La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Aspetti microbiologici: dalla raccolta dei campioni allinterpretazione critica dei risultati 24 Novembre 2010 dott.ssa Claudia Venturelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Aspetti microbiologici: dalla raccolta dei campioni allinterpretazione critica dei risultati 24 Novembre 2010 dott.ssa Claudia Venturelli."— Transcript della presentazione:

1 Aspetti microbiologici: dalla raccolta dei campioni allinterpretazione critica dei risultati 24 Novembre 2010 dott.ssa Claudia Venturelli

2 obiettivi 1. RICERCA ED ERADICAZIONE DELLAGENTE INFETTIVO 2. IDENTIFICAZIONE DELLA PROBABILE FONTE D INFEZIONE: Respiratoria Addominale Cutanea Vie urinarie SNC Protesi e cateteri

3

4 La Diagnosi Colture appropriate devono essere sempre ottenute prima di iniziare la terapia antibiotica. Per ottimizzare l'identificazione degli organismi che causano l'infezione, devono essere prelevate almeno due emocolture di cui una per via percutanea ed una prelevata attraverso ciascun catetere vascolare, a meno che il catetere non sia stato introdotto di recente (< 48 ore). E raccomandato il prelievo prima della terapia antibiotica e secondo quanto richiesto dalla clinica, di colture da altri siti come urina, fluido cerebrospinale, ferite, secrezioni delle vie respiratorie o altri fluidi corporei.

5 La terapia antibiotica La terapia antibiotica deve essere iniziata possibilmente entro la prima ora dal riconoscimento della sepsi grave, dopo il prelievo delle colture appropriate.

6

7

8 La terapia antibiotica Il regime antimicrobico iniziale deve sempre essere rivalutato dopo ore sulla base dei dati microbiologici e clinici, con lo scopo di impiegare antibiotici a spettro pi ù stretto per limitare lo sviluppo di resistenze, ridurre la tossicità, ridurre i costi. (DE-ESCALATION)

9 Il controllo del focus infettivo In ogni paziente con sepsi grave si deve valutare se è presente un focus infettivo sensibile alle misure di controllo, nello specifico il drenaggio di un ascesso o di un focus locale di infezione, l'asportazione di tessuto necrotico infetto, la rimozione di un presidio potenzialmente infetto o del controllo definitivo di un focus che si sta infettando per contaminazione microbica.

10 Bundle (fascio/pacchetto): a. insieme di interventi applicati ad un processo morboso che, se usati contemporaneamente, danno un outcome migliore rispetto alla applicazione individuale. Sepsis resuscitation bundle 0-6 ore Sepsis management bundle entro 24 ore

11

12

13

14

15

16 Non appena il paziente avverte il brivido e /o segni e sintomi di febbre La rapidità di esecuzione in rapporto allevento cruciale, perché … 1. La batteriemia è nella maggior parte dei casi un evento acuto e fuggevole 2. La clearance microbica è molto rapida 3. Il picco febbrile segue la poussee batteriemica di min.

17

18

19

20

21

22

23 Quanti prelievi effettuare ? Effettuare almeno 2 prelievi : 1 da vena periferica 1 da CVC Paralleli = Allo stesso tempo Non scartare la prima quantità di sangue prelevato perché è quella con la più alta concentrazione di microbi Contraddistinguere ciascun prelievo con letichetta corrispondente alla modalità di prelievo. Indicare su ciascun prelievo lora

24 CVC Vena Periferica Vena Periferica

25 Modalità di prenotazione in Hospital Web delle emocolture parallele e seriate

26

27

28 Cosa fare nel caso di cateteri a due vie ? Nel caso di cateteri a piu lumi (ramo bianco e rosso) eseguire 3 prelievi: 1 da vena periferica 1 dal lume rosso 1 dal lume bianco Tutti allo stesso tempo Ricordarsi di applicare le corrispondenti etichette correttamente ed indicare il tipo di lume sul flacone

