La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il disease management delle grandi sindromi cliniche tra ospedale e territorio: sindrome coronarica acuta e scompenso cardiaco. Firenze – 13 giugno 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il disease management delle grandi sindromi cliniche tra ospedale e territorio: sindrome coronarica acuta e scompenso cardiaco. Firenze – 13 giugno 2009."— Transcript della presentazione:

1 Il disease management delle grandi sindromi cliniche tra ospedale e territorio: sindrome coronarica acuta e scompenso cardiaco. Firenze – 13 giugno 2009 Dr. Fulvio Glisenti Manager Regionale di progetto TELEMACO – Telemedicina ai piccoli comuni lombardi Direzione Generale – Regione Lombardia LA TELECARDIOLOGIA COME STRUMENTO DINTEGRAZIONE OSPEDALE-TERRITORIO

2 non è una nuova branca della cardiologia… non è una nuova branca della cardiologia… è solamente una pratica di interscambio remoto di: è solamente una pratica di interscambio remoto di: informazioni in voce (opinioni-pareri) informazioni in voce (opinioni-pareri) segnali biologici segnali biologici dati dati immagini/suoni immagini/suoni …Telecardiologia?

3 …può servire a creare, con le tecnologie dellICT, un network di comunicazione in tempo reale: …può servire a creare, con le tecnologie dellICT, un network di comunicazione in tempo reale: tra ospedale e territorio tra ospedale e territorio (quindi tra MMG, specialisti ospedalieri, pazienti, strutture protette) (quindi tra MMG, specialisti ospedalieri, pazienti, strutture protette) …Telecardiologia?

4 …come pratica di interscambio remoto di informazioni mediante un network di comunicazione… …come pratica di interscambio remoto di informazioni mediante un network di comunicazione… si genera un ingente e continuo flusso di dati in entrata. si genera un ingente e continuo flusso di dati in entrata. Chi provvede alla gestione dei flussi? …Telecardiologia?

5 La storia ci insegna... Un Centro Servizi può espletare questo compito curando gli aspetti: Un Centro Servizi può espletare questo compito curando gli aspetti: 1.Organizzativi –corretta gestione del flusso-dati in entrata –formazione del personale dedicato 2. Tecnologici –realizzazione-organizzazione-gestione di network di comunicazione –gestione di piattaforme informatiche dedicate

6 Lesperienza di CO.ME.TE. CO.ME.TE. Consorzio no-profit per la Ricerca, Sviluppo e Sperimentazione di sistemi di Telemedicina Brescia

7 Aspetti organizzativi: il centro servizi come hub Aspetti organizzativi: il centro servizi come hub Un Centro Servizi è nel contempo: un call-center (servizi principalmente in voce) un contact center (con web-services multimediali fax, , video). La centrale operativa è assimilabile ad un ASP, Application Service Provider in grado di supportare, in tempo reale e per via telematica, flussi di informazioni sanitarie (in voce, dati, immagini).

8 Il centro servizi… le prestazioni Un centro servizi deve poter offrire: teleconsulti e videoconsulti specialistici second opinion, teleriabilitazione telenursing e triage infermieristico refertazione di prestazioni strumentali (online, store and forward).

9 Il progetto di ricerca Boario Homecare telecardiologia e territorio (1998) Scopo del progetto: realizzare un centro servizi di telecardiologia per effettuare prestazioni diagnostiche clinico-strumentali in tempo reale in favore di MMG. La telecardiologia in questo caso veniva sviluppata ed applicata come uno strumento complementare e supplementare allattività quotidiana del medico di medicina generale. …i riconoscimenti ottenuti:

10 Esecuzione di un tracciato ecgrafico

11 Teleconsulto al MMG: flow chart MMG Specialista Centro Servizi

12 Teleconsulto tra MMG e specialisti Condivisione di percorsi diagnostico- terapeutici in tempo reale Condivisione di percorsi diagnostico- terapeutici in tempo reale Appropiatezza dellinvio alle strutture di emergenza Appropiatezza dellinvio alle strutture di emergenza Appropriatezza della richiesta di esami diagnostici Appropriatezza della richiesta di esami diagnostici

13 Telecardiology community: a new approach to take care of cardiac patients Cardiologia 1999; Vol 44, n 10: Soluzione in tempo reale dell88% delle problematiche poste dai Medici di Medicina Generale.

