La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I MERCATI AGROALIMENTARI ALLINGROSSO Perugia, 27 novembre 2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I MERCATI AGROALIMENTARI ALLINGROSSO Perugia, 27 novembre 2006."— Transcript della presentazione:

1 I MERCATI AGROALIMENTARI ALLINGROSSO Perugia, 27 novembre 2006

2 Materia di Commercio – Riferimenti normativi Codice Civile art Normativa nazionale : Legge 11/06/71 n. 426 D.lgs 31/03/98 n. 114 Legge 25/03/59 n. 125 Normativa Regionale Enti Locali - regolamenti

3 Art. 4 - D.lgs 114 … coloro che per professione, acquistano merci in nome e per conto proprio si distinguono in commercianti allingrosso e in commercianti al dettaglio (o al minuto) …

4 Commercio allingrosso : lattività svolta da chiunque professionalmente acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende ad altri commercianti allingrosso o al dettaglio, o ad utilizzatori professionali, o ad altri utilizzatori in grande. Tale attività può assumere la forma di commercio interno, di importazione o di esportazione

5 Commercio al dettaglio : lattività svolta da chiunque professionalmente acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende, in aree private in sede fissa o mediante altre forme di distribuzione, direttamente al consumatore finale

6 Caratteri comuni : Attività professionale (non occasionale) Acquisto di prodotti Acquisto in nome e per conto proprio Acquisto finalizzato alla rivendita …………….. Requisiti morali Requisiti professionali

7 Caratteri distintivi : INGROSSO Gli acquirenti possono essere solo determinate categorie. Divieto di vendere al consumatore Destinazione : rivendita Divieto esercizio congiunto ingrosso-dettaglio ……… DETTAGLIO Lacquirente può essere solo il consumatore finale Destinazione : consumo ……….

8 I Mercati allingrosso Finalità : consentire lo scambio delle merci Storicamente : approvvigionamento dei centri urbani. Raccolta delle merci da una pluralità di piccoli produttori per distribuirle attraverso una rete di piccoli dettaglianti Redistribuzione in ambito regionale Oggi : Commerciale : provenienza merci (nazionale – locale – importazione) da rivendere a grossisti, dettaglianti, ristorazione, GDO Logistica : stoccaggio, concentrazione, movimentazione, picking, consegne

9 Classificazione mercati : alla produzione al consumo alla redistribuzione Classificazione merceologica Ortofrutticolo Ittico Floricolo Carni

10 La numerica dei Mercati n. 3 Mercati Generali n.146 Ortofrutticoli n. 59 Ittici n. 14 Floricoli n. 12 Carni __________________ n. 244 Totale

11 Attraverso i 146 mercati ortofrutticoli transita circa il 60% dei volumi di ortofrutta in Italia

12 La funzione dei mercati allingrosso Formazione del prezzo : incontro tra domanda e offerta Elevato numero di venditori Concentrazione delle transazioni : orari stabiliti Sostituibilità dei prodotti : merce indifferenziata Volumi di merce : grandi disponibilità Elevato numero di acquirenti Vasto assortimento – profondita di gamma Concentrazione di merci ed operatori

13 La funzione dei mercati allingrosso Concentrazione, libera concorrenza, e funzione pubblica : Controllo Qualità Statistiche (volumi – prezzi ) Trasparenza Diffusione informazioni Rispetto delle regole

14 Il listino : landamento dei prezzi allingrosso

15 La funzione dei mercati allingrosso SERVIZI STORICI : Portineria – controllo accessi Viabilità – parcheggi Servizi logistici : Scarico, Stoccaggio, Refrigerazione, Movimentazione, Picking, Carico, Trasporto… Controllo qualità Rilevazioni statistiche – Listino Servizi accessori (banche,ristoro, servizi igienici…) Pulizia e smaltimento rifiuti Vigilanza - regolamento Sicurezza – videosorveglianza ………….

16 La funzione dei mercati allingrosso SERVIZI MODERNI : Piattaforme distributive (ce.di.) ….. Attività di trasformazione Confezionamento prodotti IV° Gamma … Borsa telematica Certificazioni - Laboratorio analisi

17 Quale ruolo per i Mercati allinterno della competizione tra i diversi Canali distributivi ?

18 La distribuzione in Italia 1.Cresce il peso del Canale moderno (IPER e SMK) 2.Il Canale tradizionale perde: 10% di quota in 5 anni 3.Grande Distribuzione : politiche aggressive 4.Presenza straniera nelle catene GDO 5.Calano i consumi delle famiglie (-3,5% volumi) 6.Nuovi stili di consumo - le nuove generazioni 7.Aumentano i pasti fuori casa – Ho.Re.Ca (+ 2,6%) La distribuzione in Italia

19 55,0 % 54,3% 63,1 % 61,5 %

20 La Distribuzione – le strategie della GDO 1.Centrali di acquisto (+ potere contrattuale vs. fornitori) 2.Convenienza (prezzi stabili) 3.Nuovo concetto di Qualità (Certificata) 4.Cresce lassortimento (num. referenze) 5.Forte pressione del marketing 6.Marche commerciali (confezionato e IV gamma)

21 Il piano Mercati e la legge 41/86 Agevolazioni finanziarie (contributi c/capitale e c/interessi) Destinatari : Società consortili a prevalente partecipazione pubblica (Comune-Provincia-Regione-CCIAA) Creazione di un soggetto misto pubblico-privato Realizzazione di Centri Agroalimentari complessi Hanno aderito n. 14 mercati alla Legge 41/86 che insieme ad altri mercati, hanno intrapreso un percorso di adeguamento e di ristrutturazione per il miglioramento del servizio

22 Il piano Mercati e la legge 41/86 Quale innovazione dalla 41/86 ? Passaggio dal singolo Mercato al concetto di Centro Agroalimentare multi settoriale e multi servizi Partecipazione dei Privati alla Scocietà consortile (principalmente commercianti) Delocalizzazione delle strutture (zone strategiche sotto il profilo della viabilità)


Scaricare ppt "I MERCATI AGROALIMENTARI ALLINGROSSO Perugia, 27 novembre 2006."

Presentazioni simili


Annunci Google