La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 1/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 Vittorio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 1/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 Vittorio."— Transcript della presentazione:

1 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 1/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 Vittorio Sacchi Alberto Ardizzone Relatori: FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLAREA II II Modulo Tecnologie dell informazione e della comunicazione

2 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 2/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 Il nuovo codice dellAmministrazione Digitale: il quadro normativo di riferimento Gestione dei dati: formattazione, formule, grafici, filtri Semplificazione del linguaggio amministrativo e sito web Gestione di modelli e stili comunicativi condivisi allinterno dellamministrazione Mattino 9.30 – ( V. Sacchi): Pomeriggio – ( A. Ardizzone): ARGOMENTI

3 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 3/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 IL NUOVO CODICE DELLAMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Il nuovo CAD (Decreto legislativo n. 235/2010) costituisce il secondo pilastro su cui si basa il processo di rinnovamento della Pubblica Amministrazione, insieme al D. Lgs 150/2009. Rinnova il quadro normativo in materia di amministrazione digitale definito nel 2005 con il D. Lgs 82, aggiornando le regole di riferimento rispetto a un panorama tecnologico in evoluzione.

4 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 4/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 IL NUOVO CODICE DELLAMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Il D. Lgs 235/2010 introduce innovazioni normative che vanno a incidere concretamente sui comportamenti e sulle prassi delle amministrazioni e sulla qualità dei servizi resi. L'orizzonte temporale entro il quale le innovazioni andranno a regime è il 2012.

5 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 5/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 IL NUOVO CODICE DELLAMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Digitalizzazione dellattività amministrativa a livello centrale e locale: per raggiungere tale obiettivo e adottare standard comuni di efficienza, saranno promosse azioni coordinate tra Stato, Regioni ed Enti locali Rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese: la presentazione di istanze, dichiarazioni, dati e lo scambio di informazioni e documenti tra imprese e amministrazioni pubbliche, nonché ladozione e la comunicazione da parte di queste ultime di atti e provvedimenti amministrativi, avverrà utilizzando le tecnologie dellinformazione e della comunicazione

6 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 6/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 IL NUOVO CODICE DELLAMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Trasparenza: viene arricchito il contenuto dei siti istituzionali delle amministrazioni, prevedendo che sugli stessi siano pubblicati, in modo integrale, anche tutti i bandi di concorso. Le pubbliche amministrazioni dovranno rendere disponibili on line i moduli e i formulari da utilizzare come unici strumenti per richiedere lavvio dei procedimenti amministrativi. La mancata pubblicazione è rilevante ai fini della valutazione dei dirigenti responsabili Pagamenti informatici: sarà possibile effettuare i pagamenti spettanti alle pubbliche amministrazioni utilizzando carte di debito, di credito o prepagate e ogni altro strumento di pagamento elettronico disponibile

7 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 7/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 IL NUOVO CODICE DELLAMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Firme digitali: si introduce il concetto di firma elettronica avanzata conforme alla normativa comunitaria, con cui è possibile sottoscrivere un documento informatico con piena validità legale. Customer satisfaction: le pubbliche amministrazioni che erogano servizi online devono prevedere modalità di rilevazione che consentano lacquisizione immediata del giudizio degli utenti

8 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 8/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 IL NUOVO CODICE DELLAMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Utilizzo della posta elettronica certificata: tutte le comunicazioni effettuate mediante la PEC o mediante altre soluzioni tecnologiche individuate con apposito DPCM equivalgono alla notifica per mezzo della posta raccomandata. Le pubbliche amministrazioni: utilizzeranno la PEC per le comunicazioni e la trasmissione dei documenti informatici nei confronti dei soggetti che abbiano preventivamente dichiarato il proprio indirizzo potranno consultare ed estrarre gli elenchi di indirizzi di PEC delle imprese e dei cittadini che ne abbiano fatto richiesta pubblicheranno sui propri siti istituzionali un indirizzo PEC a cui il cittadino possa rivolgersi per qualsiasi richiesta

9 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 9/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 IL NUOVO CODICE DELLAMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Dematerializzazione dei documenti: il processo si sviluppa prevedendo che le pubbliche amministrazioni debbano formare gli originali dei propri documenti utilizzando le tecnologie informatiche e viene conseguentemente riordinata anche la disciplina delle copie dei documenti informatici e amministrativi Protocollo informatico e fascicolo elettronico: ogni comunicazione inviata tramite posta elettronica certificata sarà protocollata in via informatica. Inoltre, lamministrazione titolare del procedimento raccoglierà gli atti, i documenti e i dati del procedimento medesimo in un fascicolo informatico, dotato di un apposito identificativo

10 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 10/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 IL NUOVO CODICE DELLAMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Conservazione dei documenti: Viene prevista la gestione della conservazione dei documenti e del relativo processo da parte di un Responsabile della conservazione che si può avvalere di soggetti pubblici o privati che offrono idonee garanzie. Viene quindi introdotta la figura dei Conservatori accreditati, soggetti che ottengono da DigitPA il riconoscimento del possesso dei requisiti di sicurezza e affidabilità per effettuare il processo e la conservazione dei documenti informatici Accesso ai servizi in rete: per laccesso ai servizi erogati in rete dalle pubbliche amministrazioni si consente lutilizzo anche di strumenti diversi dalla carta didentità elettronica e dalla carta nazionale dei servizi, previa individuazione del soggetto che ne richiede il servizio

