La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROMUOVERE CARITAS PARROCCHIALI elementi del progetto nazionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROMUOVERE CARITAS PARROCCHIALI elementi del progetto nazionale."— Transcript della presentazione:

1 PROMUOVERE CARITAS PARROCCHIALI elementi del progetto nazionale

2 2 OBIETTIVI della presentazione illustrare il progetto di promozione Caritas parrocchiali a livello nazionale condividere le idee di fondo chiarire il significato delle proposte a livello diocesano, regionale, nazionale offrire piccole istantanee della situazione a livello nazionale

3 3 INDICE 1.Premessa diocesano 2.Laboratorio diocesano Caritas parrocchiali regionale 3.Gruppo di lavoro regionale Laboratori Caritas parrocchiali nazionale 4.Gruppo nazionale promozione Caritas 5.Prospettive di lavoro

4 4 1. PREMESSA

5 5 P P P P P P VOI SIETI QUI

6 6 LIDEA DI CHIESA erano assidui nellascoltare linsegnamento degli apostoli e nellunione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere… ogni cosa era fra loro comune (At 2, 42-45; 5,32)

7 7 LIDEA DI PARROCCHIA volto della Chiesa locale sul territorio chiamata a concretizzare la propria missione attorno allannuncio, alla celebrazione e alla testimonianza del Vangelo COMUNITA e a costruirsi come COMUNITA: persone che stanno insieme per vivere il Vangelo (prima che per fare qualcosa) che imparano a condividere un progetto comune (più che coltivare visioni personali)

8 8 LIDEA DI PASTORALE il Concilio Vaticano II consegna alla Chiesa una nuova figura: colui che "fa perché altri facciano", o meglio, "fa per mettere altri nelle condizioni di fare: lanimatore pastorale. la pastorale non è la gestione ordinaria e straordinaria delle attività di una parrocchia, ma è ANIMAZIONE: tessere relazioni impregnate di Vangelo costruzione graduale e partecipata di una comunità capace di abitare il suo territorio il suo tempo

9 9 LIDEA DI CARITAS IN PARROCCHIA strumento progettato e utilizzato per aiutare ogni parrocchia ad essere compiutamente se stessa: Chiesa-comunità la catechesi assolve questo compito partendo dalla Parola, la liturgia partendo dai sacramenti A PARTIRE DAI POVERI LA CARITAS LO FA A PARTIRE DAI POVERI

10 10 PERCHÉ È COSÌ DIFFICILE? forse perché la proposta Caritas costringe la parrocchia ad interrogarsi sul proprio modo di essere comunità sulle sue dinamiche di inclusione ed esclusione forse perché la Caritas esige un ambiente comunitario è come un virus: se non ci si difende entra nella parrocchia, ne modifica il dna (LA CAMBIA), contagia altri ambiti con una malattia da revisione cronica forse perché rischiamo di proporre una filiale di Caritas diocesana, una gemma da associazione… lobiettivo è promuovere testimonianza comunitaria della Carità: non è detto che si debba partire dalla Caritas parrocchiale (né arrivarci)

11 11 2. LABORATORIO DIOCESANO per la promozione e laccompagnamento delle CARITAS PARROCCHIALI

12 12 P P P P P P Laboratorio VOI SIETI QUI

13 13 COSÈ gruppo di lavoro gruppo di lavoro espresso dalla Caritas diocesana formazione permanente in formazione permanente progetto che opera attraverso un progetto Caritas parrocchialiparrocchie di promozione e accompagnamento delle Caritas parrocchiali e delle parrocchie

14 14 Gruppo di lavoro espresso dalla Caritas diocesana più persone… animatori con competenze, esperienze e sensibilità pastorali diverse che provengo da esperienze parrocchiali ma decidono di operare anche a livello diocesano una composizione TIPO …che la Caritas diocesana riunisce per fare insieme (relazione) qualcosa (compito) promuovere nelle parrocchie processi che facilitino la testimonianza comunitaria della carità

