La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DGR n. 3236 del 29 novembre 2004 Linee guida per la predisposizione del Piano di Zona e del Programma delle attività territoriali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DGR n. 3236 del 29 novembre 2004 Linee guida per la predisposizione del Piano di Zona e del Programma delle attività territoriali."— Transcript della presentazione:

1 DGR n del 29 novembre 2004 Linee guida per la predisposizione del Piano di Zona e del Programma delle attività territoriali

2 art. 1, comma 12, della LR 8/2001 Su richiesta della Conferenza permanente per la programmazione sanitaria, sociale e sociosanitaria regionale o della Regione, possono essere costituiti appositi gruppi di lavoro tecnici, con funzioni istruttorie, di raccordo, collaborazione o concorso alle attività della Conferenza stessa

3 gruppo di lavoro tecnico = attivazione di un percorso condiviso con il sistema delle autonomie locali per la predisposizione delle linee guida per il PDZ

4 Il gruppo di lavoro = istruttoria condivisa tra Regione ed Enti locali

5 Il gruppo di lavoro può essere uno strumento utile anche per la predisposizione delle linee guida per i PAT?

6 Se si considera che nel percorso preordinato allassunzione dei due strumenti pianificatori il tema dellintegrazione sociosanitaria deve essere affrontato congiuntamente la risposta non può che essere positiva

7 La composizione originaria del gruppo di lavoro tecnico viene ampliata

8 Il gruppo di lavoro istituito per la predisposizione delle linee guida per il PDZ continua ad operare per accompagnare le diverse fasi del processo necessario per lelaborazione dei PDZ stessi

9 E opportuno avvalersi del gruppo di lavoro - nella sua composizione allargata – anche per laccompagnamento ai processi di programmazione locale relativi alla predisposizione dei PAT

10 Ruolo del gruppo di lavoro concertazione = processo PDZ parte integrata PAT/PDZ consultazione = processo PAT

11 PIANO DI ZONA (ART. 19 l. 328/2000) (ART. 12 L.R. 23/2004) PPiano regolatore delle prestazioni, degli interventi e dei servizi alla persona

12 LE POLITICHE SOCIALI SERVIZI SOCIALI FORMAZIONE LAVORO TRASPORTI CASA SERVIZI EDUCATIVI AMBIENTE SANITA

13 Le presenti linee guida per i piani di zona hanno le seguenti finalità: sostenere ed orientare gli Enti locali nella fase di avvio della programmazione locale tramite lo strumento dei Piani di Zona; sostenere ed orientare gli Enti locali nella fase di avvio della programmazione locale tramite lo strumento dei Piani di Zona; promuovere forme di responsabilizzazione dei diversi attori istituzionali, sociali e dei singoli cittadini rispetto ai processi di costruzione condivisa delle politiche sociali territoriali; promuovere forme di responsabilizzazione dei diversi attori istituzionali, sociali e dei singoli cittadini rispetto ai processi di costruzione condivisa delle politiche sociali territoriali; garantire il necessario livello di omogeneità del sistema locale degli interventi e dei servizi sociali su tutto il territorio regionale. garantire il necessario livello di omogeneità del sistema locale degli interventi e dei servizi sociali su tutto il territorio regionale.

14 I PRINCIPI DEL PDZ PER UN NUOVO WELFARE REGIONALE Il processo da avviare per la realizzazione di una adeguata pianificazione locale deve proiettarsi verso un welfare universalistico che si qualifichi come: integrato integrato unitario, unitario, partecipato, partecipato, concertato, concertato, contestualizzato, contestualizzato, compatibile, compatibile, verificabile e valutabile, verificabile e valutabile, pubblico, pubblico, equo, equo, efficace. efficace.