29 Come conservare e inviare i flaconi alla Microbiologia ? I flaconi, tenuti a temperatura ambiente, dovrebbero pervenire alla Microbiologia il prima possibile ed essere posti immediatamente negli appositi incubatori

30 Lemocoltura deve essere ripetuta nei giorni successivi ? No. Non ci sono indicazioni per il prelievo nei giorni successivi per il follow up, perché questultimo si basa sui dati clinici. Ci sono due eccezioni: - lendocardite (la persistenza dellinfezione può richiedere una modifica della terapia) - le sepsi da S. aureus in cui il prelievo dopo 2 e 4 giorni può fornire utili indicazioni di complicanze infettive insorte per via ematogena (es. endocardite o osteomielite) o per estensione dellinfezione in altre sedi (tromboflebite settica, ascessi).

31

32

33

34 Non eseguire colture di routine dei cateteri rimossi da pazienti in unita intensiva. Analizzare microbiologicamente solo quei cateteri sospettati di essere la fonte dellinfezione o la causa della sepsi Infatti fino al 20% dei cateteri venosi centrali sono colonizzati alla rimozione; la maggior parte non sono associati con infezioni locali o batteriemie/fungemie. Questo sottoporrebbe a lavoro inutile e al rischio di terapie antibiotiche inappropriate

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48

49 LIQUIDI BIOLOGICI ( peritoneale, ascitico, biliare) Eseguire il prelievo prima della terapia antibiotica CAMPIONI DI LIQUIDI CORPOREI RACCOLTI DA ASPIRAZIONE PERCUTANEA 1. Pulire il sito della puntura con alcool e antisepsi del sito di aspirazione. 2. Aspirare in asepsi il campione di liquido necessario con siringa e ago sterili. 3. Introdurre immediatamente una parte di liquido nei flaconi per aerobi ed anaerobi. 4.Un prelievo Adeguato è costituito da almeno 0,5 cc di fluido o tessuto trasportato al laboratorio per la ricerca degli anaerobi CAMPIONI DI LIQUIDI CORPOREI RACCOLTI DA TUBI DI DRENAGGIO La raccolta di liquidi da drenaggio deve essere scoraggiata in favore di una diretta aspirazione dall area drenante 1. Disinfettare il tubo con una soluzione disinfettante, lasciare asciugare ed aspirare il liquido. 2. Introdurre il campione nei contenitori sterili come da protocollo di laboratorio. 3. La coltura di fluidi da drenaggi posizionati da piu di 2 giorni potrebbe non essere attendibile. TRASPORTO DEL CAMPIONE 1. Inviare in laboratorio quanto prima possibile. 2. Non refrigerare.

50 Sepsi addominali: quando e quali colture? Si raccomanda lesecuzione di un solo prelievo in quantità sufficiente da inviare in microbiologia per la ricerca degli anaerobi ed aerobi in apposito terreno di trasporto Il tampone non costituisce un idoneo campione per la ricerca degli anaerobi SodomkinJS, et al. Clin Infect Dis.2003; 37:

51 Sepsi addominali: quando e quali colture? I prelievi dai drenaggi addominali possono condurre a risultati errati per la contaminazione della porzione distale del drenaggio, con conseguente copertura antibiotica non necessaria SodomkinJS, et al. Clin Infect Dis.2003; 37:

52

53 Ascessi ed essudati da ferita chirurgica INDICAZIONI GENERALI Raccogliere i campioni preferibilmente prima di iniziare la terapia antibiotica Pulire la cute circostante con soluzione fisiologica sterile.Per ferite chiuse e aspirati: Antisepsi della cute con soluzione di clorexidina 2% o alcool 75%. Per ferite aperte: prelevare un frammento lavando con soluzione fisiologica sterile prima della raccolta. Prelevare tessuto infetto piuttosto che un frammento superficiale. Evitare la raccolta con tampone per la scarsa significativit à, se è possibile eseguire un aspirato o un prelievo bioptico. CONTENITORI: Flaconi per aerobi e anaerobi

