La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

QUALITA DELLASSISTENZA NEL SSN E NEL SSR 10 Febbraio 2006 Carlo Lucchina Direttore Generale Direzione Generale Sanità Regione Lombardia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "QUALITA DELLASSISTENZA NEL SSN E NEL SSR 10 Febbraio 2006 Carlo Lucchina Direttore Generale Direzione Generale Sanità Regione Lombardia."— Transcript della presentazione:

1 QUALITA DELLASSISTENZA NEL SSN E NEL SSR 10 Febbraio 2006 Carlo Lucchina Direttore Generale Direzione Generale Sanità Regione Lombardia

2 l.r. 31 del 11/07/97 Principi l.r. 31 del 11/07/97 : Libera scelta del provider da parte del cittadino, senza vincoli di programmazione: separazione tra i soggetti erogatori di prestazioni di ricovero e di specialistica ambulatoriale e i soggetti garanti della salute dei propri cittadini e acquirenti le stesse prestazioni (ASL) piena parità di diritti e di doveri tra soggetti erogatori accreditati di diritto pubblico e di diritto privato aziendalizzazione per il recupero di efficacia ed efficienza delle organizzazioni sanitarie pubbliche IL SISTEMA SANITARIO REGIONALE LOMBARDO

3 Dal 1 gennaio 1998 Istituzione delle nuove aziende sanitarie con assegnazione di patrimonio e personale ( dipendenti) 15 Aziende Sanitarie Locali 29 Aziende Ospedaliere Totale44 Aziende attuali I presidi ospedalieri e specialistici ambulatoriali sono stati scorporati dalle ASL e conferiti nelle AO Linee - guida per i modelli organizzativi delle Aziende Sanitarie Locali e Aziende Ospedaliere IL SISTEMA SANITARIO REGIONALE LOMBARDO

4

5 Organi delle Aziende Ospedaliere e delle ASL Nomina dei Direttori Generali (rapporto fiduciario ) Linee guida per lOrganizzazione delle Aziende pubbliche (Piani di Organizzazione aziendale – d.g.r. ) Il modello dipartimentale e la condivisione delle risorse IL SISTEMA SANITARIO REGIONALE LOMBARDO

6 IL SISTEMA DI FINANZIAMENTO Le principali fonti di finanziamento delle AO Remunerazione delle prestazioni tariffate Funzioni non tariffate Contributi vincolati(regionali, statali) Entrate proprie Le principali fonti di finanziamento delle ASL Quota capitaria Funzioni non tariffate Contributi vincolati(regionali, statali) Entrate proprie

7 LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA (ANNO )

8 REGIONEREGOLE La REGIONE e le REGOLE La Giunta regionale annualmente stabilisce regole con la finalità di rendere il sistema sempre più adeguato alla sua missione che è quella di creare valore per i servizi in un ambito che riguarda il bene più caro a tutti: la salute.

9 REGIONEREGOLE 1 La REGIONE e le REGOLE 1 La Regione Programmare, indirizzare, raccordare, controllare, le Aziende e gli altri soggetti Garantire il funzionamento del SSR (in accordo con il SSN) Le Regole Lo strumento per svolgere le sue funzioni Nel rispetto delle leggi vigenti (Nazionali, Regionali)

10 Il SSR è un SISTEMA Diversi attori: Regione, ASL, AO, MMG, PLS, Farmacisti, Erogatori Privati, OO.SS., … Un centro: il Cittadino (e la salute) Le Regole Dettano principi, tracciano linee di indirizzo, raccordano le attività dei singoli con la programmazione regionale Razionalizzano e valorizzano le risorse disponibili REGIONEREGOLE 2 La REGIONE e le REGOLE 2

11 Le REGOLE Valgono le regole non modificate Ogni anno: Affinamento, Aggiornamento, Estensione di Regole esistenti (Finanziamento, Tariffazione, Negoziazione, Sistema dei controlli, Valutazione delle Aziende, …) Nuove regole (Domanda e Budget di distretto, Farmaceutica, Piani Regionali (Cardiologia, Psichiatria), …) DGR: Determinazioni in ordine alla gestione del SSR REGIONEREGOLE 4 La REGIONE e le REGOLE 4