15 LA SUSSIDIARIETA La costruzione di un PDZ richiede il passaggio da una prospettiva di government ad una prospettiva di……. La costruzione di un PDZ richiede il passaggio da una prospettiva di government ad una prospettiva di……. governance attività di governo svolta attraverso la mobilitazione effettiva dei vari soggetti, istituzionali e non, presenti sul territorio governance attività di governo svolta attraverso la mobilitazione effettiva dei vari soggetti, istituzionali e non, presenti sul territorio

16 I soggetti coinvolti nella programmazione Soggetti istituzionali: Comuni, Regione, Province,Comuni, Regione, Province, ASS, AOASS, AO ASPASP ATERATER ScuolaScuola GiustiziaGiustizia Soggetti non istituzionali:Soggetti non istituzionali: Organismi non lucrativi di utilità socialeOrganismi non lucrativi di utilità sociale Organismi della cooperazioneOrganismi della cooperazione Associazioni ed enti di promozione socialeAssociazioni ed enti di promozione sociale FondazioniFondazioni Enti di patronatoEnti di patronato Organizzazioni di volontariatoOrganizzazioni di volontariato Enti riconosciuti delle confessioni religioseEnti riconosciuti delle confessioni religiose FamiglieFamiglie

17 Gli obiettivi regionali Obiettivo n.1 Obiettivo n.1 Rafforzamento del sistema associato di governo del sistema locale degli interventi e dei servizi sociali. Rafforzamento del sistema associato di governo del sistema locale degli interventi e dei servizi sociali. Obiettivo n. 2 Obiettivo n. 2 Avvio di un processo di coinvolgimento della comunità nella realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di tipo solidale e universalistico. Avvio di un processo di coinvolgimento della comunità nella realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di tipo solidale e universalistico. Obiettivo n. 3 Obiettivo n. 3 Sviluppo e consolidamento di specifiche azioni nelle aree di intervento indicate nel Piano Nazionale e nella Programmazione regionale per produrre promozione, prevenzione, cura e tutela e contrasto allistituzionalizzazione. Sviluppo e consolidamento di specifiche azioni nelle aree di intervento indicate nel Piano Nazionale e nella Programmazione regionale per produrre promozione, prevenzione, cura e tutela e contrasto allistituzionalizzazione.

18 E lo strumento con il quale, nel rispetto dei principi e degli obiettivi della pianificazione regionale e in coerenza con le strategie aziendali, vengono stabilite le politiche sanitarie e sociosanitarie di distretto PROGRAMMA ATTIVITA TERRITORIALI

19 I nodi salienti da cui muove la programmazione Dalla sanità alla salute (integrazione servizi sanitari con realtà sociale ed economica) - (PSN )Dalla sanità alla salute (integrazione servizi sanitari con realtà sociale ed economica) - (PSN ) Promozione della salute, prevenzione delle malattie e non solo cura delle malattiePromozione della salute, prevenzione delle malattie e non solo cura delle malattie legame forte distretto/azienda: il PAT è inserito nel Piano attuativo locale dellAzienda per i servizi sanitarilegame forte distretto/azienda: il PAT è inserito nel Piano attuativo locale dellAzienda per i servizi sanitari integrazione evidente : coincidenza con il Piano di zona per lattività sociosanitaria.integrazione evidente : coincidenza con il Piano di zona per lattività sociosanitaria. nessun sistema sanitario può soddisfare a pieno la propria missione se non è rispettoso dei principi di solidarietà e integrazione sociosanitaria (PSN )nessun sistema sanitario può soddisfare a pieno la propria missione se non è rispettoso dei principi di solidarietà e integrazione sociosanitaria (PSN )

20 PAT: ruolo chiave del Distretto Tutela della salute del cittadino e della comunitàTutela della salute del cittadino e della comunità Opera in sinergia con il Servizio Sociale dei ComuniOpera in sinergia con il Servizio Sociale dei Comuni Ruolo di collegamento con Enti locali e con le strutture aziendali (dipartimenti territoriali, ospedali)Ruolo di collegamento con Enti locali e con le strutture aziendali (dipartimenti territoriali, ospedali) Centro erogatore di serviziCentro erogatore di servizi

21 PAT indirizzi generali Documenti dai quali si traggono indirizzi generali: Documenti dai quali si traggono indirizzi generali: Progetto obiettivo materno infantileProgetto obiettivo materno infantile Piano regionale della riabilitazionePiano regionale della riabilitazione Piano sanitario nazionalePiano sanitario nazionale Piano nazionale degli interventi e dei servizi socialiPiano nazionale degli interventi e dei servizi sociali Linee per la gestione del servizio sanitario regionale del 2005Linee per la gestione del servizio sanitario regionale del 2005