54 TECNICA DI RACCOLTA Ascessi chiusi: Aspirare il materiale infetto con ago e siringa, inserire l ago nel tessuto in varie direzioni (se possibile). Se l aspirazione non porta alla raccolta del campione, si può valutare l opportunit à di iniettare nel sottocute della soluzione salina sterile e aspirare nuovamente. Inoculare il contenuto nei flaconi sterili per aerobi e anaerobi Pus: Aspirare la porzione profonda della lesione o l essudato, con siringa e ago sterili. Inviare come per ascessi chiusi. Tessuti e campioni bioptici: Raccogliere una quantit à sufficiente di tessuto evitando le aree necrotiche. Raccogliere i frammenti di tessuto piccoli nel flacone per aerobi e per anaerobi

55 Utilizzare i tamponi solo se non può essere ottenuto tessuto o aspirato Per i prelievi da ferita :Rimuovere i frammenti superficiali tramite irrigazione e pulire con soluzione salina sterile; se la ferita è asciutta raccogliere due campioni imbevuti di soluzione salina sterile; ruotare delicatamente il tampone sulla superficie della ferita per 5 volte, specialmente dove c è pus o nelle aree infiammate TRASPORTO DEL CAMPIONE Non refrigerare o incubare prima o durante il trasporto. Se non è possibile inviare subito il campione al laboratorio, mantenerlo a temperatura ambiente. Consegnare gli aspirati ed i tessuti al laboratorio entro 30 minuti e comunque il prima possibile

56 Sistema di prelievo/raccolta specifico per anaerobi : prelievo con siringa

57 Sistema di prelievo/raccolta specifico per anaerobi con tampone

58 Nuovi scenari nella diagnosi microbiologica di sepsi

59

60

61 Company Product Name Main Method Blood prep Method Detection Pathogens Detection Method Test Times Seegene Seeplex® Sepsis Test Multiplex PCR Whole blood No culture 54 Bacteria 6 Fungi (Resistances: 3) Automated CE or Agarose hr RocheSeptiFast Real-time PCR Whole blood (column) 19 bacteria 6 fungi (Resistances :1) Real-Time (melting curve) 6 hr BAG Health Care Hyplex® Blood Screen Multiplex-PCR -ELISA Blood culture (column) 10 bacteria (Resistances :1) ELISA hr SIRS LABVYOOMultiplex PCRLOOXSTER® 34 bacteria 6 fungi (Resistances :5) Gel Chip sequencing 6 hr Molzym SepsiTest Blood qPCRMolYsis 28 bacteria 5 fungi Sequencing4 - 6 hr BACTfish BACTfish Sepsis kit in situ Hybridization 9 bacteria 3 fungi Fluorescent microscope 1 hr Mobidiag Sepsis ProveIt Lab-on-chip Blood culture (column) 13 bacteria (Resistances :1) chip3 hr Current Sepsis Test Providers

62 3. Il regime antimicrobico iniziale dovrebbe sempre essere rivalutato dopo ore sulla base dei dati microbiologici e clinici, con lo scopo di impiegare antibiotici a spettro più stretto per limitare lo sviluppo di resistenze, ridurre la tossicità, ridurre i costi. Grado E

63 MIC = misura della attività antimicrobica in vitro Utilità per il clinico Valutazione comparativa della possibile efficacia in vivo quale farmaco utilizzare ?