11 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 11/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 IL NUOVO CODICE DELLAMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Istanze alle pubbliche amministrazioni: vengono limitati i casi in cui è richiesta la sottoscrizione mediante firma digitale e si prevede lutilizzo di strumenti di firma più semplici, senza pregiudizio di sicurezza e attendibilità; in particolare, le istanze possono essere trasmesse da tutte le caselle di posta elettronica certificata rilasciate previa identificazione del titolare. Tramite PEC potranno essere effettuate anche le diffide necessarie per avviare una class action Continuità operativa e disaster recovery: le PPAA dovranno predisporre appositi piani di emergenza idonei ad assicurare, in caso di eventi disastrosi, la continuità delle operazioni indispensabili a fornire i servizi e il ritorno alla normale operatività

12 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 12/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 IL NUOVO CODICE DELLAMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Scambi di dati: per evitare che il cittadino debba fornire più volte gli stessi dati, le amministrazioni titolari di banche dati predisporranno apposite convenzioni per assicurare laccessibilità delle informazioni in proprio possesso da parte delle altre amministrazioni. Le convenzioni disciplineranno i limiti e le condizioni dellaccesso alle banche dati, anche per assicurare la riservatezza dei dati personali. Dati pubblici: le pubbliche amministrazioni rendono disponibili i dati pubblici di cui sono titolari in formati aperti rielaborabili da terzi. Sarà assicurata lomogeneità dei piani di continuità operativa e di disaster recovery della Pubblica amministrazione.

13 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 13/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: IL FOGLIO ELETTRONICO Un foglio elettronico è unapplicazione che permette l elaborazione di dati, numerici o alfanumerici, organizzati in forma tabellare, cioè disposti in righe e colonne. Un documento (file) prodotto con Excel si chiama Cartella di lavoro e può comprendere numerosi Fogli di lavoro (singole tabelle, ciascuna con righe per 233 colonne pari a celle)

14 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 14/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 Casella del nome Menu di controllo del foglio Intestazioni di riga Intestazioni di colonna Area di lavoro Linguetta del foglio Barra degli strumenti standard Casella della formula Barra di stato

15 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 15/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: FORMATTAZIONE Per modificare il formato di una cella: Selezionare una o più celle Selezionare Celle dal menù FORMATO e poi scegliere il formato desiderato: Numero Griglia Sfondo Bordi Per consigli sul formato da adottare scegliere Formattazione Automatica da FORMATO

16 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 16/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: FORMATTAZIONE Il formato DATA: Excel considera le date come numeri interi a partire dal 1900 o dal Ogni giorno vale 1 e quindi le ore sono 1/24 di giorno e i minuti 1/60 di ora. Esempio: 14236,45 corrisponde a 22/12/

17 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 17/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: STAMPA Per impostare lArea di stampa: selezionare larea da stampare selezionare Area di stampa dal menu FILE selezionare Imposta area di stampa Per impostare le opzioni della pagina: selezionare Imposta pagina dal menu FILE scegliere tra le opzioni dei folder Pagina, Margini, Intestazione/Piè di pagina, Foglio Oppure agire direttamente dalla finestra dellAnteprima di stampa

18 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 18/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: FORMULE Quando una cella contiene il risultato di una operazione il suo contenuto inizia sempre con = ARiferimento alla cella B Operatore CCostante numerica A B B C C = (F27/12)*30

19 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 19/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: FORMULE Operatori Matematici simbolosignificato ^ elevamento a potenza * moltiplicazione / divisione - sottrazione + addizione Operatori di confronto simbolosignificato > maggiore di < minore di <> diverso da <= minore o uguale a >= maggiore o uguale a = uguale a

20 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 20/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: FORMULE In una formula possiamo indicare: Costanti (numeri) Contenuti di celle indicati come riferimento assoluto (es. $D$5) Contenuti di celle indicati come riferimento relativo (es. C6) Intervalli di celle (es. A6:A15) Funzioni

21 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 21/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: FORMULE Pulsante Funzioni oppure Selezionando Funzione dal menu INSERISCI oppure Manualmente dalla barra della formula Una volta scelta la funzione seguire le istruzioni di autocomposizione Per inserire una funzione in una formula:

22 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 22/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: FORMULE = Somma (E1;E12) ; separatore di argomenti = Somma (E1:E12) : estensione FunzioneArgomenti (due celle) FunzioneIntervallo di celle Esempi:

23 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 23/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: FORMULE Esempi: = Adesso() = Oggi() = Conta.Se(E4:E19;bianco) = Stringa.Estrai(B3;2;3)