12 Linee di programmazione e di indirizzo Il quadro del sistema per lanno 2006 I Piani Regionali Tempi di attesa e Accessibilità La farmaceutica e la protesica Le tariffe delle prestazioni La negoziazione Piano dei controlli, Banca Dati Assistito Progetto CRS-SISS Organizzazione e personale La Medicina convenzionata Prevenzione medica e veterinaria REGOLE Le REGOLE

13 FSN: LOMBARDIA 1

14 FSN: LOMBARDIA 2 TETTI PER ALCUNE PRESTAZIONI (Per Lombardi, per Struttura: Negoziazione) Ricoveri: milioni Ambulatoriale: milioni (no screening, NPI) Farmaceutica: 16% della spesa totale (2.308 milioni) Territorio (13%), file F, ricoveri

15 FSN: LOMBARDIA 3 REGRESSIONE TARIFFARIA (SUPERAMENTO TETTI): Ricoveri: +1,5% del valore negoziato nel ,5% assegnato su base storica 4% assegnato dalle ASL su progetti specifici. Protezione: DRG chirurgici Neoplasia Maligna, i parti, Dimessi da PS, DEA, EAS con dgn di urgenza (lista), Sindromi post-comatose, postumi di mielolesione, DH oncologici (DRG 410). Ambulatoriale: Base: 90% finanziato punti percentuali assegnati dalle ASL su progetti specifici Protezione per radioterapia e dialisi

16 LA POLITICA TARIFFARIA 1 RILEVAZIONE DEI COSTI DI PRODUZIONE E DELLE AREE DI SOFFERENZA Utilizzo dei BILANCI, del CONTROLLO di GESTIONE, della contabilità per CENTRI di COSTO, … Segnalazione delle AREE CRITICHE: Psichiatria, Pediatria, Neonatologia,... Oncologia (farmaci) Utilizzo dei GRUPPI di LAVORO

17 LA POLITICA TARIFFARIA 2 CALCOLO E VALUTAZIONE DEL COSTO PER PUNTO COSTO per PUNTO: unità di misura del costo da utilizzare per stabilire le tariffe Differenza tra Pubblico (più alto) e Privato (più basso) Efficienza e margini di utile (20°, 30° centile)

18 4 6 CU H REALE ATTESA INEFF. CP 5.2 Guadagno Perdita CP1CP2

19 LA POLITICA TARIFFARIA 3 RILEVAZIONE DELLE AREE CRITICHE Aumento eccessivo del VOLUME di prestazioni Modifica delle caratteristiche di erogazione INAPPROPRIATEZZA di erogazione (ordinario, dh, ambulatorio) OPPORTUNISMI (codifica, selezione pazienti,...) NICCHIE di iper valutazioni tariffarie STIMOLAZIONI, incentivazioni, indicazioni, …

20 LA POLITICA TARIFFARIA 4 LINEE DI POLITICA TARIFFARIA Identificazione di criteri generali Proposta di Tariffe Valutazione di impatto Discussione con erogatori ed acquirenti Predisposizione Delibera

21 LA POLITICA TARIFFARIA 5 CONFRONTO TRA TARIFFE Ogni Regione ha una propria politica tariffaria (notevole diversità tra regioni) Le Tariffe lombarde sono mediamente inferiori (10-12%) delle tariffe nazionali Grande eterogeneità tra DRG (incentivazione): A volte superiori (Alta specialità) A volte del tutto differenti (Trapianto midollo osseo) Problema della Tariffa di scambio (mobilità) Equità Sistemi differenti di remunerazione (Funzioni ??)