14 Appropriatezza dellinvio in Pronto Soccorso mediante un servizio di telecardiologia sul territorio Italian Heart Journal Suppl 2000; 1 (7): pazienti arruolati; in 2452 pz (71%) soluzione del problema con ecg e teleconsulto; 142 (4%) inviati in Pronto Soccorso; 862 (25%) richiesta di ulteriori indagini; 5 pz inviati in PS nelle 48 ore successive al teleconsulto. Sensibilità: 95% Specificità: 99% Appropriatezza diagnostica: 94% Sensibilità: 95% Specificità: 99% Appropriatezza diagnostica: 94%

15 Appropriatezza dellinvio in Pronto Soccorso mediante un servizio di telecardiologia sul territorio Age and Ageing: 2002; vol.31, N2:153 In un gruppo di 311 pazienti anziani, vi è stata una riduzione del 37% degli accessi in Pronto Soccorso e del 94% delle richieste di consulenze cardiologiche.

16 Chest pain prehospital assessment with a telecardiology service Journal of Telemedicine and Telecare 2002; 8: pazienti arruolati con dolore toracico; in 700 pz (74%) soluzione del problema con ecg e teleconsulto; 83 (9%) inviati in Pronto Soccorso; 162 (17%) richiesta di ulteriori indagini; 7 pz inviati in PS nelle 48 ore successive al teleconsulto. Sensibilità: 97.4% Specificità: 89.5% Appropriatezza diagnostica: 86.9%

17 International Journal of Cardiology 98 (2005) Incidence of Atrial Fibrillation in an Italian population followed by their GPs through a telecardiology service Popolazione di 704 pazienti: 448 seguiti per fibrillazione atriale cronica e 259 con un primo episodio diagnosticato. FC non controllata nel 29% dei casi e terapia anticoagulante/antiaggregante nel 46.2%. Il teleconsulto ha risolto le problematiche nel 77.6% dei casi; Nei pazienti con primo riscontro di FA il 46.9% è stato inviato al PS mentre il 53.1% è stato trattato al domicilio.

18 Azioni intraprese su pazienti Nessuna azione intrapresa in 8717 pazienti Nessuna azione intrapresa in 8717 pazienti Inizio/modifica terapia in 1889 pazienti Inizio/modifica terapia in 1889 pazienti Solving problems durante la telefonata in pz (80.4%) Solving problems durante la telefonata in pz (80.4%) Invio in Pronto Soccorso in 653 pazienti (5.0%) Invio in Pronto Soccorso in 653 pazienti (5.0%) Ulteriori accertamenti diagnostici in 2427 (14.7%) Ulteriori accertamenti diagnostici in 2427 (14.7%)

19 Potenziale riduzione dei costi per il Servizio Sanitario Nazionale mediante un servizio di telecardiologia dedicato ai medici di medicina generale. Italian Heart Journal 2001; 2 (10): In un gruppo di 891 pz vi è stata una riduzione del 47% degli accessi al Pronto Soccorso e del 95 % delle consulenze cardiologiche richieste, attraverso un servizio di telecardiologia, rispetto al normale iter seguito dai MMG. In un gruppo di 891 pz vi è stata una riduzione del 47% degli accessi al Pronto Soccorso e del 95 % delle consulenze cardiologiche richieste, attraverso un servizio di telecardiologia, rispetto al normale iter seguito dai MMG.

20 IRCCS Fondazione Salvatore Maugeri-Gussago (BS), Co.Me.Te (BS), ASL Monza, Istituto di Igiene Università di Milano, Cefriel (MI), DG Sanità Regione Lombardia Regioni: Lombardia, Valle dAosta, Molise Second opinion Unificata per Medici di Medicina Generale associati e valore aggiunto delle nuove forme organizzative ( )

21 Numero totale dei contatti 1395 Pneumologia 12 Pneumologia 12 Reumatologia 22 Reumatologia 22 Diabetolgia 32 Diabetolgia 32 Dermatologia 65 Dermatologia 65 Cardiologia 1264 Cardiologia 1264

22 cosa avrebbe fatto senza misura intrapresa (EFFb) Cardiologia/ecgN°N°diff Esame diagnostico Invio in Pronto Soccorso Nessuna azione Inizio o modifica terapia ecc Visita Specialistica Analisi della variazione decisionale Modifica delloperatività pre-post