24 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 24/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: FORMULE Riferimenti relativi: A1 riferimento ad una cella A1:A7 riferimento ad unarea di colonna A1:D1 riferimento ad unarea di riga A1:D5 riferimento ad un gruppo di celle Riferimenti assoluti: $ $A$1 fissa sia la riga sia la colonna $A1 fissa la colonna A A$1 fissa la riga 1 N. B.: Excel aggiorna in automatico i riferimenti relativi

25 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 25/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: GRAFICI Selezionare Colonne e Righe Selezionare Grafico dal menù INSERISCI Seguire le indicazioni della Composizione guidata: Tipo di grafico Dati di origine Opzioni (legenda, etichette) Posizione

26 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 26/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: GRAFICI A 2 D Più semplici ma indispensabili per le variabili continue o per le distribuzioni puntiformi Istogramma Linee Anello e torta Area Barre Polare Dispersione

27 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 27/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: GRAFICI A 3 D Complessi ma efficaci anche esteticamente, non rinunciare alla chiarezza! Istogramma 3D Torta 3D Barre 3D Area 3D Superficie 3D Linee 3D

28 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 28/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: GRAFICI Il controllo sugli elementi del grafico si può effettuare tramite menu o cliccando sugli singoli elementi Controllo colori pareti, elementi rappresentati area Titoli ed etichette Sfondo e dimensioni Visualizzazione 3D

29 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 29/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: ELENCHI AUTOMATICI Selezionare la cella iniziale della serie Per ripetere il contenuto della cella iniziale trascinare il quadratino in basso a destra fino alla fine della serie con il tasto CTRL premuto Per ripetere il contenuto della cella iniziale incrementandone il valore di 1 alla volta trascinare solamente oppure per serie predefinite Servono per ripetere il contenuto di una cella Le serie possono essere definite da menù STRUMENTI selezionando Opzioni e poi Elenchi

30 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 30/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: ELENCHI PREDEFINITI Se invece si vuole creare un elenco a partire da un elenco predefinito scrivere il primo termine dellelenco e poi trascinare il quadratino in basso con CTRL premuto Esiste la possibilità di definire nuovi elenchi predefiniti memorizzandoli. Per fare questa operazione selezionare lopzione Elenchi da Opzioni nel menu STRUMENTI

31 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 31/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: DATABASE In Excel i dati non sono tra loro in relazione In un database (archivio) invece i dati sono interconnessi e fanno parte di una struttura fatta di campi e record

32 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 32/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: DATABASE Campo: categoria di informazioni (nome, cognome, indirizzo, n. telefonico, titolo di studio ecc.) Record: insieme dei valori dei campi relativi ad una singola istanza (persona) che qualifica il soggetto Valore: informazione contenuta in una cella (testo, numeri, date, ore, formule)

33 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 33/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: DATABASE MARIOROSSIVIA DANTE 3 ALDOVERDIVIA TORINO 5 RECORD CAMPI VALORI

34 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 34/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: DATABASE valore 1 CAMPO 1 valore2 CAMPO 2 valore 3 CAMPO 3 valore 1 CAMPO 1 valore2 CAMPO 2 valore 3 CAMPO 3 valore 1 CAMPO 1 valore2 CAMPO 2 valore 3 CAMPO 3 RECORD 1 RECORD 2 RECORD 3

35 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 35/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: FILTRI Servono per estrarre dati da una tabella secondo dei criteri di scelta. Selezionare unarea di una tabella o tutta la tabella Selezionare Filtro dal menu DATI e poi Filtro automatico Nel foglio di lavoro aprire uno dei campi con la freccia e selezionare una voce N. B.: Attenzione alle intestazione delle colonne

36 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 36/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 GESTIONE DEI DATI: ORDINARE Prima di ordinare i dati, assicurarsi di aver selezionato tutte le colonne che contengono le informazioni dei singoli record, altrimenti si il nuovo ordinamento farà perdere le associazioni tra i dati. Questo non succede se è attivato un filtro automatico. Selezionare unarea di una tabella o tutta la tabella Selezionare Ordina dal menu DATI e poi le colonne e il tipo di ordinamento

37 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 37/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 STAMPA UNIONE Serve per produrre un documento contenente dati provenienti da un archivio, ad esempio una lettera da inviare a destinatari diversi, i cui nominativi sono presenti in un archivio. Scegliere Stampa unione dal menù STRUMENTI Successivamente selezionare: -Documento principale –Crea, Lettera tipo, Finestra attiva -Dati –Apri origine dati e poi scegliere larchivio e la tabella da collegare -OK

38 Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 38/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 STAMPA UNIONE Compare la Barra della Stampa Unione Per strutturare indirizzo e documento: pulsante Inserisci campo unione scegliere i campi e posizionarli nel documento uno alla volta interporre tra i campi i normali separatori utilizzati tra le parole salvare il documento Ritornare in Strumenti stampa unione e scegliere Unisci Per stampare le lettere: pulsante Unisci su stampante


Scaricare ppt "Sacchi Vittorio Ufficio scolastico regionale per la Lombardia 1/38 Tecnologie dellinformazione e della comunicazione dicembre 2011 – febbraio 2012 Vittorio."

Presentazioni simili


Annunci Google