La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Parità dei poteri dacquisto. Lassenza di inflazione nelle condizioni economiche di un paese è unipotesi semplificatrice molto comoda.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Parità dei poteri dacquisto. Lassenza di inflazione nelle condizioni economiche di un paese è unipotesi semplificatrice molto comoda."— Transcript della presentazione:

1 Parità dei poteri dacquisto

2 Lassenza di inflazione nelle condizioni economiche di un paese è unipotesi semplificatrice molto comoda ma anche non realistica In un economia aperta la presenza di differenziali di inflazione produce degli effetti sui tassi di cambio che non possono essere ignorati Nel procedere a questa analisi occorre tenere conto della presenza di inflazione – In regime di tassi di cambio fissi – In regime di tassi di cambio flessibili

3 TASSI DI CAMBIO FISSI

4 Si supponga che in un paese, il livello dei prezzi aumenti I prezzi invece rimangono costanti nel resto del mondo – la prima conseguenza di una simile situazione è costituita dal fatto che la bilancia dei pagamenti del paese in questione andrà in disavanzo In regime di tassi di cambio fissi, una simile situazione determina automaticamente una contrazione dellofferta di moneta e lo stesso accade se il tasso di inflazione di un paese è più elevato di quello che si registra in altri paesi

5 Si supponga che il tasso di inflazione degli USA sia pari all8% annuo mentre nel resto del mondo sia del 5%, a causa delle differenze dei tassi di crescita dellofferta di moneta americana e di quello delle monete estere – Se il tasso di cambio è fisso, durante lanno in corso i prezzi dei beni negli USA crescono del 3% in più rispetto a quelli del resto del mondo – Se nulla cambia, nel corso dellanno successivo il divario si amplierà di un ulteriore 3%, ecc. Questo stato di cose dovrebbe continuare con un ampliamento del divario In realtà, prima o poi, qualcosa succede…

6 Dal momento che negli USA i prezzi aumentano relativamente di più di quanto non accada nel resto del mondo, è ragionevole attendersi che le esportazioni USA si riducano e che le importazioni aumentino. Di conseguenza, la bilancia dei pagamenti USA andrà in deficit, mentre quella dei paesi del resto del mondo registrerà un surplus. In un sistema di cambi fissi, laggiustamento automatico comporterà una contrazione dellofferta di dollari ed una contemporanea espansione dellofferta di valuta estera. Questo significa che, nel lungo periodo, il tasso di inflazione negli USA tenderà progressivamente a diminuire, mentre tenderà a salire nel resto del mondo. Le pressioni sul livello dei prezzi continueranno finché il tasso di inflazione USA sarà superiore a quello che si registra nel resto del mondo. Alla fine le differenze nei tassi di inflazione e nei tassi di crescita dellofferta di moneta scompariranno

7 Ma sarà il tasso di inflazione nel resto del mondo che salirà fino a raggiungere quello americano, oppure sarà il tasso di inflazione USA a scendere fino ad eguagliare quello degli altri paesi? Oppure si assisterà ad una combinazione delle due possibilità? Tra il 1945 e il 1971, quando la maggior parte dei paesi aderivano agli accordi di Bretton Woods e quindi adottavano un regime di cambi fissi, i paesi diversi dagli USA si facevano di fatto carico di mantenere fisso il loro cambio nei confronti del dollaro. – Gli USA potevano semplicemente stampare più dollari in base alle loro esigenze per finanziare un disavanzo della loro bilancia dei pagamenti e ciò era sufficiente ad evitare che questultimo generasse una contrazione automatica dellofferta di dollari, mentre gli altri paesi erano costretti ad adeguarsi alla politica monetaria e al tasso di inflazione USA. Lesperienza del periodo di Bretton Woods consente di concludere che, in regime di cambi fissi, una piccola economia aperta perde il controllo della politica monetaria, dal momento che questa deve necessariamente uniformarsi a quella adottata nel paese più grande alla cui valuta essa vuole/deve ancorare il cambio. Si noti che questo conferma su basi particolari quanto già concluso: in regime di cambi fissi la politica monetaria è inefficace

8 Il sistema dei cambi fissi di Bretton Woods consentiva ampi margini di manovra agli USA, mentre il resto del mondo era costretto ad adeguarsi. Ovviamente se il tasso di inflazione americano fosse salito a livelli ritenuti inaccettabili gli altri paesi avrebbero potuto decidere di abbandonare il sistema, in modo da non dover sperimentare anchessi uninflazione elevata: – questo è esattamente ciò che accadde durante la guerra del Vietnam, quando il sistema dei tassi di cambio fissi venne abbandonato a favore di uno basato sui cambi flessibili (1971)

9 TASSI DI CAMBIO FLESSIBILI

10 Si ipotizzi che il tasso di inflazione sia pari all8% negli USA e al 5% nel resto del mondo Adesso, però, i tassi di cambio sono flessibili: – in questo caso il deficit della bilancia dei pagamenti USA determina automaticamente un deprezzamento del dollaro o, il che è lo stesso, un apprezzamento delle valute estere, anziché una variazione dellofferta di moneta. – Se il dollaro si deprezza del 3% annuo, allora il differenziale di inflazione che rende ogni anno i beni e servizi più costosi di quelli esteri del 3% viene esattamente compensato; – ne consegue che i conti con lestero degli USA rimangono in equilibrio: in altre parole, il tasso di cambio reale del dollaro resta invariato

11 In sostanza, esistono forze che fanno sì che la variazione percentuale annua del tasso di cambio sia pari al differenziale di inflazione fra un paese e il resto del mondo. Questo meccanismo viene spesso descritto come parità del potere dacquisto (PPA) Indicando con i int il tasso di inflazione interna al paese e con i est il tasso di inflazione del resto del mondo, il tasso di variazione del tasso di cambio (c) della moneta del paese, sarà dato da: c = i est - i int Nellesempio citato, il tasso di variazione del cambio del dollaro è pari a 8% meno 5%, ovvero 3% che equivale ad un deprezzamento annuo di 3 punti percentuali.