22 LA REMUNERAZIONE DEI SOGGETTI EROGATORI Modello separato: PAGAMENTO A PRESTAZIONE FUNZIONI NON TARIFFABILI Modello integrato: BUDGET (ASL con Ospedali) PAGAMENTO A PRESTAZIONE

23 23 I controlli Piano annuale dei controlli di ASL: entro gennaio 2006 Piano annuale dei controlli di ASL: entro gennaio 2006 Controllo delle attività extra budget Sperimentare un modello di revisione tra pari sulla appropriatezza specifica dei processi clinici (audit clinico) Sperimentazione: controlli effettuati da operatori NOC di ASL viciniore Tipologie di controllo: come 2005 Tempestività ed efficacia Integrazione tra controlli, accreditamento, sanzioni REGOLE 2006 Le REGOLE 2006

24 24 I controlli Nuclei Operativi di Controllo Ricoveri: 5%, mirato-casuale, aree critiche Ambulatoriale Tempi di attesa: Criteri di gestione delle liste di attesa Libera professione e/o solvenza Verifica dei requisiti delle strutture Controllo di qualità degli SMEL (interna, esterna) REGOLE 2006 Le REGOLE 2006

25 SPESA PRO CAPITE

26 PREVENZIONE (1) La Lombardia è la regione che destina maggiori risorse alle attività di prevenzione rivolte alla persona

27 PREVENZIONE (2) Una percentuale maggiore di esami fatti alle donne in età critica permette di ridurre lincidenza e la mortalità di tumore

28 PREVENZIONE (3)

29 FARMACI

30 VISITE ED ESAMI

31 RICOVERI OSPEDALIERI

32 Quota pro-capite del Fondo Sanitario Nazionale 2005: Lombardia 1.426,3 Veneto 1.417,0 Emilia Romagna 1.505,6 Toscana 1.520,2 Ciò significa che con quota pro-capite pari a quella dellEmilia Romagna la Regione Lombardia avrebbe maggiori risorse per circa 730 milioni di Euro (1.505, ,3 = 79,3 da moltiplicare per persone) F.S.N. 2005

33 SPESA FARMACEUTICA (1) Dati Fonte AIFA N.B. Delle 4 regioni che non hanno sfondato 3 hanno reintrodotto il ticket. Lunica che non lo ha reintrodotto, la Toscana, è quella con la quota pro-capite più alta di Fondo Sanitario Nazionale

34 TICKET: CONFRONTO ANNO 2003 CON ANNO 2004 Nel 2004 il consumo di farmaci (calcolato sul numero di ricette) è aumentato del 7%: 61 milioni contro i 57 milioni del 2003 Il ticket in termini assoluti al contrario è diminuito: 168 milioni di nel 2003 contro 167 milioni di nel 2004 In particolare la diminuzione del valore medio del ticket per ricetta coincide con la data di attuazione del provvedimento regionale relativo alle esenzioni (ottobre 2004)

35 FARMACEUTICA: DISTRIBUZIONE DIRETTA Il meccanismo della distribuzione diretta prevede lacquisto del farmaco da parte dellASL e la successiva erogazione al paziente (tramite i propri distretti o lospedale) Trattandosi per la maggior parte di farmaci innovativi, le industrie produttrici non applicano lo sconto del 50%, bensì uno sconto inferiore: il costo è pertanto uguale a quello della distribuzione tramite farmacie Considerato che sono farmaci per la cronicità, bisogna tenere conto che in Lombardia la maggior parte dei cronici è esente dal pagamento del ticket

36 I dati evidenziano che a gennaio 2003 il valore del ticket medio per ricetta è stato pari a 3,3. A gennaio 2005 il valore medio per ricetta è sceso sotto i 2,4 : ciò sta ad indicare che il peso del ticket è sceso di quasi un terzo (come indica il grafico sottostante) In particolare il picco di diminuzione si è registrato a ottobre 2004 TICKET: CONFRONTO ANNO 2003 CON ANNO 2004

37 Altro dato rilevante è quello legato alle ricette con esenzione totale, che sono passate da circa a gennaio 2004 a 1 milione a ottobre 2004 e a 1,2 milioni a novembre 2004 (vedi grafico sottostante) TICKET: CONFRONTO ANNO 2003 CON ANNO 2004

38 TICKET: CONFRONTO ANNO 2004 CON ANNO 2005 A gennaio 2005 la spesa netta a carico del SSR è stata di 132,5 milioni di Euro (-6,5% rispetto a gennaio 2004) e il ticket è diminuito del 18 % (12 milioni di Euro contro i 15 milioni di Euro di gennaio 2004). A febbraio 2005 la spesa è stata di 128,7 milioni di Euro (-3,7% rispetto a febbraio 2004) e il ticket è diminuito circa del 18% (11 milioni di Euro contro i 15 milioni di Euro di febbraio 2004).

