Zen si narra del maestro giapponese Nan- in, dellera Meiji ( ) che, un giorno, ricevette la visita di un professore universitario che era andato da lui per interrogarlo sullo Zen.

3

4 Il desiderio di una teoria della conoscenza è un desiderio di trovare i fondamenti ai quali potersi aggrappare, i limiti oltre i quali non si dovrebbe sconfinare, le rappresentazioni che non si possono mettere in discussione. R. Rorty, La filosofia e lo specchio della natura (1979) – trad. it. Bompiani, Milano, 1986 In questa prospettiva, la Pedagogia interculturale, il desiderio di confronto con altre culture, non è inteso solo come un intervento speciale da attivare in situazioni di emergenza, ma diviene una delle azioni più autenticamente formative

5 impossibilità per il singolo individuo di esistere autonomamente, al di fuori di qualsiasi rapporto con laltro, al di fuori di una realtà pluralista appartiene costitutivamente allesistere delluomo ogni singolo uomo è diverso non solo dalle altre specie di viventi ma anche rispetto a tutti gli altri della sua stessa specie. Con ogni uomo viene al mondo qualcosa di nuovo che non è mai esistito, qualcosa di primo e unico. Buber M. Il cammino delluomo secondo linsegnamento chassidico (1948) trad. it. di G. Bonola, Ed. Qiqajon, Magnano (VC) 1990 ogni singolo uomo è diverso non solo dalle altre specie di viventi ma anche rispetto a tutti gli altri della sua stessa specie. Con ogni uomo viene al mondo qualcosa di nuovo che non è mai esistito, qualcosa di primo e unico. Buber M. Il cammino delluomo secondo linsegnamento chassidico (1948) trad. it. di G. Bonola, Ed. Qiqajon, Magnano (VC) 1990 originaria, strutturale, universale, costitutiva, delluomo

6 bisogno di vedere riconosciuta luguaglianza di dignità, di diritti, di pari opportunità diritto alle differenze, al mantenimento della propria identità, della propria cultura

7 La caratteristica propria di ciò che è umano è lUnitas Multiplex: è l unità genetica, cerebrale, intellettuale, affettiva della nostra specie, che esprime le proprie innumerevoli virtualità attraverso leterogeneità delle culture. Leterogeneità umana è il tesoro dellunità umana, che è il tesoro delleterogeneità umana. E. Morin, Una politica per letà planetaria – Pluriverso dicembre 1995, 1. La caratteristica propria di ciò che è umano è lUnitas Multiplex: è l unità genetica, cerebrale, intellettuale, affettiva della nostra specie, che esprime le proprie innumerevoli virtualità attraverso leterogeneità delle culture. Leterogeneità umana è il tesoro dellunità umana, che è il tesoro delleterogeneità umana. E. Morin, Una politica per letà planetaria – Pluriverso dicembre 1995, 1. E necessario che unità e diversità, non siano più intese come separate e conflittuali, ma come i due poli tramite cui si definisce una medesima entità. Mario Ceruti, Ogni universo è pluriverso – Pluriverso, dicembre 1995, 1. E necessario che unità e diversità, non siano più intese come separate e conflittuali, ma come i due poli tramite cui si definisce una medesima entità. Mario Ceruti, Ogni universo è pluriverso – Pluriverso, dicembre 1995, 1.

8 Il superamento dellimpasse unità-pluralità avviene allinterno di una dinamica relazionale. Luomo si costituisce come essere in relazione. Pertanto, ogni tentativo di separare quelle due realtà risulta illegittimo e scientificamente scorretto. Il superamento dellimpasse unità-pluralità avviene allinterno di una dinamica relazionale. Luomo si costituisce come essere in relazione. Pertanto, ogni tentativo di separare quelle due realtà risulta illegittimo e scientificamente scorretto. Come afferma Martin Buber: il massimo di autonomia personale corrisponde al massimo di relazione interpersonale. Come afferma Martin Buber: il massimo di autonomia personale corrisponde al massimo di relazione interpersonale.

