La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto: Consumatori Informati – cod. 310/2008 17 giugno 2009 ore 16.00 UISP SOLIDARIETÀ IRPINIA Sede Provinciale di Avellino Comitato Territoriale di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto: Consumatori Informati – cod. 310/2008 17 giugno 2009 ore 16.00 UISP SOLIDARIETÀ IRPINIA Sede Provinciale di Avellino Comitato Territoriale di."— Transcript della presentazione:

1

2 Progetto: Consumatori Informati – cod. 310/ giugno 2009 ore UISP SOLIDARIETÀ IRPINIA Sede Provinciale di Avellino Comitato Territoriale di Avellino Iniziativa realizzata nellambito delle attività di promozione del CSV Irpinia solidale

3 LA CONCILIAZIONE EXTRAGIUDIZIALE

4 Solo quando l'utente è consapevole dei propri diritti può dirsi veramente protetto

5 Le problematiche più frequenti

6 Un operatore chiama a casa e propone di stipulare un contratto telefonico Loperatore deve qualificarsi Lintera telefonata va registrata Tutte le informazioni per iscritto Se ciò non avviene …

7 Nulla è dovuto alloperatore Ripristino della situazione precedente Sanzioni Il silenzio del consumatore non può essere considerato consenso allattivazione Viene attivato un servizio senza che ne sia stata fatta richiesta

8 Si riceve una bolletta astronomica a causa di numerazioni speciali / internazionali / satellitari Chiedere la disabilitazione gratuita Sporgere denunzia per truffa Inviare un reclamo chiedere lo storno degli importi

9 La compagnia telefonica non fornisce spiegazioni e, se non si paga, minaccia di staccare la linea telefonica Presentare un reclamo scritto Pagare la bolletta decurtata degli importi in contestazione

10 La compagnia telefonica modifica le condizioni di contratto Diritto di essere informato trenta giorni prima Diritto di recedere liberamente

11 Mancata attivazione o interruzione di un servizio Lattivazione deve avvenire in tempi certi I servizi vanno forniti in modo regolare, continuo e senza interruzioni Obbligo di informare in anticipo gli utenti dellinterruzione

12 Mancata attivazione o interruzione di un servizio Equi indennizzi e rimborsi Gli standard di qualità e le modalità di indennizzo devono essere indicati nella carta dei servizi

13 Mancata attivazione o interruzione di un servizio Risarcimento del danno ulteriore, ivi compreso il danno esistenziale Il danno esistenziale consiste non solo nell'impossibilità di disporre subito del servizio, ma anche nei disagi che l'utente deve affrontare sia per provvedere diversamente sia per sollecitare la società ad adempiere (Giudice di Pace di Roma, luglio 2003)

14 Se la compagnia non ascolta le ragioni del consumatore OBBLIGATORIETA DEL TENTATIVO DI CONCILIAZIONE

15 Il tentativo di conciliazione CO.RE.COM. Camera di Commercio Associazioni di consumatori membri del C.N.C.U. Organi di conciliazione

16 Tentativo di conciliazione Un mezzo rapido, economico ed efficiente per risolvere le controversie Rapido: non oltre i 30/60 giorni Economico: lideale per liti di modesto valore economico Efficiente: finalizzato alla soluzione delle controversia senza ricorrere allazione giudiziaria

17 Se il tentativo di conciliazione fallisce Rivolgersi con fiducia allAutorità giudiziaria Conservare copia di tutta la corrispondenza

18 LA CONCILIAZIONE EXTRA GIUDIZIALE TELEFONIA: COME TUTELARSI FINE


Scaricare ppt "Progetto: Consumatori Informati – cod. 310/2008 17 giugno 2009 ore 16.00 UISP SOLIDARIETÀ IRPINIA Sede Provinciale di Avellino Comitato Territoriale di."

Presentazioni simili


Annunci Google