La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 1/ 37 Lattualità del pensiero di Ezio Tarantelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 1/ 37 Lattualità del pensiero di Ezio Tarantelli."— Transcript della presentazione:

1 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 1/ 37 Lattualità del pensiero di Ezio Tarantelli Corso di economia, finanza e politiche fiscali Centro Studi Cisl Firenze 29 settembre 2010

2 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 2/ 37 Economia classica (1750 – 1890) Il sovrappiù è lelemento centrale delleconomia classica; Il prodotto sociale secondo i classici è costituito da due componenti: nella parte reimpiegata nel processo produttivo affinché esso possa sostenersi; nel sovrappiù. Il modo con cui viene distribuito il sovrappiù tra le classi sociali (consumi improduttivi, accumulazione) determina il livello del salario reale; I fattori istituzionali, politici e sociali determinano la distribuzione; Esiste dunque la possibilità di una disoccupazione involontaria.

3 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 3/ 37 Salario e profitto variabili dipendenti Nella impostazione teorica dei classici Smith, Ricardo, Quesnay il salario non é determinato dallequilibrio di forze contrapposte. Esso si addensa al livello storico di sussistenza della forza lavoro. Il salario é dato visto il rapporto di forza fra le classi sociali; I redditi diversi dal salario vengono allora ottenuti come un residuo, cioè come ciò che rimane del prodotto sociale una volta dedotto il salario (dato) spettante ai lavoratori (sovrappiù); Il salario diminuisce allaumentare del profitto quindi Salari e profitti non sono variabili indipendenti. Marx intuisce anche il ruolo della tecnologia nella determinazione della produttività del lavoro.

4 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 4/ 37 La legge della popolazione Il sistema economico è regolato da un ordine naturale (legge della popolazione) Crescita della produzione e degli scambi = aumento domanda di lavoro e occupazione Aumento domanda di lavoro = aumento salari Aumento salari = minori profitti Minori profitti = maggiore disoccupazione Aumento salari = aumento saggio di natalità Aumento saggio di natalità = aumento offerta di lavoro Aumento offerta di lavoro = diminuzione dei salari Diminuzione dei salari = aumento dei profitti

5 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 5/ 37 Say (legge degli sbocchi) Lofferta crea la propria domanda se è con i prodotti che si comprano altri prodotti, ciascun prodotto troverà tanti più acquirenti quanto più crescerà la produzione degli altri prodotti La crescita economica è funzione dellaccumulazione del capitale e della produzione

6 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 6/ 37 Marginalisti (neo – classici) La crescita economica è funzione della distribuzione e degli scambi La produzione viene massimizzata sotto il vincolo delle tecnologie disponibili; I prezzi vengono minimizzati, date le condizioni di circolazione della moneta; La riduzione dei salari monetari determina una riduzione dei costi di produzione per gli imprenditori che, in presenza di disoccupazione ampliano la produzione fino alleguaglianza costo marginale = ricavo marginale. Non esiste disoccupazione involontaria e il salario non appare determinato dallequilibrio di forze contrapposte La domanda aggregata non subisce variazioni poiché il minor potere di acquisto del salario è compensato dal maggior numero di occupati La moneta è mezzo di pagamento e svolge una funzione strumentale che agevola le contrattazioni

7 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 7/ 37 Il salario reale si muove assieme agli altri prezzi relativi verso un livello tale da assicurare la piena occupazione cioè una condizione di equilibrio fra domanda e offerta di lavoro Dal lato della domanda: salario = alla produttività marginale del lavoro; saggio di profitto = alla produttività marginale del capitale Dal lato dellofferta: salario = costo reale del fattore lavoro; profitto = costo reale del fattore capitale. Lequilibrio nel mercato del lavoro e la formazione dei salari