9 Sono convinto che la relazione reciproca come struttura primaria e perciò fondante dellesperienza educativa, offra una chiave molto importante che ci consente di cogliere la compresenza delle due esigenze della unicità e della pluralità. D. Demetrio, Nel tempo della pluralità, La Nuova Italia, 1997 dialogo

10 Non è una cosa semplice esige il vuoto totale di noi, domanda di togliere dalla nostra testa le idee, dal cuore gli affetti, dalla volontà ogni cosa per immedesimarsi con laltro. Si tratta di spostare momentaneamente persino ciò che possediamo di più bello e di più grande: la nostra stessa fede, le nostre stesse convinzioni, per essere, di fronte allaltro, niente, un nulla damore. Chiara Lubich, Quale futuro per una società multiculturale, multietnica e multireligiosa?, Rivista Nuova Umanità, Ed. Città Nuova, Roma n. 161, Settembre-Ottobre Non è una cosa semplice esige il vuoto totale di noi, domanda di togliere dalla nostra testa le idee, dal cuore gli affetti, dalla volontà ogni cosa per immedesimarsi con laltro. Si tratta di spostare momentaneamente persino ciò che possediamo di più bello e di più grande: la nostra stessa fede, le nostre stesse convinzioni, per essere, di fronte allaltro, niente, un nulla damore. Chiara Lubich, Quale futuro per una società multiculturale, multietnica e multireligiosa?, Rivista Nuova Umanità, Ed. Città Nuova, Roma n. 161, Settembre-Ottobre La creazione di uno spazio vuoto allinterno di una relazione interpersonale, può essere lunico modo per scoprire il significato più profondo di tale relazione. Corradi Fiumara G., 1976, Funzione simbolica e rapporto oggettuale, Rivista di Psicoanalisi, settembre-dicembre. La creazione di uno spazio vuoto allinterno di una relazione interpersonale, può essere lunico modo per scoprire il significato più profondo di tale relazione. Corradi Fiumara G., 1976, Funzione simbolica e rapporto oggettuale, Rivista di Psicoanalisi, settembre-dicembre.

11 ETNORELAZIONALITA All INTERCULTULTURALITA Dalla MULTICULTURALITA Coesistenza in uno stesso territorio di gruppi di culture diverse (melting pot) Coesistenza in uno stesso territorio di gruppi di culture diverse (melting pot)

12 linfluenza del contesto culturale durante il periodo di sviluppo della persona il processo che le persone subiscono relativamente ad un cambiamento del contesto culturale

13 INTEGRAZIONE Si ritiene importante mantenere lidentità e le caratteristiche culturali? SI NO SEPARAZIONE ASSIMILAZIONE EMARGINAZIONE Berry, J. W., Ype H. Poortinga, Marshall H.. Segall, P. R. Dasen, Psicologia transculturale Teoria, ricerca, applicazioni Ed. Guerini, Milano, 1994 Si ritiene SI importante mantenere rapporti con altri gruppi? NO

14 MODALITA PRINCIPALI DEL PROCESSO DI APPRENDIMENTO/INSEGNAMENTO COMPETITIVA La riuscita di un alunno implica automaticamente che gli altri non riescano INDIVIDUALISTA I traguardi degli alunni sono autonomi e indipendenti e il fatto che uno raggiunga il proprio obiettivo non incide sugli altri e probabilmente li lascia indifferenti. COOPERATIVA La riuscita di un alunno implica automaticamente anche la riuscita degli altri.

15

16 Per realizzare questo importante obiettivo, la Scuola ha bisogno di modificarsi al suo interno per ridefinirsi come LA SCUOLA E UNA COMUNITA NELLAPPRENDIMENTO DI UNA PLURALITA DI SOGGETTI; (A. CANEVARO) LA SCUOLA E UNA COMUNITA NELLAPPRENDIMENTO DI UNA PLURALITA DI SOGGETTI; (A. CANEVARO) INCONTRO COSTRUTTIVO DI DIFFERENZE ; INCONTRO DI DIVERSITA CHE SAPPIANO TRARRE STIMOLO RECIPROCO PER CREARE CONOSCENZA E APPRENDIMENTO; GESTIONE ORGANIZZATIVA PARTECIPATA CAPACE DI COLLEGARE APPRENDIMENTO, SAPERI ED ESERCIZIO DELLA SOCIALITA.