64

65 Interpretazione MIC (mg/L) CeftazidimeS4 ImipenemS1 PiperacillinaS32 CiprofloxacinaR8 GentamicinaS2 TobramicinaS1 AmikacinaS1 Pseudomonas aeruginosa

66 0.5 | 1 | 2 | 4 | 8 | 16 | 32 | 64 | 128 | | 1 | 2 | 4 8 | 16 | 32 | 64 | 128 | | 1 | 2 | 4 | 8 | 16 | 32 | 64 | 128 | 256 Piperacillina Ceftazidime Cefepime Imipenem Meropenem Aztreonam Gentamicina Tobramicina Amikacina Ciprofloxacina Levofloxacina SSSSSSSSSRRSSSSSSSSSRRS

67 MIC (mg/L) Interpretazione Range MIC= S Ceftazidime4S < Imipenem1S < Piperacillina32S < Ciprofloxacina8R < Gentamicina2S < Tobramicina1S < Amikacina1S < Pseudomonas aeruginosa

68

69

70 Trend % I/R Escherichia coli 2009-ott.2010 Tutti Materiali ND ESBL

71 Trend % I/R P.aeruginosa 2009-ott.2010 Tutti Materiali ND

72

73 Trend % I/R Klebsiella pneumoniae 2009-ott.2010 Tutti Materiali ND

74 Produzione di ESBL (CTX-M-15) + OMP K36 Produzione di ESBL (CTX-M-15) + OMP K36 ERT IMI MEM : Klebsiella pneumoniae da vari ospedali Diffusione clonale DAndrea et al., 19th ECCMID Ampicillina > 16 Amoxi/Clav > 16 Pip/Tazo > 64 Cefotaxime > 16 Ceftazidime > 32 Cefepime > 16 Aztreonam > 16 Imipenem 1-2 Meropenem 2-4 Ertapenem > 8 Tigeciclina 1-2 Colistina < 1 Isolato produttore di ESBL Amikacina > 32 Gentamicina > 8 Tobramicina > 8 TMP/SXT > 2 Ciprofloxacina > 32 Levofloxacina > 32

75 89 Klebsiella spp. 59 Enterobacter spp. (isolati non sensibili ai carbapenemi) Woodford et al., JAC 2007; 50:582 ESBL o produzione di AmpC + perdita di porine Produzione di carbapenemasi a serina (KPC, SME, IMI) Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi Resistenza emergente ai carbapenemi nelle Enterobacteriaceae Produzione di metallo- -lattamasi (VIM, IMP) EARSS 2008

76

77 P. aeruginosa, Acinetobacter, altri GNNF, Enterobacteriaceae VIM-1 a 18 IMP-1 a 23 METALLO-BETA-LATTAMASI: UN PROBLEMA GLOBALE Acinetobacter SIM-1 P. aeruginosa SPM-1 GIM-1 P. aeruginosa AIM-1 KHM-1Citrobacter freundii

78 EMERGENZA DI KLEBSIELLA PNEUMONIAE PRODUTTORE DI KPC IN ITALIA Gioconda Brigante 1, Silvia Bracco 1, Marco Maria DAndrea 2, Tommaso Giani 2, Nicoletta Corbo 1, Mario Tavola 3, Gian Maria Rossolini 2, Francesco Luzzaro 1 1 Laboratorio di Microbiologia e Virologia, Ospedale A. Manzoni, Lecco 2 Dipartimento di Biologia Molecolare, Sezione di Microbiologia, Università di Siena 3 Unità di Terapia Intensiva, Ospedale A. Manzoni, Lecco Tra maggio e giugno 2009, Klebsiella pneumoniae produttore di KPC-2 è stata riscontrata in 3 pazienti ricoverati presso la Terapia Intensiva dellOspedale A. Manzoni (Lecco). Gli isolati erano caratterizzati da resistenza ad alto livello verso cefalosporine, fluorochinoloni e piperacillina-tazobactam, mentre gentamicina (MIC, 2 mg/L), tigeciclina (MIC, 2 mg/L) e colistina (MIC, 0.5 mg/L) mantenevano la loro attività. Per quanto riguarda i carbapenemi, gli isolati presentavano MIC elevate (> 1 mg/L) per tutte le molecole testate (ertapenem, imipenem e meropenem) e test di Hodge positivo, indicando la possibile produzione di carbapenemasi. La presenza di enzimi di tipo KPC è stata sospettata sulla base dei risultati dei test di conferma fenotipici (test di sinergia con EDTA negativo, test di inibizione con acido boronico positivo) e definitivamente confermata mediante sequenziamento genico. AMCLI 2009

