La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SCUOLA PRIMARIA ANTONIO VIVALDI PRIMO CIRCOLO DI SPINEA Progetto Intercultura Anno scolastico 2005-06 INSEGNANTI SCARPA BOSMIN MENEGUZ PATERNO CECCHETTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SCUOLA PRIMARIA ANTONIO VIVALDI PRIMO CIRCOLO DI SPINEA Progetto Intercultura Anno scolastico 2005-06 INSEGNANTI SCARPA BOSMIN MENEGUZ PATERNO CECCHETTO."— Transcript della presentazione:

1 SCUOLA PRIMARIA ANTONIO VIVALDI PRIMO CIRCOLO DI SPINEA Progetto Intercultura Anno scolastico INSEGNANTI SCARPA BOSMIN MENEGUZ PATERNO CECCHETTO VIO ANZANELLO GIRELLI

2 Un viaggio con … un viaggio per … FINALITA-Comprendere la diversità come valore-Promuovere il riconoscimento delle culture con approfondimento e consapevolezza della propria -Comprendere che la convivenza civile è un valore che si realizza attraverso il dialogo e la conoscenza OBIETTIVI Per il secondo ciclo ( Un viaggio per…conoscere) -Conoscere l'emigrazione come un fenomeno presente in alcuni periodi storici e in molti paesi del mondo Riflettere sullo stereotipo e sul pregiudizio - Scoprire, anche attraverso testimonianze dirette, come molti italiani abbiano vissuto in prima persona questa esperienza.-Cogliere il tempo come valore, individuare e confrontare i vari modi di viverlo -Conoscere e confrontare i racconti delle origini cogliendo e confrontando gli aspetti culturali in essi presenti Per il primo ciclo ( In viaggio con… la fantasia) -Cogliere limportanza del decentrarsi cogliendo il punto di vista altrui -Riflettere sul conflitto: cause, modalità e soluzioni

3 Un viaggio con … la fantasia (imparare a decentrarsi) Classe prima Un viaggio con … la fantasia (il conflitto e la sua gestione) Classe seconda

4 LA STORIA Dopo unuscita al Cansiglio entusiasti dellesperienza vissuta, abbiamo inventato una storia in cui i protagonisti erano: Lucio, la guardia forestale, la volpe, lo scoiattolo, il cervo e il cacciatore. In seguito abbiamo provato a raccontarla dai punti di vista dei diversi personaggi

5

6

7

8 ALLA FINE NOI PENSIAMO …

9 ABBIAMO FATTO ANCHE I GIOCHI

10 IN CERCHIO ABBIAMO GIOCATO A IO SONO SPECIALE PERCHE… E UGUALI-DIVERSI

11 Abbiamo letto Una lite sullarca di Noè e riflettendo sulla storia … ECCO IN QUALI LUOGHI E PER QUALI MOTIVI LITIGHIAMO QUANDO SIAMO A SCUOLA Quando siamo in atrio litighiamo: -per scegliere a che gioco si gioca; -per decidere chi fa la conta a nascondino; -per scegliere il capo-gioco; -per scegliere i personaggi quando Quando siamo in giardino a giocare a calcio litighiamo: -perchè non rispettano le regole; -perchè qualcuno dice una cosa al posto di unaltra -perchè, quando si danno le indicazioni di gioco, uno dice una cosa e laltro non la fa.

12 In classe litighiamo: - quando non vogliamo far entrare un compagno nel gioco; - quando qualcuno non rispetta le regole del gioco che si sta facendo; - quando non vengono rispettate le promesse che poi si farà un gioco e invece non si fa; - quando uno ha un comportamento scorretto nel gioco (non vale, non si spia...); - quando si gioca con il lego e vogliamo lo stesso pezzo; - quando qualcuno ci abbraccia con insistenza anche se non vogliamo. A volte litighiamo anche per occupare lo stesso bagno.

