La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Anna Aprile P.A. di Medicina Legale Università degli Studi di Padova Anna Aprile - Università degli Studi di Padova.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Anna Aprile P.A. di Medicina Legale Università degli Studi di Padova Anna Aprile - Università degli Studi di Padova."— Transcript della presentazione:

1 Anna Aprile P.A. di Medicina Legale Università degli Studi di Padova Anna Aprile - Università degli Studi di Padova

2 I cancri intervallo sono eventi avversi, o potenzialmente tali, che si verificano con frequenza largamente prevedibile, modificabile solo in piccola parte. I cancri intervallo non sono eliminabili Cause: limiti della mammografia (circa 80 %) errore umano (obiettivo < 20 %)

3 La percezione del radiologo: incidente inaccettabile, errore (colpa) spauracchio medico-legale soluzioni difensive I cancri intervallo

4 La percezione delle pazienti: una catastrofe (nulla di paragonabile a ciò che pensano dei falsi positivi) I cancri intervallo Domande: la donna è stata informata dei limiti della mammografia? La donna è stata prontamente presa in carico e curata? La prognosi è molto diversa rispetto ai casi trovati allo screening?

5 Radiologi e screening I CI sono il segno di uninsufficiente sensibilità Il problema dellassunzione dellincertezza nello screening Timore di conseguenze medico-legali I nemici dello screening standard Comportamenti precauzionali /difensivi

6 Radiologi e Screening I comportamenti difensivi hanno almeno un effetto certo: compromettono la possibilità di realizzare lo screening e soprattutto di estenderlo a TUTTA la popolazione Art. 32 Costituzione: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività I programmi di sanità pubblica hanno la prospettiva di popolazione, secondo i principi di equità e di sostenibilità. Pertanto lobiettivo di tutelare la salute del singolo non può compromettere quello di rispettare l equità e la sostenibilità

7 Cascata degli eventi Cancri intervallo Denunce Verifica di errore (< 20 % dei CI) Verifica rapporto causalità errore – danno Condanne per danno colposo Responsabilità civile (risarcimento) Responsabilità penale

8 note sulla responsabilità penale

9 Anna Aprile - Università degli Studi di Padova violazione di doveri connessi ad una norma correlata attitudine a rispondere anche davanti ad un giudicante

10 Anna Aprile - Università degli Studi di Padova quale norma?

11 Anna Aprile - Università degli Studi di Padova RESPONSABILITÀ PENALE quale norma? CODICE PENALE LEGGI DELLO STATO

12 Anna Aprile - Università degli Studi di Padova RESPONSABILITÀ PENALE quale norma? CODICE PENALE Art. 1. Reati e pene: disposizione espressa di legge. Nessuno può essere punito per un fatto che non sia espressamente preveduto come reato dalla legge, né con pene che non siano da essa stabilite.

13 Anna Aprile - Università degli Studi di Padova RESPONSABILITÀ PENALE Delitto ed articolo del codice penale omicidio colposo; 589 errore (od omissione) colposo connesso a intervento del professionista che abbia causato il decesso della persona assistita

14 Anna Aprile - Università degli Studi di Padova RESPONSABILITÀ PENALE Delitto ed articolo del codice penale lesione personale colposa; 590 errore (od omissione) colposo connesso a intervento del professionista che abbia causato il lesioni personali della persona assistita

15 Anna Aprile - Università degli Studi di Padova RESPONSABILITÀ PENALE quale norma? CODICE PENALE Art. 43. Elemento psicologico del reato. Il delitto: è doloso, o secondo l'intenzione, quando l'evento dannoso o pericoloso, che è il risultato dell'azione od omissione e da cui la legge fa dipendere l'esistenza del delitto, è dall'agente preveduto e voluto come conseguenza della propria azione od omissione; è preterintenzionale, o oltre l'intenzione, quando dall'azione od omissione deriva un evento dannoso o pericoloso più grave di quello voluto dall'agente; è colposo, o contro l'intenzione, quando l'evento, anche se preveduto, non è voluto dall'agente e si verifica a causa di negligenza o imprudenza o imperizia, ovvero per inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline. La distinzione tra reato doloso e reato colposo, stabilita da questo articolo per i delitti, si applica altresì alle contravvenzioni, ogni qualvolta per queste la legge penale faccia dipendere da tale distinzione un qualsiasi effetto giuridico.

