La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PRIMA GIORNATA DELLA TRASPARENZA LUfficio scolastico Regionale dellUmbria presenta il proprio progetto di attività 26 maggio 2012 Aula Magna Istituto A.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PRIMA GIORNATA DELLA TRASPARENZA LUfficio scolastico Regionale dellUmbria presenta il proprio progetto di attività 26 maggio 2012 Aula Magna Istituto A."— Transcript della presentazione:

1 PRIMA GIORNATA DELLA TRASPARENZA LUfficio scolastico Regionale dellUmbria presenta il proprio progetto di attività 26 maggio 2012 Aula Magna Istituto A. Capitini – V. Emanuele II Perugia

2 assicurare elevati standard qualitativi ed economici servizi offerti dalle amministrazioni pubbliche obblighi accessibilità totale pubblicazione siti istituzionali delle amministrazioni pubbliche informazioni organizzazione confronto con tutti i soggetti efficace modello comunicativo modulistica informazioni erogazione dei servizi buone pratiche amministrative bilancio sociale PRIMA GIORNATA DELLA TRASPARENZA LUfficio scolastico Regionale dellUmbria presenta il proprio progetto di attività 26 maggio 2012 Aula Magna Istituto A. Capitini – V. Emanuele II Perugia

3 Qualsiasi potenziale fruitore può individuare agevolmente e in modo chiaro il luogo in cui il servizio o la prestazione possono essere richiesti, nonché le modalità per fruirne direttamente e nel minore tempo possibile. Ne sono sottodimensioni: laccessibilità fisica e laccessibilità multicanale. Accessibilità Del. 88/2010

4 Il dover rendere conto del risultato di unazione. Essere accountable significa essere trasparenti, assicurando che siano adottati sistemi che forniscono informazioni su una certa entità, in modo tale da permettere giudizi da parte degli stakeholder. Accountability 89/2010

5 Tutte le amministrazioni dello Stato, gli Enti locali, le Università, varie Agenzie ed Istituti nonché gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative Amministrazioni pubbliche onerate degli adempimenti sulla trasparenza e l integrità 88/2010

6 Il processo di confronto attraverso cui identificare, comprendere e importare, adattandole, buone pratiche sviluppate in altri contesti al fine di migliorare la performance organizzativa. Il confronto avviene con un elemento ritenuto migliore o comunque riconosciuto come standard a cui tendere. Benchmarking 89/ /2010

7 la struttura organizzativa, la distribuzione del potere e delle responsabilità Con l analisi dell assetto organizzativo si definiscono i compiti, le relazioni fra organi, il grado di autonomia decisionale delle unità organizzative, la comunicazione e altri meccanismi di governare della struttura. Organizzazione (assetto organizzativo) 112/2010

8 Risultato ultimo di un azione dal punto di vista dell interesse dell utente del servizio ( stakeholder) Il rapporto tra l utilizzo di un input( risorse ed azioni) e l ottenimento di un outcome (risultato) rappresenta l efficacia del sistema cui tendere. Outcome 89/2010

9 L insieme delle proprietà che devono caratterizzare l erogazione del servizio. In che modo e in che misura un organizzazione eroga servizi di qualità, che danno cioè una risposta pronta, coerente ed esauriente alle richieste potenziali degli utenti In che modo minimizza il disturbo, il numero dei passaggi necessari, i disagi o gli imprevisti provocati da disservizi. Qualità effettiva di un servizio reso al pubblico 88/2010

10 il contributo che unentità (individuo, gruppo,organizzazione, ecc) apporta attraverso la propria azione al raggiungimento delle finalità e alla soddisfazione dei bisogni per i quali lorganizzazione è stata costituita. Come tale si presta ad essere misurata e gestita. Performance

11 Sistema di cui deve dotarsi unorganizzazione per analizzare e misurare lorganizzazione e la sua efficacia Si compone di tre elementi fondamentali: a) indicatori; b) target; c) infrastruttura di supporto e processi. Sistema di misurazione della performance 89/2010

12 Uno stakeholder è un qualsiasi individuo o gruppo che può influenzare o essere influenzato dagli obiettivi da parte dellorganizzazione ed è interessato a ricevere informazioni sulle attività e risultati Gli stakeholder possono essere sia interni che esterni Vi è lobbligo di identificare tutti i gruppi di individui che posseggono degli interessi nellorganizzazione, sviluppando la c.d. mappatura degli stakeholder. Stakeholder (o portatori di interessi)

13 linsieme delle prestazioni afferenti al servizio (ad esempio lx per cento dei passaporti deve essere rilasciato entro n giorni lavorativi) le singole prestazioni (ad esempio, lo standard per il rilascio di un passaporto è pari a n giorni lavorativi). Gli standard di qualità sono misurati attraverso indicatori, definiti e pubblicizzati Standard di qualità 88/2010

14 La trasparenza è intesa come accessibilità totale concernente ogni aspetto dellorganizzazione, degli indicatori dellutilizzo delle risorse, dei risultati dellattività di misurazione e valutazione (…). Laccessibilità totale presuppone, laccesso da parte dellintera collettività a tutte le informazioni pubbliche, secondo il paradigma della libertà di informazione dellopen government Trasparenza


Scaricare ppt "PRIMA GIORNATA DELLA TRASPARENZA LUfficio scolastico Regionale dellUmbria presenta il proprio progetto di attività 26 maggio 2012 Aula Magna Istituto A."

Presentazioni simili


Annunci Google