79 Suggested action plan for rapid implementation of infection control measures in settings with sporadic occurrence or complete absence of carbapenemase-producing Gram-negatives

80 NDM-1: una nuova MBL negli enterobatteri

81 Emergenza e rapida diffusione di E. coli produttore di carbapenemasi NDM-1 NDM-1

82

83 Resistenza multipla agli antibiotici in Escherichia coli produttore di carbapenemasi NDM-1

84

85 Trend % I/R Acinetobacter baumanni MDR 2009-ott.2010 Tutti Materiali ND In diminuzione i casi di Acinetobacter baumanni MDR

86 Trend % I/R Enterobacteriaceae (escluso E.coli) ott.2010 Tutti Materiali ND

87 Differenze CLSI – EUCAST CARBAPENEMI e Enterobacteriaceae CLSI 2010EUCAST 2010 S IR S IR Doripenem Ertapenem Imipenem Meropenem Breakpoints EUCAST più bassi rispetto al CLSI

88

89 Emocolture 2010 (1)

90

91 Emocolture 2010 (2)

92

93

94

95

96

97

98 Clone circolante di P.aerugionosa R ai carbapenemi

99

100 % I/R per Reparti

101

102

103

104

105 Caratteristiche Cliniche delle ESBL Anche quando sensibili in vitro alle Cefalosporine di quarta generazione, si hanno fallimenti terapeutici in clinica Generano difficoltà cliniche a causa della resistenza crociata con altre classi di antibiotici (p.es. Aminoglicosidi) Sono associate ad epidemie ospedaliere caratterizzate da alte morbidità e mortalità Determinano un sovrautilizzo di altri antibiotici ad ampio spettro

106 ESBL AmpC inducibile AmpC plasmidica Posizione dei geni di resistenza PlasmidicaCromosomicaPlasmidica Più spesso trovata in E. coli Klebsiella spp. P.mirabilis altre Enterobacter C. freundii S. marcescens M. morganii Providencia spp. Proteus rettgeri E. coli Klebsiella spp. Inibizione da Acido clavulanico SINO Cefoxitina - Cefotetan SRR Test fenotipiciA volteNo ? Refertazione Refertare tutte le Cefalosporine, Penicilline e Aztreonam come resistenti Aggiungere commento ? …. riepilogando :

107 β-lattamasi di tipo AmpC cromosomica costitutiva E. coli Shigella P.mirabilis a basso livello inducibile (transitoria) Enterobacter C. Freundii M. Morganii Providencia Serratia P.aeruginosa derepressa (stabile) plasmidica E. coli Klebsiella ad alto livello (ceppi iperproduttori)

108 Problematiche Cliniche della -lattamasi AmpC Alcune molecole ( aminocilline, cef. 1°g, a.clav.) sono forti induttori Altre ( cef. 3°g., ureidopenicilline ) sono deboli induttori ma possono selezionare mutanti derepressi La produzione di enzima indotta o costitutiva può causare fallimenti terapeutici

109 -lattamasi AmpC derepressa Le Cefalosporine selezionano mutanti derepressi da popolazioni inducibile Selezione si ha in circa il 20% delle batteriemia da Enterobacter molti isolati di Enterobacter e di C. freundii sono oggi derepressi al primo isolamento

110

111

112

113

114

115

116 Studio OASIS 20 Centri ( ) Coordinatori: G. Gesu F. Luzzaro G. Ortisi 20 Laboratori di Microbiologia Ospedali 500 posti letto 5000 emocolture/anno Strumentazioni automatiche (a monitoraggio continuo) per lesecuzione delle emocolture I dati di sorveglianza oggi disponibili