23 Questionario MMG Nella maggior parte dei casi (70%), quale esito del teleconsulto, tenendo conto delle indicazioni dello specialista, ha provveduto a: Nella maggior parte dei casi (70%), quale esito del teleconsulto, tenendo conto delle indicazioni dello specialista, ha provveduto a: Nella maggior parte dei casi (70%), quale esito del teleconsulto: Nella maggior parte dei casi (70%), quale esito del teleconsulto:

24

25 P rogetto sull A ppropriatezza delle prestazioni di T elecardiologia generate tra T erritorio e O spedale PATTO (2007) Dipartimento di Scienze Cardiovascolari e Respiratorie del Policlinico Umberto1° Università Sapienza Roma Prof. Francesco Fedele

26 Data-base a maggio 2009: pazienti Medici di Medicina Generale: 1224

27 Ministero della Salute Ricerca Finalizzata Sperimentazione e valutazione del rapporto costo/beneficio di sistemi di teleassistenza nel cardiopatico cronico ad alto rischio (120 pt) Responsabile:Dr.A.Giordano, I.R.C.C.S. Fondazione S. Maugeri Istituto Scientifico di Gussago (BS)

28 Telesorveglianza domiciliare Scompenso Cardiaco Cronico Il Servizio prevedeva una telesorveglianza domiciliare con possibilità di usufruire di: –un teleconsulto specialistico Cardiologico 24/24ore –un infermiere tutor di riferimento Il percorso si intende vasperimentale e della durata massima di sei mesi Lo scopo era attuare percorsi diagnostico/terapeutici extraospedalieri che offrissero continuità assistenziale nelle varie fasi della malattia

29 Telesorveglianza domiciliare Scompenso Cardiaco Cronico Criteri di inclusione Scompenso cardiaco cronico (III-IV Classe NYHA), con disfunzione sistolica ventricolare sx (FE < 40%) Scompenso cardiaco cronico (III-IV Classe NYHA), con disfunzione sistolica ventricolare sx (FE < 40%) Scompenso cardiaco cronico con disfunzione diastolica Scompenso cardiaco cronico con disfunzione diastolica Almeno un episodio di ospedalizzazione per scompenso nei sei mesi precedenti Almeno un episodio di ospedalizzazione per scompenso nei sei mesi precedenti Criteri di esclusione Pazienti che partecipano ad altri protocolli standardizzati Pazienti che partecipano ad altri protocolli standardizzati Pazienti non deospedalizzabili, in attesa di rivascolarizzazione miocardica, con angina instabile, in lista di trapianto cardiaco urgente Pazienti non deospedalizzabili, in attesa di rivascolarizzazione miocardica, con angina instabile, in lista di trapianto cardiaco urgente Pazienti con altra patologia a prognosi infausta, con scarse aspettative di vita (<12 mesi) o con deficit cognitivo grave Pazienti con altra patologia a prognosi infausta, con scarse aspettative di vita (<12 mesi) o con deficit cognitivo grave Sono arruolati pazienti senza limiti di età, di entrambi i sessi: dimessi dalle divisioni ospedaliere di riferimento su proposta del Medico di Medicina Generale

30 Nurse Tutor : esperto nella materia Infermiere dedicato alla gestione generale del follow-up telematico del paziente con patologia cronica. Viene formato attraverso corsi di specializzazione nella materia. Utilizza strumenti informatici ed esegue interventi specifici, autonomi e complementari, di natura tecnica, relazionale ed educativa.

31 Compiti della figura infermieristica specialistica Educazione sanitaria al paziente e familiare Raccolta dati follow-up Insegnamento, stimolo e verifica delladerenza del paziente Precoce riconoscimento delle instabilizzazioni e/o eventi significativi Programmazione visite mediche e/o controlli strumentali Monitorizzazioneesamiematochimici Aspettiorganizzativi

32 Compiti di progetto della nurse tutor arruolamento pazienti arruolamento pazienti educazione sanitaria educazione sanitaria compilazione e aggiornamenti della scheda informatizzata compilazione e aggiornamenti della scheda informatizzata affidamento devices ai pazienti con istruzioni sullutilizzo affidamento devices ai pazienti con istruzioni sullutilizzo

33 Telesorveglianza domiciliare Prestazioni Telemonitoraggio (contatto telefonico programmato dallinfermiere e/o specialista) per invio di dati clinici, esami ematochimici, elettrocardiogramma, tracciato saturimetrico) Teleassistenza (contatto telefonico occasionale da parte del paziente per insorgenza di sintomi, councelling o altro) Teleconsulto : contatto telefonico con lintervento dello specialista cardiologo per sintomi, modifica terapia. Teleconsulto : contatto telefonico con lintervento dello specialista cardiologo per sintomi, modifica terapia.

