La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dr. Dino Lombardi. Lalcol è veramente una bevanda di uso alimentare con valore conviviale?

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dr. Dino Lombardi. Lalcol è veramente una bevanda di uso alimentare con valore conviviale?"— Transcript della presentazione:

1 Dr. Dino Lombardi

2 Lalcol è veramente una bevanda di uso alimentare con valore conviviale?

3 Per lOrganizzazione Mondiale della Sanità: lalcol è una sostanza tossica, potenzialmente cancerogena e con una capacità di indurre dipendenza superiore alle sostanze o droghe illegali più conosciute.

4 Che cosè lalcol? Dal punto di vista chimico lalcol o etanolo (CH 3 -CH 2 -OH) è il prodotto della fermentazione ad opera di batteri, in ambiente anaerobio, del glucosio.

5 Bevande alcoliche Sono quelle bevande che contengono alcol etilico in una determinata concentrazione

6 Quanto alcol cè nelle bevande alcoliche? Vino % Birra 3-9 % Spumanti 6-12 % Aperitivi 18 % Amari 30 % Liquori 40 % gr. alcol = ml.bevanda x grado alcolico x

7 Un bicchiere tipo di bevanda alcolica contiene circa grammi di alcol (Unità Alcolica Standard). 1 bicchiere di vino 125 ml 1 lattina di birra 330 ml 1 bicchierino di liquore 40 ml

8 Lalcol bevuto dove va? Assorbimento: rapido e senza digestione nello stomaco e prima parte dellintestino. La velocità di assorbimento varia in base al tipo di bevanda e con lo stato di replezione dello stomaco

9 Diffusione: attraverso il sangue in ogni parte del nostro organismo. La concentrazione dipenderà dalla quantità ingerita e dal volume in cui si distribuisce (peso corporeo).

10 Eliminazione: 90% metabolizzato dal fegato. La velocità con cui viene metabolizzato varia con la razza, fattori genetici, il sesso, letà, labitudine al bere, luso di farmaci, lo stato di salute. 10% eliminato direttamente con le urine, sudore, respiro. Lorganismo è in grado di eliminare circa un bicchiere tipo di bevanda alcolica ogni ora

11 Perché lalcol ci mette a rischio quando si deve svolgere unattività? Lalcol è una sostanza psicoattiva in grado cioè di modificare le nostre capacità cognitive (percezione, attenzione, elaborazione,valutazione, memoria) affettive e comportamentali.

12 Lalcol è un depressore del Sistema Nervoso Centrale anche se inizialmente ha un effetto disinibente ed euforizzante. Questi effetti dipendono dalla concentrazione che lalcol raggiunge nel sangue, cosiddetta alcolemia comunemente espressa in grammi di alcol per litro di sangue (gr/l).

13 Non esistono quantità sicure di alcol. Solo se non si assumono bevande alcoliche non si corre nessun rischio.

14 0.2 gr/l Tendenza a guidare in modo più rischioso, i riflessi sono disturbati leggermente ma aumenta la tendenza ad agire in modo imprudente in virtù di una riduzione della percezione del rischio. 0.4 gr/l Rallentano le capacità di vigilanza e di elaborazione mentale delle percezioni. I movimenti e le manovre vengono eseguiti in maniera più brusca e con difficoltà di coordinazione. La probabilità di subire un incidente è due volte maggiore rispetto ad una persona che non ha bevuto.

15 0.5 gr/ Forte riduzione del campo visivo laterale. Riduzione del % delle capacità di percezione degli stimoli sonori, luminosi e uditivi e della conseguente capacità di reazione ( aumento dei tempi di reazione). Iniziale compromissione delladattamento alloscurità e della resistenza allabbagliamento.

16 0.6 gr/l I movimenti e gli ostacoli sono percepiti con notevole ritardo e la facoltà visiva laterale è fortemente compromessa. 0.8 gr/l I tempi di reazione sono fortemente compromessi. Lesecuzione dei normali movimenti attuati alla guida è confusa e priva di coordinamento. La probabilità di subire un incidente è da 5 a 10 volte maggiore rispetto ad una persona che non ha bevuto.

17 0.9 gr/l Forte compromissione delladattamento alloscurità e della capacità di valutazione delle distanze, degli ingombri, delle traiettorie dei veicoli e delle percezioni visive simultanee. Lattenzione cala in modo notevole. 1 gr/l Euforia manifesta ed iniziali disturbi psicomotori

18 1,5-2 gr/l Torpore, incoordinazione dei movimenti, reazioni fortemente rallentate fino allariflessia, completa sottovalutazione dei pericoli 2-3 gr/l Confusione mentale, delirio, allucinazioni. 3-5 gr/l Coma ed anche morte per grave ipotensione e depressione respiratoria.

19 Secondo il codice della strada il limite legale di alcolemia alla guida non deve superare 0,5 gr/litro.

20 Si definisce droga qualsiasi sostanza naturale o sintetica capace di modificare lattività psichica che venga assunta per scopi non terapeutici e che possa causare farmacodipendenza

21 Elementi costitutivi di una tossicodipendenza Tolleranza Dipendenza fisica Dipendenza psichica Psicosi tossica dose dipendente Psicosi tossica da astinenza

22 Adattamenti di breve durata Non interessano tutte le droghe ed i meccanismi messi in atto sono diversi per ciascuna di esse (eroina, alcol) Tolleranza Adattamento cellulare ad una sostanza chimica estranea, caratterizzata da una risposta biologica diminuita

23 Adattamenti di breve durata Astinenza Modificazione patologica del comportamento, che si manifesta con segni oggettivi e sintomi soggettivi, che fa seguito alla brusca interruzione dellassunzione di una sostanza abusata per periodi prolungati.

24 Adattamenti di breve durata Dipendenza fisica Il manifestarsi di una sindrome astinenziale definisce uno stato di dipendenza fisica.

25 Adattamenti di lunga durata Coinvolgono tutte le droghe ed hanno una caratteristica comune: stimolano il desiderio di riassumerle per ripetere lesperienza gratificante, stimolano nel cervello il sistema del piacere. Craving: desiderio irresistibile, intrusivo, che comporta la perdita di controllo ed una serie di azioni tese alla sua soddisfazione. E una compulsione verso luso di una sostanza che fa superare i rischi che razionalmente dovrebbero essere sufficienti a dissuadere dallabuso, un desiderio che scavalca stimoli primari (fame, sesso). E quindi un comportamento patologico. (astinenza riflessa).

26 Adattamenti di lunga durata Dipendenza psichica Stato di disagio prodotto dallinterruzione dellabuso di una sostanza. Il disagio consiste in una mal definita insoddisfazione che conduce al desiderio degli effetti della sostanza e ne rende molto difficile il distacco. (umore depresso,irritabilità, ansia, anedonia, noia, tristezza,sudorazione, piccoli dolori, disturbi articolari, disturbi del sonno)

27 Psicosi Alterazione della sensazione del tempo e dello spazio, perdità della capacità di giudizio, di solito associati ad allucinazioni, deliri o disturbi del pensiero.

28 Lalcol è un fattore di rischio per la nostra salute, un fattore troppo spesso sottovalutato, ma che merita unattenzione particolare, in quanto insieme al tabacco è la sostanza più consumata nella popolazione generale. Meno bevi, meno rischi.


Scaricare ppt "Dr. Dino Lombardi. Lalcol è veramente una bevanda di uso alimentare con valore conviviale?"

Presentazioni simili


Annunci Google