12 La formula della PPA rappresenta una regola pratica che consente di prevedere landamento del tasso di cambio nel lungo periodo. Nel breve periodo i tassi di cambio sono molto volatili, perché sono influenzati dalle vicende politiche, dal ciclo economico, dalle politiche monetarie, dalle voci che si diffondono sui mercati e, forse in modo più cruciale, dalla speculazione. Ne consegue che la teoria della PPA in genere non consente di prevedere in modo soddisfacente landamento di breve periodo dei tassi di cambio. Peraltro, essa può risultare poco attendibile anche nel lungo periodo, dal momento che non è in grado di tenere conto dei molti elementi che possono incidere in modo permanente sulla capacità di un paese di competere sui mercati internazionale

13 Dal punto di vista delloggetto della politica economica internazionale risultano particolarmente importanti fattori quali: – la modifica delle barriere agli scambi internazionali, come la riduzione dei dazi doganali associata alla diffusione di accordi di libero scambio, sia di tipo bilaterale che multilaterale; – variazioni di lungo periodo dei tassi di interesse; – differenze nei tassi di crescita della produttività tra paesi, in particolare quelle indotte da modifiche quanti/qualitative delle caratteristiche del capitale umano. Questi, ed altri, elementi possono incidere in modo permanente sul tasso di cambio di lungo periodo anche in assenza di inflazione

14 Inflazione USA=8% e resto del mondo =5% Prezzi USA aumentano +3% Esportazioni USA diminuiscono Importazioni USA aumentano Disavanzo della BP USA

15 Disavanzo della BP USA Tassi di cambio fissi Aumento offerta moneta estera Diminuzione inflazione estera Se inflazione estera è al di sotto dell8% lo squilibrio scompare Nuovo equilibrio di import /export poiché vengono ripristinati i prezzi relativi iniziali Tassi di cambio flessibili Diminuzione tassi di cambio USA Se la riduzione del tasso di cambio USA è pari al 3% lo squilibrio scompare Nuovo equilibrio ai livelli iniziali di import/exoport poiché il tasso di cambio reale è invariato

16 ESERCITAZIONI

17 Quale fu il motivo per cui il sistema di Bretton Woods venne abbandonato nel 1971? – Gli USA avevano adottato una politica monetaria espansiva (e quindi inflazionistica) per finanziare le spese legate alla guerra del Vietnam e alcune importanti misure di politica sociale e non tutti i partner commerciali degli USA erano in grado (o intendevano) condividerla

18 In che cosa consiste una politica monetaria inflazionistica? – Se lofferta di moneta aumenta più rapidamente del tasso di crescita reale delleconomia, questo genererà inflazione Quali sono i tre principali strumenti cui si può fare ricorso per finanziare spese quali la guerra del Vietnam o spese sociali? – La spesa pubblica può essere finanziata attraverso Imposizione fiscale Vendita di titoli al pubblico Creazione di moneta (vendita di titoli alla banca centrale)

19 Tra le tre possibilità di finanziamento della spesa pubblica quale può considerarsi inflazionistica? – Tutte e tre… – … ma quella che più direttamente e facilmente genera inflazione è la creazione di moneta attraverso la vendita di titoli alla banca centrale

20 Perché gli USA riuscirono a far condividere la loro politica inflazionistica ai partner commerciali? – In regime di cambi fissi, una piccola economia aperta deve necessariamente uniformarsi alla politica monetaria del paese che emette la valuta di riferimento – Nel caso di B.W. I paesi terzi rispetto agli USA mantenevano fisso il tasso di cambio delle rispettive valute rispetto al dollaro

21 Nel giro di 3-5 anni il dollaro probabilmente riprenderà il suo trend discendente di lungo periodo, a meno che Washington non inverta lorientamento delle politiche economiche attuate nel secondo dopoguerra, adottando una linea dura nella lotta allinflazione. Secondo gli osservatori è possibile che questo accada se Reagan vincerà le elezioni presidenziali (1979) – Cosa dovrebbe fare il governo per adottare una linea dura nella lotta allinflazione? – Su quale logica è basata la prima frase del testo?

22 Cosa dovrebbe fare il governo per adottare una linea dura nella lotta allinflazione? – Per far scendere linflazione in modo permanente è necessario ridurre il tasso di crescita dellofferta di moneta, avvicinandolo al tasso di crescita reale delleconomia

23 Su quale logica è basata la prima frase del testo? – Secondo la teoria della PPA, se il tasso di inflazione USA è più alto di quello dei paesi suoi partner commerciali, nel lungo periodo il cambio del dollaro si deprezzerà ad un tasso pari al differenziale di inflazione tra gli USA e gli altri paesi


Scaricare ppt "Parità dei poteri dacquisto. Lassenza di inflazione nelle condizioni economiche di un paese è unipotesi semplificatrice molto comoda."

Presentazioni simili


Annunci Google