34 ROMA CITTA DEL CUORE ( ) Home monitoring for Chronic Heart Failure Home monitoring for Chronic Heart Failure 4 Hospitals in Rome 4 Hospitals in Rome (Umberto I, San Filippo Neri, San Giovanni, Tor Vergata) Hospital care discharge with devices as ecg, saturimetry and DAE Hospital care discharge with devices as ecg, saturimetry and DAE 400 pts 400 pts

35 Percorso Telesorveglianza scompenso cardiaco cronico in regione Lombardia Percorso Telesorveglianza scompenso cardiaco cronico in regione Lombardia CRITERIA - concluso 3 strutture (2 IRCCS (S. Maugeri, Cardiologico Monzino), 1 AO Busto Arsizio) - PIANO URBANO - concluso 3 strutture di Milano Città (AO Niguarda, AO Sacco, AO San Carlo) - TELEMACO - in corso 5 stutture in distretti con piccoli Comuni NRS – Nuove Reti Sanitarie - PTS – in corso 27 strutture già attive su tutta la Lombardia - 08 aprile 2008

36 Ricerca Finalizzata Ministero della Salute C.R.I.TE.RI.A. Confronto fra Reti Integrate TEcnologiche per gestire al domicilio pazienti post-acuti e cronici-RIcerca Applicata Responsabile: D.G. Sanità Regione Lombardia

37 I Destinatari del servizio

38 I destinatari del servizio di Telesorveglianza

39 Il Percorso Domiciliare

40 Exercise rehabilitation following cardiac surgery: an home- based program with telemedicine S Scalvini et al, in press JTT, 2009Exercise rehabilitation following cardiac surgery: an home- based program with telemedicine S Scalvini et al, in press JTT, 2009 Studio di fattibilità volto a sviluppare un programma di riabilitazione post-cardiochirurgica a domicilio attraverso la telemedicina (TM) Il periodo di riabilitazione domiciliare era mediamente di 22.2±8.2 giorni Il periodo di riabilitazione domiciliare era mediamente di 22.2±8.2 giorni; 47 pazienti (41 M, 6 F) di età media 64±11.2 anni, Euroscore 0-10 (media 3.68±2.43) e frequenza cardiaca (79±11.2 bpm) dimessi in 4 a giornata da una struttura ospedaliera Proposto programma educazionale e terapia fisiokinetica con esercizi calistenici e test ergometrici. La supervisione del programma è mediata da un fisioterapista della riabilitazione e dallinfermiere tutor (IT) Valutati soddisfazione del paziente e costi diretti

41 Risultati (1) CHIAMATE: 99% programmate, 1% a richiesta del paziente. Il 95% delle chiamate NON prevedeva nessun ulteriore intervento, nel 3.8% dei casi si cambiava la terapia, nello 0.1%-1% si consigliavano nuove valutazioni e consulenze cardiologiche. SOLO lo 0.03% inviato al PS. FKT: 18.5±8.4 sedute calisteniche e 21.7±10.4 esercizi/paziente: 208 visite domiciliari (109 FKT, 99 IT) FKT: 18.5±8.4 sedute calisteniche e 21.7±10.4 esercizi/paziente: 208 visite domiciliari (109 FKT, 99 IT) COSTI DIRETTI: 123,00 /giorno/paz di cui circa un terzo per i farmaci. La retta giornaliera di un ricovero in regime di degenza riabilitativa è attualmente di 470,00 /giorno/paz ±9.1. SODDISFAZIONE GLOBALE DEL PAZIENTE: 90±9.1.