8 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 8/ 37 Lequilibrio nel mercato dei fondi mutuabili Il risparmio disponibile rende inevitabile un ribasso del tasso di interesse e incentiva gli investimenti Le opportunità di investimento vengono selezionate in base alla realizzabilità delle decisioni di risparmio; Il saggio di interesse ( r ) seleziona i progetti più profittevoli; Lofferta di capitali mutuabili ( R ) dipende dal tasso di interesse ( r ); La domanda dei capitali mutuabili (I) dipende dal livello del risparmio ( R ), in funzione del saggio di interesse I(r) = S(Y)

9 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 9/ 37 Keynes e la teoria generale Keynes amplia i confini della scienza economica oltre il calcolo marginalista e razionale ed introduce il ruolo delle aspettative nei comportamenti degli agenti economici; Nutre dubbi sulla capacità del mercato di sanzionare e neutralizzare i comportamenti scorretti, lacrasia e le asimmetrie informative; Contrasta lidea che il livello delloccupazione dipenda da una relazione diretta con il livello dei salari La relazione fra aspetti reali e aspetti monetari risulta invertita rispetto ai marginalisti.

10 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 10/ 37 Keynes e lattacco ai neoclassici La ricchezza (il possesso di moneta) è il fine ultimo della produzione; La circolazione delle merci è lo strumento per accrescere la ricchezza finanziaria; La moneta funge da riserva di valore e attribuisce potere al capitale per orientare la produzione mediante il flusso di investimenti; Se la domanda globale non aumenta, i prezzi diminuiscono, gli imprenditori riducono lofferta e aumenta la disoccupazione; Se la diminuzione del salario monetario non determina una riduzione dei prezzi, la riduzione del salario reale (per effetto della diminuzione del potere dacquisto dei lavoratori) determina una ulteriore contrazione della domanda aggregata e delle vendite.

11 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 11/ 37 Per Keynes le decisioni di investimento Sono condizionate dalle aspettative di profitto Non sono condizionate dalla preventiva formazione del risparmio Sono la causa principale della formazione del risparmio Le decisioni di risparmio dipendono dallammontare di reddito percepito S(Y) = I(Y;aP) Keynes la funzione autonoma degli investimenti

12 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 12/ 37 Keynes e il salario Non cè una relazione inversa fra il salario e loccupazione; ll salario può essere spiegato separatamente dagli altri redditi: può essere assunto come un dato quando si determinano questi ultimi, e in particolare quando si determinano i profitti; Lofferta di lavoro disponibile ad un dato salario pone un livello massimo di occupazione La propensione a consumare e la quota dei nuovi investimenti determinano insieme il livello delloccupazione Il volume delloccupazione corrisponde unicamente ad un dato livello di salari reali Se in presenza di una disoccupazione diffusa il salario monetario si riduce gli imprenditori accrescono lofferta e loccupazione ma devono vendere i loro prodotti; Se la domanda globale non aumenta i prezzi diminuiscono e gli imprenditori riducono lofferta e loccupazione Le aspettative di consumo ed investimento diventano cruciali

13 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 13/ 37 Kaldor la teoria della distribuzione Per Kaldor linvestimento è un dato esogeno mentre le propensioni al risparmio dei lavoratori e dei capitalisti sono note ma diverse fra loro Y= W + P S= Sw + Sp I = S Sp> Sw Gli investimenti sono autonomi dai risparmi e il rapporto I/Y consente di calcolare la quota dei profitti sul reddito Estremizzando e considerando Sw trascurabile: Lammontare dei profitti dipende esclusivamente dalla propensione al risparmio degli imprenditori

14 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 14/ 37 Lattualità del pensiero economico di Tarantelli Rilevanza delle aspettative sulle dinamiche dei salari e dei prezzi; Ruolo delle istituzioni pubbliche e dei sistemi di relazione sindacale nella formazione delle aspettative.

15 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 15/ 37 Tarantelli, il ritorno alleconomia classica Il livello del salario e del saggio di profitto vengono determinati dai rapporti di forza fra le diverse classi sociali; Il saggio di profitto dipende dal salario e viceversa; Per rompere lequazione aumento salario reale = meno occupazione occorre collegare gli incrementi salariali alla dinamica della produttività; Non vi è alcuna differenza fra la quota di reddito risparmiata dai percettori di salari e stipendi e la quota di reddito risparmiata dai percettori di profitti, quindi non vi è un dato saggio di profitto che assicura il finanziamento degli investimenti di piena occupazione.