15 15 Il Laboratorio: una composizione ideale gruppo diocesano numericamente agile, sensibile composto da persone che vi partecipano, non per rappresentanza, ma hanno le mani in pasta composto da operatori pastorali preoccupati soprattutto di promuovere, formare e accompagnare le Caritas parrocchiali e le parrocchie: presbiteri diaconi e religiosi/e responsabili territoriali di realtà di ascolto e accoglienza operatori e animatori di carità responsabili di Caritas parrocchiali e/o di zona pastorale catechisti animatori di liturgia gruppo che si compone e si forma strada facendo, gruppo in movimento

16 16 In Italia… La promozione delle Caritas parrocchiali è curata dal direttore da un incaricato per le Caritas parrocchiali da un gruppo di lavoro interno alla Caritas diocesana (non di rado coincidente con lEquipe) un Laboratorio da un Laboratorio, coordinato da un animatore della Caritas diocesana...

17 17 In formazione permanente studiare e approfondire Da questo vi riconosceranno… n°84 EDB sussidiazione proposta da Caritas Italiana individuare competenze e bisogni formativi allinterno del gruppo condividere significati studiare il piano pastorale della Diocesi conoscere le dinamiche delle parrocchie

18 18 In formazione permanente rileggere le esperienze realizzate, sperimentando una concreta pedagogia sui fatti cogliere occasioni di formazione proposte a vari livelli ad esempio il Percorso Equipe, il corso di formazione specifica per coordinatori dei Laboratori,… sperimentare strumenti e tecniche per migliorare la progettazione e il lavoro in gruppo

19 19 In Italia… si realizzano veri e propri percorsi formativi per futuri membri del Laboratorio si limita lattività sul territorio per rileggere lesperienza vissuta (individuare criteri, punti di forza, limiti, …) si promuovono occasioni formative unitarie per animatori traino diocesano di catechesi, liturgia e carità la composizione dei Laboratori è estremamente variegata: a volte non sembra adeguata rispetto al mandato

20 20 Opera attraverso un progetto CONOSCERE CONOSCERE la Diocesi, le parrocchie, persone, risorse, problemi PARTECIPARE PARTECIPARE cioè nutrire le relazioni e condividere la meta IMMAGINARE UN CAMBIAMENTO IMMAGINARE UN CAMBIAMENTO possibile SCEGLIERE I PASSI SCEGLIERE I PASSI diversi per diversi compagni di viaggio VERIFICARE VERIFICARE insieme alle parrocchie COMUNICARE COMUNICARE per un progetto di Chiesa, non solo di Caritas

21 21 In Italia… ci si propone soprattutto di aumentare la sensibilità rispetto al tema e qualificare le Caritas parrocchiali esistenti si fa riferimento più spesso ad un programma (calendario di attività) che ad un progetto si fatica a formalizzare per iscritto il cambiamento atteso dal proprio lavoro… … ma si fa spesso riferimento al verbale degli incontri di Laboratorio

22 22 Di promozione e accompagnamento delle parrocchie PERSONALMENTE conoscere e incontrare PERSONALMENTE le parrocchie (parroci, animatori pastorali, esperienze, fatiche, bisogni, risorse, …) mappa significativa costruire una mappa significativa del territorio (risorse, ostacoli, sinergie) individuare animatorie parroci individuare animatori e parroci disponibili a condividere (e costruire un cammino)

23 23 In Italia… si realizzano assemblee e convegni diocesani per Caritas parrocchiali si costruiscono corsi di formazione per animatori delle Caritas parrocchiali per referenti indicati dai parroci su esplicita richiesta si lavora per foranie e zone pastorali si sceglie di lavorare con poche parrocchie di una stessa città, di una stessa zona, con le stesse caratteristiche, … si utilizzano come agganci i CdA, le opere segno, i fondi 8xmille per la carità

24 24 3. GRUPPO DI LAVORO REGIONALE Laboratori Caritas parrocchiali

25 25 P P P P P P Laboratorio Lab Gruppo di Lavoro regionale VOI SIETI QUI

26 26 COSE gruppo di lavoro un gruppo di lavoro Delegazione regionale della Delegazione regionale progetto che opera attraverso un progetto Laboratori di promozione delle attività diocesane di promozione Caritas parrocchiali (dei Laboratori in particolare)