42 Percorso Telesorveglianza scompenso cardiaco cronico in regione Lombardia Percorso Telesorveglianza scompenso cardiaco cronico in regione Lombardia CRITERIA - concluso 3 strutture (2 IRCCS (S. Maugeri, Cardiologico Monzino), 1 AO Busto Arsizio) - PIANO URBANO - concluso 3 strutture di Milano Città (AO Niguarda, AO Sacco, AO San Carlo) - TELEMACO - in corso 5 stutture in distretti con piccoli Comuni NRS – Nuove Reti Sanitarie - PTS – in corso 27 strutture già attive su tutta la Lombardia - 08 aprile 2008

43

44 Percorso Telesorveglianza scompenso cardiaco cronico in regione Lombardia Percorso Telesorveglianza scompenso cardiaco cronico in regione Lombardia CRITERIA - concluso 3 strutture (2 IRCCS (S. Maugeri, Cardiologico Monzino), 1 AO Busto Arsizio) - PIANO URBANO - concluso 3 strutture di Milano Città (AO Niguarda, AO Sacco, AO San Carlo) - TELEMACO - in corso 5 stutture in distretti con piccoli Comuni NRS – Nuove Reti Sanitarie - PTS – in corso 27 strutture già attive su tutta la Lombardia - 08 aprile 2008

45 29 marzo 2007Gruppo di Indirizzo Regionale45 Dr. Fulvio Glisenti Manager Regionale di Progetto TELEMACO TELEMedicina Ai piccoli COmuni lombardi

46 Servizi forniti Teleconsulto su immagini: servizi a supporto dellintegrazione fra ospedali a livello diverso (second opinion su pazienti con ictus e trauma cranico). Teleconsulto su immagini: servizi a supporto dellintegrazione fra ospedali a livello diverso (second opinion su pazienti con ictus e trauma cranico). Teleconsulto in emergenza cardiologica: gestione tecnologica innovativa della sindrome coronarica acuta dal territorio fino allospedale Teleconsulto in emergenza cardiologica: gestione tecnologica innovativa della sindrome coronarica acuta dal territorio fino allospedale Teleconsulto per percorsi di telesorveglianza domiciliare: servizi sanitari forniti direttamente al domicilio del paziente per patologie croniche a stadio medio/grave (scompenso cardiaco, BPCO) Teleconsulto per percorsi di telesorveglianza domiciliare: servizi sanitari forniti direttamente al domicilio del paziente per patologie croniche a stadio medio/grave (scompenso cardiaco, BPCO) Teleconsulto specialistico al medico di medicina generale: servizi in rete offerti ai Medici di Medicina Generale (MMG) Teleconsulto specialistico al medico di medicina generale: servizi in rete offerti ai Medici di Medicina Generale (MMG)

47 Il progetto: territori coinvolti Arcisate, Cittiglio e Luino ASL di Varese Intera ASL ASL di Vallecamonica Bormio ASL di Sondrio Oltrepo (Casteggio) ASL di Pavia Bellano (Valsassina) ASL di Lecco Alta Valle Seriana e Val di Scalve ASL di Bergamo DistrettoTerritorio Distretti partecipanti a Telemaco

48 Telesorveglianza domiciliare Scompenso Cardiaco Cronico Telesorveglianza domiciliare Scompenso Cardiaco Cronico Il modello organizzativo prevede il coinvolgimento di: Il modello organizzativo prevede il coinvolgimento di: –pazienti eligibili al progetto –il medico di medicina generale (che valuta e dà lassenso) –le strutture ospedaliere che attuano la sperimentazione come responsabili dellerogazione delle prestazioni sanitarie –il centro servizi che offre il supporto tecnologico ed organizzativo, coordina e gestisce la documentazione clinica di base e fornisce la strumentazione biomedicale; offre inoltre un servizio di call center clinico nei festivi e nelle ore serali e notturne.

49 Servizi forniti Teleconsulto su immagini: servizi a supporto dellintegrazione fra ospedali a livello diverso (second opinion su pazienti con ictus e trauma cranico). Teleconsulto su immagini: servizi a supporto dellintegrazione fra ospedali a livello diverso (second opinion su pazienti con ictus e trauma cranico). Teleconsulto in emergenza cardiologica: gestione tecnologica innovativa della sindrome coronarica acuta dal territorio fino allospedale Teleconsulto in emergenza cardiologica: gestione tecnologica innovativa della sindrome coronarica acuta dal territorio fino allospedale Teleconsulto per percorsi di telesorveglianza domiciliare: servizi sanitari forniti direttamente al domicilio del paziente per patologie croniche a stadio medio/grave (scompenso cardiaco, BPCO) Teleconsulto per percorsi di telesorveglianza domiciliare: servizi sanitari forniti direttamente al domicilio del paziente per patologie croniche a stadio medio/grave (scompenso cardiaco, BPCO) Teleconsulto specialistico al medico di medicina generale: servizi in rete offerti ai Medici di Medicina Generale (MMG) Teleconsulto specialistico al medico di medicina generale: servizi in rete offerti ai Medici di Medicina Generale (MMG)