13 CHE COSA FANNO GLI ANIMALI PER NON LITIGARE SI AIUTANO SI ASCOLTANO SI RENDONO UTILI SI INSEGNANO LE COSE NON SI DANNO FASTIDIO CERCANO DI SOPPORTARSI NON SI PORTANO VIA IL CIBO PENSANO CHE BISOGNA STARE CALMI PROVANO INSIEME UNESPERIENZA NUOVA SI DISTRIBUISCONO IL CIBO IN PARTI UGUALI ACCETTANO LE ABITUDINI E LE ESIGENZE DEGLI ALTRI RIFLETTONO SU QUELLO CHE HA DETTO IL BRADIPO PROVANO A PENSARE COME PENSANO GLI ALTRI DEVONO VEDERE LE COSE IN TANTI MODI SI INCORAGGIANO A VICENDA SI RISPETTANO LUN LALTRO NON SI FANNO I DISPETTI METTONO DELLE REGOLE NON SI DISTURBANO NON SI FANNO MALE SI SCUSANO

14

15

16 Abbiamo parlato degli animali nella storia di Noè, ma gli animali … NEI PROVERBI ITALIANI … LASINO RAPPRESENTA LIGNORANZA, CHI NASCE IGNORANTE NON FA NIENTE PER CAMBIARE LA PECORA RAPPRESENTA LE PERSONE CHE FANNO LE COSE SENZA PENSARE IL SERPENTE RAPPRESENTA IL MALE E AVERE UNA LINGUA DA SERPENTE SIGNIFICA PARLAR MALE DEGLI ALTRI NEI PROVERBI TUPURI ( CAMERUN) LASINO RAPPRESENTA LIGNORANZA LA PECORA LA RICCHEZZA IL SERPENTE LA SAGGEZZA NELLA BIBBIA ASINO E SIMBOLO DELLA FEDELTA LA PECORA E SIMBOLO DEGLI UOMINI IL SERPENTE E SIMBOLO DEL MALE CURIOSO VERO? CURIOSO VERO?

17 Un viaggio per … Conoscere le cosmogonie Classe terza Conoscere … il valore del tempo Classe quarta Conoscere lo stereotipo e Il pregiudizio Classe quinta

18 Cosmogonie a confronto Insieme a Paola abbiamo letto la Genesi dove viene raccontato il mito della creazione secondo gli ebrei, dopo insieme a Paolo abbiamo letto Arriva Corvo il mito cosmogonico degli eschimesi. Quindi abbiamo parlato in classe di queste due storie cercando di capire quali erano le somiglianze e le differenze tra questi due miti. Dalla discussione è emerso che : Sintesi della discussionediscussione

19 Leggendo il testo della bibbia abbiamo formulato delle domande PERCHE NEL TESTO CE SCRITTO E FU SERA E FU MATTINA? NEL TESTO SI PARLA DI GRANDE ABISSO, COSE? PERCHE DIO CREA PROPRIO IN SETTE GIORNI E NON IN 10 O 3 ?

20 Abbiamo trovato le risposte NEL TESTO TROVIAMO SCRITTO E FU SERA E FU MATTINA, PRIMO GIORNO,…SECONDO GIORNO,.. PERCHE GLI SCRITTORI DEL TESTO ERANO EBREI. ABBIAMO SCOPERTO CHE GLI EBREI ANCORA OGGI MISURANO LE GIORNATE DA QUANDO IN CIELO COMPAIONO LE PRIME TER STELLE FINO ALLO STESSO MOMENTO DEL GIORNO SUCCESSIVO ( CIOE DA TRAMONTO A TRAMONTO) NEL TESTO SI PERLA DI GRANDE ABISSO PERCHE IMMAGINAVANO LA TERRA FATTA COSI: Poggia su pilastri che affondano nel grande abisso. Il firmamento forma una volta dove sono sospesi gli astri ed è piena di buchi attraverso i quali piove, nevica, grandina e soffia il vento.