117 % < 10% % > 20% Studio OASIS E. coli produttore di ESBL Tot. isolati: 1278 Tot. testati: 555 ESBL-pos.: 15.1%

118 % < 10% % > 50% Studio OASIS K. pneumoniae produttore di ESBL Tot. isolati: 552 Tot. testati: 258 ESBL-pos.: 26.7%

119 Studio OASIS P. mirabilis produttore di ESBL % < 15% % > 50% Tot. isolati: 204 Tot. testati: 152 ESBL-pos.: 32.2%

120 % < 15% % > 50% None Studio OASIS P. mirabilis produttore di AmpC Tot. isolati: 204 Tot. testati: 152 CBL-pos.: 16.4%

121 CEFTAZIDIME a e/o CEFOTAXIME Screening positivo per la produzione di ESBL MIC 2 mg/L Escherichia coli b Proteus mirabilis Klebsiella oxytoca Klebsiella pneumoniae Test di conferma per la produzione di ESBL ESBL – SI NO Specie che producono -lattamasi cromosomiche di classe C (per esempio, Enterobacter spp., Citrobacter freundii, Serratia marcescens, Morganella morganii, Providencia spp. ) Test di conferma per la produzione di ESBL Screening e conferma della produzione di ESBL nelle Enterobacteriaceae Microbiologia Medica 2007; 22:

122 BETA-LATTAMICI ed Enterobacteriaceae CLSI 2009 Regola esperta: in presenza di ESBL, refertare tutte le penicilline, le cefalosporine e laztreonam RESISTENTI

123 CLSI 2010EUCAST 2010 S IR S IR Cefepime Cefotaxime124=124 Ceftazidime Ceftriaxone124=124 Aztreonam Beta-lattamici ed Enterobacteriaceae Differenze tra criteri interpretativi secondo EUCAST e CLSI

124 S E R V I Z I O DI M I C R O B I O L O G I A E V I R O L O G I A ** LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA ** DIRETTORE DOTT. FABIO RUMPIANESI SIG. C UROLOGIA/156 A nato il :30/07/1951 prenotato il 17/11/2010 n. 459 prelievo del 17/11/2010 alle 18:06 Descrizione Esito MICROBIOLOGIA Materiale: SANGUE Colturale batteri,miceti aerob. Automazione Bactec POSITIVO Microscopico da fl.Bactec aerobio Bacilli Gram-Negativi

125 Colturale batteri anaerobiosi Automazione Bactec POSITIVO Microscopico da fl.Bactec anaerob Bacilli Gram-Negativi Identificazione 1 anaerobiosi Klebsiella pneumoniae ssp pneumonia Antibiogramma 1 anaerobiosi Klebsiella pneumoniae ssp pneumonia Antibiogramma definitivo: la determinazione delle MIC per piperacillina/tazobactam, imipenem e meropenem sono state eseguite con metodo E-TEST. - range sensibilità M.I.C. - Amikacina 4 S <= 16 Amoxicillina/A.CLAV. >=32 R <= 8 Ampicillina >=32 R <= 8 Cefazolina >=128 R <= 8 Cefepime >=64 R <= 8 Cefotaxime >=64 R <= 8 Ceftazidime >=64 R <= 8 ESBL POS + Gentamicina >=16 R <= 4 Imipenem 0,25 S <= 4 Levofloxacin >=8 R <= 2 Meropenem 1,5 S <= 1 Norfloxacina >=16 R <= 4 Piperacillina >=128 R <= 16 Piperacillina/tazobactam >=256 R <= 128 Trimetoprim/Sulfam. >=320 R <= 40 Tygeciclina 2 S 256


Scaricare ppt "Aspetti microbiologici: dalla raccolta dei campioni allinterpretazione critica dei risultati 24 Novembre 2010 dott.ssa Claudia Venturelli."

Presentazioni simili


Annunci Google