50 Agli MMG vengono forniti: un dispositivo 12 dd per lesecuzione dellecg in qualunque punto del territorio sia in elezione che in urgenza un Event Recorder da affidare ai pazienti per documentare le aritmie. Teleconsulto specialistico al medico di medicina generale

51 Paziente sintomatico Triage infermieristico Centro Servizi Cardiologo Telelavoro Teleconsulto specialistico al MMG: cardiopalmo ed event recorder

52 Monitoraggio transtelefonico: 76.8% Monitoraggio transtelefonico: 76.8% Holter: 47.8% Holter: 47.8% Correlazione tra sintomi e traccia registrata

53 Holter Event Recorder Costo unitario Costo complessivo Costo/efficacia Analisi costo/efficacia

54 Diagnostica del cardiopalmo accessuale: event recorder transtelefonico versus elettrocardiogramma dinamico secondo Holter Italian Heart Journal Suppl 2004; 5 (3):

55 Servizi forniti Teleconsulto su immagini: servizi a supporto dellintegrazione fra ospedali a livello diverso (second opinion su pazienti con ictus e trauma cranico). Teleconsulto su immagini: servizi a supporto dellintegrazione fra ospedali a livello diverso (second opinion su pazienti con ictus e trauma cranico). Teleconsulto in emergenza cardiologica: gestione tecnologica innovativa della sindrome coronarica acuta dal territorio fino allospedale Teleconsulto in emergenza cardiologica: gestione tecnologica innovativa della sindrome coronarica acuta dal territorio fino allospedale Teleconsulto per percorsi di telesorveglianza domiciliare: servizi sanitari forniti direttamente al domicilio del paziente per patologie croniche a stadio medio/grave (scompenso cardiaco, BPCO) Teleconsulto per percorsi di telesorveglianza domiciliare: servizi sanitari forniti direttamente al domicilio del paziente per patologie croniche a stadio medio/grave (scompenso cardiaco, BPCO) Teleconsulto specialistico al medico di medicina generale: servizi in rete offerti ai Medici di Medicina Generale (MMG) Teleconsulto specialistico al medico di medicina generale: servizi in rete offerti ai Medici di Medicina Generale (MMG)

56 Il modello di servizio

57 Teleconsulto su immagini

58 Servizi forniti Teleconsulto su immagini: servizi a supporto dellintegrazione fra ospedali a livello diverso (second opinion su pazienti con ictus e trauma cranico). Teleconsulto su immagini: servizi a supporto dellintegrazione fra ospedali a livello diverso (second opinion su pazienti con ictus e trauma cranico). Teleconsulto in emergenza cardiologica: gestione tecnologica innovativa della sindrome coronarica acuta dal territorio fino allospedale Teleconsulto in emergenza cardiologica: gestione tecnologica innovativa della sindrome coronarica acuta dal territorio fino allospedale Teleconsulto per percorsi di telesorveglianza domiciliare: servizi sanitari forniti direttamente al domicilio del paziente per patologie croniche a stadio medio/grave (scompenso cardiaco, BPCO) Teleconsulto per percorsi di telesorveglianza domiciliare: servizi sanitari forniti direttamente al domicilio del paziente per patologie croniche a stadio medio/grave (scompenso cardiaco, BPCO) Teleconsulto specialistico al medico di medicina generale: servizi in rete offerti ai Medici di Medicina Generale (MMG) Teleconsulto specialistico al medico di medicina generale: servizi in rete offerti ai Medici di Medicina Generale (MMG)

59 59 Architettura servizio emergenza Le informazioni cliniche e logistiche per una gestione tempestiva sono rese disponibili : attraverso un network di rilevazione/trasmissione di tracciati e parametri vitali sin dai primi istanti dellintervento pre-ospedaliero (tablet pc) attraverso un network di rilevazione/trasmissione di tracciati e parametri vitali sin dai primi istanti dellintervento pre-ospedaliero (tablet pc) su mezzi di primo intervento anche BLS con informazioni sulla disponibilità di risorse della rete ospedaliera al fine di permettere una migliore valutazione da parte della CO 118 sul tipo di intervento richiesto. su mezzi di primo intervento anche BLS con informazioni sulla disponibilità di risorse della rete ospedaliera al fine di permettere una migliore valutazione da parte della CO 118 sul tipo di intervento richiesto.