39 FILE F: CONFRONTO ANNO 2003 CON ANNO 2004 File F - solo lombardi (senza tipologia 6 e 11, cioè senza doppio canale e 1° ciclo) Il File F include farmaci innovativi ad alto costo per la cura di malattie croniche ad alto impatto sociale quali ad esempio neoplasie, sclerosi multipla, AIDS ecc. Anno 2003: 204 milioni di Euro Anno 2004: 239 milioni di Euro con un aumento annuo pari al 17%

40 Recenti statistiche nazionali hanno evidenziato che Regione Lombardia è la regione che eroga le prestazioni specialistiche con i minori tempi dattesa Non è vero che è necessario aspettare 8 mesi per una visita E vero invece che telefonando ai call center è possibile trovare soluzioni più veloci e sicuramente in strutture non molto distanti dallabitazione Daltra parte se le stesse prestazioni si possono fare a pagamento bisogna ringraziare lex Ministro Bindi che, dopo aver fatto spendere oltre miliardi di lire per lindennità di esclusività, ha permesso ai medici di svolgere lattività libero professionale allinterno degli ospedali E da ricordare inoltre che se le prestazioni sono urgenti Regione Lombardia è una delle poche regioni nella quale la prestazione va effettuata entro 72 ore LISTE DATTESA

41 Percentuale ricoveri effettuati fuori Regione Più la percentuale è bassa minore è la fuga verso le altre Regioni N.B. Dati al 2002 in quanto ultimo anno in cui il Ministero li ha pubblicati

42 Posti letto pubblico/privato Tipologia di struttura profitno profittotale% no profit Case di cura ,4% Ospedali classificati % Irccs privati ,5% Ospedali azienda % Irccs pubblici % Totale Reg ,4% % posti letto pubblici ed a questi equiparati 77,9% % posti letto no profit83,4%

43 Numero posti letto privati accreditati per 1000 abitanti Lombardia Veneto Emilia Romagna Toscana Lazio

44 Prestazioni extra-LEA La Regione Lombardia, oltre a quelle previste a livello nazionale, garantisce con risorse a carico del SSR: le cure riabilitative e fisiatriche ambulatoriali le cure odontoiatriche Si prevede inoltre un indice di posti letto per cure riabilitative maggiore del 50% rispetto a quello previsto a livello nazionale

45 RICOVERI n° ordinari tasso osp. / ,7 164,0 152,8 accessi dh valore I ricoveri ordinari sono stati costanti fino al periodo recente in cui sono diminuiti Sono al contrario notevolmente aumentati gli accessi al Day Hospital (dh)

46 Composizione della spesa 66% della spesa per ricoveri e prestazioni ambulatoriali erogate da strutture pubbliche 34% della spesa per ricoveri e prestazioni ambulatoriali erogate da strutture private

47 Percentuale dei finanziamenti per attività di ricovero

48 PRESTAZIONI AMBULATORIALI n° prestazioni valore Le prestazioni ambulatoriali sono notevolmente aumentate

49 Dalla L.R. 31/97 al PSSR Art.13 comma 5 della L.r. 31/97: Le aziende sanitarie devono assicurare lo svolgimento di tutte le attività necessarie per realizzare la produzione, lerogazione ed il controllo di prestazioni e di servizi secondo le norme ISO 9000.

50 D.G.R. del n. VI/46582 indica Individuazione delle aree e dei primi indicatori per lattuazione del sistema qualità nelle strutture sanitarie lombarde; Approvazione della procedura di riparto dei finanziamenti (20 mld lire) alle aziende sanitarie pubbliche per lintroduzione e lo sviluppo di sistemi di qualità aziendale.

51 Settore sanità: certificati Fonte: Banca dati SINCERT al 31/1/2005)

52 Customer Satisfaction: risultati

53


Scaricare ppt "QUALITA DELLASSISTENZA NEL SSN E NEL SSR 10 Febbraio 2006 Carlo Lucchina Direttore Generale Direzione Generale Sanità Regione Lombardia."

Presentazioni simili


Annunci Google