17 Espone ad esperienze di frammentazione, solitudine, emarginazione Caratteristiche della nostra società: Complessità Mutamenti continui Mass-medialità …………… a moltissimi giovani il contesto sociale non offre più un punto dappoggio sicuro nella vita, le scuole restano il solo istituto al quale la comunità può rivolgersi per correggere le carenze di competenza emozionale e sociale dei ragazzi. (Goleman)

18 LA SOLA SOLUZIONE INTEGRATRICE È LO SVILUPPO DI UNA SOLIDARIETÀ EFFETTIVA, NON IMPOSTA, MA INTERIORMENTE SENTITA E VISSUTA COME FRATERNITÀ (E. MORIN)

19 Sistema protettivo Presa in carico Ascolto empatico Sviluppare un atteggiamento permanente di DisponibilitàDisponibilità Valorizzazione delle diversità FiduciaFiducia CondivisioneCondivisione ReciprocitàReciprocità

20 ACCOGLIENZA in classe Riferimento a modelli cognitivi che valorizzano il rapporto emozione e pensiero Atteggia- mento di ascolto verso i contenuti emotivi Attenzione alla realtà psichica OTTIMISMO PEDAGOGICO

21 CONSIDERAZIONI: La didattica interculturale può essere attuata al di là della presenza o meno in classe di alunni di altre nazionalità valorizzando innanzitutto quello che i curricoli disciplinari già contengono. In questo senso linterculturalità dovrebbe configurarsi come nuova normalità delleducazione. CONSIDERAZIONI: La didattica interculturale può essere attuata al di là della presenza o meno in classe di alunni di altre nazionalità valorizzando innanzitutto quello che i curricoli disciplinari già contengono. In questo senso linterculturalità dovrebbe configurarsi come nuova normalità delleducazione. Percorsi didattico/educativi interculturali

22 Attuare linterculturalità nella scuola significa utilizzare il patrimonio della propria cultura come punto di partenza e accettare operazioni di rilettura, di confronto, innesti di nuovi saperi, comparazioni e mescolamenti con altre realtà culturali. La paideia per il XXI secolo dovrà essere interculturale, ossia una paideia per lepoca della globalizzazione, del pluriverso, e del meticciamento. (A. Nanni, Per una nuova paideia, EMI Bologna 2000). Attuare linterculturalità nella scuola significa utilizzare il patrimonio della propria cultura come punto di partenza e accettare operazioni di rilettura, di confronto, innesti di nuovi saperi, comparazioni e mescolamenti con altre realtà culturali. La paideia per il XXI secolo dovrà essere interculturale, ossia una paideia per lepoca della globalizzazione, del pluriverso, e del meticciamento. (A. Nanni, Per una nuova paideia, EMI Bologna 2000).

23 Si dovrebbero potenziare e impiegare correttamente i mediatori culturali, ossia quelle nuove figure professionali che dovrebbero fare da ponte, favorire lintegrazione, facilitare lo scambio con le famiglie… Altre buone pratiche che dovrebbero divenire ordinarie sono rappresentate da tutto ciò che rende visibile ladozione dellinterculturalità nella pratica ordinaria: es. la traduzione del POF in altre lingue, luso di modelli bilingue per le schede di valutazione…., la diffusione di materiale bibliografico e multimediale…., il lavoro in rete con i Centri Interculturali che in Italia sono collegati da una rete nazionale. Si dovrebbero potenziare e impiegare correttamente i mediatori culturali, ossia quelle nuove figure professionali che dovrebbero fare da ponte, favorire lintegrazione, facilitare lo scambio con le famiglie… Altre buone pratiche che dovrebbero divenire ordinarie sono rappresentate da tutto ciò che rende visibile ladozione dellinterculturalità nella pratica ordinaria: es. la traduzione del POF in altre lingue, luso di modelli bilingue per le schede di valutazione…., la diffusione di materiale bibliografico e multimediale…., il lavoro in rete con i Centri Interculturali che in Italia sono collegati da una rete nazionale.