16 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 16/ 37 Laggancio del salario reale alla produttività dei fattori Laumento del costo del lavoro per unità di prodotto non deve generare una perdita di competitività a danno delle imprese ed un conseguente peggioramento della bilancia commerciale; Occorre agganciare il salario reale agli incrementi di produttività e stimolare la crescita di questultima; Il peggioramento della bilancia commerciale riduce le possibilità espansive della domanda interna (anche per effetto del tendenziale aumento del debito pubblico o delle imposte) e delloccupazione.

17 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 17/ 37 Il ruolo dei fattori istituzionali nel contrasto alla disoccupazione Può avvenire un aumento dei salari reali (quindi con una riduzione dei profitti) senza una riduzione dei livelli occupazionali? Il livello degli investimenti produttivi necessario a garantire la piena occupazione può essere ottenuto agendo: indebitamento netto delle imprese (capitale proprio e capitale di debito) quota dei utili lordi non distribuiti in dividendi – imposte – interessi per autofinanziamento

18 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 18/ 37 Limportanza della politica fiscale Come modificare la quota dei profitti destinata agli investimenti produttivi? Attraverso crediti dimposta; Modificando il circuito di finanziamento delle imprese e inducendo una maggiore correlazione fra risparmio dei lavoratori e delle famiglie e investimenti locali e in PMI (previdenza complementare, partecipazione finanziaria dei lavoratori, ecc.); Riducendo il rischio sottostante allinvestimento finanziario (meccanismi di garanzia per i risparmiatori).

19 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 19/ 37 La predeterminazione dellinflazione La politica di predeterminazione dellinflazione offre unalternativa valida alle politiche tradizionali di contrasto della stagflazione Aumento deficit partite correnti genera fabbisogni finanziari pubblici crescenti (debito pubblico) e tassi di interesse elevati; Accelerazione inattesa del tasso di espansione monetaria provoca inflazione; Inflazione erode salari reali; La politica contrattuale contrasta la depauperazione del salario reale; La crescita nominare dei salari genera aspettative inflattive crescenti; Decelerazione salariale segue quella dei prezzi; In presenza di ritardi di aggiustamento prezzi - salari, la stabilità monetaria viene realizzata prevalentemente attraverso: La stretta monetaria con la conseguente riduzione dei consumi e dei livelli occupazionali; Soluzione neokeynesiani: riduzione salari reali Politiche neokeynesiane poco praticabili e neutre in relazione allandamento reale dei salari

20 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 20/ 37 Dallabolizione della scala mobile alla politica salariale danticipo La predeterminazione dei punti di scala mobile (1984); La disdetta della scala mobile (1991); La sua abolizione (1992) in cambio del riconoscimento della salvaguardia del potere dacquisto delle retribuzioni come obiettivo della politica economica; Il Protocollo del 23 Luglio 1993 e laggancio al TIP: la politica salariale danticipo e linflazione; La riforma degli assetti della contrattazione e il nuovo indice di riferimento per ladeguamento al costo della vita

21 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 21/ 37 Dalla moneta unica alla riforma degli assetti della contrattazione Si indebolisce linflazione programmata come obiettivo comune a tutti gli attori delleconomia(il Tip si rivela inadeguato a rilevare correttamente il tasso di inflazione effettiva) e i processi di decentramento istituzionale e di liberalizzazione dei settori produttivi fanno venire meno alcune leve c della politica dei redditi a disposizione del Governo per assicurare lo scambio politico fra moderazione salariale versus politica dei prezzi e delle tariffe; La produttività del lavoro ristagna e si contraggono gli spazi salariali per il secondo livello contrattuale; In alcuni settori i CCNL cercano di supplire alla mancata espansione della contrattazione collettiva e nel periodo accelerano oltre linflazione programmata e in alcuni casi oltre quella effettiva; La quota del lavoro sul prodotto torna a crescere ma per effetto del ristagnamento della produttività.

