La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il decreto Bersani: tariffe e pubblicità Collegio dei geometri della Provincia di Modena martedì 14 novembre 2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il decreto Bersani: tariffe e pubblicità Collegio dei geometri della Provincia di Modena martedì 14 novembre 2006."— Transcript della presentazione:

1 Il decreto Bersani: tariffe e pubblicità Collegio dei geometri della Provincia di Modena martedì 14 novembre 2006

2 TARIFFE PUBBLICITÀ SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI

3 T ariffe

4 LABROGAZIONE DELLA OBBLIGATORIETÀ DELLE TARIFFE: PROFILI CIVILISTICI 1.

5 Rapporto geometra - cliente Rapporto geometra - collegio (profilo deontologico)(profilo civilistico)

6 PROFILI CIVILISTICI Le tariffe sono ancora in vigoreArt del codice civile

7 Art DEL CODICE CIVILE accordo delle parti 1. tariffe professionali o usi 2. decisione del giudice, previo parere obbligatorio (anche se non vincolante) delle associazioni professionali 3.

8 Già prima del decreto Bersani i minimi erano (civilisticamente) derogabili IL DECRETO BERSANI NON HA CAMBIATO NULLA COSA È CAMBIATO?

9 LA TARIFFA CONTINUA AD APPLICARSI SE: Compensi parametrati al raggiungimento degli obiettivi perseguiti geometra e cliente non pattuiscono nulla geometra e cliente la richiamano espressamente negli arbitrati

10 LABROGAZIONE DELLA OBBLIGATORIETÀ DELLE TARIFFE: PROFILI DEONTOLOGICI 2.

11 tale criterio è applicabile solo se manca un accordo fra gli interessati PROFILI DEONTOLOGICI Gli ordini dovranno adeguare la deontologia entro il 1° gennaio 2007 La legge dello Stato prevale sulle regole deontologiche Il compenso deve essere adeguato allimportanza dellopera e al decoro della professione (art c.c.)?

12 NORME DEONTOLOGICHE ATTUALI PRINCIPIO DI DECORO DELLA PROFESSIONE art. 20 del codice di deontologia: […] In ogni caso, la misura del compenso deve essere adeguata allimportanza dellopera ed al decoro della Professione = art c.c.

13 NORME DEONTOLOGICHE ATTUALI PRINCIPIO DI DIVIETO DI CONCORRENZA SLEALE art. 10 del codice di deontologia: […] Configurano distinte fattispecie di sleale concorrenza: a la riduzione sistematica dellonorario

14 LIBERI PROFESSIONISTI ORDINI IMPRESE ASSOCIAZIONI DI IMPRESE ASSOCIAZIONI DI IMPRESE

15 INTESE RESTRITTIVE DELLA CONCORRENZA

16 P ubblicità

17 i titoli e le specializzazioni professionali le caratteristiche del servizio offerto il prezzo delle prestazioni

18 art. 12 del codice di deontologia professionale dei geometri consentiva di effettuare pubblicità informativa purchè rispondesse al solo interesse del pubblico

19 PREZZI INFERIORI AI MINIMI POSSIBILITÀ DI PUBBLICIZZARLI

20 PREZZI INFERIORI AI MINIMI POSSIBILITÀ DI PUBBLICIZZARLI

21 ENTRO QUALI LIMITI È CONSENTITO SCENDERE SOTTO I MINIMI?

22 Art. 10 del codice di deontologia: LA RIDUZIONE SISTEMATICA DELLONORARIO QUALUNQUE ATTIVITÀ VOLTA A PROCACCIARE CLIENTI È CONCORRENZA SLEALE

23 Contrasto radicale tra decreto Bersani e deontologia

24 CONCLUSIONI


Scaricare ppt "Il decreto Bersani: tariffe e pubblicità Collegio dei geometri della Provincia di Modena martedì 14 novembre 2006."

Presentazioni simili


Annunci Google