22 PAT azioni prioritarie Le azioni prioritarie individuate: Contrasto dellistituzionalizzazione (rafforzamento reti primarie) e deistituzionalizzazione Contrasto dellistituzionalizzazione (rafforzamento reti primarie) e deistituzionalizzazione Potenziamento dei servizi sul territorio e continuità assistenzialePotenziamento dei servizi sul territorio e continuità assistenziale Incremento della capacità di accoglienza del sistema domiciliareIncremento della capacità di accoglienza del sistema domiciliare Promozione, valorizzazione e sostegno della capacità di essere responsabili e protagonisti dei diversi attori socialiPromozione, valorizzazione e sostegno della capacità di essere responsabili e protagonisti dei diversi attori sociali Progettazione congiunta delle reti di serviziProgettazione congiunta delle reti di servizi

23 Integrazione socio sanitaria Lart. 11 e lart. 12 della LR 23/04, che trattano rispettivamente del PAT e del PDZ, stabiliscono che i due strumenti programmatori devono individuare: le attività sociosanitarie, le risorse necessarie, le quote da porre rispettivamente a carico dellASS e dei Comuni, le forme di concertazione con lASS per garantire la cooperazione gestionale e professionale nellambito delle aree ad alta integrazione sociosanitaria. Programmazione sociale Programmazione sanitaria Programmazione integrata PDZ PAT

24 Lintegrazione socio sanitaria a livello istituzionale Il luogo dellintegrazione è lAssemblea dei Sindaci di ambito distrettuale che ha funzione di regia ed indirizzo politico: Il luogo dellintegrazione è lAssemblea dei Sindaci di ambito distrettuale che ha funzione di regia ed indirizzo politico: per la realizzazione del PDZ per la realizzazione del PDZ per la realizzazione della parte sociosanitaria del PAT per la realizzazione della parte sociosanitaria del PAT

25 La programmazione nelle aree sociosanitarie Lelaborazione congiunta dovrà riguardare: la prevenzione e lassistenza materno – infantile, la prevenzione e lassistenza materno – infantile, lassistenza, riabilitazione ed integrazione sociale delle persone disabili, lassistenza, riabilitazione ed integrazione sociale delle persone disabili, la tutela della salute delle persone anziane, la tutela della salute delle persone anziane, la cura ed il recupero dei soggetti tossicodipendenti, la cura ed il recupero dei soggetti tossicodipendenti, la cura ed il recupero dei soggetti malati di mente, la cura ed il recupero dei soggetti malati di mente, le situazioni di non autosufficienza, temporanea o permanente, derivanti da patologie diverse. le situazioni di non autosufficienza, temporanea o permanente, derivanti da patologie diverse.

26 Obiettivi strategici del sistema sociosanitario integrato Le azioni congiunte PDZ / PAT Sviluppo e riqualificazione delle unità multiprofessionali in tutte le aree di integrazione sociosanitaria. UM come luogo dellintegrazione professionale e gestionale.Sviluppo e riqualificazione delle unità multiprofessionali in tutte le aree di integrazione sociosanitaria. UM come luogo dellintegrazione professionale e gestionale. Utilizzo diffuso del progetto personalizzatoUtilizzo diffuso del progetto personalizzato Sviluppo della funzione di coordinatore del caso (Case manager)Sviluppo della funzione di coordinatore del caso (Case manager) Diffusione di punti unici di accesso ai servizi integratiDiffusione di punti unici di accesso ai servizi integrati

27 Il Piano di Zona: tempi e percorsi Entro Marzo 2005 definizione dei compiti dellUfficio di piano. Entro Marzo 2005 definizione dei compiti dellUfficio di piano. Entro luglio 2005 ipotesi di Piano di Zona e soggetti coinvolti. Entro luglio 2005 ipotesi di Piano di Zona e soggetti coinvolti. 1 gennaio 2006 avvio del Piano di Zona che costituisce il principale elemento di valutazione per la definizione della ripartizione del fondo sociale regionale e del fondo sociale nazionale. 1 gennaio 2006 avvio del Piano di Zona che costituisce il principale elemento di valutazione per la definizione della ripartizione del fondo sociale regionale e del fondo sociale nazionale.


Scaricare ppt "DGR n. 3236 del 29 novembre 2004 Linee guida per la predisposizione del Piano di Zona e del Programma delle attività territoriali."

Presentazioni simili


Annunci Google