La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Trieste Dottorato di ricerca in Medicina materno infantile, Pediatria dello Sviluppo e dell'Educazione, Perinatologia LE ESPRESSIONI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Trieste Dottorato di ricerca in Medicina materno infantile, Pediatria dello Sviluppo e dell'Educazione, Perinatologia LE ESPRESSIONI."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Trieste Dottorato di ricerca in Medicina materno infantile, Pediatria dello Sviluppo e dell'Educazione, Perinatologia LE ESPRESSIONI EMOZIONALI NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Le applicazioni del FACS nella Sindrome di Asperger Dottoranda: dott.ssa Jasna Leghissa Tutor: prof. Enzo Kermol

2 Le caratteristiche dei disturbi spettro autistico Si tratta di diversi disturbi dello sviluppo che presentano le seguenti comuni caratteristiche: - Difficoltà nel comportamento verbale e non verbale - Deficit nellinterazione sociale - Scarsa flessibilità - Interessi ristretti

3 Obiettivi della ricerca* -Verificare se i soggetti affetti da disturbi dello spettro autistico presentano: 1) riduzione di movimenti facciali 2) minor intensità di movimenti facciali 3) minor durata di movimenti facciali -Verificare se ci sono differenze nelle risposte fisiologiche a stimoli emotivi tra i soggetti autistici e i coetanei senza disturbi dello sviluppo -Verificare se si verificano differenze comportamentali e fisiologiche tra soggetti affetti da Disturbo autistico lieve e Sindrome di Asperger * Durante il periodo di lavoro con il prof. Daniel Messinger presso lUniversità di Miami (Florida) è stato verficato che questa ricerca si pone come primo studio relativo alla tematica analizzata

4 Metodologia Soggetti Gruppo sperimentale Soggetti autismo ad alto funzionamento: -12 soggetti Disturbo autistico (F84.0). Punteggio CARS: Età: anni -7 soggetti Disturbo di Asperger (F84.5). Età: anni Gruppo di controllo -14 soggetti senza distubi evolutivi. Età: anni Procedura 1) Fase di adattamento e registrazione della baseline 2) Somministrazione di stimoli; tra uno stimolo e laltro lintervallo minimo dura 1 minuto 3) Dopo ogni somministrazione dello stimolo viene chiesto al soggetto di descrivere le proprie emozioni

5 Metodologia Stimoli Stimoli Audiovisivi Sequenze filmiche tratte dai seguenti film: - Resident Evil Apocalypse (2004): dal minuto al minuto American Pie - Il matrimonio (2003): sequenza modificata per valorizzare la scena di disgusto dal minuto al 52. Stimoli olfattivi Set di 8 stimoli piacevoli e non. Inoltre è stato somministrato uno stimolo neutro di controllo.

6 Metodologia Frequenza cardiaca Resistenza cutanea Frequenza respiratoria Analisi della espressioni facciali Facial Action Coding System (Ekman & Frisen, 1978) Misurazioni fisiologiche

7 Risultati

8

9

10

11 Sistema soggettivo: Gruppo di controllo: alta correlazione ( Sig. <.05) tra le espressioni facciali e le risposte verbali sulle emozioni provate; Gruppo Autismo ad alto funzionamento: non cè rapporto significativo ( Sig.=.694) tra le espressioni facciali e le risposte verbali.

12 Conclusioni Non ci sono differenze significative comportamentali o fisiologiche tra i soggetti affetti da Disturbo autistico lieve e soggetti affetti da Sindrome di Asperger Riduzione dei movimenti facciali nella parte inferiore del volto nei soggetti autistici Le AU relative alla muscolatura attorno agli occhi e alla bocca risultano di minor intensità e durata nei soggetti autistici Non ci sono differenze significative tra i gruppi relative alle risposte fisiologiche a stimoli olfattivi Nel gruppo sperimentale non cè correlazione tra le espressioni facciali e il sistema soggettivo, mentre nel gruppo di controllo si verifica unalta correlazione


Scaricare ppt "Università degli Studi di Trieste Dottorato di ricerca in Medicina materno infantile, Pediatria dello Sviluppo e dell'Educazione, Perinatologia LE ESPRESSIONI."

Presentazioni simili


Annunci Google