27 27 COMPOSIZIONE referente regionale promozione Caritas in genere un direttore di Caritas diocesana segreteria animatori esperti e disponibili ad incontri frequenti referenti diocesani (uno o due per per Caritas diocesana), responsabili dellattività diocesana di promozione e accompagnamento Caritas parrocchiali coordinatori dei Laboratori Caritas parrocchiali incaricati diocesani Caritas parrocchiali

28 28 OGGETTI DI LAVORO i bisogni comuni le esperienze da raccogliere, conoscere, sviscerare, confrontare le risorse da scambiare piccole occasioni di formazione per soggetti ben identificati i sussidi o gli strumenti di comunicazione

29 29 In Italia… Caritas Italiana incontra i GdLR una volta lanno con lobiettivo di: condividere le linee di fondo individuate in Gruppo nazionale per lanno pastorale portare il filo rosso su quanto succede nelle altre Delegazioni monitorare il progetto condividere proposte (es. formazione specifica, incontro nazionale dei Laboratori) …

30 30 In Italia… si programmano almeno tre incontri annuali si condivide e ridefinisce lidea di Laboratorio alla luce delle esperienze si somministrano questionari e si definisce il quadro della promozione Caritas si individuano temi da approfondire in gruppo: ad esempio la progettazione, la conduzione dei gruppi, la pastorale unitaria, …

31 31 In Italia… si rilanciano le proposte di Caritas Italiana anche orientando la partecipazione di quelle Caritas con esperienze giovani si progettano seminari regionali per parroci o animatori dei Laboratori si suddivide la regione in zone per facilitare la partecipazione, la promozione e laccompagnamento interdiocesano si organizzano assemblee regionali delle Caritas parrocchiali si costruiscono sussidi per la formazione degli animatori pastorali parrocchiali Caritas

32 32 4. GRUPPO NAZIONALE PROMOZIONE CARITAS

33 33 P P P P P P Laboratorio Lab Gruppo di Lavoro regionale GdLR Gruppo Nazionale Promozione Caritas VOI SIETI QUI

34 34 COSE gruppo di lavoro di Caritas Italiana composto dai 16 referenti regionali promozione Caritas e da alcuni operatori di Caritas Italiana luogo di elaborazione di orientamenti e linee di fondo dell attività di promozione Caritas (in particolare caritas parrocchiali) chiamato a favorire linterazione tra Caritas Italiana e le Caritas diocesane attraverso le Delegazioni regionali

35 35 ATTIVITA rispetto al progetto Caritas parrocchiali condividere le esperienze condividere le esperienze in atto nelle Caritas diocesane e nei Gruppi di lavoro regionali rilevare bisogni e tendenze astrarre criteri e priorità su cui lavorare definire le linee di fondo per i Gruppi di lavoro regionali valutare la ricaduta delle proposte di Caritas Italiana monitorare lo stato dellarte del progetto

36 36 5. PROSPETTIVE DI LAVORO

37 37 Lavorare per: formare coordinatori (animatori traino) a livello diocesano formare coordinatori (animatori traino) a livello diocesano rafforzare i 16 gruppi rafforzare i 16 gruppi di lavoro regionale elaborazione degli orientamenti per lanno coinvolgerli nella elaborazione degli orientamenti per lanno esperienze concrete raccogliere esperienze concrete (sostenibili, appropriate, riproducibili,…) di animazione alla testimonianza comunitaria della carità in parrocchia completare il monitoraggio delle esperienze completare il monitoraggio delle esperienze diocesane di promozione e accompagnamento delle Caritas parrocchiali lintegrazione delle funzioni dellascolto, dellosservazione e del discernimento promuovere, anche rispetto allattività dei Laboratori, lintegrazione delle funzioni dellascolto, dellosservazione e del discernimento, finalizzandole allanimazione della comunità ecclesiale

38 38 P P P P P P Laboratorio Lab Gruppo di Lavoro regionale GdLR Gruppo Nazionale Promozione Caritas

39 39 DOMANDE?


Scaricare ppt "PROMUOVERE CARITAS PARROCCHIALI elementi del progetto nazionale."

Presentazioni simili


Annunci Google