24 METODO NARRATIVO METODO DEL CONFRONTO METODO DECOSTRUTTIVO METODO DEL DECENTRAMENTO O DEL ROVESCIAMENTO DEL PUNTO DI VISTA METODO DELLAZIONE (PEDAGOGIA DEI GESTI) METODO NARRATIVO METODO DEL CONFRONTO METODO DECOSTRUTTIVO METODO DEL DECENTRAMENTO O DEL ROVESCIAMENTO DEL PUNTO DI VISTA METODO DELLAZIONE (PEDAGOGIA DEI GESTI) Alcuni percorsi possibili:

25 METODO NARRATIVO E forse il metodo più caldo, accogliente e democratico per fare intercultura. Tutti infatti hanno qualcosa da narrare se però qualcuno è disposto ad ascoltare. Senza lascolto dellaltro non cè interculturalità. Se linterculturalità è una relazione di reciprocità allora non basta parlare allaltro né parlare dellaltro, ma occorre ascoltare laltro. E necessario che anche laltro parli a noi, che si manifesti, che si disveli, che comunichi il racconto sulla sua vita. Tanto un bambino quanto un adulto hanno una storia di vita da raccontare. Per questo nessuno è escluso dalla narrazione. Si può chiedere di narrare una fiaba, una festa, un viaggio, un gioco, un sogno, un piatto tipico, un film… La convinzione è che la via narrativa sia una delle metodologie più efficaci per leducazione interculturale. Lobiettivo del metodo narrativo è quello di dare un impianto narrativo al percorso educativo. In questo modo non è più importante il contenuto, le narrazioni, ma lesperienza formativa (educare narrando). METODO NARRATIVO E forse il metodo più caldo, accogliente e democratico per fare intercultura. Tutti infatti hanno qualcosa da narrare se però qualcuno è disposto ad ascoltare. Senza lascolto dellaltro non cè interculturalità. Se linterculturalità è una relazione di reciprocità allora non basta parlare allaltro né parlare dellaltro, ma occorre ascoltare laltro. E necessario che anche laltro parli a noi, che si manifesti, che si disveli, che comunichi il racconto sulla sua vita. Tanto un bambino quanto un adulto hanno una storia di vita da raccontare. Per questo nessuno è escluso dalla narrazione. Si può chiedere di narrare una fiaba, una festa, un viaggio, un gioco, un sogno, un piatto tipico, un film… La convinzione è che la via narrativa sia una delle metodologie più efficaci per leducazione interculturale. Lobiettivo del metodo narrativo è quello di dare un impianto narrativo al percorso educativo. In questo modo non è più importante il contenuto, le narrazioni, ma lesperienza formativa (educare narrando).

26 METODO DEL CONFRONTO Si tratta di mettere a confronto due o più narrazioni o sguardi o versioni su uno stesso oggetto. Ciò che è importante sul piano educativo è lallargamento della visione attraverso lutilizzazione di una nuova risorsa. Il metodo comparativo o del confronto è potenzialmente una via per educare alla complessità e al pluralismo, alla relatività (non relativismo) e al confronto. Esempio : le due figure di Marco Polo e Ibn Battuta oppure i due libri sacri Bibbia e Corano, i calendari in culture diverse… Marco Polo (Veneziano, Italiano, Europeo, Cristiano, Medievale) e Ibn Battuta (Tangerino, Marocchino, Magrebino, Musulmano, Medievale), il primo autore del Milione e laltro della Rihla (cronache di viaggio). Attraverso questo strumento didattico si può affrontare tutto quello che attiene al loro Viaggio, allo Sguardo, al Racconto. Antonella Fucecchi e Antonio Nanni, Laltro Milione. Marco Polo e Ibn Battuta sulle rotte della Cina, EMI, Bologna, 2000 (libro e video). C.M. Guzzetti, Bibbia e Corano, confronto sinottico, San Paolo, Milano METODO DEL CONFRONTO Si tratta di mettere a confronto due o più narrazioni o sguardi o versioni su uno stesso oggetto. Ciò che è importante sul piano educativo è lallargamento della visione attraverso lutilizzazione di una nuova risorsa. Il metodo comparativo o del confronto è potenzialmente una via per educare alla complessità e al pluralismo, alla relatività (non relativismo) e al confronto. Esempio : le due figure di Marco Polo e Ibn Battuta oppure i due libri sacri Bibbia e Corano, i calendari in culture diverse… Marco Polo (Veneziano, Italiano, Europeo, Cristiano, Medievale) e Ibn Battuta (Tangerino, Marocchino, Magrebino, Musulmano, Medievale), il primo autore del Milione e laltro della Rihla (cronache di viaggio). Attraverso questo strumento didattico si può affrontare tutto quello che attiene al loro Viaggio, allo Sguardo, al Racconto. Antonella Fucecchi e Antonio Nanni, Laltro Milione. Marco Polo e Ibn Battuta sulle rotte della Cina, EMI, Bologna, 2000 (libro e video). C.M. Guzzetti, Bibbia e Corano, confronto sinottico, San Paolo, Milano 1993.