60 Tipologia Servizio RemunerazioneDestinatarioNote Telesorveglianza Cardiologica 360 AO erogante Per paziente per i 6 mesi di percorso. Telersoveglianza BPCO 360 AO erogante In corso di valutazione eventuale ripartizione con MMG Per paziente per i 6 mesi di percorso. Teleconsulto per Immagini 40 AO che eroga consulto Per singolo consulto fino a 800 consulti complessivi 2nd Opinion per MMG8Specialista Per 2nd opinion con refertazion e e commento

61 Percorso Telesorveglianza scompenso cardiaco cronico in regione Lombardia Percorso Telesorveglianza scompenso cardiaco cronico in regione Lombardia CRITERIA - concluso 3 strutture (2 IRCCS (S. Maugeri, Cardiologico Monzino), 1 AO Busto Arsizio) - PIANO URBANO - concluso 3 strutture di Milano Città (AO Niguarda, AO Sacco, AO San Carlo) - TELEMACO - in corso 5 stutture in distretti con piccoli Comuni NRS – Nuove Reti Sanitarie - PTS – in corso 27 strutture già attive su tutta la Lombardia - 08 aprile 2008

62 Nuove Reti Sanitarie (27 strutture ospedaliere lombarde) Punto di forza dei percorsi è la condivisione del medesimo protocollo clinico da parte degli ospedali coinvolti. Tipologia percorso e PatologiaDurata Pazienti coinvolti Fase Tariffazione complessiva Flussi informativi Tecnologia PTSCardiaca: Scompenso III-IV NYHA Telesorveglianz a Domiciliare 6 mesi max Al percorsi conclusi 357, in corso 168 Attivo dal 2006 con 26 Strutture 660,00 per sei mesi 660,00 per sei mesi Tracciato record inviato sul debito informativo ECG monotraccia al ECG monotraccia al paziente paziente Centro Servizi con Centro Servizi con cartella web cartella web PODCardiaca: Riabilitazione postcardiochirurgi ca Ospedalizzazio ne Domiciliare 28gg max 20gg medio Al percorsi conclusi 221, in corso 6 Attivo dal 2006 Con 4 Strutture 135 a giornata 135 a giornata Tracciato record inviato sul debito informativo Centro Servizi con Centro Servizi con cartella web cartella web ECG 12DV al ECG 12DV al paziente paziente ODC P Oncologica: cure palliative terminali Ospedalizzazio ne Domiciliare 90gg max Fase transitoria dal Piano Urbano Autorizzate 23 Strutture Attivo dal per le 7 strutture di Milano 150 di presa in carico + 60 a giornata 150 di presa in carico + 60 a giornata Tracciato record inviato sul debito informativo Definita dai partecipanti

63 A Giordano et al. IJC 2009;131: CHF patients followed for 365 days using telephonic follow-up and ECG monitoring and 230 patients in the control group; Average age 56±10; EF 26±7,6 %; VO ml/kg/min In the group followed using the Telemedicine Service we observed a reduction of: - hospitalizations (around 44%) - destabilizations (around 50%) - costs (around 24%) Multicenter randomised trial on home based telemanagement to prevent hospital readmission of patients with chronic heart failure

64 IST Wirelessly Accessible Sensor Populations (WASP) IST

65 WASP recognizes sensors configurations and function of sensor from its position Elderly care

66 HTN TelMed – Service Design

67

68 Le tecnologie possono fare molto per lintegrazione ospedale-territorio a patto che si vada nella direzione di sviluppare : Le tecnologie possono fare molto per lintegrazione ospedale-territorio a patto che si vada nella direzione di sviluppare : –lintero sistema paese verso lICT (superando il digital divide) –le necessarie competenze –una coerente visione strategica e multidisciplinare. Conclusioni


Scaricare ppt "Il disease management delle grandi sindromi cliniche tra ospedale e territorio: sindrome coronarica acuta e scompenso cardiaco. Firenze – 13 giugno 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google