22 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 22/ 37 Clup, prezzi e quota del lavoro

23 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 23/ 37 Limportanza delle quote distributive Il recupero delle quote di lavoro in rapporto al reddito prodotto: Serve a sostenere la domanda aggregata; è anche il principale incentivo allaumento della produttività dei lavoratori, e il principale pungolo alle imprese per linnovazione tecnologica e organizzativa (Sylos Labini).

24 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 24/ 37 La crescita del salario reale VS produttività Laggancio delle retribuzioni al costo della vita influisce sul recupero della quota del lavoro in rapporto al reddito solo se la produttività del lavoro ha un andamento negativo (contratto nazionale) La distribuzione fra salari e profitti resta invariata solo se il secondo livello è talmente diffuso da distribuire ai salari tutti i guadagni di produttività (ccnl e contrattazione di secondo livello); La quota che va al lavoro si riduce se la contrattazione non redistribuisce ai salari lintera quota di incremento della produttività del lavoro

25 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 25/ 37 Secondo livello e quote distributive La quota salari nel reddito distribuito è: Se la Produttività del lavoro aumenta e il 2° livello distribuisce interamente ai salari i guadagni di produttività stabile aumenta e il 2° livello non distribuisce interamente ai salari i guadagni di produttività si riduce diminuisce aumenta

26 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 26/ 37 Il consenso sociale come condizione necessaria per il funzionamento della predeterminazione Il Governo fissa la domanda aggregata in modo da assicurare il tasso di disoccupazione desiderato ma pone ai sindacati un tetto inflattivo da non superare Sindacato A Sindacato B Aumento massimo Moderazione Aumento massimo 3=3= Moderazione

27 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 27/ 37 Garantire la stabilità delle quote distributive; Valutare le ricadute macroeconomiche di un peggioramento delle quote distributive (ruolo della domanda interna nella stabilizzazione dei redditi); Valutare lapporto degli strumenti di sostegno al reddito alla crescita economica e alla stabilizzazione dei redditi (ammortizzatori sociali, previdenza, assistenza sociale; Ridurre la quota distribuita alle rendite (finanziarie, immobiliari, ecc.) Dare attuazione alla riforma degli assetti della contrattazione per redistribuire la produttività in tutti i luoghi di lavoro. Un nuovo scambio fra politica dei redditi e contrattazione collettiva/moderazione salariale

28 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 28/ 37 Se non verrà data piena applicazione alla riforma degli assetti della contrattazione, la centralizzazione delle politiche contrattuali: Rappresenterà un limite allo sviluppo della dinamica retributiva nei contesti territoriali e aziendali più produttivi (e/o dove ci sono maggiori investimenti di risorse pubbliche/maggiori possibilità di autofinanziamento); Determinerà una redistribuzione perversa del reddito a favore dei profitti, sterilizzando la tutela reale delle retribuzioni; Costituirà un'eccessiva rigidità negoziale nei sistemi territoriali e produttivi più fragili (e/o dove vi sono minori investimenti di risorse pubbliche regionali e/o degli enti locali), determinando la graduale sterilizzazione del salario, sia attraverso la tendenziale compressione della retribuzione reale, sia mediante l'incorporazione del tasso di inflazione e/o del tasso di interesse del capitale investito. La concertazione nellera del federalismo

29 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 29/ 37 Garantire la stabilità delle quote distributive; Dare attuazione alla riforma degli assetti della contrattazione per redistribuire la produttività in tutti i luoghi di lavoro. Rilanciare la produttività e la contrattazione decentrata

30 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 30/ 37 La finanza pubblica nellarea euro (Fonte: BCE, marzo 2010) Il contesto delle manovre correttive di finanza pubblica Crisi finanziaria e rallentamento economico inducono un calo delle entrate ed un aumento delle spese sociali (ad es. i sussidi di disoccupazione); Calo delle entrate anche per altri fattori (ad es. per calo dei prezzi delle attività); Il tasso di crescita è diminuito ma lespansione della spesa è proseguita; Misure di stimolo di bilancio; Sostegni finanziari al settore bancario in difficoltà.