16 Anna Aprile - Università degli Studi di Padova RESPONSABILITÀ PENALE quale norma? CODICE PENALE condotta (del professionista) danno danno (alla persona)

17 Anna Aprile - Università degli Studi di Padova RESPONSABILITÀ PENALE quale norma? CODICE PENALE condotta danno danno nesso dicausalità

18 Anna Aprile - Università degli Studi di Padova RESPONSABILITÀ PENALE quale norma? CODICE PENALE Art. 40. Rapporto di causalità. Nessuno può essere punito per un fatto preveduto dalla legge come reato, se l'evento dannoso o pericoloso, da cui dipende la esistenza del reato, non è conseguenza della sua azione od omissione. Non impedire un evento, che si ha l'obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo.

19 Anna Aprile - Università degli Studi di Padova RESPONSABILITÀ PENALE quale norma? CODICE PENALE Art. 40. Rapporto di causalità. Nessuno può essere punito per un fatto preveduto dalla legge come reato, se l'evento dannoso o pericoloso, da cui dipende la esistenza del reato, non è conseguenza della sua azione od omissione. Non impedire un evento, che si ha l'obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo.

20 Anna Aprile - Università degli Studi di Padova RESPONSABILITÀ PENALE quale norma? CODICE PENALE Art. 40. Rapporto di causalità. omissione azione od omissione

21 – UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA REATO ELEMENTO OGGETTIVO - la condotta: unazione od unomissione - levento; - il nesso di causalità materiale fra i due predetti ELEMENTOSOGGETTIVO riferibilità della condotta allautore della stessa - presenza di un elemento psicologico che caratterizza la condotta: il dolo, la colpa o la preterintenzione

22 ELEMENTO OGGETTIVO realizzazione di una condotta da cui discende la verificazione dellevento, che è quindi causalmente riconducibile a quella condotta

23 ELEMENTO OGGETTIVO CONDOTTA EVENTO NESSO DI CAUSALITÀ

24 DANIELE RODRIGUEZ – UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA ELEMENTO OGGETTIVO AZIONECOMMISSIVA EVENTO NESSO DI CAUSALITÀ

25 CONDOTTA AZIONECOMMISSIVA OMISSIONE

26 ELEMENTO OGGETTIVO OMISSIONEEVENTO NESSO DI CAUSALITÀ !

27 OMISSIONI … CONDOTTA ERRATA ALTERNATIVA A QUELLA DOVUTA

28 INDAGINE MEDICO-LEGALE INDAGINE MEDICO-LEGALE STRUMENTO LOGICO 1: GIUDIZIO CONTROFATTUALE

29 OMISSIONE La condotta omissiva di per se stessa è immateriale, è immateriale, per cui non può produrre alcun effetto materiale

30 GIUDIZIO CONTROFATTUALE OMISSIONE Il meccanismo logico delloperazione si inverte: si dovrà positivamente immaginare come, tenuta la condotta che, invece, nel concreto, si imputa omessa e si dovrà verificare se, in presenza di tale azione positiva, la verificazione dellevento, concretamente determinatosi, sarebbe invece mancata

31 note sulla responsabilità civile

32 Daniele Rodriguez - Cattedra di Medicina Legale - Università degli Studi di Ancona RESPONSABILITA CIVILE OBBLIGO DI RISARCIRE DANNO INGIUSTO DERIVANTE DA ILLECITO COMPORTAMENTO REINTEGRAZIONE DELLINTERESSE PERSO

33 Daniele Rodriguez - Cattedra di Medicina Legale - Università degli Studi di Ancona CODICE CIVILE Art Responsabilità del debitore. Il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che l'inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile. Il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che l'inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile.

34 Daniele Rodriguez - Cattedra di Medicina Legale - Università degli Studi di Ancona CODICE CIVILE Art Risarcimento per fatto illecito. Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno. Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno.

35 RESPONSABILITA PENALE RESPONSABILITACIVILE personaletrasferibile allassicurazione reatodanno ingiusto inadempimento contrattuale condotta colposacondotta colposa/ inadempiente causalità certacausalità dubbia dimostrazione della responsabilità a carico dellaccusa dimostrazione della assenza di responsabilità a carico della parte convenuta (medico/ ASL)

36 il sistema penale ha come baricentro il reo lillecito civile ruota attorno al danneggiato

37 RESPONSABILITÀ Attitudine a rispondere del proprio operato professionale, in caso di errore od omissione, davanti ad un giudicante

38 RESPONSABILITÀ Impegno a realizzare una condotta professionale corretta nellinteresse di salute dellassistito

39 … grazie, ho concluso


Scaricare ppt "Anna Aprile P.A. di Medicina Legale Università degli Studi di Padova Anna Aprile - Università degli Studi di Padova."

Presentazioni simili


Annunci Google