27 METODO DECOSTRUTTIVO Una delle risposte possibili, affinchè il dialogo interculturale sia veramente una relazione di reciprocità, è quella che passa attraverso la pratica della decostruzione dei pregiudizi, degli stereotipi, dei luoghi comuni, delle immagini deformanti, delle categorie linguistiche etnocentriche… La decostruzione va intesa come promozione della capacità di mettersi in questione, di ri-visitare e ri-vedere le proprie idee. Per operare questo cambiamento è necessario costruire decostruendo, costruire una nuova memoria planetaria decostruendo la memoria dominante che è etnocentrica. Nella scuola la didattica della decostruzione si può attuare almeno a 4 livelli: linguistico-concettuale; 2) relazionale-psicologico; 3)strumentale; 4) strutturale. Esempi di decostruzione: la decostruzione del concetto di razze umane (non esistono al plurale) la decostruzione del concetto di intelligenza (teoria delle intelligenze multiple di H. Gardner) la decostruzione della Carta di Mercatore (eurocentrica) attraverso la carta di Peters (equivalente nelle superfici). METODO DECOSTRUTTIVO Una delle risposte possibili, affinchè il dialogo interculturale sia veramente una relazione di reciprocità, è quella che passa attraverso la pratica della decostruzione dei pregiudizi, degli stereotipi, dei luoghi comuni, delle immagini deformanti, delle categorie linguistiche etnocentriche… La decostruzione va intesa come promozione della capacità di mettersi in questione, di ri-visitare e ri-vedere le proprie idee. Per operare questo cambiamento è necessario costruire decostruendo, costruire una nuova memoria planetaria decostruendo la memoria dominante che è etnocentrica. Nella scuola la didattica della decostruzione si può attuare almeno a 4 livelli: linguistico-concettuale; 2) relazionale-psicologico; 3)strumentale; 4) strutturale. Esempi di decostruzione: la decostruzione del concetto di razze umane (non esistono al plurale) la decostruzione del concetto di intelligenza (teoria delle intelligenze multiple di H. Gardner) la decostruzione della Carta di Mercatore (eurocentrica) attraverso la carta di Peters (equivalente nelle superfici).