31 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 31/ 37 La dinamica della crescita

32 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 32/ 37 La dinamica del deficit

33 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 33/ 37 Le manovre correttive nellU.E.

34 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 34/ 37 Nella proposta originaria di Tarantelli lo scudo per i disoccupati avrebbe dovuto essere attuato tramite la creazione di riserve di valore presso le banche centrali, finanziate tramite lemissione di scudi a fronte delel rimesse in valuta nazionale al bilancio comunitario; Le riserve di valore avrebbero potuto essere utilizzate per finanziare sussidi di disoccupazione, formazione professionale e investimenti produttivi; Lammontare delle riserve costituitte presso le Banche centrali sarebbe stata proporzionale al numero dei disoccupati presenti in ciascuno Stato membro; Oggi come ieri le proposte che mirano a liberare risorse dal bilancio comunitario per investimenti produttivi dei diversi Stati dellUnione europea sono ostacolate da Paesi come Germinia, Inghilterra e Francia, preoccupati degli effetti redistributivi e dellulteriore processo di unificazione e convergenza dal lato della politica economica e finanziaria Lo scudo europeo per i disoccupati … e per gli investimenti produttivi

35 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 35/ 37 Leredità di Ezio Tarantelli La necessità di un coordinamento sovranazionale della politica fiscale per evitare rischi di dumping sociale; Lesigenza di liberare risorse a livello comunitario, tramite una redistribuzione solidaristica, per investimenti produttivi e a sostegno delloccupazione (scudo per i disoccupati); La necessità di potenziare la contrattazione decentrata per redistribuire tutti gli incrementi di produttività a livello aziendale e/o territoriale; Il ruolo della contrattazione decentrata nellallocazione ottima delle risorse umane in azienda (lavorare meno, lavorare tutti).

36 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 36/ 37 Tarantelli individua nel recupero dellevasione fiscale lo strumento necessario per finanziare gli investimenti produttivi necessari a recuperare il gap di capacità produttiva e la competitività delle imprese italiane, in modo da determinare un incremento, nel medio periodo, dellofferta aggregata; Per Tarantelli, infatti, lidea di finanziare gli investimenti produttivi attraverso la destinazione degli incrementi di produttività ai profitti è perdente a causa della maggiore elasticità delle importazioni, rispetto alle esportazioni, in rapporto alla domanda interna; Ogni incremento della domanda interna, provocando ulteriori pressioni sul saldo delle partite correnti, determinerebbe un immediato riassorbimento della domanda, prima delladeguamento dellofferta, attraverso lintervento della politica monetaria per evitare effetti perversi sul debito pubblico Il recupero dellevasione fiscale come volano per la crescita economica

37 1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 37/ 37 Lavorare meno per occupare di più è lobiettivo per un nuovo scambio politico da declinare attraverso una maggiore flessibilità nellutilizzo e nella divisione del lavoro: Sviluppo part time; Allungamento delle ferie; Periodi sabbatici per formazione e aggiornamento professionale La riduzione dellorario di lavoro, secondo Tarantelli, deve avvenire senza oneri aggiuntivi per limpresa e senza determinare una riduzione complessiva della produttività per ora lavorata; Occorre contrattare azienda per azienda le modificazioni dellorganizzazione del lavoro e dei sistemi produttivi per evitare che la flessibilità del lavoro comporti effetti perversi sulla capacità produttiva Lavorare meno, lavorare tutti


Scaricare ppt "1/ 37 Angelo Marinelli Coordinatore Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco e Previdenza 1/ 37 Lattualità del pensiero di Ezio Tarantelli."

Presentazioni simili


Annunci Google