21 Ecco i nostri lavori CHE NE DITE ?

22 Siamo partiti leggendo la storia di Odette la storia la storia Come usiamo noi il nostro tempo? Ecco che cosa ne pensiamo noi

23 ABBIAMO CERCATO PROVERBI ITALIANI E NON SUL TEMPO E IL SUO VALORE E … CI SIAMO ACCORTI CHE : -PER TUTTI IL TEMPO E UN VALORE -PER GLI EUROPEI IL TEMPO EQUIVALE AL DENARO, PERCIO SI DEVE SFRUTTARE -PER GLI AFRICANI E LUOMO IL PADRONE DEL TEMPO E NON IL CONTRARIO -PER TUTTI OGNI COSA DEVE AVERE IL SUO TEMPO

24 Parlando di italiani e … stranieri ITALIANI No diff. tra maschi e femmine gusti Normali nel nostro modo di vedere Né ricchi né poveri Vestiti diversamente a seconda delle stagioni Ci crediamo più importanti degli altri cultura STRANIE RI cultura Poco cibo straniero Persone di colore Nomi diversi Vestiti diversi Riti religiosi poverischiavipauraleggi Soldati bambini calorosi Lingua diversa Abitazioni diverse Senza lavoro ricchi La nostra prima discussione

25 Di chi si parla? Sono gli italiani descritti da un giornalista inglese ( W.Hazlitt anni venti dellOttocento) Leggendo questa testimonianza le nostre reazioni sono state : Indignazione Rabbia Sorpresa Noi avevamo pensato che si parlasse di : zingari, ladri, africani, barboni

26 Anche gli italiani sono stati emigranti,ma come venivano visti allestero ai primi del novecento? Abbiamo discusso sulle immagini …

27 UN GIONO NELLA NOSTRA SCUOLA SONO ARRIVATE DELLE INSEGNANTI ISRAELIANE E NON ABBIAMO RESISTITO … ABBIAMO CHIESTO LORO: CHE COSA SI PENSA NEL VOSTRO PAESE DEGLI ITALIANI? LE LORO RISPOSTE CONFRONTANDO LE TESTIMONIANZE E LE IMMAGINI DEI PRIMI DEL 900 E LE TESTIMONIANZE DELLE INSEGNANTI ISRAELIANE SUGLI ITALIANI, POSSIAMO DIRE CHE : I PERIODI STORICI E LE CONDIZIONI DEGLI ITALIANI SONO DIVERSI GLI INGLESI E GLI AMERICANI AVEVANO CONOSCIUTO SOLO UNA PARTE DEGLI ITALIANI, QUELLI PIÙ POVERI CHE ERANO EMIGRATI PER LAVORARE E QUELLI CHE ERANO MAFIOSI E DELINQUENTI L ITALIA ERA CONSIDERATA UN PAESE POVERO DELL EUROPA LE INSEGNANTI ISRAELIANE SONO VENUTE LORO NEL NOSTRO PAESE E HANNO POTUTO CONOSCERE MOLTE REALTÀ ANCHE DIVERSE, VEDERE E TOCCARE LE COSE BELLE DELL?ITALIA E DEGLI ITALIANI LA SITUAZIONE ANCHE ECONOMICA DELL? ITALIA è MIGLIORE RISPETTO AI PRIMI ANNI DEL 900

28 MA NON E FINITA QUI … LA NOSTRA SCUOLA IL 17 NOVEMBRE E STATA CONTATTATA DALLA PROVINCIA DI VENEZIA PER PRESENTARE IN UNA MOSTRA I NOSTRI LAVORI IN OCCASIONE DI UN IMPORTANTE CONVEGNO SULLA MEDIAZIONE CULTURALE E ALLORA …

29 ECCOCI ! CI HA RIPRESO TELE VENEZIA E PAOLA SPIEGAVA … ERAVAMO LUNICA SCUOLA PRESENTE

30 DAVANTI AI NOSTRI CARTELLONI SONO STATI RIPRESI PERSONAGGI IMPORTANTI LASSESSORE ALLE POLITICHE SOCIALI DI VENEZIA IL PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE DI VENEZIA

31 MOLTE PERSONE ERANO MOLTO INTERESSATE AL NOSTRO LAVORO ALLORA …

32 ARRIVEDERCI AL … PROSSIMO PROGETTO !!!

33 FINE


Scaricare ppt "SCUOLA PRIMARIA ANTONIO VIVALDI PRIMO CIRCOLO DI SPINEA Progetto Intercultura Anno scolastico 2005-06 INSEGNANTI SCARPA BOSMIN MENEGUZ PATERNO CECCHETTO."

Presentazioni simili


Annunci Google