28 METODO DEL DECENTRAMENTO O DEL ROVESCIAMENTO DEL PUNTO DI VISTA Educare a far crescere la capacità di decentrarsi dal proprio punto di vista, imparando a considerare il proprio modo di pensare non lunico possibile o lunico legittimo ma uno fra molti. Il valore antropologico ed educativo del decentramento sta tutto nel cammino di uscita dallegocentrismo e dalletnocentrismo. Per decentrarsi occorre accettare i propri limiti e i propri errori, riconoscere di aver bisogno degli altri, essere disponibili allascolto e alla collaborazione. Tutto ciò richiede una disponibilità e una sicurezza interiore che trovano la loro origine non sul piano della conoscenza ma in una serena maturazione affettiva. E importante perciò che la scuola si configuri come luogo di confronto, optando per percorsi cooperativi che promuovano linterdipendenza e le abilità sociali. Alcuni esempi concreti: La scoperta dellAmerica vista dalla parte degli indios; Le Crociate viste dagli Arabi; La condizione degli immigrati quando gli immigrati eravamo noi; La carta geografica sino-centrica (disegnata da cartografi cinesi che colloca lEuropa a Nord Ovest del planisfero e dunque decentrata); La fiaba di Cappuccetto Rosso raccontata dal punto di vista del Lupo; La cicala e la formica di La Fontaine e di Rodari Le immagini ingannevoli, doppie, mutevoli…. ………………………….. METODO DEL DECENTRAMENTO O DEL ROVESCIAMENTO DEL PUNTO DI VISTA Educare a far crescere la capacità di decentrarsi dal proprio punto di vista, imparando a considerare il proprio modo di pensare non lunico possibile o lunico legittimo ma uno fra molti. Il valore antropologico ed educativo del decentramento sta tutto nel cammino di uscita dallegocentrismo e dalletnocentrismo. Per decentrarsi occorre accettare i propri limiti e i propri errori, riconoscere di aver bisogno degli altri, essere disponibili allascolto e alla collaborazione. Tutto ciò richiede una disponibilità e una sicurezza interiore che trovano la loro origine non sul piano della conoscenza ma in una serena maturazione affettiva. E importante perciò che la scuola si configuri come luogo di confronto, optando per percorsi cooperativi che promuovano linterdipendenza e le abilità sociali. Alcuni esempi concreti: La scoperta dellAmerica vista dalla parte degli indios; Le Crociate viste dagli Arabi; La condizione degli immigrati quando gli immigrati eravamo noi; La carta geografica sino-centrica (disegnata da cartografi cinesi che colloca lEuropa a Nord Ovest del planisfero e dunque decentrata); La fiaba di Cappuccetto Rosso raccontata dal punto di vista del Lupo; La cicala e la formica di La Fontaine e di Rodari Le immagini ingannevoli, doppie, mutevoli…. …………………………..

29 METODO DELLAZIONE (PEDAGOGIA DEI GESTI) Leducazione Interculturale deve saper valorizzare anche i gesti, le azioni, i comportamenti, ossia la via pragmatica delleducazione alla cittadinanza attiva. Per formare nei giovani menti più accoglienti e atteggiamenti interculturali è importante promuovere azioni, iniziative, fare esperienze dirette perché il gesto ha un grande valore educativo. Esempi: organizzare gemellaggi o altre forme di scambi culturali tra scuole diverse; promuovere iniziative concrete di solidarietà tra ragazzi di diversi paesi; invitare a scuola gli immigrati per un confronto diretto e personale; allestire mostre interculturali; preparare spettacoli con diverse musiche etniche; organizzare una festa dei popoli (anche cucinando piatti etnici…) realizzare una visita alla Moschea o in un centro di altra religione; …………………. METODO DELLAZIONE (PEDAGOGIA DEI GESTI) Leducazione Interculturale deve saper valorizzare anche i gesti, le azioni, i comportamenti, ossia la via pragmatica delleducazione alla cittadinanza attiva. Per formare nei giovani menti più accoglienti e atteggiamenti interculturali è importante promuovere azioni, iniziative, fare esperienze dirette perché il gesto ha un grande valore educativo. Esempi: organizzare gemellaggi o altre forme di scambi culturali tra scuole diverse; promuovere iniziative concrete di solidarietà tra ragazzi di diversi paesi; invitare a scuola gli immigrati per un confronto diretto e personale; allestire mostre interculturali; preparare spettacoli con diverse musiche etniche; organizzare una festa dei popoli (anche cucinando piatti etnici…) realizzare una visita alla Moschea o in un centro di altra religione; ………………….

30 Dentro la scuola lintercultura è già unesperienza perturbante poiché reclama unidea nuova di cultura, nuove pratiche di convivenza e di insegnamento, nuove tecniche (antropologiche) di comunicazione e di pensiero: essa si delinea come una sfida, e a più livelli. Franco Cambi, Intercultura: fondamenti pedagogici (ed. Carocci, 2001)


Scaricare ppt "Carla Mazzola - 26-02-2006- Il dialogo interculturale: fondamenti pedagogici e percorsi didattico/educativi individuazione di finalità, obiettivi, opzioni."

Presentazioni simili


Annunci Google